Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Ora che è entrato ufficialmente nella Treccani come neologismo, il sostantivo ‘sarrismo‘ è diventato termine popolare (e discusso). Ma prima ancora dell’enciclopedia italiana, molto prima, c’è chi aveva usato questo termine per intitolare una pagina social dedicata a Maurizio Sarri, neoallenatore della Juve, che nel giro di alcuni anni ha raggiunto i 90 mila ‘like’. 

Si chiama ‘Sarrismo – Gioia e Rivoluzione’ ed è una pagina Facebook che tre ragazzi tifosi del Napoli hanno realizzato nel 2016. E non si può escludere che il copyright del neologismo spetti proprio a questa pagina.

“L’idea – racconta all’Agi Gianmarco Volpe, uno dei tre ideatori fino ad oggi rimasti anonimi (gli altri due sono Fabio Piscopo e Claudio Starita) della pagina – nasce in occasione della cessione di Higuain alla Juventus. Il segnale che volevamo dare era che il centro di gravità permanente del Napoli non fosse l’argentino, ma il sistema di gioco di Sarri: quello che aveva permesso al numero 9 di stabilire il nuovo record di reti (36, ndr) realizzate in Serie A”.

Come accadeva con Arrigo Sacchi (un vincente assoluto) e Zdenek Zeman (ben pochi successi in bacheca), anche Sarri è una sorta di ‘profeta’ del calcio spettacolo anche se, ancora oggi, non è riuscito a vincere molto. La rovinosa sconfitta del Chelsea (0-6) con il Manchester City di Guardiola, inoltre, ha fatto pesantemente traballare la panchina dell’allenatore toscano. 

“La pagina Facebook – spiega ancora Volpe – nasce quasi come satirica: abbiamo usato questo lessico ‘sovietico’ che si rifà anche agli atteggiamenti di Sarri, allenatore dichiaratamente di sinistra, il quale è sempre in tuta e mai in giacca e cravatta, che punta sul collettivo anziché sull’individualismo. Col crescere della figura del tecnico è divenuto col tempo uno spazio in cui si rivedono quei tifosi, anche non del Napoli, che vivono lo sport senza l’obbligo di vincere a ogni costo, ma con la bellezza e il divertimento al centro”. 

In questa percorso fatto di satira (i tre ideatori si definiscono “Comitato Centrale”), passione e like, si è inserito anche il giornalista Sandro Ruotolo: “È il nostro ‘ministro della Propaganda’ – aggiunge ancora Volpe – Sandro ha da subito abbracciato lo spirito della pagina, dopodichè siamo arrivati a scambiarci i numeri di telefono. Ora, vediamo insieme le gare del Napoli”.

Il giornalista d’inchiesta firmerà inoltre la prefazione del libro scritto da ‘Sarrismo – Gioia e Rivoluzione’: “Si chiamerà ‘Fino al Palazzo’ – conclude Volpe – e uscirà a breve. Racconteremo i tre anni di Sarri in azzurro: #FinoAlPalazzo era stato l’hashtag lanciato da noi, che ha accompagnato la cavalcata della squadra nella scorsa stagione. Lo slogan venne peraltro fatto proprio dallo stesso Sarri, che dopo la partita col Genoa (18 marzo 2018, ndr) disse ‘voglio arrivare a prendere il potere, voglio arrivare fino al Palazzo’. Lui non è un tipo social; credo abbia un vecchio cellulare, ma sappiamo che chiedeva aggiornamenti su ciò che scrivevamo: questo ci ha ovviamente fatto molto piacere”.