Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Parte lunedì prossimo il tavolo 'stadi sicuri'. L’iniziativa congiunta del ministro dell’interno Matteo Salvini e del sottosegretario alla presidenza con delega allo sport Giancarlo Giorgetti prenderà il via il prossimo 7 gennaio e coinvolgerà, per la prima volta, tutti i protagonisti: calciatori, allenatori, arbitri, giornalisti, tifoserie per bene. “Il punto di partenza è l’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive – dice il ministro Salvini – e noi saremo al lavoro in questi giorni di festa per rendere operativo questo tavolo già dal prossimo 7 gennaio”.     In una nota, il Viminale informa che il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, d’intesa con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, ha convocato, per il giorno 7 gennaio, alle ore 16.00 presso la Scuola superiore di polizia, una riunione allargata dell’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive per una approfondita disamina del tema della violenza all’interno e all’esterno degli stadi.     Alla riunione parteciperanno, oltre ai componenti dell’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, il sottosegretario di Stato all’Interno Nicola Molteni, il capo di gabinetto Matteo Piantedosi, il capo della Polizia  Franco Gabrielli, i massimi rappresentanti del Coni, della Figc della Lega Serie A, della Lega Serie B, della Lega Pro – Lega Italiana Calcio Professionistico, della Lega Nazionale Dilettanti, nonchè i presidenti delle associazioni italiane di calciatori, arbitri, allenatori di calcio, i presidenti della federazione italiana editori giornali e dell' ordine dei Giornalisti.     Spetterà alla Figc verificare la possibilità di designare, ai fini della partecipazione all’incontro, uno o  più rappresentanti delle tifoserie organizzate dei club professionisti, secondo quanto previsto dal decreto del ministro dell’Interno, 1° dicembre 2005, istitutivo dell’Osservatorio. Al termine dell’incontro si terrà una conferenza stampa. (AGI)