Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Dopo il grande successo di pubblico, che ha visto ben 1.100 visitatori nella sola giornata di domenica, arriva un altro riconoscimento per la mostra "Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo", organizzata da AGI nel Museo di Roma in Trastevere sino al 2 settembre.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha ufficialmente attribuito all'esposizione il proprio premio di rappresentanza, consegnando ai vertici dell'agenzia la medaglia presidenziale, segno dell'apprezzamento del Quirinale per il valore sociale e culturale dell'iniziativa curata da Riccardo Luna, direttore responsabile AGI, e Marco Pratellesi, condirettore dell'agenzia.

La medaglia, che si aggiunge al già prestigioso patrocinio riconosciuto dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, esprime l'ideale partecipazione del presidente a iniziative ritenute particolarmente meritevoli, manifestando il personale apprezzamento del capo dello Stato rispetto ad eventi di rilevante interesse istituzionale, culturale e sociale.

Leggi anche: tutti i perché di questa mostra

La mostra realizzata da AGI in collaborazione con Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e con il patrocinio del MIUR, delinea un racconto per immagini e video del Paese di quegli anni per rivivere, ricordare e ristudiare quella storia che ha messo le radici dell'odierno. Non solo occupazioni e studenti, ma anche e soprattutto la dolce vita, le imprese sportive, il cinema, la vita quotidiana, la musica, la tecnologia e la moda.

"Il prestigioso riconoscimento di Mattarella rappresenta per noi motivo di grande orgoglio e, soprattutto, di enorme soddisfazione" ha commentato Salvatore Ippolito, amministratore delegato AGI. "La medaglia conferma ancora una volta la valenza formativa e culturale dell'iniziativa, che vuole essere non una mostra sul passato, ma una mostra sul futuro. Su quel futuro che ci si immaginava allora e su quello che i giovani sognano oggi". 

Flag Counter