Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Dopo l'espletamento delle ultime pratiche legali con la Bolivia, Cesare Battisti è salito sul volo che lo riporterà in Italia. L'arrivo a Ciampino è previsto nel primo pomeriggio. Catturato dopo essere entrato illegalmente in Bolivia, Battisti è stato immediatamente espulso e consegnato dall'Interpol Bolivia alla controparte italiana all'aeroporto di Santa Cruz.

"Regalo a Salvini? Lavoro di squadra"

Roma si appresta ad accogliere quindi il terrorista che sconterà l'ergastolo per i quattro omicidi commessi all'epoca della militanza nei Proletari Armati per il Comunismo. In Italia intanto infuria la polemica. "Tutti hanno cercato di mettere il cappello sull'arresto di Battisti ma vale – riferiscono fonti parlamentari della Lega – il ringraziamento di Bolsonaro a Salvini". Il messaggio del figlio del presidente Bolsonaro che parla di "regalo" al ministro dell'Interno? "Non mi esprimo su questo, lo ritengo poco importante. Quello che è importante, invece, è che c'è un lavoro di squadra", taglia corto il responsabile della Giustizia, Alfonso Bonafede. Ieri mattina si è subito mosso il presidente del Consiglio Conte che tra l'altro ha avuto un colloquio telefonico con Salvini e il Guardasigilli. Il tentativo subito portato avanti dall'esecutivo è stato quello di far arrivare subito Battisti in Italia (con l'ipotesi di uno scalo a Brasilia).

In un primo momento sembrava che i tempi della 'consegna' potessero allungarsi. Il premier ha sentito al telefono il presidente del Brasile. Poi la svolta: "Battisti rientrerà in Italia nelle prossime ore, con un volo in partenza da Santa Cruz e diretto a Roma", l'annuncio del Capo dell'esecutivo nel pomeriggio.

Altri 50 terroristi nel mirino

Ora la Lega punta ad estradare altri 50 terroristi che si sono rifugiati all'estero. "Certi scrittori, intellettuali e cantanti firmavano appelli per Battisti. Sono orgoglioso di essere nemico di certa gentaglia", afferma Salvini. Soddisfazione quasi bipartisan tra i partiti, anche se nella sinistra radicale c'è chi ha parlato di "amnistia" per Battisti. FI e Fdi si congratulano con le forze della polizia, il Pd ha espresso soddisfazione per l'arresto del terrorista. Ma i dem alzano il tiro: "Dai titoli del tg Rai – scrive in un tweet Anzaldi – scompare la soddisfazione espressa dal Pd, sebbene siano intervenuti i due ex premier Renzi e Gentiloni che al Governo hanno sempre mantenuto una posizione netta contro la fuga del killer in Brasile. Disinformazione continua". "Sull'arresto di Battisti le polemiche non hanno senso. Dobbiamo solo un grazie enorme a Polizia e Intelligence. Oggi vince la giustizia, non un partito politico. Oggi vincono le istituzioni, non gli ultras. Oggi vince la democrazia, non il terrorismo", rilancia Renzi.