Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone
Video News
Oops, something went wrong.

Il primo colpo di scena (in realtà anticipato da avvisaglie ben prima del voto per le amministrative) è Marco Travaglio che scarica Beppe Grillo. E che lo fa sulla prima pagina del 'Fatto' non con un livoroso editoriale, ma con un'analisi della sconfitta in cinque mosse. Tra i passi falsi del moVimento elenca l'emarginazione di un vincente come il parmigiano Pizzarotti e la rissa a Genova, madre matrigna del fondatore. Per chiosare: "L'impresa di restare fuori da tutti i ballottaggi che contano non era facile, ma ce l'hanno messa tutta e hanno centrato l'obiettivo".

Sui Cinque Stelle si sofferma anche 'La Stampa'. Secondo Marcello Sorgi i grillini si aspettavano la sconfitta "ma non è che gliene importi molto". Sapevano che a pesare sarebbe stata la "stanchezza di Grillo", i litigi e i ricorsi tra i candidati locali. E le ragioni della sconfitta si spiegano "rivedendo cfittà per città cosa è accaduto prima del voto", dal caso Cassimatis all'isolamento di Pizzarotti. "In altre parole una guerra civile interna nella quale né Grillo, né Casaleggio sono riusciti a intervenire rassegnandosi alla fine a un esito elettorale incerto".

Gli altri editoriali sono meno di scuderia e più di maniera, ma mettono tutti in luce gli stessi elementi: il centrodestra non è morto, il centrosinistra non è allo sbando e stiano tutti in campana a considerare spacciati Grillo e i suoi. Come fa Ilvo Diamanti su Repubblica, ammonendo ad attendere "altri test elettorali", in considerazione del fatto che le amministrative sono "condizionate da ragioni e fattori locali".

Sulla forza delle coalizioni che "hanno ancora una notevole forza di trascinamento" si concentra Antonio Polito sul 'Corriere' per spiegare la sconfitta dei Cinque Stelle. Il monito è per Matteo Renzi, ma anche per Silvio Berlusconi e Matteo Salvini: la politica del "meglio soli" non paga. E quello che è successo con il moVimento e il "contraccolpo elettorale" innescato dal "tentativo di diventare più affidabili e apparire più consapevoli della complessità del Paese" può portare alla nascita di un movimento (senza la V) simile a quello di Emmanuel Macron in Francia, capace di "riassorbire la rivolta anti-establishment".

Flag Counter
Video Games
Oops, something went wrong.