Newsletter

Ultime News

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Mogadiscio, 5 mag. – La Somalia e’ a una svolta e deve “riprendere in mano il suo destino”: e’ il messaggio che John Kerry ha portato a Mogadiscio in una visita a sorpresa, la prima di un segretario di Stato Usa nel tormentato Paese del Corno d’Africa. Il capo della diplomazia americana ha ribadito l’impegno di Washington per sostenere la transizione democratica somala e la lotta contro il terrorismo islamico: “Faremo tutto il possibile per aiutare la Somalia a raggiungere la sicurezza, la prosperita’ e la pace che merita”, ha promesso. “Piu’ di 20 anni fa gli Stati Uniti furono costretti a ritirarsi dal vostro Paese”, ha ricordato Kerry alludendo alla battaglia di Mogadiscio del 3 ottobre 1993, nota come ‘Black Hawk Down’, in cui due elicotteri americani vennero abbattuti e 18 soldati Usa persero la vita. Un incidente che convinse l’allora presidente Bill Clinton a richiamare le forze americane. “Ora ritorniamo, in collaborazione con la comunita’ internazionale e con grandi speranza ma anche perduranti preoccupazioni”, ha aggiunto. Kerry e’ arrivato intorno a mezzogiorno ed e’ stato accolto dal presidente somalo, Hassan Sheikh Mohamud, nella zona superfortificata dell’aeroporto di Mogadiscio, da cui non e’ uscito per motivi di sicurezza. “Sono felice di essere qui. Ha atteso a lungo?”, ha chiesto al presidente. “Spero di no”. “Valeva la pena di attendere”, ha replicato Mohamud. Nel suo blitz a sorpresa, il numero uno della diplomazia Usa ha incontrato anche il premier somalo, Omar Abdirashid Ali Sharmake, e alcuni leader regionali, oltre che esponenti della societa’ civile. All’ordine del giorno, innanzitutto, la lotta contro gli islamisti al Shebaab, che di recente hanno colpito anche il vicino Kenya con il massacro nell’universita’ di Garissa. E il rinnovato appoggio che l’Amministrazione intende mettere in campo per la ricostruzione della Somalia come Paese politicamente stabile e sicuro. “Sono ritornato oggi in Somalia perche’ il vostro Paese riprenda in mano il proprio destino”, ha, non a caso, affermato in un video messaggio al popolo somalo diffuso dal dipartimento di Stato al termine della visita. Proprio in merito alla sicurezza, il segretario Usa ha espresso un preciso proposito: “la prossima volta che vengo, dovremo poter fare una passeggiata in centro”. “Il centro di Mogadiscio e’ molto diverso rispetto a due anni fa”, ha subito, pero’, controbattuto il presidente Mohamud. “Le strade sono meno accidentate e abbiamo anche ingorghi di traffico”. “Ingorghi! Allora state diventando davvero normali”, ha scherzato Kerry. Certo e’ che la visita del capo della diplomazia Usa e’ da considerarsi un evento “storico”, come sottolineato da un alto funzionario del Dipartimento di Stato, secondo cui l’arrivo di Kerry a Mogadiscio e’ “un forte segnale al popolo somalo del nostro impegno”. “Fara’ capire agli shebaab che non voltiamo le spalle al popolo somalo e che continueremo a impegnarci finche’ non li avremo sconfitti”. .

(AGI) – Roma, 5 mag. – E’ operativo da questa mattina alle 9 il Posto medico avanzato-Pma italiano inviato dal Dipartimento della protezione civile a Satbise, nel distretto di Nuwakot, a 90 km da Kathmandu, per prestare soccorso e assistenza alla popolazione locale duramente colpita dal terremoto. Nella zona assegnata e’ presente una tendopoli spontanea di circa 300 persone e la struttura sanitaria e’ al servizio di tutta la popolazione dell’area. Nel corso di questa mattina sono stati visitati 171 pazienti, soprattutto donne e bambini. Al lavoro un team sanitario di 26 persone, appartenente al Gruppo Chirurgia d’Urgenza dell’ospedale Santa Chiara di Pisa, composto da medici di pronto soccorso, chirurghi, anestesisti, ortopedici e pediatri, specializzato per interventi in contesti di crisi. Il Pma e’ costituito da cinque tende, un gazebo per il triage e le aree di servizio per il personale, materiale tecnico d’intervento e un container contenente 12 tende autostabili. Comprende un’area per la stabilizzazione dei feriti e il pronto soccorso, barelle per l’attesa, attrezzature per radiografie ed ecografie, consulenza trattamento ortopedico, sala operatoria e una zona di attesa per il trasferimento dei degenti in altri ospedali. Nel frattempo e’ atterrato a Kathmandu un altro gruppo di intervento composto da un funzionario del Dipartimento, un rappresentante del ministero degli Esteri e della Cooperazione internazionale e da due operatori della Provincia autonoma di Trento, per supportare le autorita’ nepalesi nella valutazione delle azioni da intraprendere in zone impervie per l’assistenza alla popolazione e per il rimpatrio dei cittadini stranieri. Prosegue anche il lavoro delle due squadre di vigili del fuoco, impegnate nella valutazione dei danni strutturali su edifici ritenuti rilevanti dal Local Emergency Management e nell’assistenza al team di chirurgia d’urgenza di Pisa. Ispezionate varie zone nell’area urbana di Kathmandu e alcuni siti storici, come quelli di Sojan Goth Temple, Sundhara Temple, che risultano totalmente distrutti. Su mandato delle Nazioni Unite, infine, sono in corso le verifiche della stabilita’ strutturale degli edifici destinati alle organizzazioni internazionali e governative. (AGI)

(AGI) – Perugia, 5 mag. – Si chiama ‘APOTECAchemo’, ed e’ un
robot per la preparazione sicura e controllata delle
chemioterapie che e’ in grado di dosare i farmaci
personalizzati con assoluta precisione, assicurando i massimi
livelli di sicurezza per pazienti oncologici ed operatori di
farmacia. La nuova tecnologia e’ stata presentata questa
mattina dall’Azienda Ospedaliera di Perugia.”Il sistema di cui
dispone la farmacia dell’Azienda Ospedaliera, grazie al robot
APOTECAchemo, rappresenta una garanzia di totale sicurezza per
tutti i pazienti oncologici che ogni anno vengono curati
nell’ospedale di Perugia – ha detto Alessandro D’Arpino,
responsabile del laboratorio di galenica clinica del Santa
Maria della Misericordia -. Viene inoltre garantita la
tracciabilita’ del percorso di preparazione del farmaco e la
tecnologia che adottiamo ci permette di contenere gli sprechi
per farmaci notoriamente di elevato costo”. Sulla sicurezza per
paziente ed operatore della farmacia si sono soffermati il
direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera di Perugia Manuela
Pioppo e il direttore della struttura di oncologia medica Lucio
Crino’. La prima ha ricordato il recente accreditamento
ottenuto dalla farmacia dell’Azienda Ospedaliera, a conferma
della bonta’ delle procedure adottate; il secondo ha
sottolineato come “l’errore umano e’ possibile, mentre con
l’utilizzo del robot questa eventualita’ viene annullata”.
Secondo quanto riferisce una nota dell’Azienda Ospedaliera la
nuova apparecchiatura effettuera’ a regime fino a 30.000
preparazioni all’anno, che saranno utilizzate anche dalla
struttura di Oncoematologia pediatrica diretta da Maurizio
Caniglia. “La macchina rispetto all’uomo non prevede pause – ha
detto il direttore generale Walter Orlandi -, e dunque puo’
essere utilizzata a pieno regime specialmente laddove ci sia
una sintonia tra piu’ centri della Regione che possono
usufruire del servizio”.(

(AGI) – Verona, 5 mag. – Per piu’ di cento pazienti italiani
affetti da Fibrosi Cistica (FC) si apre oggi una nuova
prospettiva: e’ disponibile il primo farmaco in grado di agire
efficacemente sulle cause della malattia e non solo sui
sintomi. Vertex Pharmaceuticals (Italia) Srl ha infatti
annunciato che l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha
approvato ivacaftor per i pazienti italiani affetti da FC, di
eta’ pari o superiore ai 6 anni che abbiano una delle seguenti
mutazioni di ‘gating’ (classe III) nel gene CFTR: G551D,
G1244E, G1349D, G178R, G551S, S1251N, S1255P, S549N o S549. La
determinazione di autorizzazione all’immissione in commercio
relativa a KALYDECO e’ stata pubblicata sulla G.U. della
Repubblica Italiana il 04/05/2015, e’ quindi effettiva dal 5
maggio 2015. Ivacaftor e’ il primo farmaco a trattare la causa
alla base della malattia in questi pazienti. La FC e’ una rara
malattia genetica causata da una proteina CFTR mancante o
difettosa, derivante da mutazioni nel gene CFTR. Nelle persone
con le mutazioni sopra indicate, il nuovo farmaco aiuta la
proteina difettosa CFTR a funzionare piu’ regolarmente. In
Italia sono poco piu’ di cento i pazienti che presentano queste
mutazioni e che potranno beneficiare del farmaco. “Ivacaftor
nelle persone con FC ed almeno una mutazione con difetto di
‘gating’ apre un nuovo capitolo nella terapia di questa
malattia – spiega Carlo Castellani, Presidente della Societa’
Italiana Fibrosi Cistica, medico e genetista del Centro Fibrosi
Cistica di Verona – Per la prima volta e’ disponibile una
terapia che non agisce sulle manifestazioni cliniche ma
piuttosto all’origine del meccanismo patogenetico, migliorando
la performance della proteina difettosa. Per la FC si tratta
di un momento chiave, molto atteso dai malati, dalle loro
famiglie e da tutti gli operatori sanitari coinvolti
nell’assistenza e nella cura. La Societa’ Italiana Fibrosi
Cistica, insieme alla Lega Italiana Fibrosi Cistica e alla
Fondazione per la ricerca sulla Fibrosi Cistica si sono
adoperate perche’ tutti i pazienti con mutazioni ‘gating’
avessero accesso a questo nuovo approccio terapeutico. Si apre
ora una doverosa fase di monitorizzazione dei risultati che
otterremo. Ci auguriamo che gli ottimi risultati fin qui
ottenuti siano mantenuti nel tempo, e che nuove terapie siano
presto disponibili per i pazienti che, non avendo le mutazioni
su cui agisce ivacaftor, non possono per ora accedere a questo
trattamento”. “Il farmaco, gia’ utilizzato presso il nostro
centro con procedura di uso compassionevole, ha mostrato
risultati sorprendenti – spiega il Prof. Baroukh Maurice
Assael, Direttore del Centro Fibrosi Cistica dell’Azienda
Ospedaliera di Verona – Abbiamo ottenuto risposte cliniche
rapide e durature in termini di migliore nutrizione, aumento di
peso, miglioramento della funzione respiratoria, riduzione del
fabbisogno di ossigeno, riduzione del fabbisogno di altre
terapie”. ”Le mutazioni ‘gating’ sono piu’ frequenti nel Sud
Italia – spiega il Dr. Vincenzo Carnovale, responsabile del
Centro di riferimento Fibrosi Cistica dell’Adulto,
dell’Universita’ Federico II di Napoli – e il farmaco potra’
ora essere prescritto a piu’ di 100 pazienti gia’ diagnosticati
in Italia. Il nostro e’ stato il primo centro italiano a
utilizzare ivacaftor, per uso compassionevole, offrendolo a 4
pazienti, sui quali abbiamo ottenuto ottimi risultati.
Dopo due-tre settimane di trattamento e’ stata ottenuta la
normalizzazione del test del sudore, grazie al ripristino della
funzione proteica. Si tratta di un farmaco di facile
somministrazione per il paziente e di facile gestione per il
clinico: e’ costituito da compresse da ingerire durante i
pasti, due volte al giorno. Gli effetti collaterali riscontrati
sono blandi, nessun paziente ha dovuto interrompere il
trattamento a causa di essi. Ora, con l’approvazione in Italia,
potremo trattare presso il nostro centro ben 16 pazienti. I
pazienti saranno monitorati attentamente, come previsto da
AIFA, con il supporto di uno specifico registro. Si tratta di
un’operazione importante, gia’ attuata per i pazienti che hanno
ottenuto accesso al farmaco attraverso l’uso compassionevole,
che ora sara’ standardizzata e rendera’ disponibili dati di
grande utilita’ per il futuro. KALYDECO e’ un farmaco costoso –
conclude Carnovale – che pero’ ha dimostrato di cambiare
radicalmente la qualita’ di vita dei pazienti”. (AGI)

(AGI) – Washington, 5 mag. – Esiste un legame tra il diabete e
il morbo di Alzheimer. A scoprirlo un gruppo di ricercatori
della Washington University School of Medicine di St. Louis che
hanno pubblicato una ricerca sulla rivista The Journal of
Clinical Investigation. “I nostri risultati suggeriscono che il
diabete, o altre condizioni che rendono difficile controllare i
livelli di zucchero nel sangue, possono avere effetti nocivi
sulla funzione del cervello e aggravare malattie neurologiche
come il morbo di Alzheimer”, ha detto l’autrice Shannon
Macauley. “Il legame che abbiamo scoperto noi potrebbe portare
a futuri obiettivi di trattamento in grado di ridurre questi
effetti”. Le persone con diabete non possono controllare i
livelli di glucosio nel sangue. Molti pazienti usano insulina o
altri farmaci per mantenere i livelli di zucchero nel sangue
sotto controllo. Per capire come elevati livelli di zucchero
nel sangue possono influenzare il rischio di malattia di
Alzheimer, i ricercatori hanno infuso glucosio nel sangue dei
topi allevati per sviluppare una condizione di simile a quella
del morbo. In giovani topi senza placche amiloidi nel cervello,
raddoppiando i livelli di glucosio nel sangue si e’ verificato
un aumento dei livelli di beta amiloide nel cervello del 20 per
cento. Quando gli scienziati hanno ripetuto l’esperimento in
topi anziani che gia’ avevano sviluppato placche cerebrali, i
livelli di beta amiloide sono aumentati del 40 per cento.
“Questa osservazione apre una nuova strada di esplorazione di
come la malattia di Alzheimer si sviluppa nel cervello, cosi’
come offre un nuovo bersaglio terapeutico per il trattamento di
questa malattia neurologica devastante”, ha detto
Macauley.(AGI)

(AGI) – Toronto, 5 mag. – Scoperto un modo per disarmare il
virus dell’HIV delle sue difese contro il sistema immunitario.
A scoprirlo un gruppo di ricercatori del CHUM Research Centre,
affiliato alla University of Montreal che in un articolo
pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of
Sciences. I ricercatori, tra cui Andres Finzi e Jonathan
Richard, sono riusciti a scoprire una molecola che agisce come
una sorta di apriscatole. In pratica riesce ad aprire il guscio
protettivo del virus, quello che di fatto lo rende
inattaccabile dalle cellule del sistema immunitario umano, e ne
espone le parti interne, che sono invece vulnerabili all’azione
dei linfociti. La molecola in questione si chiama JP-III-48 ed
� in grado di agganciarsi al virus e di farlo aprire ”come un
fiore” ha spiegato Richard, principale autore della
ricerca.(AGI)

(AGI) – Londra, 5 mag. – Dopo l’annuncio del nome della Royal Girl di casa Windsor, ora il rebus riguarda il cognome della piccola, venuta alla luce sabato scorso. Lunedi’ e’ stato comunicato il titolo completo della secondogenita di William e Kate, “Her Royal Highness Princess Charlotte of Cambridge”. “Sua Altezza Reale”, quindi, grazie a una decisione della regina Elisabetta II che nel dicembre 2012 ha consentito a suo nipote William di dare questo appellativo ai suoi eredi. Ma ora gli esperti di genealogia del Regno Unito sono di fronte a un dilemma su quale dovrebbe essere il cognome di Charlotte Elizabeth Diana. E’ sicuramente una Windsor grazie al nonno Carlo, il principe del Galles. Discende tuttavia anche dagli Spencer, grazie appunto a Lady Diana, una famiglia che annovera i conti Spencer, i conti di Sunderland e i duchi di Marlborough. Infine, grazie a suo bisnonno, marito della regina e duca di Edimburgo, la neonata principessa ha il sangue del casato degli Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glucksburg, re di Grecia, Danimarca e Norvegia. Poi, chiaramente, a questo va aggiunto il vero cognome di William, che come quello di Harry e’ “Wales”, dal casato reale di appartenenza del principe Carlo. – Va sottolineato comunque che, per le norme della monarchia britannica, i reali non sono obbligati ad avere un cognome e anzi questa consuetudine e’ iniziata solo nel 1917, durante la Prima Guerra Mondiale, per iniziativa di re Giorgio V, nonno dell’attuale sovrana, che decise appunto di dare alla famiglia l’altisonante cognome “Windsor”, derivato dal castello che per secoli fu la principale residenza dei monarchi.

Guarda la galleria fotografica

La scelta del re fu anche per dare ai membri della casa reale sembianze piu’ “umane”, dopo che per secoli erano stati trattati alla stregua di divinita’. Il tutto chiaramente si complica quando si considera che fra i cognomi di Carlo c’e’ anche quello della nonna paterna, madre del principe Filippo e duca di Edimburgo, un ancora piu’ altisonante “Mountbatten”, cognome che in teoria dovrebbe essere anche nel titolo reale di William. Ecco, cosi’, quello che secondo la genealogia ricostruita dalla stampa britannica dovrebbe essere il vero titolo completo della nuova Royal Baby: “Her Royal Highness Charlotte Elizabeth Diana Mountbatten-Windsor of Cambridge”. E pensare che nei giorni scorsi c’era chi sperava in un semplice “Diana”, come sua nonna, la principessa piu’ amata – e odiata – della storia della casa reale, un’icona di semplicita’ ma anche di maestosita’ conosciuta a tutti, in modo sintetico ma efficace, come “Lady D”. (AGI)

(AGI) – Roma, 5 mag. – “Siamo lavorando in queste ore, quanto prima definiremo il quadro quantitativo. Ci stiamo ragionando”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, a margine di un’audizione in Senato, riferendosi alle risposte del governo dopo la decisione della Consulta sul blocco dell’adeguamento delle pensioni. Il richiamo della Commissione europea, ha aggiunto Padoan, “sara’ rispettato”. Quanto alle ipotesi secondo cui dopo il blocco delle pensioni decretato dalla Consulta non sara’ restituito tutto il pregresso a chi ne avrebbe diritto, “Di voci ne ho sentite tantissime e non le sento piu'”.

Stime Commissione ci rassicurano, in linea con Def Le stime macroeconomiche e di crescita diffuse oggi dalla Commissione Ue “sono in linea con quelle contenute nel Def e questo ci rassicura”. Lo dice il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, a margine di una audizione in commissione Finanze del Senato. (AGI)