Newsletter

Ultime News

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Urbino, 10 giu. – Uno studente dell’ultimo anno dell’Itis ‘Enrico Mattei’ ha perso le dita di una mano per lo scoppio improvviso di un petardo artigianale, che aveva portato con se’ per festeggiare l’ultimo giorno di scuola con i compagni di classe. L’esplosione e’ avvenuta nella tarda mattinata, durante i minuti di ricreazione, all’esterno della palestra: lo studente aveva in mano il piccolo ordigno, che gli ha tranciato le dita della mano destra. Chi gli era vicino e’ rimasto fortunatamente illeso. Il ferito e’ stato soccorso immediatamente dal 118 e trasferito prima all’ospedale di Urbino e poi in quello regionale di Torrette di Ancona. Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri, che sono intervenuti insieme ai vigili del fuoco. L’Itis di Urbino e’ la scuola nella quale insegna il neo governatore delle Marche, Luca Ceriscioli. .

(AGI) – Roma, 10 giu. – Dall’arrivo di Putin all’Expo alla neomamma con ovaio espiantato quando aveva 13 anni, ecco le cinque notizie di oggi da non perdere.

ESTERO A 13 anni le espiantano l’ovaio, lo reimpianta e a 27 diventa mamma, e’ la prima volta che accade.

CRONACASospeso il servizio UberPop dal tribunale di Milano dopo il ricorso dei tassisti per ‘concorrenza sleale’.

 

POLITICA Expo: Putin incontra il premier Renzi in occasione del national day della Russia.

CINEMA ‘Jurassic World’, il parco di Spielberg riapre dopo 22 anni.

SPORT – Scommesse, bufera su LegaPro. Lotito e’ indagato per estorsione. (AGI)

Milestone, uno dei più importanti sviluppatori e publisher al mondo specializzati nel segmento racing, ha annunciato che MotoGP 15, il terzo capitolo dedicato ad uno dei più adrenalinici campionati del mondo: MotoGP, ha una nuova release date e sarà disponibile dal 24 Giugno 2015 su PlayStation 4, PlayStation 3, Xbox One, Windows PC, Steam, Xbox 360. La nuova release date sostituisce la precedente – 19 giugno 2015.

MotoGP 15

(AGI) – Roma, 10 giu. – L’Ue gela Atene e respinge la nuova proposta di riforma presentata dal governo: ora la palla e’ in mano alla Grecia. La proposta presentata ieri alle istituzioni dal governo greco “non riflette i progressi fatti nell’incontro fra il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker e il premier greco Aleis Tsipras”, afferma il portavoce della Commissione, Margaritis Schinas. “Il lavoro tecnico – aggiunge – va avanti per cercare di superare le difficolta’ e trovare un accordo soddisfacente per tutti i 19 paesi della moneta unica. Ora la palla e’ nel campo del governo greco per la spinta finale, che sia coerente con i progressi fatti” nell’incontro. Intanto oggi non e’ in programma alcun incontro tra Juncker e Tsipras. Secondo Schinas, “non c’e’ nulla nell’agenda di Juncker a parte la sua partecipazione al summit” con i paesi latino americani. Schinas non ha confermato nemmeno la partecipazione di Juncker all’eventuale incontro a tre tra Tsipras, Angela Merkel e Francoise Hollande. Tsipras incontrera’ invece il presidente del Consiglio europeo Tusk. Un portavoce del governo tedesco sottolinea comunque che la Merkel incontrera’ Tsipras se il primo ministro greco lo chiedera’. Smentite anche le indiscrezioni secondo cui ci sarebbe una diversita’ di vedute tra la stessa Merkel e il ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble, sulla linea da tenere nei confronti di Atene. Per Schaeuble e’ inappropriato parlare ora di un’estensione del programma di salvataggio. Intanto oggi in Grecia i prezzi al consumo sono ancora in calo: l’indice ha segnato un -2,1% a maggio a livello tendenziale, invariato rispetto ad aprile. Secondo l’ufficio statistico ellenico si tratta del 27 esimo mese di deflazione per la Grecia, il picco e’ stato raggiunto nel novembre 2013 quando l’indice dei prezzi al consumo ha segnato un -2,9% su base annua. (AGI) .

(AGI) – CdV, 10 giu. – Papa Francesco ha accettato la proposta della Commissione per la tutela dei minori e ha stabilito che sia reato canonico “l’abuso d’ufficio episcopale” che si riferisce al comportamento dei vescovi che non hanno dato adeguato seguito alle denunce di abusi di ecclesastici su minori e persone deboli.

Il reato di abuso d’ufficio episcopale viene ridefinito ma, ha precisato il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi, “ci sono gia’ nel codice di diritto canonico gli agganci per questo, non e’ che nasce dal nulla. Qui viene definita una procedura con cui affrontare questi casi”. Parole che lasciano capire che le denunce saranno accolte anche per inadeguati comportamenti dei vescovi precedenti alla data di oggi.

La straordinaria riforma giudiziaria varata da Francesco scaturisce da una relazione del presidente della Commissione per la Tutela dei Minori, cardinale Sean Patrick O’Malley, che conteneva due proposte avanzate dal nuovo organismo, del quale come e’ noto fanno parte anche due vittime di abusi: una “riguardo alle denunce di abuso d’ufficio episcopale” e l’altra “sul tema delle denunce di abusi sessuali su minori e adulti vulnerabili da parte del Cler preparata dalla Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori”, ha detto il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi.

“Per ciascuna delle due proposte – ha aggiunto – la relazione ha indicato i termini generali che la definiscono, le questioni relative alla procedura e al Tribunale giudicante, nonche’ i vantaggi presenti nella proposta stessa rispetto ad altre ipotesi”. “Il Consiglio dei cardinali – ha continuato Lombardi – ha concordato all’unanimita’ su tali proposte e ha deliberato di sottoporle al Santo Padre Francesco che ha approvato le proposte e ha concesso l’autorizzazione affinche’ siano fornite risorse adeguate per conseguire questi fini”. –

Francesco ha affidato alla Congregazione della Dottrina della Fede i giudizi sui vescovi che saranno perseguiti per il nuovo reato di “abuso d’ufficio episcopale”, cioe’ per non aver dato seguito adeguato alle denuncia di abusi compiuti su minori e persone deboli. Ed ha istituito una apposita sezione della CDF competente in merito. Sara’ giudata da un arcivescovo segretario ed in essa confluira’ l’attuale sezione disciplinare della CDF, competente sugli abusi sessuali compiuti da ecclesiastici. Papa Francesco ha stabilito che “la competenza a ricevere ed esaminare le denunce di abuso d’ufficio episcopale appartenga alle Congregazioni per i Vescovi, per l’Evangelizzazione dei Popoli, o per le Chiese Orientali e tutte le denunce debbano essere presentate alla Congregazione appropriata”.

Inoltre, Francesco ha dato “un mandato alla Congregazione per la Dottrina della Fede per giudicare i vescovi in relazione ai delitti di abuso d’ufficio”. In questo contesto, il Papa ha deciso “l’istituzione di una nuova Sezione Giudiziaria all’interno della Congregazione per la Dottrina della Fede e la nomina di personale stabile che prestera’ servizio nel Tribunale Apostolico. La realizzazione di questo punto fara’ seguito a consultazioni con il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede”. Papa Francesco ha deciso che sara’ nominato un secondo segretario della CDF (presumibilmente un arcivescovo) per assistere il cardinale prefetto (attualmente il tedesco Gerhard Ludwig Muller) riguardo al Tribunale.

Secondo padre Lombardi, “il segretario avrebbe la responsabilita’ della nuova Sezione Giudiziaria e il personale della Sezione sara’ utilizzabile anche per i processi penali per l?abuso dei minori e degli adulti vulnerabili da parte del Clero. Anche queste decisioni faranno seguito a consultazione con il Prefetto della Congregazione”. Il Papa ha stabilito infine “un periodo di cinque anni in vista di ulteriori sviluppi delle presenti proposte e per il completamento di una valutazione formale della loro efficacia”. (AGI)

(AGI) – Milano, 10 giu. – Da oggi il servizio UberPop e’ sospeso. Dopo che il Tribunale di Milano ha bocciato il reclamo presentato dalla multinazionale per mantenere in vita il servizio che permette a chiunque di fare il tassista senza licenza, per il momento non ci sono altre possibilita’ di appello per Uber. Il 25 maggio scorso, infatti, il giudice Claudio Marangoni, aveva accolto il ricorso dei tassisti per ‘concorrenza sleale’ e disposto con un provvedimento cautelare il blocco della prestazione del servizio su tutto il territorio nazionale. A Uber venivano concessi 15 giorni di tempo per adeguarsi all’inibitoria, altrimenti sarebbero scattate le penali. Scadute le due settimane, Uber deve ‘arrendersi’, anche se le rimane la possibilita’ di far valere le proprie ragioni in un’udienza di discussione che sara’ fissata nelle prossime settimane. .

(AGI) – Roma, 10 giu. – L’attesa e’ finita, domani arriva in sala ‘Jurassic World’, il quarto capitolo della saga ispirata ai romanzi di Michael Crichton. Nel 1993 fece irruzione nel mondo del cinema ‘Jurassic Park’, il capolavoro di avventura di Steven Spielberg che si e’ aggiudicato 3 Oscar. I dinosauri e gli effetti speciali fecero grande scalpore e il film registro’ incassi record. Nel 1997 arrivo’ il secondo capitolo della saga, anch’esso diretto da Spielberg e anch’esso destinato ad avere un grande successo: ‘Il mondo perduto – Jurassic Park’. Meno convincente e non troppo amato dal pubblico, infine, arrivo’ nel 2001 ‘Jurassic Park III’ diretto da Joe Johnston con Spielberg nei panni di produttore esecutivo. Per tornare nel mondo dei dinosauri, Spielberg (produttore esecutivo) ha aspettato quasi tre lustri, ma il risultato e’ sorprendente. Domani arriva al cinema ‘Jurassic World’, diretto da Colin Trevorrow con protagonisti Chris Pratt, Bryce Dallas Howard e Vincent D’Onofrio. Si torna al punto di partenza e il parco giurassico che era il sogno del Dr.John Hammond prende vita.

Guarda il video

Il parco a tema dove i visitatori di tutto il mondo potessero vedere dei veri dinosauri e’ finalmente aperto e viene anche apprezzato dal pubblico. Tuttavia, come accade in tutti i parchi di attrazioni, l’evento eccezionale diventa quasi ‘normale’ e si registrano meno presenze di visitatori. Per ravvivarne l’interesse, la responsabile delle operazioni del parco Claire Dearing (Bryce Dallas Howar) e il genetista capo Henry Wu (B.D. Wong) decidono di creare un nuovo dinosauro usando tecniche di ingegneria genetica, combinando i Dna di diverse specie e di chiamarlo Indominus Rex. Un mostro grande come il Tirannosaurus Rex, feroce come il velociraptor, incredibilmente intelligente e capace di mimetizzarsi. La fuga dal recinto del mostro creera’ il panico e causera’ la distruzione del parco. La caccia al ‘dinosauro Ogm’ viene condotta da militari, ma anche da un ‘addestratore’ di velociraptor, Owen Grady, interpretato da Chris Pratt. E cosi’ stavolta i cattivissimi protagonisti dei primi film della serie, diventano insospettabili alleati dell’uomo nella caccia al nuovo nemico. Accanto al bellissimo Owen, la sofisticata manager Claire Dearing diventa una sorta di combattente per salvare i due nipotini dispersi nel parco e per sconfiggere l’I-Rex. Per questo film adrenalinico girato in 3D con effetti speciali mozzafiato Steven Spielberg ha scelto personalmente il regista, il 40enne Colin Trevorrow, che ha al suo attivo solo la commedia ‘Safety not guaranteed’, grande successo negli Usa. .

(AGI) – Cagliari, 10 giu. – “Sto molto bene, adesso benissimo”. E’ durato 28 giorni il ricovero, nel centro Spallanzani di Roma, di Stefano Marongiu, l’infermiere sardo contagiato nel maggio scorso dal virus Ebola dopo un periodo di tre mesi come volontario di Emergerncy in Sierra Leone. L’operatore e’ stato dichiarato guarito e tornera’ presto in Sardegna. Oggi Marongiu e’ comparso in una conferenza stampa in cui ha ringraziato chi l’ha curato. “Sono stati eccezionali”, ha dichiarato in un’intervista a RaiNews 24. “Non smettero’ mai di ringraziare il personale che mi ha assistito”. “Continuero’ a collaborare con Emergency, se sara’ possibile, e dove servira’”, ha risposto l’infermiere quando gli e’ stato chiesto se tornera’ in Sierra Leone. “Ora torno subito a casa dalla mia famiglia”, ha annunciato Marongiu, che lavora per il 118 a Cagliari e che, al manifestarsi dei primi sintomi del contagio, si trovava nella sua abitazione di Sassari, dove ha subito adottato le precauzioni del caso. Dopo un primo ricovero a Sassari per gli accertamenti, Marongiu era stato trasferito d’urgenza allo Spallanzani, dove era stato curato il primo malato di ebola italiano, il medico Fabrizio Pulvirenti, che era stato colpito dal virus nel novembre scorso in Sierra Leone e che e’ stato in cura per 40 giorni. .

(AGI) – Mosca, 10 giu. – Se l’Unione europea proroghera’ le sanzioni contro la Russia per la crisi ucraina, anche Mosca “naturalmente” manterra’ le proprie nei confronti dell’Ue. E’ il monito del ministro dello Sviluppo economico Alexei Uliukaev, citato dalla Tass a margine della visita di Vladimir Putin a Milano. Il ministro ha detto di considerare improbabile un inasprimento delle sanzioni: “La maggior parte dei Paesi membri Ue hanno un atteggiamento molto negativo nei confronti dell’imposizione di sanzioni, il business sta soffrendo notevolmente, vi e’ la sensazione che questo percorso sia un vicolo cieco, non produttivo, che non permette di risolvere nessuno dei problemi, mentre ne crea di aggiuntivi non solo al business ma anche in ambiente governativi”. .

(AGI) – Torino, 10 giu. – Nuove prospettive per “riparare” il
cervello che invecchia o si ammala. Un gruppo di ricerca del
Nico, Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi
dell’Universita’ di Torino, ha mostrato per la prima volta sia
l’esistenza e la precisa localizzazione nel tessuto delle
cellule bipotenti, sia come si moltiplicano fino al loro
esaurimento. Il gruppo e’ guidato da Annalisa Buffo e composto
da Elena Parmigiani, Ketty Leto e Chiara Rolando. I risultati
dello studio, che sono stati pubblicati sul Journal of
Neuroscience, confermano la presenza nel cervelletto di
progenitori di cellule molto simili alle staminali neurali, ma
che a differenza di queste non si auto-mantengono, esaurendosi
dopo un paio di settimane dalla nascita. Secondo gli studiosi,
e’ probabile tuttavia che alcuni di questi progenitori
rimangano come elementi silenti anche nell’adulto ed e’
possibile ipotizzare di “riattivarli” in seguito a un danno,
generando nuovi neuroni nel cervelletto che invecchia o si
ammala. (AGI)