Newsletter

Ultime News

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Perugia, 15 mag. – Attimi di forte tensione altermine del comizio del leader della Lega, Matteo Salvini, a Perugia. I circa cento contestatori che hanno assistito al comizio tenuti a distanza, appena Salvini ha lasciato la piazza hanno cercato di avvicinarsi al gruppo di sostenitori della Lega. Le forze dell’ordine sono immediatamente intervenute frapponendosi e respingendo il gruppo. Nella concitazione un giovane e’ caduto a terra ma non e’ rimasto ferito. Dopo un veloce controllo e’ stato lasciato libero. Dura la risposta di Salvini. “Non ci possono essere 200 poliziotti, strade bloccate, per portare delle idee – ha detto -. Io fortunatamente oggi ho visto tanta Umbria normale pero’ c’e’ qualcosa che non va , le braccia armate del sistema rosso”. Ai margini della piazza le forze dell’ordine tenevano a distanza circa cento contestatori. “Questa – ha aggiunto Salvini – e’ una sconfitta della democrazia. Non si puo’ fare un comizio bloccando una citta’ perche’ qualche deficiente ritiene che la Lega non debba parlare. Sono qui – ha detto ancora – per parlare di lavoro, di immigrazione da controllare, di ospedali perche’ gli umbri meritano di piu’, di trasporti da terzo mondo. Pero’ vorrei farlo davanti a tanta gente non impaurita. Non e’ possibile che mamme, papa’, nonni non possono venire a piazza del Bacio a Perugia peche’ ci sono alcuni delinquenti che lo impediscono. Mi piacerebbe – ha concluso il leader leghista – che la sinistra prendesse le distanze da questi balordi”. (AGI) .

La software house polacca CD Projekt RED, ieri ha rilasciato un trailer cinematografico dedicato a The Witcher 3: Wild Hunt. Questo filmato intitolato “Una Notte da Ricordare” mostra Geralt di Rivia, protagonista dell’avventura, combattere contro un terribile mostro.

Vi ricordiamo che The Witcher 3: Wild Hunt sarà disponibile da Martedì 19 per Xbox One, PlayStation 4 e PC.

Qui sotto vi lasciamo il video “Una Notte da Ricordare”:

 FONTE: Youtube

 

Da oggi è disponibile Icewind Dale Enhanced Edition, la versione retail per PC del cult degli RPG fantasy.

Potremo rivivere l’esperienza di Icewind Dale con tantissimi miglioramenti rispetto al gioco originale tra cui: interfaccia utente ridisegnata, supporto completo widescreen, ritratti dei personaggi in alta risoluzione e  pathfinding migliorato.

Questa edizione speciale include inoltre:

  • Le espansioni “Heart of Winter” e “Trials del Luremaster”
  • Decine di nuovi incantesimi e oggetti
  • Oltre 35 nuovi Kit e Classi
  • Quests Cut reintrodotto dal gioco originale
  • Cooperative multipiattaforma Multiplayer

Per chi non conoscesse l’originale Icewind Dale: pubblicato originariamente nel 2000 e sviluppato da Black Isle Studios, è ambientato in una regione dei Forgotten Realms per Dungeons & Dragons, ma gli eventi hanno luogo decine di anni prima degli eventi descritti nei libri di R. A. Salvatore.

Icewind Dale: Enhanced Edition sarà disponibile al prezzo di 19,99 €.

Disponibile Icewind Dale Enhanced Edition

(AGI) – Roma, 15 mag. – Due ragazze cristiane sono state attaccate con l’acido a Quetta, nel Pakistan sud-occidentale. Secondo quanto riportato dal quotidiano The Dawn, le due, identificate come Rimsha Masih, 27 anni, e Hina, 15 annisono ferite al volto e sono ricoverate in ospedale nel reparto ustionati. Rimsha ha ustioni sul 30% della superficie del volto, Hina sul 15%, ha spiegato un medico, Masood Nowsherwani. Le due ragazze sono state attaccate da un uomo giunto in moto e poi scappato. (AGI)

(AGI) – Roma, 15 mag. – Si dice “pronto a discutere nel merito di tutto, con tutti, dalla scuola alla P.A.” ma Matteo Renzi accelera e, nel giorno in cui in Aula alla Camera passano i primi due articoli della riforma della scuola, avverte che “dopo aver discusso, si decide” perche’ “l’Italia non puo’ piu’ perdere tempo”.

Ma la protesta non si ferma, anzi arriva a pochi passi dalla Camera, in piazza del Pantheon, dove i sindacati della scuola hanno convocato un’assemblea a cui partecipano anche esponenti di M5s e minoranza Pd. Su un punto, proprio quanto alla riforma della scuola, il presidente del Consiglio non transige: “Non valutare, e trattare tutti gli insegnanti allo stesso modo per me e’ un errore” e allora “gli stipendi non si toccano, ma se ci sono soldi in piu’ devono andare a chi lo merita”.

Scuola: sindacati in piazza con Sel, sinistra Pd e M5S

Altro nodo scottante e’ quello delle assunzioni. “In passato – ribadisce Renzi – si e’ giocato troppo sulla pelle dei precari della scuola. Quelli delle Gae noi li assumiamo. Quelli che hanno fatto i corsi di abilitazione ti dicono che vogliono entrare: per queste persone noi pensiamo a una forma concursuale. Saranno 160mila persone nei prossimi anni ad essere assunti. Centomila quest’anno e sessantamila con i concorsi dei prossimi anni”.

Ma il passaggio centrale in proposito e’ questo: “Fate le assunzioni e poi vediamo: questo e’ un meccanismo sbagliato perche’ trasformerebbe la questione dei precari in un grande ammortizzatore sociale della scuola”. Un messaggio diretto anche per chi minaccia il blocco degli scrutini: “Io credo che la stragrande maggioranza degli insegnanti sono persone serie che non terrebbero a rischio il lavoro dei ragazzi con il blocco degli scrutini”.E dunque, “il tema della precettazione e’ prematuro”, assicura.

Soddisfazione viene espressa dal ministro per l’Istruzione: “Approvato articolo 1. Finalmente si potra’ dare piena attuazione all’autonomia”, scrive Stefania Giannini su Twitter. “Mi auguro prevalgano buon senso e senso di responsabilita’”. E se resta la contrarieta’ della Cgil (“non vi e’ traccia di un sistema duale efficace”, dice infatti Susanna Camusso), Renzi puo’ contare su segnali disgelo dalla minoranza Dem: “Mi sembra di capire – afferma Rosy Bindi – che il governo qualche segnale lo da’ e se posso dare un suggerimento direi di non farlo cadere, ne’ da una parte ne’ dall’altra”.

Resta sulle barricate l’ex premier Enrico Letta: “Ho l’impressione che si sia partiti con il piede sbagliato. La riforma deve essere fatta per bene, non bisogna fare una riforma tanto per dire di averla fatta”. E come lui Stefano Fassina, Pippo Civati, Gianni Cuperlo, che dopo il tour de force dell’aula della camera si spostano all’assemblea dei sindacati. Con loro anche il M5s Alessandro Di Battista, per cui il rischio, se passa il ddl, e’ che si creino “scuole di serie A e scuole di serie B”. (AGI)

(AGI) – Roma, 15 mag. – No al Ddl scuola cosi’ come e’. Rappresentanti dei sindacati, del mondo politico e del mondo della scuola si sono riuniti oggi pomeriggio a Piazza della Rotonda, davanti al Pantheon, per manifestare il loro dissenso nei confronti della riforma voluta dal governo Renzi edattualmente al vaglio della Camera. A partecipare sono stati circa un centinaio di persone oltre ai parlamentari che hanno aderito all’iniziativa: esponenti di Sel, della minoranza del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle. A loro si e’ unito piu’ tardi MArco Pannella e il segretario generale della Flc-Cgil, Domenico Pantaleo. Sul palco sono intervenuti sindacalisti, insegnanti e e precari, Arturo Scotto di Sel e Stefano Fassina. Inieme a loro esponenti delle strutture regionali dei sindacati di categoria (Flc Cgil, Cisl e Uil scuola, Gilda e Snals Confsal). E’ stato piu’ volte richiesto, da chi ha preso la parola, di stralciare il piano delle assunzioni dal disegno di legge di riforma, cosi’ come di modificare la parte del provvedimento relativa ai poteri del dirigente scolastico. I sindacalisti hanno promesso che la mobilitazione contro la riforma proseguira’, se necessario anche durante gli scrutini.(AGI)

(AGI) – Perugia, 15 mag. – Una ragazzina di 12 anni sarebbe stata aggredita da un suo coetaneo perche’ portava un crocifisso al collo. Lo riferiscono i carabinieri di Terni facendo riferimento a un episodio avvenuto ieri nel primo pomeriggio all’uscita di una scuola media di Terni. Una studentessa 12enne ternana – si legge in una nota dell’Arma – veniva colpita alle spalle da un colpo violento sferratole da un suo compagno di classe coetaneo di origine senegalese regolarmente residente in citta’. Il ragazzo, immediatamente bloccato dalla madre della ragazzina, avrebbe compiuto tale gesto “perche’ la compagna indossava una collanina con un crocifisso”. Visitata al pronto soccorso, la 12enne ha riportato una contusione toracica giudicata guaribile in 20 giorni. Salvini dopo aggressione Terni attacca, a casa! “A Terni una ragazzina di 12 anni e’ stata aggredita da un coetaneo all’uscita della scuola, 20 giorni di prognosi per la bimba”. Cosi’ Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord su Facebook. “L’aggressore e’ un ragazzino africano (non imputabile perche’ troppo giovane) che da giorni insultava e minacciava la coetanea, perche’ portava al collo una collanina con il crocifisso. Il ragazzino, e i suoi parenti, vengano rispediti al loro Paese. Che bella integrazione…”, aggiunge. (AGI) .

(AGI) – Napoli, 15 mag. – Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, dopo quanto accaduto nel quartiere di Secondigliano, dove un uomo ha ucciso quattro persone tra cui la moglie e ferito altre sei persone, ha proclamato lutto cittadino da domani fino al giorno dei funerali delle vittime. Rimandata quindi la visita del premier Matteo Renzi, che avrebbe dovuto inaugurare la stazione Municipio del metro’ di Napoli. “Stiamo seguendo da ore l’accaduto – scrive in una nota il primo cittadino partenopeo – si tratta di una tragedia immane che colpisce la citta’. Siamo sconvolti. Esprimo la mia vicinanza e massima solidarieta’ ai familiari delle vittime e a chi ogni giorno opera in condizioni complicate per strada e ha cercato di intervenire per salvare altre vite umane. Appena appresa la notizia, ho informato il il prefetto Pantalone e il presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi del rinvio dell’inaugurazione della stazione del metro’. Ho proclamato immediatamente lutto cittadino”. Rionviata anche a data da destinarsi la manifestazione organizzata dal Pd con il segretario Renzi, la segretaria regionale Assunta Tartaglione e il candidato alle regionali Vincenzo De Luca nella stazione marittima di Napoli. (AGI)