Newsletter

Ultime News

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Palermo, 19 mag. – E’ morta nel reparto di Neurorimazione dell’ospedale “Villa Sofia” di Palermo, dove era stata trasferita, la donna di 39 anni di Gela (Caltanissetta), travolta da uno scooter domenica scorsa mentre faceva jogging nella sua citta’. I medici del reparto diretto da Paolino Savatteri, dopo avere completato la procedura prevista, della durata di sei ore, hanno infatti accertato la morte cerebrale. L’incidente aveva provocato un gravissimo trauma cranio-facciale, oltre ad altri traumi addominali e agli arti inferiori. I familiari, giunti nel frattempo da Gela, supportati dalle psicologhe del centro regionale trapianti in servizio presso il reparto, hanno autorizzato il prelievo degli organi. Gli organi che sicuramente potranno essere prelevati e resi disponibili sono i reni e le cornee. In sede di intervento sara’ verificata la possibilita’ di prelevare altri organi. Intanto l’Azienda Villa Sofia Cervello, rispondendo alle linee di indirizzo volute dall’assessore Lucia Borsellino, sta procedendo a riorganizzare, anche sotto il profilo delle risorse umane, la sua partecipazione al circuito di prelievo e donazione degli organi. (AGI) .

(AGI) – Roma, 19 mag. – “Qualche tempo fa, ho sentito un tizio
che diceva: ‘Ormai solo i gay vogliono sposarsi’. Forse voleva
fare lo spiritoso ma puo’ essere molto pericoloso denigrare la
normalita’. Non stiamo parlando di diventare tutti uguali,
stiamo parlando di garantire la liberta’ di scelta, di
proteggere le persone dalle discriminazioni, di dare a tutti
gli stessi strumenti per poter riuscire nella vita”. Lo dice il
cantante Mika, che non ha mai nascosto di essere onmosessuale e
al quale Vanity Fair dedica la copertina del numero in edicola
domani. “Una volta la comunita’ gay era piu’ creativa perche’
emarginata? Ricordiamoci – dice il cantante – che l’obiettivo
di tutte quelle espressioni artistiche, musicali, letterarie
era arrivare all’uguaglianza. Non si e’ lottato per la
normalita’, ma per gli stessi diritti. Ci sono posti nel mondo
dove uomini e donne vengono linciati, persino uccisi, perche’
omosessuali. Dire che la normalizzazione dell’omosessualita’ ha
reso i gay meno creativi sarebbe come dire che la lotta per
l’eguaglianza fra i sessi ha reso le donne meno interessanti”.
Nell’intervista, il musicista si sofferma sui suoi ricordi
d’infanzia e sulla sua famiglia, alcuni dei temi al centro del
libro che sta scrivendo e che uscira’ in autunno. Nato a Beirut
ma evacuato piccolissimo per sfuggire alla guerra civile, Mika
ha vissuto prima in Francia e poi, dai 9 anni in avanti, in
Inghilterra. Di quei tempi ricorda, tra le altre cose, le
difficolta’ riscontrate a scuola: “Da bambino la odiavo,
perche’ non riuscivo a leggere e a scrivere e il sistema
scolastico francese era piuttosto crudele. Quando siamo andati
a vivere in Inghilterra e ho iniziato a frequentare una scuola
a Londra, mi sono sentito dire ‘Non sei stupido, sei
dislessico’. Era la prima volta. Nel giro di poco passai
dall’insufficienza al massimo dei voti. Pero’, cominciarono a
considerarmi diverso per altri motivi. Nell’istituto francese
che frequentavo, tutti indossavano l’uniforme, mentre in quello
inglese non era richiesta. Iniziai a indossare i miei vestiti e
li’ arrivarono i problemi. Mi presentavo con il papillon e le
camice a pois. Oggi vesto in maniera piuttosto normale e a
volte mi domando se, alla fine, abbiano vinto loro, mi dico
‘Forse sono davvero riusciti a cambiarmi'”. Parlando del suo
nuovo album (‘No Place in Heaven’, in uscita il 15 giugno),
spiega che uno dei brani, ‘The Last Party’, e’ ispirato alla
festa che Freddy Mercury organizzo’ subito dopo aver scoperto
di avere l’Aids e di come scrivere quella canzone l’abbia
spinto a riflettere sul modo in cui lui stesso reagi’ a una
notizia terribile come l’incidente accaduto a sua sorella
Paloma nel 2010. “Una sua amica busso’ alla mia porta alle
quattro del mattino. Mi disse che mia sorella era precipitata
dalla finestra del suo appartamento. Ero in boxer e T-shirt,
corsi fuori, senza vestiti, senza scarpe. La polizia mi
blocco’. Mi dissero che potevo scegliere: aspettare che
arrivasse l’ambulanza o andare da lei subito. Pensai che dovevo
vedere con i miei occhi che cosa era successo per poter
affrontare la situazione. Da allora non sopporto le persone che
bussano. Fuori dal mio camerino c’e’ sempre un cartello: ‘Non
bussate'”. “Come ho reagito a quello che ero successo?”, si
domanda poi il cantante. “All’inizio in maniera razionale: ho
cancellato tutti i miei impegni di lavoro per rimanere vicino a
lei. Poi, appena ho saputo che non era in pericolo di vita,
sono scappato. Ho preso un volo per Montreal. La prima notte
che trascorsi la’ scrissi ‘Underwater’, il giorno dopo ‘Origin
Of Love’. Non sapevo che cosa avrei fatto dopo”. Mika racconta
anche che prima di partire aveva detto addio al suo compagno,
il film-maker di origini greco-inglesi Andreas Dermanis, con
cui ha una relazione da otto anni. “Gli ho detto che non sarei
piu’ tornato. E’ stata l’unica volta che ci siamo lasciati. Per
riconquistarlo ho dovuto darmi parecchio da fare. Quando mi ha
rivisto non mi ha detto: ‘Prego, accomodati…'”. (AGI)

(AGI) – Yola (Nigeria), 19 mag. – Almeno otto persone sono rimaste uccise in seguito a un attentato suicida nello Stato federato di Adamawa, Nigeria nord-orientale, una delle zone del Paese africano dove e’ particolarmente forte la presenza delle milizie di Boko Haram. Secondo quanto riferito da un deputato al Parlamento locale, Jerry Kundusi, un kamikaze si e’ fatto saltare in aria all’interno di un mercato di bestiame nel villaggio di Garkida, proprio nell’ora in cui era piu’ affollato. “Non conosciamo l’identita’ dell’aggressore”, ha affermato il parlamentare, “ma e’ ovvio che si tratta dell’opera di Boko Haram”. Nello stesso Stato nigeriano ieri i jihadisti avevanno assaltato la localita’ di Sabongari, trucidando tre abitanti e prendendo sette donne in ostaggio. (AGI) .

(AGI) – Roma, 19 mag. – Allerta maltempo del Dipartimento della Protezione civile per l’arrivo di una perturbazione atlantica sulla penisola italiana che tendera’ a portarsi in serata sulle zone alpine e prealpine favorendo l’intrusione di aria piu’ fredda, con accentuazione dell’instabilita’, anche nella giornata di domani, su tutte le regioni settentrionali. In particolare, l’avviso prevede da stasera precipitazioni a prevalente carattere temporalesco sul Piemonte. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensita’, frequente attivita’ elettrica, forti raffiche di vento e grandine. Per domani prevista criticita’ gialla per rischio idraulico sulle pianure lombarde e per rischio idrogeologico sulla Lombardia settentrionale, sul Piemonte, sulla provincia di Bolzano e su gran parte della Toscana. (AGI)

(AGI) – Roma, 19 mag. – Dal 15 giugno al 30 settembre sara’ vietato fumare nei parchi urbani e nelle ville storiche di Roma. E’ quanto prevede l’ordinanza firmata il 7 maggio scorso dal sindaco della capitale, Ignazio Marino, per prevenire il rischio di incendi nel periodo di massima pericolosita’ individuato dalla Regione Lazio. Il provvedimento impedisce anche di accendere barbecue, al di fuori degli spazi appositamente predisposti, in tutte le aree verdi della citta’. Infatti, il testo prevede “il divieto, in tutto il territorio comunale, di tutte le azioni determinanti, anche solo potenzialmente, l’innesco di incendio nelle aree e nei periodi a rischio”. E in particolare, “nel periodo a massimo rischio incendi – si legge nella ordinanza – e’ vietato usare motori, fornelli o inceneritori che producano faville o braci, fumare o compiere altra operazione che possa arrecare pericolo di incendio”. E’ fatta salva “l’accensione di fuochi in appositi bracieri o focolai o altre strutture appositamente realizzate”. Allo stesso modo, vige “il divieto assoluto di accendere fuochi per l’abbruciamento di stoppie e residui di vegetazione”, nonche’ “per eseguire la gestione e la pulizia dei terreni sottoposti a pascolo o per rinnovare il cotico erboso”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 19 mag. – L’aumento delle operazioni di acquisto di titoli della Bce nei mesi di maggio e di giugno, comunicato dal consigliere esecutivo dell’Eurotower Benoit Coeure, frena bruscamente la corsa dell’euro, che chiude a 1,1143 dollari dopo essere sceso a un minimo di seduta di 1,1121 dollari. Sulla moneta comune pesano inoltre le incertezze relative alla Grecia e l’inatteso crollo della fiducia degli investitori nell’economia tedesca. Euro/yen a 134,40 e dollaro/yen a 120,60. .

(AGI) – Milano, 19 mag. – Marco Ventura, il giovane arrestato stamane per il pestaggio di un poliziotto durante il corteo No Expo del primo maggio, ha “un’indole estremamente violenta” e puo’ “commettere gravi atti della stessa specie” di quelli che l’hanno portato in carcere. Lo scrive il gip Donatella Banci Buonamici per spiegare le esigenze cautelari a suo carico. Nel provvedimento, il giudice osserva che l’aggressione effettuata da Ventura e da altri due uomini (uno denunciato, l’altro, col casco, non identificato) costituiscono una sola azione “collettiva connotata da estrema violenza che ha oltrepassato di gran lunga” il fine di evitare l’arresto della manifestante Anita Garola, che poi e’ finita in carcere, dove si trova tuttora, quella stessa sera. Un’aggressione, spiega il giudice accogliendo la richiesta del pm Piero Basilone, “deliberatamente” attuata dai tre “i quali hanno condiviso ciascuno le condotte contestuali degli altri e rafforzato ciascuno i propositi degli altri autori allo scopo di fare del male e ledere gravemente” Antonio D’Urso, il dirigente rimasto seriamente contuso per le bastonate, i calci e i pugni presi. “Se il funzionario non avesse avuto il casco protettivo – osserva il gip – ben gravi sarebbero state le conseguenze sulla sua incolumita’”. L’aggressione e’ “grave”, si legge nel documento, “anche perche’ attuata non per impedire l’identificazione e l’arresto della propria persona bensi’ di un terzo gia’ resosi responsabile di altri atti di resistenza a pubblico ufficiale”, assicurandone quindi “l’impunita’”. Il giovane non viene considerato, almeno stando agli elementi fin qui emersi, come appartenente al gruppo dei black bloc. Proseguono intanto le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli per identificare i componenti del ‘blocco nero’ che ha devastato la citta’. (AGI) .

(AGI) – CdV, 19 mag. – “Ci risiamo, dunque. In Italia non si fa in tempo a chiudere un’indagine sul calcioscommesse che subito se ne apre un’altra. Stavolta le squadre coinvolte non sono blasonate, tuttavia la gravita’ dei fatti non e’ certo minore. E ogni volta che accade viene voglia di dire basta con questo calcio schiavo del business, legale e non”. E’ quanto scrive l’Osservatore Romano sull’ultimo scandalo che ha sconvolto il mondo del calcio. “Ma poi si pensa che – scrive il quotidiano d’Oltretevere – in fondo non tutto e’ marcio, perche’ questo sport riesce anche a sorprendere positivamente. Come avvenuto sabato, con la festa per la promozione in serie A del Frosinone, dopo che era gia’ approdato al massimo campionato il Carpi (per inciso le due squadre la cui eventuale promozione, a detta di qualcuno, avrebbe nuociuto agli affari, cioe’ alla vendita dei diritti televisivi)”. (AGI) .