Newsletter

Ultime News

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Garmisch-Partenkirchen, 7 giu. – “Fermezza di fronte alla pressione russa in Ucraina”. E’ quanto auspica il presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, durente la conferenza stampa con Angela Merkel nell’ambito dei lavori del G7. “Discuteremo del futuro dell’economia mondiale, di una crescita forte che crei posti di lavoro e di una prospettiva di crescita salda dell’Unione Europea” ha aggiunto Obama “Discuteremo della sfida climatica e delle altre difficili sfide che abbiamo davanti”.

Merkel, talvolta divergenze, ma gli Usa sono partner essenziali

Da parte sua la Merkel ha sottolineato come, nonostante alcune differenze di opinione, gli Stati Uniti siano amici e partner essenziali, “coi quali lavoriamo insieme in modo molto stretto, il che e’ nel nostro interesse, ne abbiamo bisogno”. “Quest’Anno festeggiamo i 25 anni dalla riunificazione, e io voglio dire ancora una volta grazie”.

Guarda la galleria fotografica

Renzi atterrato a Monaco; premier atteso a Scloss Elmau

Il presidente del consiglio, Matteo Renzi, e’ arrivato all’aeroporto di Monaco diretto a a Schloss-Elmau, il castello scelto dalla presidente di turno Angela Merkel per ospitare i lavori del G7.

Il presidente Usa conquistato da birra e wurstel

(AGI)

(AGI) – Garmisch-Partenkirchen, 7 giu. – Seduto ad una tavola in perfetto stile Oktoberfest, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, non nasconde la sua passione per birra e wurstel bianco: “Non e’ mai troppo presto per mangiare salsiccia bianca e bere una buona birra”, ha scherzato Obama prima di prendere posto tra i cittadini di Krun vestiti nei tradizionali costumi bavaresi. Sit-in blocca la strada per il summit, i leader usano l’elicottero Il sit-in di una dozzina di contestatori del vertice del G7 ha bloccato la strada per il castello di Elmau, in Baviera, costringendo i leader a percorrere in elicottero l’ultimo tratto per arrivare alla sede del summit. Lo hanno riferito fonti della sicurezza tedesca. Dopo un breve negoziato, sette manifestanti se ne sono andati volontariamente mentre altri cinque sono stati trascinati via dagli agenti. La polizia ha bloccato il grosso dei manifestanti sulla strada che porta fuori da Garmisch-Partenkirchen, dove si trova il quartier generale di Stop-G7-Elmau, impedendogli di avvicinarsi allo Schloss Elmau, l’hotel sulle Alpi bavaresi che ospita il vertice. I manifestanti in auto, in bicicletta e a piedi, nel bosco, hanno improvvisato cortei di protesta, all’indomani degli scontri di sabato con la polizia che avrebbe usato anche spray urticante per disperdere i facinorosi. Molti manifestanti non sono riusciti a rientrare a dormire a Garmisch-Partenkirchen a causa di un temporale e di una violenta grandinata. (AGI) .

(AGI) – Garmisch-Partenkirchen, 7 giu. – “Fermezza di fronte alla pressione russa in Ucraina”. E’ quanto auspica il rpesidente degli Stati Uniti, Barak Obama, durente la conferenza stampa con Angela Merkel a KKrun, nell’ambito dei lavori del G7. “Discuteremo del futuro dell’economia mondiale, di una crescita forte che crei posti di lavoro e di una prospettiva di crescita salda dell’Unione Europea” ha aggiunto Obama “Discuteremo della sfida climatica e delle altre difficili sfide che abbiamo davanti”.

Merkel, talvolta divergenze, ma gli Usa sono partner essenziali

Da parte sua la Merkel ha sottolineato come, nonostante alcune differenze di opinione, gli Stati Uniti siano amici e partner essenziali, “coi quali lavoriamo insieme in modo molto stretto, il che e’ nel nostro interesse, ne abbiamo bisogno”. “Quest’Anno festeggiamo i 25 anni dalla riunificazione, e io voglio dire ancora una volta grazie”.

Renzi atterrato a Monaco; premier atteso a Scloss Elmau

Il presidente del consiglio, Matteo Renzi, e’ arrivato all’aeroporto di Monaco diretto a a Schloss-Elmau, il castello scelto dalla presidente di turno Angela Merkel per ospitare i lavori del G7. (AGI)

(AGI) – Roma, 7 giu. – “Ho deciso di scrivere una lettera ai Prefetti per diffidarli dal portare qui in Lombardia nuovi clandestini e ho deciso di scrivere ai sindaci per dirgli di rifiutarsi di prenderli, mentre ai sindaci che dovessero accoglierli ridurremo i trasferimenti regionali, come disincentivo, perch� non devono farlo e chi lo fa, violando la legge, subir� questa conseguenza”. Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni partecipando al Premio Milano Produttiva 2015, che si al Teatro alla Scala di Milano. “Nei prossimi giorni – ha aggiunto Maroni – voglio incontrare Toti e Zaia per fare fronte comune e assumere iniziative comuni, come diffidare i prefetti e dire ai sindaci delle nostre regioni che se accolgono in clandestini e violano le norme non avranno pi� i contributi regionali”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 7 giu. – Violente precipitazioni accompagnate da chicchi di grandine grossi come noci si sono abbattute a macchia di leopardo su tutto il territorio nazionale colpendo le coltivazioni in campo. E’ quanto emerge da un primo monitoraggio della Coldiretti sugli effetti dei forti temporali che si sono sviluppati in modo improvviso dal Trentino lungo tutta la Penisola, a seguito di contrasti termici originati da aria piu’ fresca proveniente dai quadranti orientali. Una situazione che – sottolinea la Coldiretti – ha scatenato bruschi cambiamenti del clima con intensi temporali, acquazzoni ed anche l’insolita formazione di chicchi di grandine di 3-4 centimetri di diametro che sono caduti sulla vegetazione nelle campagne. Se il maltempo ha causato l’interruzione della circolazione ferroviaria sulla linea Torino-Milano in provincia di Vercelli, nella citta’ di Trento si sono allagati i sobborghi mentre la grandine in Valsugana ha danneggiato le colture e si segnalano smottamenti in Val di Fassa ma temporali con grandine ci sono stati in provincia di Roma, pioggia molto intensa e’ caduta anche in alcune zone della Sicilia e sulla Calabria tirrenica. La grandine – precisa la Coldiretti – e’ l’avversita’ climatica piu’ temuta dagli agricoltori in questa stagione perche’ provoca danni irreparabili alle coltivazioni vanificando il lavoro di un intero anno, con effetti economici ed occupazionali. Sono in corso gli accertamenti nei territori colpiti per verificare la reale entita’ dei danni che – conclude la Coldiretti – potrebbero essere molto pesanti poiche’ le manifestazioni temporalesche si sono verificate anche in zone con coltivazioni diffuse, dalla frutta ai cereali. (AGI) .

(AGI) – Ankara, 7 giu. – Seggi aperti in Turchia per le elezioni politiche che rappresentano un referendum sul presidente Recep Tayyip Erdogan che ha chiesto un voto massiccio per il suo partito di ispirazione islamica Akp al potere dal 2002, per poter riformare la Costituzione e creare una repubblica presidenziale. Si vota in 81 province per eleggere i 550 membri del Parlamento unicamerale. La maggioranza assoluta si ottiene con 276 seggi (la meta’ dei deputati piu’ uno). Chiamati alle urne sono 53 milioni 765mila turchi, piu’ i 2 milioni e 867mila 658 registrati all’estero e distribuiti in 54 Paesi. I seggi resteranno aperti fino alle 16 ora italiana. La vigilia e’ stata macchiata dalla violenza, con 4 morti per una bomba al comizio di un partito filo-curdo. Un trionfo di Erdogan aprirebbe la strada a un presidenzialismo forte con un aumento dei poteri della polizia a discapito della magistratura e un giro di vite sui media, su Internet e sulla stessa Banca centrale, vista l’irritazione del presidente turco per il taglio dei tassi d’interesse lo scorso inverno. (AGI) .

(AGI) – New York, 7 giu. – Se ne va un altro dei fondatori dei Weavers, il gruppo folk del Greenwich Village newyorchese che negli anni ’50 porto’ al successo brani tradizionali come “Wimoweh (The lion sleeps tonight): e’ morta all’eta di 88anni la cantante e attivista Ronnie Gilbert, spentasi in una comunita’ per pensionati a Mill Valley, nella baia di San Francisco. Figlia di immigrati ebrei dell’Europa orientale, la Gilbert aveva unito la musica all’impegno politico. Dopo che i Weavers furono sciolti perche’ accusati di propaganda comunista, nel 1953, si reco’ in visita a Cuba subito prima che venissero vietati i viaggi nell’isola caraibica a seguito della rivoluzione castrista. I Weavers riportarono in auge la musica folk negli Stati Uniti con successi memorabili come “Goodnight Irene”, “On Top of Old Smokey”, “Tzena Tzena”, “If I Had A Hammer” e “Kisses Sweeter Than Wine”. La loro musica ha influenzato grandi cantanti come Bob Dylan, Joan Baez e Bruce Springsteen. Dei fondatori del gruppo resta in vita solo l’88enne Fred Hellerman, perche’ gli altri due, Pete Seeger e Lee Hays, erano morti rispettivamente nel gennaio 2014 e nell’agosto 1981. (AGI)

(AGI) – Londra, 7 giu. – In Libia ci sono “tra 450.000 e 500.000 migranti” che attendono il momento di prendere il largo su carrette del mare alla volta dell’Europa. E’ quanto rivela il britannico Guardian citando il capitano di vascello Nick Cooke-Priest, comandante della Hms Bulwark, la grande nave d’assalto anfibio della Royal Navy impegnata nell’opera di salvataggio nel Mediterraneo. Dati su cui Federico Fossi dell’Unhc ha invitato alla cautela: “E’ importante non creare allarmismi, se i numeri non sono vericabili e’ il caso di prestare attenzione”, Il comandante dell’unita racconta anche, trattenendo a stento l’ira, che molti dei sopravvissuti hanno rivelato che i trafficanti hanno detto loro di rovesciare la barca e a gettarsi in acqua non appena avvistano una nave da guerra, certi cosi’ di esseri salvati. Anche se poi molti non sanno nuotare e affogano. Altri “1.000-1.500” a largo Libia, partiti soccorsi Nelle ultime ore sono arrivate “10 chiamate dai satellitari” dal largo delle coste libiche che si suppone possano arrivare da alcuni barconi con a bordo “1.000-1.500 migranti” ha riferito Fossi. Dovrebbe trattarsi di imbarcazioni piu’ piccole rispetto a quelle soccorse nella giornata di sabato quando erano state tratte in salvo in totale circa duemila persone. In soccorso di questi migranti sono partite unita’ della Marima militare italiana e delle Marine di Gran Bretagna e Spagna. Zaia “siamo alla follia, non c’e’ posto per arrivi” “Il Veneto e’ una bomba che sta per scoppiare”: ha detto il governatore appena riconfermato Luca Zaia ha lanciando l’allarme per gli arrivi in base alle “mitiche quote regionali”. “In Veneto abbiamo 514 mila immigrati regolari, pari a quasi l’11% della popolazione, di questi 42mila non hanno lavoro. Insieme a Emilia Romagna e Lombardia siamo i piu’ accoglienti. Basta”. Zaia ha detto di non voler passare “per meschino” (“Le vite umane si salvano senza se e senza ma”), ma poi ha attaccato l’esecutivo di Matteo Renzi per aver causato “una tensione sociale pazzesca” con “un ospitalita’ diffusa che non e’ altro che un invito alla dispersione sul territorio”: “Siamo alla follia, con un governo inadeguato che sui documenti ufficiali ci invita a gestire la ‘fase acuta’ dell’immigrazione, quando invece sappiamo tutti che non e’ acuta, cronica”. Per il governatore del Veneto “prima colpevole” e’ la comunita’ internazionale “perche’ ha gettato addosso a un governo succube la gestione di un problema insostenibile”. (AGI) .

(AGI) – Citta’ del Messico, 7 giu. – E’ di almeno 16 morti il bilancio provvisorio di scontri tra una formazioni di vigilantes, il Frente Unido por la Seguridad y el desarrollo del Estado de Guerrero (Fusdeg), e alcuni criminali nella cittadina di Xolapa a nord di Acapulco nello Stato di Guerrero. Lo scontro, riferiscono le autorita’ locali, si e’ verificato alle 17,45 ora locale (mezzanotte e 45 in Italia). Tra poche ore si apriranno i seggi in Messico, dove oggi si vota per rinnovare la Camera bassa e molte amministrazioni locali. (AGI) .

(AGI) – Citta’ del Messico, 7 giu. – A poche ore dall’apertura dei seggi in Messico, dove oggi si vota per rinnovare la Camera bassa e molte amministrazioni locali, almeno 10 persone sono rimaste uccise in uno scontro tra due fazioni di vigilantes nella cittadina di Xolapa a nord di Acapulco nello Stato di Guerrero. Lo riferisce la Cnn messicana. Lo scontro, riferiscono le autorita’ locali, si e’ verificato alle 17,45 ora locale (mezzanotte e 45 in Italia) (AGI) .