Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Milestone arriva finalmente su PlayStation 5 con uno dei suoi titoli di punta: MXGP20. Il gioco ufficiale del Campionato europeo di Motocross si è decisamente rifatto il look rispetto alla old gen. Se avete ancora le vecchie console, nessun problema! Il titolo è disponibile anche su PlayStation 4, Xbox One e PC. Avete a disposizione tutti e 19 i tracciati ufficiali e tutti i team partecipanti, come Honda, KTM, Kawasaki, Yamaha, GAS GAS e Husqvarna. I piloti sono in tutto 68, divisi nelle due categorie MXGP e MX2.

MXGP 2020

Mud, sweat and glory

Ridurre MXGP 20 a banale gioco ufficiale del Campionato di motocross sarebbe una vera e propria ingiustizia. Oltre alle gare pure e semplici, infatti, c’è molto di più. Nonostante la modalità Carriera sia al centro di tutto, potrete divertirvi nel Playground ad esplorare liberamente un’ambientazione ispirata ai fiordi norvegesi. É senz’altro il modo migliore per approcciarsi alla fisica della moto e imparare a domare i tanti cavalli erogati bruscamente sullo sterrato. Il nostro consiglio è quello di passare diverso tempo ad esplorare il Playground, in modo tale da diventare padroni del mezzo in maniera graduale e divertente. La difficoltà della AI, seppur scalabile dalle opzioni di gioco, è tutt’altro che abbordabile all’inizio. Se volete raccogliere risultati importanti fin da subito, dovete avere pazienza perché ritrovarsi a navigare nelle retrovie è tutt’altro che un’opzione remota. Il gioco in modalità carriera vi fa partire dalla MX2 (motori a due tempi fino a 125 cc e a quattro tempi fino a 250 cc) e già si suda. Partire dalla MXGP (motori a due tempi fino a 250 cc e a quattro tempi fino a 450 cc) è fuori discussione.

L’interazione con il Dualsense è eccezionale: ogni vibrazione del terreno arriva direttamente tra le mani del giocatore e la gestione della moto è incredibilmente realistica. Ogni volta che il motore va a limitatore, ad esempio, la vibrazione aumenta. Le asperità del terreno si traducono in cambiamenti alla sensibilità dei tasti, generando un feedback continuo che permette di capire quando si sta esagerando nella guida.

MXGP 2020

Sempre all’interno della modalità Playground, Milestone ha messo a disposizione la modalità Waypoint: tutto quello che dovete fare è scegliere un punto di partenza, posizionare i waypoint dove più vi piace e completare il tracciato. Alla fine potrete condividere on line percorso e tempo sul giro. La personalizzazione è decisamente in primo piano in MXGP 20, che vi mette a disposizione anche un Track Editor curato in maniera maniacale: quattro tipi di terreno, gestione delle altimetrie per modellare i salti e i sali scendi e divertimento praticamente infinito. Oltre a condividere i tracciati creati, potete anche scaricare quelli degli altri giocatori.

Non dimenticatevi che MXGP 20 avrà un supporto significativo nel post lancio, con altre tre modalità che arriveranno prossimamente. Oltre alla co-op nel Playground, dove potrete esplorare la mappa e sfidare i vostri amici, ci sarà la Waypoint Sincrono (multiplayer) e la modalità Race Director. Sono tutte e tre incentrate sul multiplayer, dove oltre a correre e sfidare altri giocatori, potrete fare praticamente i direttori di gara, creando sfide e tanto divertimento.

Grafica e Audio

 MXGP 2020

L’immersività offerta dal MXGP20 è praticamente totale, nulla è infatti lasciato al caso. I tracciati sono molto realistici e sono soprattutto dinamici: così come accade nella realtà, giro dopo giro la pista si “segna” al passaggio delle moto e cambia tornata dopo tornata. Sporcature come fango e acqua sono visibili sia sulla visiera del pilota sia sulla tuta. I modelli delle moto sono perfettamente realistici, sia come dettagli che come sponsor, mentre la cornice di pubblico è sempre presente a bordo pista. La versione next gen supporta pienamente il 4K e non ci sono cali vistosi di frame rate. Il gioco regge anche nei momenti più concitati come le bagarre. L’audio è ottimo, sia come colonne sonore sia come effetti. I motori delle moto da cross si somigliano un po’ tutti nella realtà, ma il gioco riesce comunque a far notare le piccole differenze.

Multiplayer

MXGP 2020

Milestone ha approntato per MXGP20 server a bassa latenza e banda larga. Questo permette di avere molti più giocatori in una singola gara e, allo stesso tempo, di avere un’affidabilità maggiore. Non è stato possibile provare granché questa modalità per la mancata presenza di giocatori, ma lo sforzo per fare un buon lavoro è innegabile. Avendo molte modalità on line anche successive al lancio del gioco, è stato assolutamente necessario effettuare un lavoro capillare come questo che siamo certi saprà dare i suoi frutti.


MXGP20 è un titolo decisamente ben realizzato. L’unica pecca per qualcuno potrebbe essere la difficoltà, che non è affatto abbordabile anche con la AI settata a livello facile. Pur utilizzando tutti gli aiuti, vincere le corse si rivela complicato, ma d’altra parte il motocross è così: difficile e spietato. La next gen si vede eccome, il motocross così in un videogame non si era mai visto. Le modalità disponibili sono divertenti, altre ne arriveranno e la sensazione è che Milestone abbia davvero alzato l’asticella. Ingranate la prima e date gas, l’holeshot vi aspetta!

L’articolo MXGP 2020: The Official Motocross Videogame – Recensione proviene da GameSource.