Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Il calore dell’estate, lo sappiamo bene, mal si sposa con la voglia di rimanere a casa, magari davanti al PC o alla tv, in  compagnia di una serie disponibile su Netlifx o, in alternativa, in compagnia delle nostre console.

Spesso, infatti, si preferisce uscire o semplicemente oziare totalmente, facendo sì che il tempo scorra inesorabilmente, come le gocce di sudore che sgorgano dalle nostre fronti. Fortunatamente per voi, però, ci siamo noi! Gamesource si prende cura della salute mentale e fisica dei suoi utenti, e per tal motivo abbiamo deciso di stilare una lista di giochi da recuperare per affrontare al meglio il periodo estivo. Nella fattispecie, il nostro focus si è concentrato su quei giochi non per forza sconosciuti, ma che, per un motivo o per altro, non hanno riscosso quel successo – con ogni probabilità – più che meritato. Siete pronti a cominciare? Prendete appunti, mi raccomando!

Prima di cominciare, ci teniamo a precisare che i giochi non sono disposti in un ordine preciso, e sono frutto di un giudizio puramente personale.


Dragon’s Dogma – Dark Arisen

Dragon’s Dogma

Uno dei giochi qualitativamente più importanti arrivati sul mercato, a cavallo tra l’attuale e la scorsa generazione di console, è un senza dubbio Dragon’s Dogma, arricchito, successivamente, dall’espansione Dark Arisen. Il titolo si presenta come un gioco di ruolo d’azione, con un sistema di combattimento incredibilmente fresco e dinamico, capace di restituire un feedback importante dal punto di vista ludico. Narrativamente parlando, a onor del vero, il gioco di Capcom non fa certo gridare al miracolo, ma complessivamente ci troviamo di fronte a un prodotto imponente, anche in termini quantitativi. La longevità, infatti, è un altro dei punti di forza di Dragon’s Dogma, impossibile non consigliare di recuperare questo gioco a chi è alla ricerca di un prodotto del genere e non sa dove cercare.

YS VIII: Lacrimosa of Dana

Lacrimosa of Dana

Rimanendo in tema di RPG, più precisamente JRPG, è impossibile non citare Ys VIII: Lacrimosa of Dana. L’ultimo capitolo della longeva saga targata NIS America è una vera e propria perla, sorretto da una direzione artistica importante, una soundtrack da brividi e, soprattutto, da un gameplay – tipico della saga – sontuoso, capace di conquistare anche il più esigente dei videogiocatori. Nei panni del protagonista Adol sarete catapultati su un’isola misteriosa, in cui ogni cosa sembra nascondere un mistero da svelare. Chi vi scrive vi consiglia senza remore di inserire quanto prima il titolo nella lista di giochi da recuperare, a patto di mettere in conto l’assenza della lingua italiana e le tante ore di gioco necessarie per il completamento dell’avventura.

Tales of Berseria

Tales of Berseria

Ormai l’abbiamo capito: stiamo facendo incetta di JRPG e simili. Un altro di quelli che ci sentiamo di consigliare è certamente Tales of Berseria, ultimo esponente della ventennale saga targata Bandai Namco. In attesa di Tales of Arise, mostrato durante lo scorso E3, che segnerà un netto stacco col passato, e considerando anche il prezzo a cui normalmente ormai lo si può trovare, è quasi impossibile non segnarlo sull’agenda dei titoli da riscoprire. Tales of Berseria non rinnova la formula ludica, ma riesce a stravolgere quella narrativa, portando su schermo una storia matura, violenta e spietata, in cui protagonisti sono tutt’altro che eroi dalla scintillante armatura. Se non vi basta tutto questo, allora non vi piacciono i JRPG.

Odin Sphere: Leifthrasir 

Odin Sphere

Rimanendo in tema di giochi mossi da uno stile fantasy e da una trama tutt’altro che giovanile e fiabesca, vi consigliamo senza dubbio alcuno Odin Sphere: Leifthrasir, action rpg bidimensionale prodotto da Vanillaware e distribuito nel nostro Paese nel 2017 in una veste completamente nuova da Square Enix. La storia si snoda sulle vicende di diversi protagonisti, le cui storie finiscono con l’intrecciarsi in maniera sapiente, tra un turbinio di colpi di scena, rivelazioni scottanti e tanti, tanti segreti da scoprire. Se avete PlayStation Vita, poi, il nostro consiglio è quello di giocare in portabilità: non ve ne pentirete!

Demon’s Souls

Demon’s Souls

Qui cambiamo decisamente genere, ed entriamo in quello che  è uno dei preferiti del sottoscritto: i “Souls-like“. E quale modo migliore di avvicinarsi alla saga se non partendo da quello che, inevitabilmente, ne è il capostipite? Demon’s Souls, arrivato nel “lontano” 2009 tra l’indifferenza totale del grande pubblico, ha gettato le basi per quello che sarebbe stato il successo clamoroso del suo seguito spirituale: Dark Souls. Il primogenito della famiglia creata da Miyazaki riesce a rapire con le stesse identiche peculiarità degli altri titoli della saga ma probabilmente, a causa anche dell’esclusività su PlayStation 3, non è riuscito a raggiungere tanti cuori quanto avrebbe meritato. Se avete ancora la console in questione, non perdete altro tempo: cercatelo, fatelo vostro e divoratelo. La serie “Souls” non vi sembrerà più la stessa.

Deus Ex: Human Revolution

Deus Ex Human Revolution

Cambiando ancora una volta radicalmente genere, ci fiondiamo su Deus Ex: Human Revolution, Sparatutto/action con una spruzzata di elementi RPG creato da Eidos Montreal e arrivato sugli scaffali nel 2011. Il titolo ha saputo creare un immaginario sci-fi imponente e affascinante, sorretto a piene mani da un protagonista straordinariamente carismatico. Adam Jensen, infatti, si ritroverà coinvolto in una gigantesca cospirazione che toccherà temi diversi e importanti, sapientemente giostrati nell’arco di una trentina di ore di gioco. Citare  Deus Ex tra i giochi da recuperare per l’estate è quasi un dovere, fidatevi.

Mafia III

Mafia 3

Lo ammettiamo: il sottoscritto non ha mai approcciato un titolo della saga prima di questo e forse non ha tutte le carte in regola per consigliare questa produzione, ma vuole farlo comunque. Mafia III è un titolo che ha saputo conquistarci, al netto di tutte le sue problematiche, e ci sentiamo di raccomandarne la prova un po’ a tutti quanti: sia ai novelli sia ai veterani del brand. Il protagonista, Lincoln, saprà rapirvi con le sue gesta, in una storia di vendetta degna del miglior film di Hollywood.

Titanfall 2

Titanfall II

Titanfall 2 è, senza mezzi termini, uno dei migliori FPS usciti negli ultimi anni, sorretto da un gameplay dinamico e divertente, una buona varietà di modalità di gioco online e anche da una campagna per giocatore singolo di tutto rispetto. Il titolo ha pagato – senza dubbio – l’erronea data di lancio, eccessivamente vicina ad altri titoli importanti del genere ma, credeteci sulla parola, può dire veramente la sua, ancora oggi. Provatelo e non ve ne pentirete.

Paladins

Paladins

Rimanendo in tema di FPS, seppur con caratteristiche ben diverse, ci sentiamo in dovere di elencare tra i giochi da recuperare anche Paladins. Il titolo che si pone quasi come l’equivalente f2p di Overwatch è in realtà molto di più. Col più blasonato titolo di Blizzard il gioco, in verità, ha davvero molte cose in comune, ma nonostante tutto riesce a sottolineare con forza uno stile tutto suo, sia a livello di gameplay sia a livello artistico. Il fatto che poi è disponibile anche su Nintendo Switch e, dunque, comodamente giocabile in portabilità, beh… Gli fa acquisire molti punti e meritare la menzione nei giochi da recuperare di questa lista, non trovate?

Yakuza 0

 

Vi avevamo detto, all’inizio, che questa non si tratta di una classifica ma di una semplice lista di giochi da recuperare, il che è anche vero. Ciò però non riguarda l’ultimo titolo della lista, palesemente piazzato al primo posto del nostro personalissimo elenco di giochi che non hanno ricevuto la giusta attenzione mediatica. Yakuza 0 è un vero e proprio gioiello e per capirlo ci sono bastati soltanto i primi capitoli del gioco. Se anche voi, come il sottoscritto, siete amanti della serie e avete trovato in Goro Majima il vostro amore videoludico beh, non avete assolutamente alcuna motivazione per non farlo vostro. In caso contrario, siate pronti a salutare il vostro mignolo preferito!

L’articolo GameSource consiglia: Dieci giochi da recuperare proviene da GameSource.