Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

ASUS ha da poco aggiornato la sua scheda madre top di gamma per CPU Intel LGA 2066 introducendo ROG Rampage VI Extreme Omega, una motherboard davvero imponente in tutto, anche nel prezzo. Asus ROG Rampage VI Extreme Omega si basa sempre sul chipset Intel X299 ed è compatibile con i processori KabyLake X e SkyLake X.

Asus in questa revisione della porta bandiere di casa ROG, ha introdotto diverse migliorie, come il supporto a 128 GB di RAM DDR4, si avete letto bene, connettività Ethernet 10 Gb, un modulo Wi-Fi migliorato e un dissipatore per i VRM più efficiente grazie all’aggiunta di due ventole.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Di seguito le caratteristiche principali:

CPU Socket Intel LGA 2066
Chipset Intel X299
Form factor EATX
Memory 8 x DDR4 (Max 128 GB)
Up to DDR4-4266+ (OC)
Multi-GPU 3-way SLI/3-way CFX
PCIe slots 3 x PCIe 3.0 x16 (x16/x16, x16/x8/x8) *44-lane CPU
1 x PCIe 3.0 x16 (x4)
SATA 6Gbps 6
M.2 3 x M.2 2242~22110 (PCIe)
1 x M.2 2242-2280 (PCIe)
USB 3.1 Gen 2 1 x front
1 x Type-C
1 x Type-A
USB 3.1 Gen 1 14
Networking Intel I211-AT 1G Ethernet
Aquantia AQC-107 10G Ethernet

Come detto prima Asus ROG Rampage VI Extreme Omega è compatibile sia con le ormai defunte CPU quad core Kaby Lake X, e sia con le CPU SkyLake X, compreso il strabiliante Core I9 7960X da ben 16 core e 32 thread.

Entrambe le architetture, anche se ormai una non è più presente sul mercato dato l’enorme insuccesso, dispongono di CPU con processi produttivi a 14 nanometri Finfet++.

Kaby Lake-X Skylake-X
CPU cores 4 6, 8, 10, 12, 14, 16
Cache 8 MB 13.75 MB
PCIe support PCIe 3.0 (16 lanes) PCIe 3.0 (44/28 lanes)
Integrated graphics No No
TDP 112W 140W
Socket LGA 2066 LGA 2066
Chipset X299 X299
Memory support Dual DDR4 Quad-channel DDR4

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

La confezione che racchiude Asus ROG Rampage VI Extreme Omega presenta lo stesso layout di tutte le confezioni ROG. Lo sfondo è di colore nero e grigio, sulla sinistra troviamo il nome del prodotto con una colorazione argentata e in alto a destra troviamo l’iconico occhio ROG.

Sul retro troviamo tutte le principali caratteristiche della scheda madre.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

La confezione si apre a scrigno, come se contenesse un diamante prezioso, e troviamo subito Asus ROG Rampage VI Extreme Omega ricoperta da un guscio di plastica.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Il bundle è tra i più ricchi in circolazione. Oltre al manuale di istruzioni, troviamo:

  • Sticker a tema ROG;
  • Cavi SATA 6 Gb/s;
  • Penna USB contenente i driver e le varie suite di applicazioni;
  • Fan controller con il relativo cavo di alimentazione;
  • Giravite;
  • SLI Bridge HB;
  • Prolunghe LED Aura;
  • Antenna Wi-FI;
  • Modulo DIMM2 M.2 che aggiunge altre due porte SATA M.2, fungendo anche da dissipatore.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Una volta tolta Asus ROG Rampage VI Extreme Omega dalla confezione possiamo ammirarla in tutto il suo splendore. La scheda già dal primo contatto si dimostra estremamente robusta e ben costruita.

La scheda ha ha un form Factor Extended ATX (E-ATX), ed è più larga delle comuni motherboard con forma ATX.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Al centri di Asus ROG Rampage VI Extreme Omega troviamo l’enorme Socket dotato di 2066 pin e appositamente coperto da una cover in plastica marchiata Republic of Gamer, in modo da prevenire danni accidentali durante il trasporto.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega
Attorno al Socket troviamo non quattro, ma ben otto banchi di RAM DDR4 con supporto al quad Channel. Come detto ad inizio recensione, possiamo installare un massimo di 128 GB di RAM con un frequenza massima di 4266 Mhz. P

Purtroppo non vi è alcun supporto per le memorie da server con tecnologia ECC, un vero peccato perché la scheda madre supporta anche le CPU della famiglia Xeon. Come ogni scheda madre che si basa su chipset Intel, troviamo il pieno supporto alle memorie con tecnologia XMP (Intel Extreme Memory Profile).

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega
Accanto ai moduli di RAM troviamo un nono modulo, che apparentemente sembra simile agli altri. Si tratta dell’alloggio per il modulo DIMM 2, una scheda di espansione collegata direttamente alle linee PCIe della CPU, che ci permetterà di collegare altri due SSD di tipo M.2.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

La scheda di espansione è dotata inoltre di una copertura il alluminio con applicato un pad termico in ambo i lati, in modo da fungere da dissipatore per i due dischi.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Sopra il Socket di Asus ROG Rampage VI Extreme Omega troviamo un enorme heatsink attivo, al suo interno troviamo due piccole ventole che si attiveranno quando i VRM superano la temperatura di 60°. Troviamo poi un heatpipe che collega l’heatsink con un’altro posto sopra le porte I/O.

In questa seconda piastra di raffreddamento troviamo inoltre una copertura di plexiglas specchiata dotata di LED RGB compatibili con il sistema di illuminazione AURA Sync.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

È presente anche un display OLED compatibile con Live Dash, la stessa applicazione che serve per modificare il display di ASUS Rog Ryujin 240, dove possiamo visualizzare ogni informazione del nostro PC, come temperatura e frequenza della CPU. Sotto all’enorme heatsink troviamo, oltre ai VRM, anche 18 fasi di alimentazione gestite dal controller PWM.

A differenza di quanto accade nelle altre schede madri, su Asus ROG Rampage VI Extreme Omega è completamente assento il Doubler, quindi il controller PWM gestirà direttamente ogni singola fase di alimentazione. Vicino al heatsink troviamo due connettori ad 8 Pin, il cui compito è quello di alimentare la CPU.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Sotto il Socket troviamo le varie porte PCIe: due da 16x raggiunte entrambe elettronicamente da 16 linee della CPU; una fisicamente da 16x ma raggiunta solo da 8 linee, che funzionerà poi a 4x se colleghiamo il modulo DIMM 2; una da 4x raggiunta da solo 4 linee.

Tutte le porte PCIe da 16x sono rinforzate, in modo da non provocare dei piegamenti se ci installiamo una scheda grafica estremamente pesante.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega, come qualsiasi scheda madre di alto livello, supporta il multi GPU. A seconda della CPU che installeremo e dalle linee PCIe che avremo a disposizione, 28 o 44, ci ritroveremo:

  • Supporto a NVIDIA® 4-Way SLI™ Technology *
  • Supporto a NVIDIA® 3-Way SLI™ Technology
  • Supporto a NVIDIA® 2-Way SLI™ Technology
  • Supporto a AMD 4-Way CrossFireX Technology *
  • Supporto a AMD 3-Way CrossFireX™ Technology
  • Supporto a AMD 2-Way CrossFireX Technology

* CPU con 28 linee PCIe possono supportare solo 3-Way SLI™/ 3-Way CrossFireX™.

Le porte PCIe sono circondate da un heatsink di allumino, dove una volta smontato, troviamo gli alloggi per i dischi SSD M.2, uno con misura fino a 22110, e un’altro con misura fino a 2280. Questo heatsink inoltre funge da dissipatore passivo, infatti troviamo due pad termici.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

La dissipazione del PCH è affidata ad un heatsink passivo, caratterizzato dalla presenza dell’iconico occhio ROG ed è dotato di illuminazione RGB compatibile con AURA Sync.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Ai piedi di Asus ROG Rampage VI Extreme Omega troviamo i vari header per collegare le USB 2.0 e 3.0, il ROG Node, i Led sia ARGB che RGB e il pannello audio frontale. Sono presenti anche i pulsante di accensione e di reset e diversi header per collegare i sensori di temperatura.

Troviamo anche un molex che serve per fornire maggiore corrente alle porte PCIe.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Sul latro destro di Asus ROG Rampage VI Extreme Omega troviamo 6 porte Sata 6 Gb/s, una porta U.2, una porta USB 3.0, una porta USB 3.1 e diversi connettori 4 Pin PWM per le ventole e/o pompe.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

Sul lato sinistro troviamo tutte le porte I/O e Asus ROG Rampage VI Extreme Omega è davvero ben fornita. Troviamo:

  • 2 x USB 3.1 Gen 2 Type-A + USB Type-CTM;
  • 10 x USB 3.1 Gen 1 (blue);
  • 1 x Optical S/PDIF out;
  • 1 x Clear CMOS button;
  • 1 x USB BIOS Flashback button;
  • 1 x ASUS Wi-Fi Module;
  • 5 x LED-illuminated audio jacks;
  • 1 x Aquantia AQC-107 10G LAN port;
  • Anti-surge LAN (RJ45) port.

È giunto il momento di testare la nuova scheda madre Asus ROG Rampage VI Extreme Omega. La configurazione di prova è composta da:

  • Intel Core i9 7960X;
  • Asus ROG Rampage VI Extreme Omega;
  • Asus Turbo Geforce RTX 2080Ti;
  • 4×8 GB Corsair Vengeance LED 3200 Mhz XMP attivo;
  • Asus Thor 850W 80+ Platinum;
  • Samsung SSD 970 EVO;
  • Windows 10 PRO 64 Bit.

Tutto il sistema, quindi CPU e GPU, è raffreddato a liquido utilizzando due radiatori EK da 360 con spessore da 60 millimetri. Abbiamo testato ogni parte di Asus ROG Rampage VI Extreme Omega utilizzando diversi benchmark sintetici e videogiochi. Il primo test che abbiamo eseguito fu Cinebench R15, noto benchmark per CPU che simula una situazione di rendering, ottimo per testare la potenza del nostro processore e verificare la sua stabilità qualora saremo in una situazione di over-clock . Intel Core i9 7960x grazie ad Asus ROG Rampage VI Extreme Omega ha totalizzato un punteggio in single thread di 194 CB, mentre in multi thread ha totalizzato 3153 CB. Il secondo test che abbiamo utilizzato è V-Ray, un’altro benchmark che simula una situazione di rendering. Qua il punteggio viene espresso in tempo di elaborazione, quindi basso è meglio. Con Intel Core i9 7960x e Asus ROG Rampage VI Extreme Omega abbiamo eseguito la scena di rendering in 43 secondi, un risultato davvero strabiliante. Successivamente abbiamo utilizzato 7-Zip, noto programma di compressione e decompressione di archivi che sfrutta il multi thread. In compressione l’accoppiata ha ottenuto un punteggio di 81 MB/s, mentre in decompressione ha ottenuto un punteggio di 1395 MB/s. Per testare i quattro moduli da 8 GB DDR4 di Corsair Vengenace 3200 Mhz CL 16, abbiamo utilizzato AIDA 64. Con XMP attivo, le memorie in accoppiata con Asus ROG Rampage VI Extreme Omega, hanno totalizzato in lettura 89.743 MB/s, in scrittura 77.871 MB/s e in copia 76.230 MB/s.

Non poteva mancare di certo un test con la nota suite 3D Mark. Abbiamo utilizzato lo scenario Time Spy, che sfrutta le librerie proprietarie di Microsoft DirectX 12. Il nostro sistema ha totalizzato un Total Score di 12930 punti, mentre la solo CPU ha totalizzato un punteggio di 11432 punti. Infine abbiamo provato l’accoppiata Intel i9 7960x e Asus ROG Rampage VI Extreme Omega con videogiochi, per la precisione Shadow Of The Tomb Raider e Far Cry 5. Per Shadow of the Tomb Raider abbiamo utilizzato le stesse impostazione grafiche che utilizziamo durante le nostre recensioni delle GPU, quindi preset ultra, DirectX 12 attive e antialiasing impostato du TAA. Con risoluzione 1920 x 1080 pixel, abbiamo raggiunto 137 FPS medi, denotando un leggero collo di bottiglia, facilmente superabile overcloccando leggermente la CPU. Con risoluzione 2560 x 1440 pixel, abbiamo ottenuto invece 110 FPS medi, e qui il collo di bottiglia era praticamente assente.

Anche per Farc Cry 5 abbiamo utilizzato le medesime impostazioni grafiche che utilizziamo durante le altre recensioni, quindi preset ultra e HDR attivo. Con risoluzione 1920 x 1080 pixel abbiamo ottenuto 110 FPS medi, denotano un collo di bottiglia abbastanza evidente, perché con un Intel Core i9 9900k guadagniamo circa 20 FSP nel suddetto titolo. Invece a risoluzione 2560 x 1440 pixel l’accoppiata ha totalizzato 107 FPS medi, e questo ci fa capire quanto evidente fosse il bottleneckt in Full HD. Nonostante ciò anche in WQHD denotiamo il collo di bottiglia, però più leggero rispetto alla risoluzione 1080p. Asus ROG Rampage VI Extreme Omega è una motherboard sviluppata pensando all’overclock, infatti lo si nota anche dall’elevato numero di fasi, ben 18. Il BIOS è il solito con cui Asus ci ha abituato da qualche anno, risultando estremamente semplice ed intuitivo. Esso è una delle parti fondamentali della scheda madre perché ci permette di modificare ogni aspetto di ogni componente, come la frequenza della CPU, il voltaggio e i timing delle RAM. È possibile inoltre monitorare le varie temperature, creare un sistema RAID, e modificare la velocità delle ventole collegate alla scheda madre.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega

I VRM, il componente che scalda di più in una scheda madre, su Asus ROG Rampage VI Extreme Omega risultano essere estremamente freddi, questo grazie all’enorme heatsink in dotazione e alle due ventole presenti su di esso. Sia con la CPU a default che in overclock, i VRM hanno raggiunto la temperatura massima di 61° e le due ventole sono entrate in azione pochissime volte, rimanendo quasi inaudibili.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega


Asus ROG Rampage VI Extreme Omega è una scheda madre davvero sorprendete. Tante sono le features con questo nuovo prodotto, come il supporto a 128 GB di Ram e la porta ethernet da 10 Gb/s. La scheda vanta lo strepitoso design Asus ROG, ed è estremamente bella da vedere e si presta bene nelle build da Gaming. I vari heatsink che troviamo, quello per i due SSD M.2 e per il PCH, visto le loro enormi dimensioni, conferiscono ad Asus ROG Rampage VI Extreme Omega un’enorme robustezza. I VRM, punto critico di ogni scheda madre, qua sono estremamente freschi grazie alla dissipazione passiva. Il bundle è uno dei più ricchi e completi che abbiamo mai visto. Se siete alla ricerca di una scheda madre che si adatti sia all’utilizzo ludico che lavorativo e che abbia potenza da vendere, Asus ROG Rampage VI Extreme Omega potrebbe essere la scelta giusta. Se invece siete alla ricerca di un prodotto prettamente per utilizzo ludico, vi consigliamo di rivolgervi ad altro, sia perché con una piattaforma Z390 avrete performance migliori, e perché andreste a spendere di più per avere meno FPS in gioco.

Asus ROG Rampage VI Extreme Omega è acquistabile su Amazon al prezzo di 710€ iva inclusa.

L’articolo Asus ROG Rampage VI Extreme Omega – Recensione proviene da GameSource.