Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Ci sono poche certezze nella vita. Una di queste è che non potevamo farci scappare un Halloween senza un degno articolo sui videogiochi horror, sui loro protagonisti e su quali titoli inserire nella console per provare un po’ di brividi durante la notte delle streghe. Questa volta abbiamo deciso di approcciarci in modo differente alla trattazione e, per non propinarvi la classica lista di videogiochi trita e ritrita, abbiamo deciso di proporvi la nostra personale classifica dei dieci mostri più spaventosi che è possibile incontrare nei mondi virtuali. Sicuramente ci siamo dimenticati di qualcuno, e sicuramente molti di voi non saranno d’accoro con le posizioni assengate – e con una classifica decisamene sbilanciata verso Resident Evil, ma che ci volete fare, con RE2 Remake ormai alle porte e gli editoriali a cui stiamo lavorando non poteva che essere così – ma non preoccupatevi: il prossimo anno (e quelli successivi) ci troverete sempre pronti a instillare in voi la paura trattando i giochi più paurosi di sempre.

i 10 mostri più paurosi dei videogiochi

1 – Pyramid Head (Silent Hill 2)
Il punitore dei peccatori, il mostro più iconico dell’intera serie di Silent Hill, non poteva che occupare il primo posto della nostra classifica. Il Pyramid Head incarna tutte le caratteristiche del mostro perfetto per il videogioco horror: un character design malato e grottesco e attacchi in grado di dare parecchio filo da torcere al giocatore, il tutto calato in uno scenario di gioco che a nostro modesto parere è il punto più alto mai toccato dall’intera saga di Silent Hill, per non dire uno dei mondi più paurosi dell’intera produzione survival horror.

2 – Zombi (Resident Evil)
Dove tutto è cominciato: là, in quella casa, in fondo al corridoio. Lo zombi alla Romero sarà ormai roba vecchia: lento, impacciato e affamato di cervelli che difficilmente riuscirà a raggiungere se non attaccando in branco. Niente che un buon fucile d’assalto non sia in grado di ridimensionare da minaccia a mera carne morta (stavolta nel vero senso della parola). Resta però quel fascino tanto anni Novanta, quella patina di terrore puro che mai potrà farci dimenticare il brivido lungo la schiena provato incrociando quello sguardo.

3 – Lisa (P.T.)
Non c’è che dire, soltanto il Re Mida videoludico Hideo Kojima poteva spaventarci così tanto con un teaser trailer. Il trailer giocabile P.T. – di cui avremmo tempo dopo ritrovato il feeling in Resident Evil VII – è stato una delle esperienze più disturbanti del periodo in cui ancora potevamo sperare in un ritorno in pompa magna di Silent Hill. Anche oggi che il sogno è scemato, il Playable Trailer di Kojima merita di essere ricordato per Lisa, sventurata giovane uccisa con due colpi di fucile dal marito (uno all’occhio e uno allo stomaco) durante la gravidanza. Uno spirito, insomma, che ha tutto il diritto di essere arrabbiato, e che lo dimostra sfogando questa furia sul giocatore in una serie di eventi scriptati in grado ogni volta di far sporcare le mutande.

4 – Sadist (The Evil Within)
Se a Laura (che guadagna il sesto posto in questa nostra classifica) va il primato come creatura più creepy di The Evil Within, il sadist merita di essere inserito in questa lista come il più classico dei mostri alla Leatherface: grembiule da macellaio ricoperto di sangue, maschera in volto e motosega tra le mani sono tra le caratteristiche chiave di questo personaggio. Sarà che la motosega ci ricorda tanto The Evil Dead, sarà che la regia della scena – nei primi minuti di gioco – è davvero ben fatta, ma questo scoppiettante inizio fa innamorare da subito dell’avventura. Parliamo ovviamente ai fan dell’horror, perchè i giocatori impressionabili farebbero meglio a stare alla larga da questo titolo decisamente disturbante.

5- Anima errante (Doom 3)
In Doom non ci sono spietate case farmaceutiche, virus letali o altre sperimentazioni. In Doom c’è l’Inferno. Quello vero, con la I maiuscola, che viene letteralmente vomitato a pezzi su Marte (o sulla Terra, dipende dal capitolo) e costringe il marine protagonista a vedersela direttamente con le peggiori creature demoniache. Tra queste, l’anima errante è sicuramente la più semplice: un teschio volante che attacca il giocatore a gran velocità. In Doom 3, però, nelle prime fasi di gioco assistiamo al momento in cui il demone rende possesso di un’umana per poi trasformarsi, scena decisamente tra le più cruente e che dà un certo spessore a questo tipo di mostro.

6 – Laura (The Evil Within)
Se da una parte The Evil Within ha deluso quanti da Mikami si aspettavano una rinascita del Resident Evil originale, il regista ha comunque confezionato un survival horror di tutto rispetto, dando sfogo alla sua vena più gore. Laura è un chiaro esempio della deriva grottesca incontro a cui è andata la fantasia degli sviluppatori: il primo incontro con una donna in grado di farci provare emozioni non si scorda mai, soprattutto in casi come questo, dove i più deboli di stomaco avranno sicuramente mollato il pad e fatto una corsa a cambiare i pantaloni.

7 – Lurker (Dead Space)
L’intera trilogia dedicata alle avventure di Isaac è terrificante: una via di mezzo tra Alien, Doom e Resident Evil, Dead Space è un gioco in grado di regalare più di un salto sulla sedia. Tra gli innumerevoli necromorfi mutati dal Marchio ne abbiamo scelto uno in particolare: il Lurker – una sorta di neonato con dei pericolosi tentacoli da staccare uno alla volta per sconfiggerlo – è sicuramente annoverato tra i mostri più disturbanti di tutta l’esperienza nello spazio morto, dove nessuno può sentirti urlare (cit.).

8 – Licker (Resident Evil 2)
Se al primo Resident Evil va il merito di aver sdoganato il ruolo degli zombi nel mondo videoludico moderno, Resident Evil 2 va ricordato per la creazione di alcuni trai più iconici antagonisti dell’intera saga. Come dimentcarsi, in particolare, del licker che Leon incontra poco dopo aver varcato la soglia della stazione di polizia? Il mostro – una sorta di simbionte lingualunga alla Carnage, senza calotta cranica e con il cervello in evidenza – è proprio nel luogo che dovrebbe essere il più sicuro della città, cosa che contribuisce ancora di più a renderlo spaventoso e a trasmettere al giocatore la sensazione del pericolo celato dietro ogni angolo.

9 – Nemesis (Resident Evil 3)
Resident Evil 3 paga un po’ troppo le conseguenze del ritrovarsi schiacciato a panino tra due titoli storici della saga: da una parte quel Resident Evil 2 che ha definitivamente sdoganato il genere del survival horror, dall’altra quel Resident Evil 4 che avrebbe gettato le basi per la rivoluzione action dell’intero genere (ma che a suo tempo appariva come il punto più alto mai raggiunto dall’ip di Capcom). Nonostante questo suo passaggio agli annali un po’ in sordina rispetto agli altri capitoli, Resident Evil 3 ha il pregio di avere il Nemesis come antagonista principale. E che antagonista: a differenza dei ben più stupidi zombi il Nemesis sa aprire le porte, sfondare i muri e attaccare il giocatore quando meno se l’aspetta, condizione indispensabile per entrare in questa classifica come uno dei mostri più coriacei e spaventosi di sempre.

10 – Alma Wade (F.E.A.R.)
A chi non farebbe paura una bambina dai lughi capelli corvini con poteri psichici? Bisognerebbe proprio avere la pelle dura per non lasciarsi intimidire da Alma, e sfidiamo chiunque a non aver fatto almeno una volta un salto sulla sedia di fronte all’improvvisa apparizione della giovane vera protagonista della serie F.E.A.R., forse unico esempio di come un gioco possa spaventare anche se il protagonista è armato fino ai denti e (in teoria) perfettamente in grado di affrontare le minacce che lo circondano.

Anche quest’anno, insomma, non ci sono scuse: che amiate fare dolcetto o scherzetto o che vi infastidiscano i bambini che vi suonano il campanello chiedendo caramelle proprio mentre siete sul divano con il pad tra le mani, la vostra notte di Halloween videoludica merita di essere celebrata recuperando almeno per qualche ora uno dei titoli sopracitati. Buona notte delle streghe… e ricordatevi di lasciare almeno una luce accessa accanto alla console!

L’articolo Speciale Halloween: i 10 mostri più paurosi dei videogiochi proviene da GameSource.