Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Dead Space 3 è stato il gioco finale della saga creata da Visceral e prodotta da EA. L’action/horror non è riuscito a sopravvivere troppo a lungo, purtroppo, non a causa di uno scarso interesse da parte degli sviluppatori o per la mancanza di idee. Infatti, l’opera non ha venduto abbastanza per poter continuare ad esistere. Un gran peccato, sopratutto poiché Visceral pareva avere molte idee interessanti per un eventuale Dead Space 4.

Ben Wanat (ex creative director di Visceral, ora nella scuderia di Crystal Dynamics) ha parlato ai microfoni di Eurogamer.com svelando quali fossero, all’epoca, le intenzioni della SH.

L’idea era che tu stessi tentando di sopravvivere giorno dopo giorno contro navi infestate, cercando un barlume di vita, alla ricerca di risorse utili a mantenere la tua nave in movimento e tentando di trovare dei sopravvissuti.

dead space 2 e 3 retrocompatibili su Xbox one

Il team voleva anche creare un gameplay non lineare, oltre a introdurre delle meccaniche da survival game. Per quanto riguarda la storia, invece, l’idea era di mantenere una struttura episodica, divisa in capitoli, tentando di unire uno stile narrativo all’intero concetto del gameplay non lineare.

Avevo immaginato che saresti partito in una sezione spaziale, magari seguendo una scia di carcasse di navi fino a una stazione orbitale che ritenevi contenesse i componenti necessari alla sopravvivenza della tua nave. Avresti iniziato a farti un’idea di ciò che era accaduto nella regione combattendo contro i Necromorfi passando da nave a nave.

Dead Space 2 Dead Space 4

Wannat ha affermato che Visceral sapeva esattamente come sarebbe finito il gioco ma non ha voluto rivelarlo nel caso in cui EA decida, in futuro, di far rinascere il brand. Ha inoltre aggiunto:

Per quanto tutti volessero continuare a realizzare giochi su Dead Space, il costo dello sviluppo era troppo elevato rispetto agli introiti. […] Avrebbe significato dover abbassare di molto i costi. Penso che sarebbe stato necessario focalizzarci su alcune esperienze chiave: l’orrore, la tensione e il combattimento basato sullo smembramento degli arti. Avremmo dovuto abbandonare alcuni momenti di pura azione estremamente costosi da realizzare.

Non voglio dire troppo, ma dirò che abbiamo speso un po’ di tempo lavorando sulle origini dei Necromorfi e sullo scopo dell’umanità in questo oscuro universo. I giocatori troveranno una via di fuga dall’apocalisse dei Necromorfi? Direi di sì, ma potrebbero esserne dispiaciuti. Alle volte si rischia di imbattersi in un male ancora più grande…

È un peccato che Visceral Games non abbia potuto portare a termine la propria visione tramite Dead Space 4, ma se il pubblico non ha risposto nel modo corretto, non possiamo farci niente.

L’articolo Dead Space 4: gli sviluppatori avevano grandi idee per il progetto proviene da GameSource.