Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – Il primo ministro armeno, Nikol Pashinyan, ha denunciato un tentativo di colpo di stato militare dopo che 40 alti ufficiali dell’esercito, incluso il capo di stato maggiore, Onik Gasparyan, hanno chiesto le sue dimissioni. 

“Ritengo che la dichiarazione dello stato maggiore sia un tentativo di colpo di Stato militare“, ha scritto il premier su Facebook, “invito tutti i nostri sostenitori a riunirsi in piazza della Repubblica”, a Erevan.

La nota firmata da Gasparyan esprime una “forte protesta” contro il licenziamento del vice capo di stato maggiore, Tiran Khachatryan, per ragioni definite “superficiali e infondate”.

Ieri il presidente armeno, Armen Sarkissian, aveva firmato il decreto che rimuoveva Khachatryan in seguito a uno scontro con il governo, che aveva lamentato l’inefficienza dimostrata dai missili Iskander di fabbricazione russa nel recente conflitto con l’Azerbaigian per il controllo del Nagorno-Karabakh.

L’esito della guerra, conclusasi con un consolidamento delle rivendicazioni territoriali azere, ha scatenato un’ondata di rabbia popolare contro l’esecutivo guidato da Pashinyan.

Stanchi di sentirsi addosso tutta la responsabilità del risultato del conflitto, Pashinyan e i membri del suo governo sono quindi passati all’attacco, lamentando l’inefficienza degli armamenti russi in dotazione all’esercito.

Di recente Khachatryan aveva commentato con una risata sprezzante un commento di Pashinyan a proposito degli Iskander che “non esplodevano” o “esplodevano del 10%”, affermando che simili affermazioni “non potevano essere serie”.

Poco dopo il numero due delle forze armate sarebbe stato licenziato, una decisione che, secondo la nota dei militari, “è stata presa senza tenere conto degli interessi nazionali e statali dell’Armenia ma solo sulla base di sentimenti e ambizioni personali”.

“La decisione, presa in circostanze difficili per l’Armenia, è antistatale e irresponsabile”, prosegue il comunicato, secondo il quale il premier armeno e il suo governo “non sono piu’ in grado di prendere decisioni adeguate in questa situazione critica, cruciale per il popolo armeno”.

“Le forze armate armene hanno tollerato a lungo gli attacchi delle autorità mirati a screditare le forze armate ma ogni cosa ha il suo limite”, conclude la nota, “date le circostanze, le forze armate armene chiedono le dimissioni immediate del primo ministro e del governo e li avvertono di non utilizzare la forza contro la gente i cui figli sono morti difendendo la madrepatria”.