Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Per alcuni è una redazione investigativa da premio Pulitzer, per altri una testata che pubblica scoop anche senza verificarli, per ammissione del suo stesso direttore. Dopo le rivelazioni sulla presunta trattativa per finanziare la Lega con soldi russi, BuzzFeed News è tornata al centro dell’attenzione. Nata 7 anni fa dalla costola di BuzzFeed, un sito di informazione e intrattenimento per il web con 1700 dipendenti e ricavi annui che superano i 150 milioni di dollari, BuzzFeed News è diretta da Ben Smith, 43 anni, giornalista di New York, figlio di un giudice di corte d’appello. Dal 2016 la redazione ha una squadra di venti giornalisti investigativi, guidata da Mark Schoofs, premio Pulitzer, l’oscar americano per il giornalismo.

La testata, che su Twitter ha 1,3 milioni di follower, e dal 18 luglio 2018 ha un sito web proprio staccato dalla “casa madre”, rivelò la storia delle molestie sessuali di Kevin Spacey nei confronti di un giovane attore (denunce poi ritirare), ed è stata due volte finalista al Pulitzer. Ma ha fatto parlare di sè anche per “scoop” controversi.

La polemica sul Rapporto Steele

Il primo, nel gennaio 2017, ha riguardato la pubblicazione del Rapporto Steele, dal nome dell’ex capo dell’ufficio di Mosca dell’M16, i Servizi segreti britannici, Christopher Steele, in cui si rivelava di come la Russia da cinque anni stesse lavorando per favorire l’ascesa di Donald Trump alla Casa Bianca e dell’offerta di Mosca di offrire il contenuto delle email di Hillary Clinton hackerate. Nelle 35 pagine del dossier pubblicate da BuzzFeed si faceva cenno anche a un tentativo di Trump di mettere a tacere una storia riguardo “prestazioni sessuali” con prostitute russe.

Mentre New York Times e Nbc News si rifiutarono di pubblicare il documento per “mancanza di prove evidenti”, Smith lo fece, informando i lettori, che il dossier “non era stato verificato” e includeva “errori evidenti”. La redazione, aveva aggiunto il direttore, stava comunque lavorando per trovare conferme. “Intanto – aveva chiosato – lo condividiamo con i lettori, è il nostro modo di essere trasparenti”. Trump lo definì “cumulo di spazzatura”, mentre Jake Tapper, un giornalista della Cnn, network non vicino al presidente, lo aveva bollato come “atto irresponsabile”.

Citata in giudizio per diffamazione da un uomo d’affari, Aleksej Gubarev, il cui nome era apparso nel dossier, nel dicembre 2018 BuzzFeed si è vista pero’ riconosciuta la qualità del proprio lavoro. Secondo il giudice, l’articolo era risultato “corretto e veritiero”, poiché si era limitato a pubblicare un documento originale, senza aggiungere commenti.

Quel presunto scoop smentito da Mueller

Nel gennaio di quest’anno, la testata è finita di nuovo nella bufera per un’altra rivelazione, sempre legata ai rapporti tra Mosca e Trump: il presidente, sosteneva BuzzFeed, aveva ordinato al suo avvocato, Michael Cohen, di mentire al Congresso riguardo la tempistica delle relazioni con la Russia per la costruzione della Trump Tower a Mosca. Si sosteneva che i colloqui fossero avvenuti durante la campagna presidenziale, cosa vietata negli Stati Uniti.

La rivelazione di BuzzFeed fece il giro del mondo, mentre i democratici valutarono l’ipotesi di impeachment, ma due giorni dopo la notizia ricevette la smentita ufficiale del procuratore speciale, Robert Mueller. Rompendo per la prima e unica volta il silenzio in due anni, il procuratore bollò come “inaccurata” la ricostruzione giornalistica. Con la chiusura dell’inchiesta sul Russiagate, BuzzFeed pubblicò un articolo dal titolo “Il rapporto Mueller dice che Trump non chiese a Michael Cohen di mentire”.

Le domande a Salvini

Nonostante qualche scivolone, l’agenzia americana indipendente NewsGuard, che stila pagelle sulla qualità di informazione dei siti giornalisti, in passato ha promosso BuzzFeed con il massimo dei voti. “La redazione è formata da giornalisti esperti – ha commentato all’Agi una fonte interna di NewsGuard – nel caso italiano sono comparse anche registrazioni, e ci risulta che abbiano inviato domande a Matteo Salvini per verificare l’informazione”.

Da parte sua, Alberto Nardelli, il giornalista di BuzzFeed che firmato l’articolo sui presunti finanziamenti russi, dal suo profilo Twitter ha rivolto tre domande a Salvini. La prima: “Quale è la sua relazione con Savoini? Per quale motivo un uomo che non ricopre alcun ruolo ufficiale nel governo partecipa a viaggi ufficiali a Mosca con il ministro, sedendo nelle riunioni con ministri russi e partecipando a cene con il presidente Putin? In che ruolo fa tutto questo?”.

E ancora: “Cosa sa Salvini sull’incontro al Metropol del 18 ottobre. Era consapevole della trattativa e della proposta di accordo per finanziare il suo partito e la campagna elettorale? Sa quali altri italiani hanno partecipato alla riunione?”. E infine: “Cosa ha fatto Salvini la sera del 17 ottobre a Mosca dopo aver parlato alla conferenza al Lotte Hotel? E come mai i funzionari russi che avrebbe incontrato quella sera vengono poi nominati il giorno successivo durante l’incontro al Metropol Hotel?”.