Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Non è stata la Russia a voltare le spalle al G8 (ora G7) e in ogni caso ora la Shanghai Cooperation Organization (Sco) è più forte su certi aspetti, per esempio la forza del potere d'acquisto. Parola del presidente russo Vladmir Putin che, nelle ore convulse di botta e risposta tra gli alleati del G7, ha voluto togliersi qualche sassolino dalla scarpa. "Per quanto riguarda il ritorno della Russia da 7 a 8, non abbiamo lasciato noi", ha detto in una conferenza stampa a Qingdao, a conclusione del vertice.

Cos'è la Sco

Lo Sco è l'alleanza regionale guidata da Cina e Russia, di cui fanno parte Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan e, dallo scorso anno, anche India e Pakistan. Il vertice si è concluso poco dopo il summit in Canada, che è stato segnato dalle forti divisioni tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i suoi alleati, innanzitutto per le politiche commerciali di Washington: il vertice è finito con un testa-a-testa pressocchè frontale, quando Trump si è sfilato dalla dichiarazione comune e ha definito il premier canadese, Justin Trudeau, "debole e disonesto".

Sollecitato sul battibecco al G7, Putin ha detto che le azioni di Trump possono "danneggiare gli interessi economici" dei Paesi europei, così come colpiscono l'economia globale. E poi ha aggiunto comunque che il formato dello Sco è in qualche modo più efficace e gli otto Paesi membri dell'organizzazione hanno già superato il G7 per la capacità del potere d'acquisto. "Se calcoliamo il reddito pro capite, i sette Paesi del G7 sono più ricchi, ma la dimensioni delle economie della Sco è più grande. E la popolazione è naturalmente molto più grande, la metà del pianeta".

Le prerogative della Sco

Nel corso del suo intervento il presidente aveva ripetuto il suo appoggio ai governi di Siria e Iran, sottolineando che la priorità di questo blocco regionale deve essere la lotta al terrorismo. "Una delle priorità della Sco dovrebbe essere la reciproca assistenza diplomatica nei conflitti vicini alle nostre frontiere". Ad ascoltarlo, non solo i leader del blocco, ma anche i presidenti di Iran, Afghanistan, Bielorussia e Mongolia, membri osservatori dell'organizzazione. Il presidente russo ha anche sottolineato la preoccupazione di Mosca per il ritiro statunitense dall'accordo nucleare del 2015 con l'Iran, un passo indietro che – a suo avviso – "potrebbe destabilizzare ulteriormente la situazione". E in risposta alla defezione americana, ha chiesto un'attuazione "coerente e completa" dell'accordo (il cosiddetto Piano d'azione congiunto) tra Iran, Ue e i cinque paesi firmatari (Russia, Cina, Francia, Regno Unito e Germania).

Sul conflitto siriano, Putin ha sottolineato come siano stati raggiunti "risultati significativi nella lotta contro il terrorismo", tema che è "prioritario" della Sco, "grazie agli sforzi del governo di Siria con Russia, Turchia, Iran e altri partner". "L'attività del terrorismo nel Paese è stata soffocata, aprendo la strada a una soluzione politica del conflitto"; e ha aggiunto che il regime di Bashar al-Assad adesso controlla il territorio in cui abita il 90 per cento della popolazione del Paese.

"Il governo siriano ha adempiuto i suoi obblighi e ha mostrato interesse per l'apertura di un dialogo politico, ora la palla è all'opposizione". Il presidente russo ha anche ricordato il riavvicinamento tra Stati Uniti e Corea del Nord, che sarà sancito dallo storico vertice martedì 12 giugno tra il presidente Usa, Donald Trump, e quello nordcoreano Kim Jong-un, ma ha sottolineato in particolare "l'importanza del ruolo della Cina per risolvere la crisi". Infine, rivolto al presidente afgano Ashraf Ghani, Putin ha detto che la Sco dovrebbe attribuire particolare importanza alla situazione nel Paese e concentrarsi su "lotta al terrorismo e produzione di droga" e "affiancare la riconciliazione nazionale, la ripresa economica e la stabilizzazione" del martoriato Paese. 

Flag Counter