Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Sta bene a tutti, snellisce e non passa mai di moda. Quando ci si prepara a un appuntamento galante e non si ha bene idea di cosa indossare, con un bel 'total black' non si sbaglia mai, insegna la saggezza popolare. Saggezza popolare che ora ha una solida base scientifica. Uno studio pubblicato dalla prestigiosa rivista Nature ha infatti spiegato, osservando la danza di corteggiamento degli uccelli del paradiso, perché il colore nero ci rende più attraenti di fronte ai potenziali partner. E, quel che vale per gli esotici volatili, vale anche per noi esseri umani.

La ricerca ha preso in esame sei specie diverse di uccelli del paradiso, da quelli australiani a quelli indonesiani. È emerso che a sedurre la femmina non sono i movimenti ipnotici che il maschio fa aprendo le ali ma il profondo nero del piumaggio, che assorbe il 99,95% della luce rendendo, per contrasto, più brillanti i colori dell'ambiente circostante. Ciò genera intorno all'animale una sorta di aura che le partner trovano seducente. "La giustapposizione del nero più scuro e dei colori crea sia per l'occhio avicolo che per quello umano quella che è essenzialmente un'illusione ottica evoluta", spiega Dakota McCoy, biologo dell'Università di Harvard che ha cofirmato lo studio insieme ai colleghi di Yale e dello Smithsonian National Museum of Natural History, "questo studio dimostra che il nero ci fa brillare".

Questa scoperta potrebbe avere rilevanti applicazioni anche in campo tecnologico, spiega Rick Prum dell'Università di Yale. Ad esempio, sottolinea Quartz, i bordi delle penne degli uccelli del paradiso, che sono frastagliati per assorbire più luce, potrebbero ispirare la forma di nuovi pannelli solari più efficienti. Non solo, la Nasa, che lavora da oltre dieci anni a un "super nero" che renda i suoi strumenti più sensibili, avrebbe vita più facile – spiega McCoy – studiando il piumaggio degli uccelli del paradiso piuttosto che i nanomateriali utilizzati di solito in questo campo della ricerca.