Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone
Video News
Oops, something went wrong.

"Libici e italiani sono amici. Abbiamo superato il retaggio dell'aggressione fascista", "ma devo dire che noi libici teniamo alla nostra indipendenza e sovranità. Nessuno può entrare con mezzi militari nelle nostre acque territoriali senza autorizzazione. Sarebbe un'invasione e abbiamo il diritto-dovere di difenderci, anche se chi ci attacca è molto più forte di noi. Vale per l'Italia come per qualsiasi altro Paese". Lo dice, intervistato dal 'Corriere della Sera' Khalifa Haftar. Il generale che controlla la Cirenaica, a proposito dell'accordo tra il nostro Paese e il governo di Serraj sottolinea come non ci sia stata "alcuna intesa con noi. Io non vi ho dato alcuna luce verde. Non solo, nessuno ci ha mai detto nulla. E' stato un fatto compiuto, imposto senza consultarci".

Sarraj dunque avrebbe violato le intese di cooperazione firmate a Parigi "ma la violazione è anche italiana. A Roma sono corresponsabili, sanno benissimo che Sarraj non ha alcuna autorità per permettere alle vostre navi di venire nelle nostre acque territoriali". "Nessuno mi ha detto nulla dall'Italia – ribadisce – Per me è stata una sorpresa totale. Dopo che ho protestato è venuto personalmente il numero due dei vostri servizi a scusarsi, promettendo che avrebbe investigato per capire dove a Roma avevano sbagliato".

Leggi anche: Le minacce di Haftar non spaventano l'Italia

Secondo Haftar "il problema dei migranti non si risolve" sulle coste libiche: "se non partono più via mare ce li dobbiamo tenere noi e la cosa non è possibile", "dobbiamo lavorare per bloccare i flussi sui 4 mila chilometri del confine desertico libico nel Sud" e servirebbero "20 miliardi di dollari distribuiti su 20 o 25 anni per i Paesi europei uniti in uno sforzo collettivo". Una cifra alta ma "nulla se paragonata a quella che l'Europa stanzia per Erdogan". 

Flag Counter
Video Games
Oops, something went wrong.