Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

L’abbonamento mensile potrebbe essere la prossima frontiera del mercato automobilistico. Marchi come Porsche, Cadillac e Volvo stanno sperimentando un meccanismo che consente agli automobilisti di guidare i propri veicoli per brevi periodi di tempo.

Certo, per il momento il costo di questi abbonamenti è ancora decisamente elevato – partono da 600 dollari al mese – ma il tentativo è sperimentare nuovi modelli che servano a mettere un freno al crollo delle vendite.

Dal suv alla supersportiva

Nel 2017, per la prima volta in otto anni, negli Stati Uniti il numero di veicoli nuovi venduti è diminuito. Alcune case automobilistiche si sono quindi mosse nella direzione di offrire al cliente soluzioni di leasing a breve termine. Cadillac, per esempio, ha avviato il progetto Book. Per 1.800 dollari al mese si possono cambiare diciotto auto nel corso di un anno, a scelta tra cinque diversi modelli – dalle più sportive al suv Escalade, prezzo di mercato superiore a centomila euro.

L’accesso è la nuova proprietà

Unica limitazione: massimo duemila chilometri al mese e non più di trenta giorni di affitto consecutivo, anche se c’è un bonus per il rinnovo. Incluse nell’abbonamento ci sono le spese di assicurazione, la manutenzione e le tasse varie che generalmente si devono affrontare al momento di acquistare un mezzo. Il servizio è già attivo a New York e presto arriverà anche a Los Angeles e Dallas. Una volta iscritti, per guidare la propria Cadillac è sufficiente connettersi all’apposita app e selezionare il modello desiderato. L’auto verrà consegnata all’indirizzo indicato, senza nemmeno bisogno di spostarsi. “L’accesso è la nuova proprietà”, si legge sul sito del servizio.

Porsche senza limiti

Duemila euro al mese, tremila se volete anche la Panamera e la 911: Porsche Passport è un servizio simile a quello di Cadillac, ma non ha limiti di chilometraggio. “Vogliamo attrarre nuovi clienti – spiega il presidente della sezione nordamericana di Porsche, Klaus Zellmer -; magari chi ha bisogno di un suv in settimana e di un’auto più sportiva per il weekend”. Per il momento l’affitto è limitato all’area di Atlanta.

La soluzione più economica è quella offerta da Volvo. La casa svedese è anche l’unica ad aver attivato un servizio simile in Italia: si chiama Care by Volvo e con 699 euro al mese è possibile prenotare l’Xc40. L’ultimo modello, la V60, debutterà al Salone di Ginevra il prossimo 8 marzo, ma è già certo che farà parte del programma di abbonamento. Il prezzo, in questo caso, è però superiore (si parte dai 1.099 euro al mese).

Volvo, a differenza di Porsche, ha fissato un tetto massimo ai chilometri percorribili: non più di 15 mila all’anno. “Stiamo assistendo a un nuovo modo di avere un'auto", spiega il presidente e CEO di Volvo, Håkan Samuelsson. Un metodo che offre una tariffa fissa indipendentemente dall’età e dal luogo in cui si vive e che, secondo la rivista Fast Company, può “aiutare i produttori di auto in un mercato sempre più orientato dai servizi come Uber e Lyft”.

Flag Counter