Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – È morto a Roma Flavio Carboni, l’uomo d’affari al centro di tanti misteri italiani degli ultimi 40 anni.

Carboni, che aveva compiuto 90 anni da pochi giorni, è stato colpito da un infarto nella notte. Lo conferma all’AGI l’avvocato Renato Borzone, difensore storico di Carboni: “Poco fa i familiari mi hanno comunicato in lacrime il suo decesso”.

“Flavio Carboni ha speso tutta la sua vita a difendersi da accuse grottesche che non hanno mai condotto a nessuna condanna definitiva, tranne quella per la bancarotta del vecchio Banco Ambrosiano”. È il ricordo dell’avvocato Renato Borzone, difensore storico di Carboni.

“Tra le accuse più grottesche – ha detto il penalista all’AGI – il processo concluso con un’assoluzione sul cosiddetto ‘omicidio di Roberto Calvi’ e, da ultimo, il surreale processo P3, concluso con un nulla di fatto (per prescrizione)”. 

Flavio Carboni “dal punto di vista squisitamente umano – ha aggiunto l’avvocato Borzone – era di una simpatia unica, capace di slanci di grande generosità e di iniziative fuori dal comune, come quando, ad esempio, si costituì spontaneamente per il processo sulla morte di Calvi in una caserma dei carabinieri, circondata da personale della Dia che intendeva ugualmente procedere all’arresto benché lui si fosse già presentato”.

Chi era Carboni

Nato a Torralba (comune del Sassarese) nel 1932, Carboni era sulla breccia da almeno 50 anni, quando il suo attivismo e la sua curiosità lo portarono ad affacciarsi nel mondo dell’alta finanza. Gli sono state attribuite amicizie o frequentazioni pericolose come con l’ex 007 Francesco Pazienza o con l’allora capo della loggia massonica P2 Licio Gelli.

Ha avuto rapporti d’affari con l’imprenditore Silvio Berlusconi, non ancora sceso in politica.

A partire dal 1982 Carboni è stato più volte arrestato e processato, costretto a difendersi dalle accuse più disparate: dall’attentato al vicepresidente del Banco Ambrosiano Roberto Rosone all’omicidio del banchiere Roberto Calvi fino all’accusa di corruzione nell’ambito di una inchiesta sugli appalti per l’energia eolica in Sardegna, ‘costola’ del procedimento principale sulla cosiddetta P3.

E poi negli anni tante altre accuse di falso, truffa e bancarotta. L’unica condanna definitiva (8 anni e mezzo) è legata al crac del Banco Ambrosiano. Nel 2010, Carboni venne sentito come testimone anche sul rapimento di Emanuela Orlandi la quindicenne figlia di un commesso della Prefettura della casa pontificia