Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – Rimangono in carcere i carabinieri arrestati nell’inchiesta della Procura di Piacenza che ipotizza reati come lo spaccio di sostanze stupefacenti, la tortura, l’estorsione e le lesioni personali. Dopo gli interrogatori di garanzia il gip ha sciolto la riserva e ha respinto le istanze di scarcerazione presentate dai difensori di alcuni dei militari finiti in carcere. Tra questi l’appuntato Angelo Esposito, tra i primi ad essere sentito (venerdi’ scorso).

Il carabiniere davanti al giudice, si era detto “estraneo” a tutti i fatti contestati scoppiando più volte a piangere. “Per il mio assistito – ha spiegato il legale di Esposito, avvocato Pierpaolo Rivello – il gip ha detto che potrebbe commettere nuovi reati della stessa indole e che la sua versione dei fatti e’ completamente diversa rispetto alle dichiarazioni rese da Montella. Io avevo chiesto la revoca della misura o in alternativa la sua sostituzione. Il gip, invece, non ha preso in esame l’ipotesi della sostituzione”, ha concluso il difensore dell’appuntato. L’inchiesta ha portato al sequestro della caserma Levante e all’arresto di sei carabinieri, cinque in carcere ed uno ai domiciliari.