Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

“Un globo luminoso nel cielo, poi, un boato, come di un aereo che stesse precipitando. I vetri delle finestre hanno cominciato a tremare vistosamente. Mai sentito nulla di simile prima d’ora”. Il primo a raccontare il presunto avvistamento di un Ufo è stata, giovedì scorso, la Sentinella Canavese, quotidiano piemontese, che ha raccolto le prime testimonianze. “Era una sfera di grandi dimensioni, e molto bassa, che emanava una luce bianca e azzurra. Pochi secondi, poi, un rumore assordante, due aerei, forse due caccia, che sembrava la stessero inseguendo, finché tutti sono scomparsi dietro le montagne”.

La notizia è rimbalzata nel week end su decine di siti anche di quotidiani nazionali ed è atterrata addirittura in Parlamento: la deputata Pd Francesca Bonomo e il senatore Pd Mauro Marino hanno annunciato un’interrogazione parlamentare per fare, come si dice in questi casi, piena luce sull’accaduto. Le notizie pubblicate al momento sono poche e il rischio bufala è ancora alto.

Cosa è realmente accaduto mercoledì sera nelle valli del Canavese e sul cielo di Corio, secondo alcuni testimoni? Il quotidiano locale riporta una ricostruzione sul possibile percorso dell’oggetto non identificato: “Una volta sorvolato i cieli di questo lembo delle Alpi Graie, aver deviato verso l’alta Val Gallenca e la Valle Orco. C’è chi ha azzardato una spiegazione scientifica, parlando di fulmine globulare, un fenomeno raro, a volte molto breve ma di grande intensità luminosa, avvistabile anche non necessariamente in presenza di un temporale (nel forum che si è aperto si fa riferimento anche a un episodio verificatosi nella stessa zona nel Settecento), tesi confutata, però, per la presenza degli aerei che difficilmente darebbero la caccia a un fulmine”.

“Il Centro ufologico nazionale – riferiscono gli esperti del Cun – si basa su dati di prima mano e non commenta opinioni e studi ufologici fatti da altri operatori del settore. Per dati di prima mano intendiamo dati scientifici, rigorosi e logici. Non avendo in nostro possesso dati e/o elementi reali e concreti per poter certificare questo avvistamento, preferiamo in merito astenerci nel commentare”.