Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

È oggi la scadenza per mettersi in regola con la legge sull'obbligo vaccinale. Come previsto dalla norma firmata dal ministro Lorenzin, il 10 marzo le autocertificazioni consegnate prima dell'inizio dell'anno scolastico (alle quali molti genitori hanno fatto ricorso anche per le difficoltà logistiche dei primi mesi) vanno sostituite con la certificazione "comprovante l'avvenuta vaccinazione".

Se il documento non verrà prodotto è prevista una multa per i genitori e l'esclusione dalla scuola per i bambini al nido e all'asilo. Si stima che tra i 20 e i 30mila bambini sotto i sei anni potrebbero non essere in regola.  Non ci sono dati ufficiali ma la stima si basa sui dati del ministero della Sanità. Ma vediamo meglio le tappe di questo processo.

Nel caso in cui il genitore/tutore/affidatario non presenti alla scuola la documentazione attestante l'avvenuta vaccinazione, l'esonero, l'omissione o il differimento il dirigente scolastico è tenuto a segnalare la violazione alla Asl entro dieci giorni. A questo punto la Asl contatta i genitori per un appuntamento e un colloquio informativo indicando le modalità e i tempi nei quali effettuare le vaccinazioni prescritte.

Scheda: Ecco i 10 vaccini obbligatori per le iscrizioni a scuola 

Se i genitori non si presentano all'appuntamento oppure, a seguito del colloquio informativo, non provvedano a far somministrare il vaccino al bambino, l'Asl contesta formalmente l'inadempimento dell'obbligo. Ma ancora non è finita. Nella contestazione la Asl indica un termine ultimo. I genitori possono ancora "salvarsi" se provvedono a far somministrare al minore il vaccino o la prima dose del ciclo vaccinale nel termine indicato dalla Asl all'atto della contestazione, a condizione che completino il ciclo vaccinale nel rispetto delle tempistiche stabilite dalla Asl stessa.

Se neanche quest'ultima scadenza viene rispettata, scattano le sanzioni: per i bambini da 0 a 6 anni l'inadempienza rappresenta "motivo di esclusione dal servizio educativo", anche se l'uscita dall'aula in pieno anno scolastico non è stata ancora regolata a livello di procedure. Per i genitori di questi bambini, ma anche di quelli da 6 a 16, scatta una sanzione amministrativa pecuniaria da 100 euro a 500 euro, proporzionata alla gravità dell'inadempimento, ad esempio al numero di vaccinazioni omesse. Dall'anno scolastico 2019-2020 è prevista una semplificazione degli adempimenti delle famiglie per l'iscrizione a scuola dei minori: gli istituti scolastici dialogheranno direttamente con le Asl al fine di verificare lo "stato vaccinale" degli studenti, senza ulteriori oneri per i genitori.