Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

La reliquia con il cervello di San Giovanni Bosco che era stata trafugata due settimane fa dal santuario di Castelnuovo Don Bosco, nell'astigiano è stata ritrovata dai carabinieri di Villanova d'Asti.

Due settimane di ricerca

Il cervello di Don Bosco era stato rubato il 2 giugno. La reliquia è stata ritrovata in una teiera in rame dentro un armadietto della cucina, a casa del presunto autore del furto, un 42enne italiano, già noto alle forze dell'ordine. Secondo i primi accertamenti, alla base del gesto non vi sarebbe né la volontà di chiedere un riscatto e neppure l'ordine da parte di qualche collezionista, ma semplicemente l'errata convinzione che il coperchio della teca, all'interno della quale è custodita la reliquia, avesse un qualche valore. L'uomo, che ha ammesso di aver commesso il furto, è stato rinchiuso al carcere di Asti.

Incastrato dalle impronte digitali

Sono state le impronte digitali ritrovate sulla struttura che proteggeva la reliquia a incastrare il 42enne. I rilievi tecnici, effettuati dai carabinieri di Villanova d'Asti con la collaborazione del Ris di Parma, hanno dato un volto all'autore del furto. Il ladro, con un gesto atletico, è riuscito a scavalcare la parete di cristallo a protezione del reliquiario, sollevare la copertura della struttura e asportare il coperchio e l'ampolla in vetro che conteneva la reliquia. 

La gioia dell'arcivescovo

Felice l'arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia: "E' con grande gioia e riconoscenza al Signore che ho appreso la notizia del ritrovamento della reliquia di San Giovanni Bosco. Ero certo che saremmo arrivati a questo risultato perché la figura del Santo dei Giovani è così amata e onorata in tutto il mondo che nessuno, per quanto ladro e brigante, avrebbe potuto resistere alla corale preghiera e forte condanna da parte di chi ha appreso la notizia e ha pregato perché la reliquia fosse recuperata al più presto".

Nosiglia ringrazia "le Forze dell'Ordine che hanno lavorato indefessamente e con grande professionalità per ritrovare la reliquia e assicurare alla giustizia il responsabile del furto. Voglia San Giovanni Bosco perdonare questa persona e infondere il pentimento necessario per ritrovare pace e serenita' nel cuore oltre che la volonta' di non commettere piu' gesti simili".

Leggi anche:

Cosa sappiamo del furto della reliquia di Don Bosco

Flag Counter