Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Notte e nebbie, cristalli spezzati, urla nel silenzio: 80 anni fa il buio prende il sopravvento sulla Germania, fino a pochi anni prima uno dei Paesi più colti ed avanzati d’Europa. È, letteralmente, l’inizio della fine: con la Notte dei Cristalli gli ebrei tedeschi ed europei imboccano la via dell’Inferno. La Shoah inizia per le strade di Berlino, Lipsia, Duesseldorf per culminare, anni dopo, nei camini di Auschwitz.

Spesso quell’ondata di violenze indiscriminate per tutta la Germania (ma anche nei Sudeti appena annessi al Reich e nella stessa Austria da poco vittima dell’Anschluss) viene definita un enorme pogrom, come le esplosioni di violenza antisemita ricorrenti nei villaggi della Russia zarista. Ma se le forme sono quelle, non lo sono più le cifre.

I pogrom erano esplosioni di collera sanguinaria, il più delle volte molto circoscritta ed estemporanea. La Notte dei Cristalli fu il frutto di un piano costruito a tavolino, in scienza e coscienza, pronto per essere messo in atto alla prima occasione utile. Lo dimostrano le dimensioni e il bilancio delle spedizioni punitive: 1.500 morti, 1.200 sinagoghe distrutte o date alle fiamme, quasi mille negozi devastati. Trentamila ebrei rastrellati e spediti chi a Sachsenhausen, chi a Buchenwald.

“Che gli ebrei conoscano la collera dei tedeschi”

La mattina del 9 novembre 1938 Adolf Hitler si trova a Monaco, a celebrare il quinto anniversario del fallito Putsch della Birreria, quando a capo di un manipolo di nazisti tentò di impossessarsi del governo della Baviera. Era finita in un golpe da operetta, con lui arrestato e condannato. In cella aveva scritto la sua bibbia dell’odio, quel Mein Kampf in cui teorizzava tutto quello che avrebbe puntualmente fatto una volta al potere.

Durante la cerimonia di commemorazione lo raggiunge una notizia: a Parigi uno studente ebreo, un certo Herschel Grynszpan, ha ucciso un diplomatico del Reich, Eduard vom Rath. “Lasciate che gli ebrei imparino cos’è la collera dei tedeschi”, ordina, e subito decine di suoi uomini si precipitano al telefono a dare istruzioni ai loro sottoposti.

Per chi suona il violino di Heydrich

Il progetto, e sicuramente la supervisione delle operazioni, è di Reinhard Heydrich, numero due delle Ss, responsabile della sicurezza del Reich, comandante in capo della Gestapo. Un esperto suonatore di violino che a 28 anni aveva avuto bisogno di una manciata di minuti e niente più per stilare, di fronte ad un Himmler stupefatto, i punti chiave della riforma dei servizi segreti nazisti.

Cosa avvenne sotto i suoi ordini lo raccontano i resoconti dei diplomatici stranieri: giovani “ben vestiti e disciplinati, in abiti civili, si sono radunati all’esterno dei negozi degli ebrei e dei loro luoghi di culto”. Ad un segnale scatta l’attacco: le porte delle sinagoghe e le vetrine “sono forzate e aperte, Stanze e arredamento sono bagnati con la benzina e dati alle fiamme. Copie della Torah ed oggetti sacri sono fatti bruciare”. Troppa sincronia, troppa preparazione ed efficacia per pensare che si tratti di un pogrom tradizionale. Heydrich il violinista sta facendo le prove generali per la Soluzione Finale, che non vedrà se non in parte: morirà nel 1942 per i postumi di un attentato in Boemia.

Il cielo rosso sopra Berlino

Dopo la prima ondata di violenze una seconda, e poi ancora una terza: di fatto il sacco dei beni degli ebrei dura tre giorni almeno. Dalla sua finestra un Goebbels compiaciuto racconta di poter vedere, dopo il crepuscolo, il cielo di Berlino divenire rosso per le fiamme della sinagoga della Fasanenstrasse, la più importante della città. Pochi isolati più in là, sulla Bebelplatz, il nazismo aveva esordito con il suo primo rogo dei libri. Chi brucia i libri prima o poi brucia anche gli uomini.

La grande fuga

Finiti gli incendi inizia la fuga dalla Germania: migliaia di ebrei assiepano i consolati e le ambasciate straniere nelle principali città del Reich, chiedendo un visto o una lettera che permetta di oltrepassare la frontiera. Chi ci riesce salva la vita, soprattutto se sale su un traghetto per l’America, come un giovane che avrebbe fatto strada molto tempo dopo: Heinz Kissinger, che non vorrà mai più parlare tedesco e si farà chiamare Henry. Molti altri, meno fortunati, vanno a stipare le baracche dei Lager creati, all’inizio, per gli oppositori politici, gli omosessuali e gli handicappati. Seguiranno gli zingari e i testimoni di Geova.

Come spesso capita, un nome da solo non basta a far capire. Anche Kristallnacht, “Notte dei cristalli”, è una definizione in sé insufficiente: si riferisce sì alle vetrine dei negozi mandate in frantumi, ma non rende il senso della tragedia incombente sulla Germania e sul resto d’Europa. Soprattutto non riesce a spiegare come, quella notte, l’intera civiltà costruita nel corso dei secoli nel Vecchio Continente abbia potuto dimostrarsi fragile come una lastra di cristallo.

Un giorno lungo un secolo

La Germania, quel 9 novembre, sprofondò nelle tenebre. Venti anni prima, il 9 novembre 1918, con la fuga del Kaiser Guglielmo II in Olanda aveva conosciuto l’umiliazione. Uscita dal biennio rosso, la Repubblica di Weimar aveva sperimentato il 9 novembre del 1923 il primo assalto della destra nazista e xenofoba. Sarebbe uscita da un incubo lungo quasi un secolo solo nel 1989, con il crollo del Muro di Berlino. Anche lì un 9 novembre. Il giorno in cui in Germania tutti devono ricordare e ritrovare la propria anima.

In occasione del 50° anniversario del 1968 – dopo il successo dell’edizione romana che ha visto ben 20.000 visitatori al Museo di Roma in Trastevere e il conferimento della medaglia da parte del Capo dello Stato Sergio Mattarella per il valore sociale e culturale dell’iniziativa – Eni e Intesa Sanpaolo portano a Torino “Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo”. L’esposizione fotografica e multimediale, che sarà allestita a Torino presso Camera – Centro Italiano per la Fotografia e nel grattacielo Intesa Sanpaolo dall’8 novembre al 2 dicembre 2018, è il risultato di un lavoro di ricerca svolto da Agi Agenzia Italia nei materiali d’epoca di tutte le storiche agenzie italiane e internazionali.

Una mostra diffusa nella città di Torino – spreading the 1968 in town – che si sviluppa nella sede di Camera, vero e proprio osservatorio sulla fotografia nazionale e internazionale di cui Intesa Sanpaolo è partner fondatore e Eni partner istituzionale, nella hall del grattacielo Intesa Sanpaolo, luogo simbolo della banca e della città, e in Piazza San Carlo, lungo i portici di fronte alla sede storica del Gruppo.   

La mostra a cura dell'Agenzia Italia, realizzata in collaborazione con Eni e Intesa Sanpaolo, con il patrocinio della Regione Piemonte e della Città di Torino, è resa possibile dalle numerose fotografie provenienti dall’archivio storico di Agi e completata con prestiti messi a disposizione da Eni, Archivio storico di Intesa Sanpaolo, AAMOD-Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, AFP Agence France-Presse, AGF Agenzia Giornalistica Fotografica, ANSA, AP Associated Press, Marcello Geppetti Media Company, Archivio Riccardi, Contrasto, Getty Images, Archivio Storico della Biennale di Venezia, Associazione Archivio Storico Olivetti, FCA Group, Museo Nazionale del Cinema, Archivio Storico della Città di Torino, RAI-RAI TECHE, Corriere della Sera, Il Messaggero, La Stampa, l’Espresso.
 

Cape Canaveral, l’equipaggio dell’Apollo 8: da sinistra Frank Borman, William A. Anders e James A. Lovell, novembre, 1968. NASA / AFP

L’iniziativa, che nasce da un’idea di Riccardo Luna, direttore Agi e curata a quattro mani con Marco Pratellesi, condirettore dell’agenzia, delinea un vero e proprio percorso nell’Italia e nella Torino del periodo: un racconto per immagini e video del Paese di quegli anni per rivivere, ricordare e ristudiare quell’affascinante storia che ha messo le radici dell’odierno. Come racconta Riccardo Luna: “Questa non è una mostra sul passato ma sul futuro. Sul futuro che sognava l’ultima generazione che non ha avuto paura di cambiare tutto per rendere il mondo migliore. Che si è emozionata e mobilitata per guerre lontane; che ha sentito come proprie ingiustizie subite da altri; che ha fatto errori, certo, ha sbagliato, si è illusa, è caduta, ma ha creduto, o meglio, ha capito che la vera felicità non può essere solo un fatto individuale ma collettivo, perché se il tuo vicino soffre non puoi non soffrire anche tu. Nessuno si salva da solo. Quello che ci ha colpito costruendo questa mostra, sfogliando le migliaia di foto che decine di agenzie e archivi ci hanno messo a disposizione con una generosità davvero stupefacente, come se tutti sentissero il dovere di contribuire alla ricostruzione di una storia che riguarda i nostri figli molto più che i nostri genitori; quello che ci ha colpito sono gli sguardi dei protagonisti, l’energia dei loro gesti, le parole nuove che usavano”.
 

Indianapolis, Robert F. Kennedy durante un comizio per la campagna delle primarie democratiche, 30 aprile, 1968. AP/ANSA
 

Da qui, Agi ha ricreato un archivio storico quanto più completo del ’68 attraverso le immagini simbolo dell’epoca. Non solo occupazioni e studenti, ma anche e soprattutto la dolce vita, la vittoria dei campionati europei di calcio e le altre imprese sportive, il cinema, la vita quotidiana, la musica, la tecnologia e la moda. Dreamers si presenta quindi come una preziosa occasione di dibattito sul tema della fotografia come linguaggio e documento di ricostruzione storica.

Leggi anche: Quegli slogan antagonisti che hanno fatto la storia (anche della pubblicità) di Paolo Iabichino
 

Saigon, un sospetto Viet Cong viene giustiziato per strada da Nguyen Ngoc Loan, capo della Polizia Nazionale vietnamita, 1 febbraio, 1968. AP/ANSA 
 

In occasione dell’esposizione torinese, Dreamers si arricchisce di ulteriori contributi fotografici, video e documentali che consentono di rivivere alcuni momenti storici del 1968 a Torino come il famoso sciopero del 30 marzo della Fiat, gli sgomberi e le manifestazioni universitarie ma anche immagini tratte dal Museo Nazionale del Cinema, alcune rare immagini delle automobili dell’epoca e le più importanti prime pagine del quotidiano La Stampa. Saranno presenti in mostra, inoltre, immagini tratte dall’Archivio storico di Intesa Sanpaolo che raccontano il progetto Finafrica della banca nonché le storiche locandine di Eni che mostrano come l’azienda, a partire dalla metà degli anni Sessanta, abbia individuato nei giovani il target destinatario di nuove campagne pubblicitarie di prodotti “che contengono in sé una carica di aggressività palese o latente”, tra cui la benzina.
 

Praga, ingresso dei sovietici in città, 21 agosto, 1968. Heritage/AGF
 

Un viaggio nel tempo fra 170 immagini, tra le quali più di 60 inedite; 20 archivi setacciati in Italia e all’estero; 15 filmati originali che ricostruiscono più di 210 minuti della nostra storia di cui 12 minuti inediti; 30 prime pagine di quotidiani e riviste riprese dalle più importanti testate nazionali, con un focus sulla cronaca locale torinese dell’epoca grazie all’importante contributo fornito dal quotidiano La Stampa; e inoltre una ricercata selezione di memorabilia: un juke boxe, un ciclostile, una macchina da scrivere Valentine, una fotocamera Leica dell’epoca, e la maglia originale della Nazionale italiana indossata da Tarcisio Burgnich in occasione della finale dei Campionati europei di quell’anno.  

Tutti questi temi verranno raccontati attraverso la cronaca, gli usi, i costumi e le tradizioni in diverse sezioni tematiche, dando vita e facendo immergere il pubblico in questo lungo e intenso racconto nell’Italia e nella Torino del ’68.
 

Parigi, una giovane studentessa a terra durante gli scontri in una manifestazione, 1 maggio, 1968. AFP 
 

Ad accogliere i visitatori ci saranno i grandi “sognatori del futuro”; attraverso le figure di Martin Luther King e Bob Kennedy il pubblico sarà guidato all’interno della cronaca internazionale del ’68: dalla guerra del Vietnam alla segregazione razziale negli USA, dalla presidenza di Nixon alla fine della Primavera di Praga, dalla Grecia dei colonnelli al maggio francese fino agli scontri tra l’esercito e gli studenti a Città del Messico, si ripercorreranno alcuni degli eventi che hanno influenzato e cambiato le sorti della storia del mondo. Eventi che sono raccontati nel libro 1968 dalla scrittrice Oriana Fallaci, testimone diretta, dal Vietnam al Messico, dei fatti di quell’anno cruciale.

Seguiranno poi le occupazioni, le contestazioni e le rivolte studentesche: in particolare, saranno ripercorsi i tragici scontri tra studenti e forze dell’ordine avvenuti nella famosa “Battaglia di Valle Giulia” nonché i numerosi scontri e scioperi che hanno caratterizzato la Torino dell’epoca. Nel capoluogo piemontese, infatti, il 1968 comincia in anticipo, con l’occupazione studentesca di Palazzo Campana, sede dell’Università: è l’inizio di un anno di lotte contro il potere accademico, unite agli scioperi operai. Sarà, inoltre, riportato un ciclostile originale dell’epoca, per rievocare i momenti della ribellione per mezzo della stampa di volantini e giornaletti universitari. 
 

Roma, Giacinto Facchetti, capitano della Nazionale, alza la coppa dei campionati europei vinti a Roma contro la Jugoslavia, 10 giugno, 1968. (Agi)
 

L’esposizione proseguirà nella sezione “La dolce vita”: ci sarà, anche grazie al contributo fornito dal Museo Nazionale del Cinema, il Bel Paese della dolce vita del noto Piper Club di Roma, punto d’incontro di alcune famose celebrities nazionali e internazionali come l’attore Sean Connery, il cantante Adriano Celentano, il regista Federico Fellini, l’attore Alberto Sordi, l’attrice Anna Magnani, il cantante Massimo Ranieri, il regista e attore Vittorio Gassman, il cantante Domenico Modugno. E non mancherà anche qui un riferimento alla Torino dell’epoca, con Caterina Caselli ripresa con alcuni operai negli allora stabilimenti FIAT.

Altre sezioni saranno dedicate alla musica italiana e internazionale e alle grandi imprese sportive del ‘68, come la vittoria ai Campionati Europei della Nazionale Italiana a Roma contro la Jugoslavia

Anche l’innovazione tecnologica avrà il suo spazio all’interno della mostra. Sarà presente, infatti, una sezione dedicata al grande fermento tecnologico del 1968 che culminerà con lo sbarco sulla luna di Neil Armstrong del 1969. 

I grandi personaggi che hanno segnato in maniera indelebile quell’anno “rivivranno” attraverso i loro discorsi più famosi. Grazie ad alcuni pannelli speciali, sarà possibile leggere estratti del discorso pronunciato da Martin Luther King il giorno prima di essere assassinato, il “discorso sul Pil” di Bob Kennedy, la poesia “Il PCI ai giovani” e il testo “Vi odio cari studenti” di Pier Paolo Pasolini.
 

Roma, disordini a Valle Giulia, 1 marzo, 1968. Carlo Riccardi/ Archivio Riccardi
 

Oltre all’esposizione l’iniziativa prevede l’organizzazione di “Vero o Falso – dalla guerra dei mondi alle bufale del web”, un ciclo di workshop riservati agli studenti delle scuole superiori torinesi e curato da Eni. Un programma variegato, di spessore e nello stesso tempo accattivante, dedicato al tema delle “fake news”, che punta a far riflettere ciascun studente su storia, immagini e notizie con esperti d’eccezione. L’obiettivo sarà quello di fornire ai giovani gli strumenti per apprendere come decrittare il mondo dell’informazione e distinguere il “vero” dal “falso”, che sia esso diffuso attraverso parole o immagini. I workshop, che si svolgeranno dalle ore 10 alle ore 12, prenderanno il via il 14 novembre con un incontro con lo storico Peppino Ortoleva dal titolo “Relazione tra fatto e racconto, come era nel passato e come è nell’epoca della digitalizzazione”. Il 21 novembre Nicolas Lozito, photo editor del quotidiano La Stampa, incontrerà gli studenti in un dibattito su “Le immagini raccontano storie. Il linguaggio visivo nelle news e l’etica della manipolazione delle fotografie”. Il 28 novembre, infine, il condirettore di Agi, Marco Pratellesi, parlerà di “Libertà, news e opinione pubblica”.

L’evento è realizzato con il sostegno di Eni e Intesa Sanpaolo, in collaborazione con SIAE- Società Italiana degli Autori ed Editori e CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, e in partnership con FCA Group, la RAI, la FIGC, la Fondazione Museo del Calcio, l’AAMOD-Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio Democratico, Leica, Open Polis e il CENSIS.

Media partner dell’iniziativa sono La Stampa, RAI-RAI TECHE, Scomodo, RadioimmAginaria e VoiceBookRadio.

 

Leggi anche: "Il '68 è stata la scoperta della politica, che quando è stata bella ha reso felici milioni di persone" di Luciana Castellina

Leggi anche: Vogliamo il mondo e lo vogliamo adesso. Così cominciò il '68 del rock di Ernesto Assante

Leggi anche: Nuovo Cinema Sessantotto di Laura Delli Colli

Leggi anche: Doveri e donne: i valori che divennero improvvisamente 'out', i nuovi diritti di Lidia Ravera

Un falco sulle tracce di sette persone scomparse misteriosamente: si dipana da qui il thriller “Ginevra e Il Falco – La criminologa dei casi irrisolti. I delitti del Lago di Sol” (Bertoni Editore), primo romanzo di Luciana Crucitti, grafocriminologa, ex funzionaria della Polizia scientifica e blogger di AGI. Una novità editoriale per gli appassionati del ‘noir’, che veste la scrittura di reali elementi tecnici propri della Polizia scientifica, e li cuce in una trama mozzafiato, ricca di colpi di scena, che vede Ginevra Blanch, capo della Diicos (Direzione investigativa internazionale scientifica cold case) con il suo insperabile falco Aghir, sviluppare un’indagine difficile.

Si parte da una lettera anonima, si prosegue su un terreno di articolati depistaggi e messaggi in codice, fino ad assicurare alla giustizia i responsabili di una trama oscura che era stata frettolosamente archiviata. Il romanzo è stato presentato a Roma durante la manifestazione “Pomeriggi Letterari nella Città Eterna”, presso Villa Pirandello, dall’autrice e dal giornalista del ‘Corriere della Sera’  Fabrizio Peronaci.

Nei giorni scorsi Anonymous aveva promesso per il 5 novembre "qualcosa che non avremmo mai dimenticato". Era stato annunciato che l'attacco avrebbe avuto come obiettivo la Lega. Il "dump", ovvero la diffusione in rete di dati sensibili come password e numeri di telefono personali, ha avuto però una portata più vasta. Oltre ai membri trentini del Carroccio, sono stati colpiti il ministero dello Sviluppo Economico, il ministero dell'Economia (tramite un "buco" nella banca dati di Equitalia), Fratelli d'Italia e la sezione senese del Pd. E la data scelta non è stata affatto casuale. 

Il 5 novembre del 1605 è il giorno nel quale avvenne "La congiura delle polveri", un complotto papista che, allo scopo di ottenere un trattamento più favorevole per i cattolici, aveva l'ambizioso obiettivo di far saltare in aria con l'esplosivo la Camera dei Lord nel giorno della sua apertura, uccidendo chiunque si trovasse al suo interno: ministri, deputati e lo stesso re Giacomo I, protestante inflessibile. La mente della cospirazione era Robert Catesby, il quale desiderava che l'Inghilterra diventasse una monarchia assoluta fedele alla Chiesa come la Francia e la Spagna. Il ruolo di esecutore materiale sarebbe invece toccato a Guy Fawkes, un militare che vantava anch'egli contatti con Madrid. Sarebbe stato lui ad accendere la miccia che avrebbe fatto esplodere i 36 barili di polvere da sparo accumulati per l'attentato.

I congiurati furono però traditi da una lettera anonima, giunta nelle mani di Lord Monteagle quattro giorni prima dell'apertura dei lavori della Camera. Fawkes e gli altri cospiratori furono arrestati la notte del 4 novembre. Interrogati e sottoposti a tortura, vennero tutti impiccati. Catesby, che era riuscito a fuggire, venne intercettato dalle guardie reali e ucciso in un conflitto a fuoco. Un episodio storico entrato di prepotenza nella cultura pop grazie a "V per Vendetta", il fumetto di Alan Moore diventato poi un fortunatissimo film per la regia di James McTeigue. Il protagonista del fumetto e del film, "V", indossa infatti una maschera che riproduce le fattezze di Fawkes.

Un simbolo reazionario per gli anarchici

Sullo sfondo di una Londra distopica governata da un regime orwelliano e autoritario, V, in una delle prime sequenze, salva una giovane da uno stupro e la invita ad assistere a un "concerto". Sta per scoccare la mezzanotte tra il 4 e il 5 novembre. V fa saltare le cariche esplosive che aveva piazzato sotto l'Old Bailey, il palazzo che ospita il Tribunale Centrale di Londra, e aziona altoparlanti che diffondono l'Ouverture 1812 di Tchaikovsky. 

Prima dell'esplosione, V pronuncia l'ormai famosa filastrocca:

Remember, remember!/  The fifth of November/ The Gunpowder treason and plot/ I know of no reason/ Why the Gunpowder treason/ Should ever be forgot!

Che in italiano diventa: 

 Ricorda per sempre il 5 novembre, il giorno della congiura delle polveri contro il parlamento. Non vedo perché di questo complotto nel tempo il ricordo andrebbe interrotto

V è una sorta di giustiziere anarchico e l'immenso successo della pellicola lo rende un'icona protestataria buona per ogni occasione. Indossano le sue maschere i manifestanti di Occupy Wall Street e, soprattutto, indossano le sue maschere gli hacker del collettivo Anonymous. L'effige del cospiratore finisce su magliette, tazze e accendini, lo stesso trattamento subito da Che Guevara nei decenni precedenti. Non è dato di sapere quanti di coloro che ne acquistano la maschera, magari made in China, sappiano chi fosse veramente Fawkes. Nè, nel caso, se si rendano conto di utilizzare come stendardo antiautoritario la faccia di un reazionario cattolico che sognava una monarchia assoluta sottomessa al papato. 

Il 5 novembre è ancora celebrato nel Regno Unito con fuochi d'artificio e il rogo del fantoccio di Fawkes, in memoria del fallimento della congiura contro la Corona. 

Le donne – spiegano gli ideatori della mostra- perché sono state mortificate più degli uomini, a loro bastava un nulla per finire dentro. Come essere "molto sensuale, con pretese di superiorità intellettuale e non amante della attività domestiche", racconta una delle 46 mila cartelle cliniche dell'archivio dell'ex manicomio San Martino di Como. Ci volevano lo sguardo di un fotografo, Gin Angri, e quello di un poeta, Mauro Fogliaresi, per frugare dentro 1600 faldoni e restituire palpiti alla polvere nell’esposizione ''Donne cancellate', in programma al Palazzo del Broletto della città sul lago dal 27 ottobre al 18 novembre.  

A 40 anni dalla legge firmata da Franco Basaglia, che chiuse per sempre i palazzi oscuri in cui si praticavano trattamenti come la 'malaroterapia' (al paziente veniva iniettato il parassita per provocare febbri 'purificatorie'), viene offerta luce ai volti delle figlie, moglie e madri finite sulla collina di Como in un apparente regno incantato, tra fontane e giardini, negli anni tra il 1882 e il 1948. Visi, spesso smarriti o vergognosi, sempre intensi, a cui sono affiancati diari, lettere e relazioni mediche fotografati da Gin Angri che non ripropone le pagine intere ma seleziona alcuni particolari, mettendo a fuoco a volte solo poche righe e sfumando le altre.

"La classificazione delle donne  avveniva sulla base del loro rapporto con gli uomini – scrive Manuela Serrentino nel catalogo dell'esposizione – Ne conseguivano atteggiamenti sospetti verso quelle che mostravano una certa indipendenza; più che per la loro aggressività spaventavano perché con la loro autonomia rappresentavano il simbolo del disordine sessuale". Il nome 'isteria', viene ricordato, significa 'utero vagante' ed era considerata una patologia annessa alla sessualità. Una cartella clinica di una donna svizzera recita: “Costumi: cattivi”. Durante il fascismo finivano internate le donne “loquaci, smorfiose e disobbedienti” e quelle che non riuscivano a svolgere in maniera esemplare il ruolo di madri, talora di dieci figli, mogli e lavoratrici nei campi. Le ricoverate, il 40% della popolazione totale, erano per lo più operaie, casalinghe o pensionate. Gin Angri ha anche impresso nel suo obbiettivo le ultime anziane pazienti ospitate dal San Martino, che ha chiuso nel 1999, durante gli anni della dismissione.

Il tetto massimo dei ricoveri nel manicomio fu tra il 1960 e il 1970 in coincidenza del grande flusso migratorio nel comasco dal sud Italia e del ritorno nella città di frontiera di emigranti rimpatriati, in sintonia con la 'psicopatologia del migrante' in voga in quel periodo. E dalla Francia veniva Odette, ballerina a Lione con la diagnosi di “tracce di demonologia” per avere tradito il suo amante coreografo. Scrive il poeta Fogliaresi: “In tanto inchiostro intriso di perentorie sentenze, di colpe, di violenze morali e fisiche…L’inchiostro inquisisce …le macchie ‘offesa oltraggio pena peccato’…aspettando un’immensa carta assorbente di un qualunque, fosse anche l’ultimo, Dio”. 

 L'attore Carlo Giuffré, uno dei grandi del teatro italiano, è morto alla vigilia del suo novantesimo compleanno, che avrebbe festeggiato il 3 dicembre prossimo. Era malato da tempo. La notizia è stata anticipata al quotidiano "Il Mattino" di Napoli, città dove Giuffré, era nato nel 1928. il noto attore avrebbe compiuto 90 anni tra un mese. Diplomatosi all'Accademia nazionale di arte drammatica, aveva debittato sul palcoscenico nel 1947 con il fratello Aldo, morto nel 2010. E due anni dopo i due attori aveano cominciato a lavorare con Eduardo De Filippo, che diresse Carlo Giuffré anche nel suo esordio cinematografico, in "Napoli milionaria" del 1950.

Da allora, Carlo Giuffré ha interpretato decine di film, con registi come Roberto Rossellini, Pietro Germi, Mario Mattoli, Dino Risi, Steno, Luciano Salce, Liliana Cavani, roberto Benigni. La sua ultima apparizione sul grande schermo è in "Se mi lasci non vale", firmato nel 2016 da Vincenzo Salemme. In teatro è stato anche regista, di allestimenti eduardiani come "Le voci di dentro", "Napoli milionaria!", "Non ti pago" e "Natale in casa Cupiello". Fu per l'ultima volta sul palcoscenico nel 2015, in "La lista di Schindler", adattamento teatrale del film di Steve Spielgerg, con regia di Francesco Giuffré. 

La natura si fa arte nel Calendario Lavazza 2019. Un’arte immersa nell’ambiente, tutt’uno con foreste, deserti, ghiacciai e città. Una nature art portatrice di buone notizie per la Terra.

Così il Calendario Lavazza è “Good to Earth” e racconta – attraverso gli scatti della fotografa Ami Vitale e sei opere artistiche immerse nella natura – gli esempi virtuosi di chi si impegna per la salvaguardia del pianeta. Sì perché, nonostante tutto, c’è del buono sulla Terra. E le immagini della fotogiornalista americana celebrano proprio le buone notizie che arrivano dalla Terra e per la Terra, individuate in tutto il mondo insieme al Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (United Nations Environment Programme – UNEP).

“La natura è l’opera d’arte per eccellenza, ma nel Calendario Lavazza diventa anche una tela bianca su cui si può incidere il proprio amore e impegno per l’ambiente. Così con un mix non convenzionale tra la fotografia d’autore di Ami Vitale e sei opere di nature art, una forma d’arte contemporanea e totalmente immersa nella natura, raccontiamo i progetti Good to Earth che fanno bene alla Terra. Buone notizie di cui oggi si avverte un grande bisogno: esempi positivi di comportamenti virtuosi, storie di riscatto personali e riqualificazione ambientale che speriamo possano contagiare le persone, soprattutto i più giovani, e ispirare un impegno diretto per la salvaguardia del nostro pianeta”, commenta Francesca Lavazza, Membro del Consiglio d’Amministrazione dell’Azienda

A firmare il Calendario Lavazza 2019 è Ami Vitale, fotogiornalista americana per il National Geographic Magazine, apprezzata in tutto il mondo per la sua capacità di raccontare e di vivere le bellezze surreali della natura. Vincitrice di sei World Press Photos, Ami Vitale ha documentato la natura selvaggia e i bracconieri dell’Africa, ha raccontato i conflitti tra l’uomo e l’ambiente e si è impegnata in iniziative per salvare il rinoceronte bianco del Nord e reintrodurre i panda nel loro habitat. La sua filosofia del “vivere la storia” l’ha portata in oltre 100 Paesi, dove ha vissuto in capanne di fango e in zone di guerra, ha contratto la malaria e si è camuffata da panda per raccontarne la vita segreta (Ami Vitale è autrice del best seller “Panda Love”).

Il Calendario “Good to Earth”, da un progetto creativo di Armando Testa, sarà presentato il 21 novembre a Torino, nella Nuvola Lavazza. Saranno svelati gli scatti di Ami Vitale e le originali opere di nature art che, realizzate da sei artisti, ognuna con tecniche differenti, si integrano nel paesaggio, in armonia con l’ecosistema e la vegetazione. Le sei opere sono ispirate ad altrettanti progetti buoni per la Terra, individuati da Lavazza e dallo United Nations Environment Programme nei quattro continenti: dalla Colombia alla Svizzera, dal Kenya alla Tailandia, passando per il Belgio e il Marocco.

In un intervento sul Corriere della Sera, lo scrittore Claudio Magris affronta una delle figure più importanti della letteratura contemporanea, ma da una prospettiva inedita: l'uso che un movimento politico di ultradestra ha deciso di farne appropriandosi del suo nome. A Ezra Pound è ispirato CasaPound, ma secondo lo scrittore triestino non bisogna accomunare "un volto di insopprimibile dignità, scavato dal dolore e misteriosamente sereno; uno sguardo perduto in se stesso e in chissà quali lontananze, capelli bianchi da profeta o da pastore errante" con la manifestazione neofascista organizzata per il 3 novembre proprio a Trieste.

"È difficile e insieme doloroso abbinare il nome del grande poeta — e il suo volto di Edipo cieco e veggente, perseguitato dal fato — e un’associazione che propugna un regime totalitario al quale è intrinseca la violenza" scrive Magris, che pure invita a fare delle differenze: "Gentile non è Farinacci, certe intelligenti misure prese dal regime al tempo della grande depressione del 1929 non sono l’olio di ricino dato agli avversari politici".

Tuttavia, sottolinea Magris, "il fascismo va condannato senza remore, ma con equanimità" e "in ogni caso un regime liberticida mal si concilia con quell’umanità che c’è nello sguardo e nella persona di Pound".

Un fascista finito in gabbia

Certo, Pound è stato fascista, riconosce lo scrittore, "i suoi discorsi alla radio italiana contro gli Stati Uniti, contro il suo Paese in guerra, sono una colpevole dismisura, che è stata peraltro punita non con quel rispetto che deve esserci pure in ogni severità, ma con l’oltraggio e la volgarità della vendetta". A guerra finita, ricorda Magris, Pound fu rinchiuso dagli americani a Pisa in una gabbia e più tardi, negli Stati Uniti, nel manicomio criminale di Saint Elizabeth.

Il primo atto del Fascismo è stato salvare l'Italia da gente troppo stupida per saper governare, voglio dire dai comunisti senza Lenin. Il secondo è stato di liberarla dai parlamentari e da gruppi politicamente senza morale. Quanto all'etica finanziaria, direi che dall'essere un paese dove tutto era in vendita, Mussolini in dieci anni ha trasformato l'Italia in un paese dove sarebbe pericoloso tentare di comperare il governo

Ezra Pound

Ma a sua difesa scrive che "nel fascismo di Pound c’era probabilmente una grande ingenuità politica". Ma chi era davvero Ezra Pound?

"Affascinato da alcuni principi sociali del primo fascismo, quello sansepolcrista", secondo Magris, "non vedeva il totalitarismo dispotico, i delitti, la violenza che pure gli era invisa". Era affascinato dalle teorie economiche e finanziarie di C. H. Douglas e di Silvio Gesell sulla svalutazione più rapida possibile e l'abolizione dell’interesse per cancellare le disuguaglianze fra la ricchezza dei pochi e la povertà dei molti. 

Perché era antisemita

E l'ossessione per l'usura, il sistema bancario e "il denaro che produce denaro" lo aveva spinto su posizioni antisemite che stonano con "l’amicizia di Pound con vari scrittori ebrei e la generosità dimostrata nei suoi confronti da critici e autori ebrei". "La sua visione di un’economia giusta e umana, in cui i beni circolano come in una famiglia, è un’utopia generosa, ma soffermarsi su pretese e assurde colpe degli ebrei mentre infuriava lo sterminio di milioni di essi è imperdonabile" scrive Magris.

Ma allora che rapporto avere con i grandi autori caduti nel grande inganno? 

"Non ameremo Pound di meno per il suo tragico abbaglio e la sua grandezza poetica non ci farà prendere sul serio le sue teorie" scrive Magris, "È un grande del Novecento, un protagonista di quella rivoluzione dell’arte e della letteratura moderna che ha sconvolto e ricreato le forme espressive, l’immaginario, il volto del mondo e della storia, il linguaggio. Quest’avanguardia culturale ed espressiva, protagonista del secolo, si era incontrata pure col fascismo, come dimostrano alcuni notevoli artisti, specialmente futuristi, che ne erano stati affascinati e che, divenuti icone di regime, accademici in feluca, non sono stati più veri artisti creativi. Pound non si è messo la feluca; è rimasto un profeta inascoltato e fuorviato, uno sperduto pioniere del West che egli amava.

Non chiedete a un potea come bisogna votare

"Non è bene chiedere ai poeti indicazioni politiche" sintetizza Magris, "Alcuni dei più grandi scrittori del Novecento sono stati fascisti, nazisti, stalinisti: Pirandello, Céline, Hamsun, i poeti francesi che si recavano devotamente a Mosca ad assistere consenzienti alla «Messa rossa» ossia alle impiccagioni staliniane di molti loro compagni. Continuiamo ad amare Hamsun — come lo amava Singer, nonostante la sua celebrazione di Hitler — e Céline nonostante le sue imperdonabili Bagatelle per un massacro, ma non chiederemo loro come votare".

"Continuiamo ad amarli" conclude, "perché le loro pagine ci mostrano un volto e un senso della vita che essi stessi non hanno voluto o saputo comprendere lucidamente. Le loro affermazioni o esternazioni ideologiche sono spesso in contrasto con un loro forte e generoso sentimento della vita e dell’uomo, sentimento che nutre la loro arte e viene negato dalla loro rozza, infelice e barbara ideologia"

Ma perché continuare ad marli, nonostante il 'grande abbaglio'?. Perché "grazie ad essi", spiega Magris, "abbiamo compreso e fatto nostre delle verità che essi non sono stati capaci di cogliere dalle loro opere. Si sono identificati con il male, forse perché hanno dolorosamente creduto che la storia fosse inevitabilmente un cancro e che il male fosse la tragica verità della vita. C’è, nelle loro aberrazioni, un autolesionista e ostentato disprezzo dei valori universali umani, che essi sono stati incapaci di distinguere dalla retorica che certo spesso li avvolge. Quei grandi che si sono volutamente accecati come Edipo ci aiutano spesso, senza volerlo, a scoprire la giusta strada, che va in direzione opposta a quella presa da loro. Non è bene, in nessun caso, affibbiare loro un distintivo o una tessera. Giù le mani dai poeti".

Novant’anni portati benissimo quelli della Treccani, non c’è dubbio. L’enciclopedia più nota e importante nel nostro paese, che ha permesso a innumerevoli generazioni di italiani di tenersi informati ben prima che tutto si potesse trovare su Internet (ad una qualità, molto spesso, estremamente inferiore). Un’azienda editoriale però, che con la rete è tranquillamente scesa a patti senza farsi intimorire.

Oggi l’enciclopedia fa un ulteriore passo in avanti in questo senso e per avvicinarsi ai giovani ha deciso di passare dalla musica, ma non da una musica qualsiasi, ma proprio da quella al momento più in voga: il famigerato “indie”. Le motivazioni sono facilmente intuibili; la cultura di un popolo cambia faccia, si evolve, muta la propria geografia e se si vuole continuare, come lo si è sempre fatto, con estrema naturalezza e professionalità, non ci si può permettere il lusso di snobbare ciò che ti accade intorno. Per cui non esiste modo migliore per raccontare le parole della nostra meravigliosa lingua attraverso i testi di questa nuova generazione di cantautori. Che a prescindere dall’estetica molto spesso discutibile, sono indiscutibilmente i più ascoltati.

In realtà a far sorridere non è l’idea in sé, ma il fatto che per svilupparla (ma questo dimostra un’apertura mentale tanto furba quanto invidiabile da parte dell’azienda) siano stati scelti anche artisti come Calcutta, Carl Brave, Coma_Cose, Cosmo, Ghali e i Thegiornalisti. E non perché questi artisti scrivano in un’altra lingua, ma perché siamo stati abituati, anche giustamente, a operazioni simili con autori tipo De Andrè, Battisti, Dalla o Paoli, che non era insolito trovare tra le pagine dei manuali di narrativa di medie e liceo.

Tutt’altra categoria, non è questo il punto, ma magari al momento, per lo scopo dell’iniziativa della Treccani, paradossalmente meno funzionali. Ma in cosa consiste effettivamente il progetto? Presto detto. Lo scopo è quello di spiegare alcune parole della lingua italiana attraverso l’uso che ne fanno i nuovi autori. Quindi il tutto parte da una parola, pubblicata sulla pagina Facebook della Treccani, come per esempio l’ultima: “Pungicare”. Per analizzarla è stato scelto un testo di Calcutta dal titolo “Kiwi”, che recita “Mettimi sotto il cuscino un alveare/Tanto quello che voglio da te/Quello che voglio da te/È farmi pungicare” e nel post la Treccani scrive “A volte l’amore può esprimersi usando forme arcaiche della nostra lingua. È il caso di "pungicare" (o "puncicare"), un termine desueto (pensate che lo usava Carlo Goldoni) rimasto però nel dialetto romanesco.

Il significato è quello che state immaginando: pungere, punzecchiare, anche in senso figurato. In "Kiwi" di Calcutta, l’uso figurato è rafforzato dalla metafora dell’alveare sotto il cuscino, che introduce i versi in cui il narratore dichiara all’amata di essere disposto a farsi punzecchiare e, più avanti nel testo, a subire dispetti ben più pesanti”. Una volta spiegata la parola ecco fornito il link (questo) per raggiungere su Spotify la playlist che si aggiorna periodicamente di nuovi pezzi e nuove parole.

Sono già state spiegate “Arpia” con il pezzo dei Verdena “Razzi, Arpia, Inferno e Fiamme”, “Strano” tramite il pezzo di Fabri Fibra “Stavo pensando a te”, “Povertà” con le splendide parole di “Punk Sentimentale” de’ Le Luci della Centrale Elettrica e molte altre ancora (finora 15 in totale). Un’idea geniale, un modo nuovo di confrontarsi con i propri utenti e reggere perfettamente ad un’epoca nella quale sfogliare fisicamente un’enciclopedia è un’attività di fatto, purtroppo, morta. Certo, ora in un paio di click si trova tutto, ma il risultato è aver creato intere generazioni di ragazzi incapaci di prendere in mano un libro. E lo chiamano progresso…

Napoli città dell'accoglienza e la canzone napoletana come strumento di conoscenza della lingua e della cultura italiana nel mondo, sono i temi del messaggio che il regista e attore americano John Turturro ha donato in esclusiva al consolato italiano di Gerusalemme. L'occasione è la proiezione nella città santa di 'Passione', film del 2010, nel quale il regista americano viaggia per Napoli attraverso le sue canzoni, raccontando aneddoti e storie.

La proiezione chiude nella città Santa la XVIII settimana della lingua italiana nel mondo, promossa dal ministero Degli Esteri e della Cooperazione internazionale. "la scelta di Passione – spiega Fabio Sokolowicz, console generale a Gerusalemme, nasce anche dal riconoscimento dell'indiscusso valore culturale che la canzone napoletana ha in tutto il mondo". Turturro, che all'ultimo momento non è potuto intervenire di persona, ha voluto comunque lasciare un messaggio video agli spettatori. "La canzone napoletana – dice – è uno dei migliori ambasciatori della cultura italiana nel mondo. Napoli è sempre stata una città accogliente, aperta a culture diverse, dove chiunque si può sentire a casa".

Il film era stato già proiettato mercoledì scorso a Ramallah, sempre a cura del consolato generale di Gerusalemme, in occasione della inaugurazione della locale sede della Dante Alighieri.