Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Londra, 30 nov. – Yoko Ono e Patti Smith, fra le altre, negli scatti catturati da uno dei miti viventi della fotografia, Annie Leibovitz: e’ stato presentato oggi a Londra il Calendario Pirelli 2016, nella sua 43esima edizione dalla sua nascita. Protagoniste sono tredici donne che hanno raggiunto traguardi importanti nella vita professionale, sociale, culturale, sportiva e artistica, immortalate dall’artista dell’immagine che nella sua vita ha fotografato tantissime star e che e’ diventata famosa per lo scatto che ritrae John Lennon e Yoko Ono effettuato nel 1980, il giorno prima che Lennon venisse ucciso. Leibovitz ha realizzato gli scatti lo scorso luglio in uno studio di New York e aveva gia’ realizzato il Calendario Pirelli nel 2000, immortalando le danzatrici del corpo di ballo del coreografo Mark Morris. Gli scatti di quest’anno sono privi di nudo, cosi’ come era gia’ avvenuto nei primi calendari degli anni Sessanta e in quelli del 2002, del 2008 e del 2013. “Quando Pirelli mi ha contattato – ha spiegato Leibovitz durante la presentazione – mi hanno detto che desideravano intraprendere un percorso diverso rispetto al passato. Hanno suggerito l’idea di fotografare donne che in qualche modo si sono distinte. Ci siamo trovati d’accordo e l’obiettivo successivo e’ stato quello di essere molto diretta. Volevo che le fotografie mostrassero le donne esattamente come sono, senza artifici”. Con il lancio dell’edizione 2016, fra l’altro, si arricchisce di nuovi contenuti anche il nuovo sito dedicato al Calendario Pirelli (www.pirellicalendar.com), che riunisce filmati, fotografie e interviste che raccontano la sua storia. Il sito e’ composto da tre sezioni, The Cal 2016, Icons e time Machine. Il lavoro di digitalizzazione di alcuni materiali e di ricostruzione storica sara’ progressivamente completato con la consulenza artistica di Amedeo M. Turello, fotografo e collezionista. Per quanto riguarda il Calendario Pirelli 2016, le protagoniste immortalate sono Yao Chen, Natalia Vodianova, Kathleen Kennedy, Agnes Gund, Serena Williams, Fran Lebowitz, Mellody Hobson, Ava DuVernay, Tavi Gevinson, Shirin Neshat, Yoko Ono, Patti Smith e Ami Schumer. .

(AGI) – New York, 29 nov. – Successo da record negli Usa per Adele. Il suo nuovo cd “25” ha venduto tre milioni e 380 mila copie nella prima settimana, affermandosi di gran lunga come il piu’ grande successo del 2015 in un’epoca in cui e’ gia’ miracolo per un artista superare il milione di copie. Nessun album aveva mai venduto tanto negli usa nella prima settimana da quando sono iniziati i rilevamenti, nel 1991. Il primo album in quattro anni della 27enne cantautrice inglese si sta rivelando un trionfo mondiale: in Gran Bretagna ha venduto 800.307 copie, piu’ degli ultimi 19 album numero uno in classifica messi insieme. Si conferma anche la scelta vincente della sua casa discografica indipendente XL Recordings di non rendere il Cd disponibile su Spotify, Apple Music, Deezer e Google Play, permettendo al massimo di scaricarlo da iTunes. (AGI) .

(AGI) – Roma, 28 nov. – – Due album che hanno cambiato per sempre la storia della musica, The Wall e Thriller, hanno una particolarita’ in comune: sono stati pubblicati entrambi il 30 novembre. “Col tempo la storia ha avvicinato i due dischi, ma all’epoca la distanza era incolmabile quanto quel tratto di mare che separava l’Inghilterra dagli Stati Uniti” spiega all’Agi Enzo Gentile, autore del Dizionario pop/rock della Zanichelli. E’ il 1979 quando le radio di tutto il mondo iniziano a trasmettere The Wall dei Pink Floyd. L’undicesimo album del gruppo britannico, un doppio, e’ destinato a posizionarsi anni dopo all’87mo posto dei 500 migliori album di sempre secondo la rivista musicale Rolling Stones. I Pink Floyd, che hanno gia’ alle spalle capolavori come The Dark Side of the Moon e Wish You Were Here, fanno centro anche negli Stati Uniti dove The Wall risultera’ l’album piu’ venduto del 1980. Dal disco, tre anni dopo, verra’ fuori anche un film diretto da Alan Parker e con Bob Geldolf nel ruolo del protagonista. Dietro le tracce c’e’ infatti la storia del giovane Pink: personaggio fittizio con diversi traumi psicologici che, in ribellione con tutto e tutti, si trincera dietro un “muro”. Quando The Wall fa il suo esordio, i Pink Floyd hanno gia’ all’attivo una discografia di una decina di titoli dal sound britannico, “ma molto legato alla psichedelia, a una certa forma sperimentale di rock. Forse con il tempo se ne erano allontanati ma le loro radici erano li” afferma Gentile. “The Wall presenta un linguaggio ancora poco battuto a quell’epoca, in anticipo sui tempi. E’ piu’ di un disco, va al di la’ di una raccolta di canzoni: c’e’ dentro una filosofia, una memoria, una visione della vita che Waters a nome dei Pink Floyd mette dentro. Anticipa i tempi parlando di guerre, di isolamento, di barriere. Non si puo’ non riconoscergli una luce e una dimensione particolare che arriva ai giorni nostri poco invecchiata”. Ma mattone dopo mattone anche i Pink Floyd stanno costruendo un muro che segnera’ la fine della formazione classica con l’allontanamento di Richard Wright prima e la successiva dipartita di Roger Waters. Nel 1982, ancora una volta il 30 novembre, Michael Jackson pubblica Thriller che si piazza immediatamente in cima alle classifiche diventando l’album piu’ venduto nella storia della musica. Con Thriller il Re del Pop porta a casa in tutto il mondo centouno dischi di platino, diciassette dischi di diamante e otto dischi d’oro. L’album contiene alcune delle hit piu’ famose a iniziare da Billie Jean, fino a Beat it e all’omonima Thriller. Per Rolling Stones e’ il 20mo album piu’ bello di tutti i tempi. “The Wall ha avuto vita lunga soprattutto per ragioni storiche. Negli anni in cui usci’ era un bellissimo album dei Pink Floyd, nessuno poteva immaginare che sarebbe caduto il muro di Berlino e che i fatti lo avrebbero fatto diventare una pietra miliare”. Ma tra i due dischi e’ quello di Michael Jackson “il piu’ rivoluzionario perche’ pur rimanendo in un alveo commerciale e’ perfetto nelle canzoni, negli arrangiamenti e per il team di collaboratori”. Per Gentile le tracce “sono innovative pur non avendo la pretesa di esserlo, sono di qualita’ eccelsa pur restando nel campo del commerciale. Con Thriller, Michael Jackson fa il salto in avanti e ‘diventa adulto’. Anche i piu’ critici nei confronti dell’ex bambino prodigio dei Jackson five “non poterono non inchinarsi”. Lo stesso videoclip, il piccolo film di John Landis “che avevamo gia’ amato in Blues Brothers e’ a tutt’oggi un capolavoro indimenticabile”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 27 nov. – Serata da record, ieri, per il sesto ‘live’ di X Factor. Superato 1.200.000 spettatori medi secondo lo Smart Panel Sky, e’ stato il programma piu’ commentato della tv anche di questa settimana, con una unique audience di 184.900 utenti unici che hanno generato 7.800.000 impression. I tweet sono stati 173.800, dato in crescita rispetto alla stessa puntata della scorsa stagione e +27% rispetto alla scorsa settimana, con picchi di oltre 1.700 tweet al minuto, catalizzando il 67% di tutta la conversazione del prime time. A ora si tratta delle puntata piu’ twittata di questa edizione. L’hashtag #XF9 e’ stato inoltre il piu’ utilizzato nella giornata di ieri.

 

 

Per tutta la serata e la notte termini legati allo show sono entrati nella classifica dei trending topic di Twitter: l’hashtag ufficiale #XF9 – che ha raggiunto la prima posizione, i concorrenti Davide, Enrica, Moseek, Giosada, e termini legati alle scelte musicali della serata (Michael Jackson, Tiziano Ferro, Artic Monkeys, De Andre’). L’hashtag #XF9 anche questa settimana e’ entrato nella classifica dei Trending Topic mondiali raggiungendo le prime posizioni. Record di edizione anche per quanto riguarda i voti: sono stati ben 3,4 milioni, il numero piu’ alto di questa edizione. I download dell’ App X Factor 2015 arrivano a quota 1.106.000, +21% rispetto alla stessa puntata dello scorso anno. (AGI) .

(AGI) – Napoli, 27 nov. – E’ del teatro di San Carlo di Napoli il primo omaggio pubblico della citta’ per la morte di Luca De Filippo. Stasera, prima del concerto di Pinchas Zukerman e Amanda Forsyth, musicisti e pubblico si sono raccolti in un minuto di silenzio. “Il rapporto con Luca De Filippo, professionale e personale, risale a moltissimi anni fa ed e’ legato alla mia lunga esperienza al Piccolo Teatro di Milano. – spiega il soprintendente Rosanna Purchia – il San Carlo apprende con grande tristezza la notizia della sua scomparsa, ricordando gli appuntamenti recenti, in cui lo abbiamo avuto ospite, tra il pubblico, e poi gli incontri che avevamo programmato, in vista di progetti futuri.”. Uno dei ricordi del Massimo partenopeo e del soprintendente “risale alla stagione 2010/2011, quando, con grande generosita’, diede al teatro un testo inedito di Eduardo, Padre Cicogna, un racconto sinfonico per voce recitante e orchestra, musicato e diretto da Nicola Piovani, e a cui lui partecipo’ recitando”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 28 ago. – Il maestro Kristian Jarvi sul podio del Palace Grand Hall di Bucarest alla guida della Romanian Youth Orchestra e del Choir of George Enescu Philharmonic, inaugura domenica 30 agosto una delle maggiori manifestazioni internazionali di musica classica, il Festival e Concorso Internazionale George Enescu di Bucarest. Direttore estone cresciuto negli Stati Uniti, Kristian Jarvi e’ una personalita’ musicale nota per le sue innovative idee di repertorio che il New York Times ha definito “a kinetic force on the podium, like Leonard Bernstein reborn”. Per la serata inaugurale la splendida Rapsodia n. 1 in la maggiore op. 11 (1901) di Enescu, omaggio al celebre compositore e didatta romeno cui e’ intestato il festival, sara’ accostata al virtuosistico concerto per violino in re minore (1903) di Jean Sibelius con la parte solista affidata alla pluripremiata Sarah Chang e ai celeberrimi Carmina Burana (1937) di Carl Orff. Le serate successive di lunedi’ 31 agosto e martedi’ 1 settembre vedranno sul podio un altro leggendario maestro, Zubin Mehta alla testa dell’Israel Philharmonic Orchestra interpretera’ Schonberg, Bruckner (il 31 agosto), Enescu e Mahler (il primo settembre). Il Festival Enescu, in programma fino al 20 settembre, propone una maratona di concerti dal mattino a tarda notte con artisti e formazioni internazionali quali Sir Simon Rattle, Murray Perahia, la Berlin Philharmonic Orchestra, la London Symphony Orchestra e la Royal Concertgebouw Orchestra Amsterdam. (AGI)

(AGI) – Roma, 26 ago. – Pippo Baudo e’ il mattatore della prima edizione del “Premio Ravera: una canzone e’ per sempre”, una serata-evento per omaggiare Gianni Ravera. Uno spettacolo per rivivere i momenti della storia della musica e della televisione italiana, in un format in cui passato e presente, innovazione e tradizione si incontrano, e che ha tutti i presupposti per diventare un appuntamento annuale. Durante la serata, che si svolgerai’ il 4 settembre a Tolentino, in provincia di Macerata, verra’ consegnato il “Premio Speciale Ravera DPI 2015” al personaggio piu’ amato della nuova televisione italiana, fortemente legato al mondo musicale. Nel corso dell’evento verranno individuati anche nuovi talenti e le attuali tendenze della canzone italiana per costruire un progetto artistico contemporaneo ed innovativo. Gianni Ravera nel mondo della canzone era diventato una specie di ‘istituzione’. A lui devono il successo artisti come Iva Zanicchi, Bobby Solo, Gigliola Cinquetti, lo stesso Michele Pecora, Eros Ramazzotti e Zucchero. .

(AGI) – Roma, 26 ago. – Dopo una breve pausa riprendono oggi i concerti del Postepay Rock in Roma. Stasera sul palco gli australiani Tame Impala. A tre anni dall’album “Lonerism” che li ha consacrati come i piu’ importanti esponenti di un nuovo rock allucinato e psichedelico, la band di Perth e’ tornata con un nuovo album, “Currents”. I Tame Impala sono nati nel 2007 e da quel momento hanno ottenuto numerosi premi e la partecipazione ai festival piu’ importanti: sono stati headliner all’edizione 2015 del Coachella Festival, Governors Ball e ora al Postepay Rock in Roma.

Il 30 agosto sara’ la volta dei Negrita, la rock band italiana che, oltre ai grandi successi, eseguira’ anche i brani del nuovo album “9”, uscito lo scorso marzo. La musica indie rock degli Interpool, sara’ al Postepay Rock in Roma il 2 settembre, mentre il 6 i Linkin Park chiuderanno la settima edizione. (AGI)

(AGI) – Londra, 22 ago. – A 90 anni resta ancora una donna etsremamente affascinante, Honor Blackman, l’attrice britannica resa immortale nel film “007 operazione Goldifinge” come la conturbante ‘Pussy Galore’ (nome dagli espliciti doppi sensi sessuali, che negli Usa creo’ problemi al padre di James Bond, Ian Fleming). Il suo fascino maturo, era peraltro gia’ emerso nel film del 1964: era di 4 anni piu’ ‘vecchia’ di Sean Connery che all’epoca ne aveva 34. Nel film, in cui recita la parte della pilota del cattivo, Goldfinger, inizialmente afferma di non essere attratta dagli uomini: “Rinfoderi pure il suo fascino, sono immune”, dic rivolta a Connerye. Ma poi Bond riesce lo stesso a sedurla, convincendola anche ad aiutarlo nel far saltare il diabolico piano del suo capo.

Guarda la galleria fotografica

Il fascino conmturbante della Blackman e’ stato tale che nel 2007 venne incoronata la Bond Girl piu’ bella, sorpassando la ben piu’ celebre Ursula Andress, la prima donna di 007, immortalata nel primo film della saga ‘Agente – 007 Licenza di uccidere’. (AGI) Gis

(AGI) – Londra, 22 ago. – A 90 anni resta ancora una donna etsremamente affascinante, Honor Blackman, l’attrice britannica resa immortale nel film “007 operazione Goldifinge” come la conturbante ‘Pussy Galore’ (nome dagli espliciti doppi sensi sessuali, che negli Usa creo’ problemi al padre di James Bond, Ian Fleming). Il suo fascino maturo, era peraltro gia’ emerso nel film del 1964: era di 4 anni piu’ ‘vecchia’ di Sean Connery che all’epoca ne aveva 34. Nel film, in cui recita la parte della pilota del cattivo, Goldfinger, inizialmente afferma di non essere attratta dagli uomini: “Rinfoderi pure il suo fascino, sono immune”, dic rivolta a Connerye. Ma poi Bond riesce lo stesso a sedurla, convincendola anche ad aiutarlo nel far saltare il diabolico piano del suo capo.

Guarda la galleria fotografica

Il fascino conmturbante della Blackman e’ stato tale che nel 2007 venne incoronata la Bond Girl piu’ bella, sorpassando la ben piu’ celebre Ursula Andress, la prima donna di 007, immortalata nel primo film della saga ‘Agente – 007 Licenza di uccidere’. (AGI) Gis

Flag Counter