Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Roma, 29 nov. – “Confronto e dialogo non vuol dire affogare le identita’ in un politicamente corretto indistinto e scipito. L’Italia intera, laici e cristiani, non rinuncera’ mai al Natale. Con buona pace del preside di Rozzano”. Lo ha detto al Corriere della Sera il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, in merito al preside dell’Istituto comprensivo Garofani di Rozzano, nel Milanese, che ha deciso di non fare il presepe a scuola e non far svolgere la tradizionale festa di Natale. (AGI) .

(AGI) – Roma, 29 nov. – “A ballisti e nostalgici di quando il Pd riportava risultati non proprio esaltanti, ricorderei che il numero degli iscritti di quest’anno e’ in linea con quello dello scorso anno, 366mila”. Lo sottolinea il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini. “A chi gioca i numeri Pd al lotto ricordo che nel 2012 gli iscritti erano 477mila e non 800mila o altre traveggole interessate. Che il Pd con la segreteria Renzi ha ottenuto il 2 per mille di 550mila persone, record assoluto per un partito forte, il primo partito europeo per numero di voti, in salute e che il 5 e il 6 scende in piazza in tutta Italia con 1000 banchetti. Il resto sono solo chiacchiere campate in aria”, osserva.(AGI) .

(AGI) – Firenze, 29 nov. – Bisogna rafforzare la cyber-security contro il terrorismo, “nemico molto pericoloso che nessuno puo’ sottovalutare”. E’ quanto ha affermato il premier Matteo Renzi, intervenendo al teatro La Pergole di Firenze in occasione della Festa della Toscana. “Tutti insieme stiamo cercando di avere regole piu’ stringenti, puntiamo sulla cyber security, ma accanto a questo c’e’ bisogno di una reazione delle nostre comunita’”, ha sottolineato il presidente del Consiglio.

“Non siamo uomini e donne chiusi dentro muri, ma delle comunita’ – ha sottolineato – e oggi dobbiamo essere in prima linea portando il senso profondo di cio’ che l’Italia”. “Chi ha ucciso, ha ucciso in un ristorante, dentro un teatro. Ha ucciso fuori da uno stadio, nei luoghi della quotidianita’. Perche’ i terroristi vogliono distruggerci e farci paura. La risposta deve essere una sola: dobbiamo investire in cio’ che abbiamo di piu’ bello e profondo”, ha aggiunto Renzi, ricordando gli attentati del 13 novembre a Parigi. Per ogni “centesimo che sara’ investito nella sicurezza, sara’ investito un centesimo in cultura”, ha assicurato Renzi, “servono piu’ teatri, insieme alle videocamere di sorveglianza”. (AGI)

(AGI) – Roma, 29 nov. – “Desidero felicitarmi con lei per l’eccezionale traguardo, mai raggiunto prima da un italiano, dei 116 anni di vita, traguardo che la colloca tra le persone piu’ longeve di tutti i tempi”. Cosi’ il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato alla signora Emma Morano, la cittadina verbanese che e’ la seconda donna al mondo, e la prima in Europa, per longevita’. “In questa lieta circostanza formulo, anche a nome di tutti gli italiani, i piu’ affettuosi auguri e le invio i miei piu’ cordiali saluti”, conclude la lettera. (AGI)

(AGI) – Mogliano Veneto (Tv), 28 nov. – “Ho un programma per vincere con oltre 3 milioni di voti”. A sostenerlo, parlando dal palco di un convegno organizzato da Forza Italia e dal Ppe a Mogliano Veneto, l’ex premier Silvio Berlusconi. “Volevo ritornare sulla scena politica dopo l’affermazione della mia conclamata innocenza, pronto a combattere per la liberta’”, ha ribadito il leader di FI. “Ho sentito un forte senso di responsabilita’ e su richiesta di tutti coloro che militano in parlamento, dei nostri coordinatori regionali e degli azzurri che ci seguono ho preso la decisione di tornare in campo”, ha anche detto Berlusconi. “Dopo quanto successo a Parigi, il governo ha deciso di dare 500 euro a chi compie 18 anni e queste mance elettorali sono disgustose”, ha aggiunto l’ex premier, prima di attaccare l’esecutivo anche sul fronte delle scelte sulla sicurezza: “il nostro governo – ha aggiunto – ha pensato di ridurre di 15 mila unita’� l’ organico forze dell’ordine, chiudere stazioni dei Carabinieri e commissariati di�polizia, e offrire ad agenti che rischiano la vita 80 euro al mese”. “Abbiamo un dovere: far si’ che il terzo componente della nostra democrazia, il centrodestra non deperisca ma si rafforzi e vada a vincere con piu’ del 40%. Salvini e’ al 15%, Forza Italia al 12% se un signore che conoscete scendesse in campo, andasse in tv e girasse l’Italia, voi non pensate che saliremmo di altri dieci punti?”. Per l’ex premier e’ necessario “reagire a questa situazione. C’e’ il 55% degli italiani che non e’ andato a votare , sono 26 milioni di italiani, sono di sinistra? No, quelli di sinistra vanno tutti a votare”. Si tratta, ha continuato Berlusconi, di “italiani delusi, sfiduciati, sono italiani soprattutto rassegnati pensano sia inutile per loro andare a votare. Che il loro voto non conti niente. Dobbiamo guardare a loro, dobbiamo raggiungerli tramite Tv e social network con un’opera capillare”. (AGI)� .

(AGI) – Roma, 28 nov. – “Ci sono una grande lontananza e una grande sfiducia, ma non dobbiamo sottovalutare che a un’iniziativa come questa, organizzata in poco tempo, con piccoli mezzi e con solo volontariato, partecipino tante persone di grande qualita’: ci sono giovani imprenditori e rappresentanti di una Roma che non si rassegna, e spero che questa sia la prima palla di neve da cui parta una positiva valanga di partecipazione”. Lo ha detto l’ex sindaco della capitale, Francesco Rutelli, che oggi ha promosso l’iniziativa ‘La prossima Roma’. “Qui non parliamo della corsa al Campidoglio ma del futuro della citta’”, per “una boccata d’aria pura per il futuro di questa citta’”, ha aggiunto Rutelli, sottolineando che “un’iniziativa come questa serve a formare un progetto per la citta’, gli strumenti per realizzare queste idee, per far venire fuori tante persone che non si conoscono ma che ora capiscono che Roma e’ in difficolta’ e si vogliono impegnare”. Una “settimana civica” in cui ciascun romano dedichi un giorno per svolgere del volontariato a favore della capitale. E’ la proposta lanciata dall’ex sindaco di Roma, Francesco Rutelli, durante l’incontro da lui promosso per discutere del futuro della citta’. “Oggi faro’ una proposta per invitare ogni cittadino romano a dedicare un giorno della sua vita alla citta’, in cui ciascuno possa dare una mano per il decoro e l’ambiente”, ha spiegato Rutelli, parlando di “una settimana civica in cui i romani si rimboccano le maniche: credo possa essere la risposta migliore all’idea che Roma stia andando a rotoli e che sia solo crisi politica o Mafia Capitale”. (AGI) .

(AGI) – Milano, 28 nov. – Matteo Salvini non sara’ candidato alle elezioni per il nuovo sindaco di Milano ma sara’ capolista della Lega. Lo ha annunciato a margine di un incontro al palazzo delle Stelline. “Sicuramente saro’ in campo anche io – ha detto il leader del Carroccio – ma come capolista della Lega, a disposizione del futuro sindaco”. “Come Lega abbiamo tanti nomi” per la corsa alla poltrona di primo cittadino di Milano “ma ragioniamo come gruppo”. (AGI)

(AGI) – Milano, 27 ago. – “Sono lieto che il Pd sia il primo partito progressista” in Europa, “ma bisogna dire che il Pd e’ ‘ancora’ perche’ dal 41% siamo scesi al 30%, qualcosa e’ successo, ci siamo persi per strada due milioni di elettori”. A dirlo e’ l’esponente del Pd Massimo D’Alema, nel corso di un incontro alla Festa dell’Unita’ a Milano. L’ex premier ha poi aggiunto: “Con chi andiamo alle elezioni? Con Casini, Verdini e Cicchitto? Oppure cerchiamo di ricostruire e rilanciare una prospettiva di centrosinistra? Questo e’ il bivio e il grande problema”. Un problema che, secondo D’Alema, non riguarda solo la sinistra italiana ma anche quella europea: “O nel nome della difesa dello status quo ci si stringe in un abbraccio con le forze conservatrici, che ho paura possa essere mortale, o si ricostruisce il centrosinistra”.

Il Pd non esercita un ruolo di leadership all’interno dell’Unione europea. Questa l’opinione dell’ex premier Massimo D’Alema. “Non ho l’impressione che il Pd cerchi di esercitare questo ruolo nella politica europea. Non ho visto questa grande leadership”, ha sottolineato D’Alema. “Non e’ vero che in questi vent’anni ci sono stati il berlusconismo e l’antiberlusconismo che si sono annullati a vicenda”. E’ il commento di D’Alema dopo le parole del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, al Meeting di Cl a Rimini. Secondo D’Alema, “le politiche dell’Ulivo possono essere un punto di riferimento”. “Non dico – ha aggiunto – che bisogna ispirarsi al passato, ma neanche sputarci sopra per fare finta di essere grandi”. (AGI)

(AGI) – Milano, 27 ago. – “Sono lieto che il Pd sia il primo partito progressista” in Europa, “ma bisogna dire che il Pd e’ ‘ancora’ perche’ dal 41% siamo scesi al 30%, qualcosa e’ successo, ci siamo persi per strada due milioni di elettori”. A dirlo e’ l’esponente del Pd Massimo D’Alema, nel corso di un incontro alla Festa dell’Unita’ a Milano. L’ex premier ha poi aggiunto: “Con chi andiamo alle elezioni? Con Casini, Verdini e Cicchitto? Oppure cerchiamo di ricostruire e rilanciare una prospettiva di centrosinistra? Questo e’ il bivio e il grande problema”. Un problema che, secondo D’Alema, non riguarda solo la sinistra italiana ma anche quella europea: “O nel nome della difesa dello status quo ci si stringe in un abbraccio con le forze conservatrici, che ho paura possa essere mortale, o si ricostruisce il centrosinistra”. Il Pd non esercita un ruolo di leadership all’interno dell’Unione europea. Questa l’opinione dell’ex premier massimo D’Alema, espressa nel corso di un incontro alla Festa dell’Unita’ di Milano. “Non ho l’impressione che il Pd cerchi di esercitare questo ruolo nella politica europea. Non ho visto questa grande leadership”, ha sottolineato D’Alema. “Non e’ vero che in questi vent’anni ci sono stati il berlusconismo e l’antiberlusconismo che si sono annullati a vicenda”. A dirlo e’ l’ex premier Massimo D’Alema, durante un incontro alla Festa dell’Unita’ di Milano, dopo le parole del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, al Meeting di Cl a Rimini. Secondo D’Alema, “le politiche dell’Ulivo possono essere un punto di riferimento”. “Non dico – ha aggiunto – che bisogna ispirarsi al passato, ma neanche sputarci sopra per fare finta di essere grandi”. .

(AGI) – Milano, 27 ago. – “A chi dice che dobbiamo fare di piu’ dico che dobbiamo fare di piu’ ma sono orgoglioso che l’Italia abbia contribuito a salvare decine di migliaia di vite umane, questo ci permette di andare a testa alta nei consessi internazionali”. A dirlo e’ il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, nel corso di un incontro alla festa dell’Unita’ di Milano. Sempre parlando del tema immigrazione, Gentiloni ha aggiunto: “Della dimensione della drammaticita’ di quello che sta accadendo noi italiani ne siamo consapevoli da qualche anno ed abbiamo fatto il possibile”. “Dobbiamo abituarci all’idea che al fenomeno migratorio non si risponde nascondendo la realta’, rinchiudendoci nei nostri confini o alzando muri. Si risponde sapendo che per diverse ragioni dobbiamo fare i conti con questo fenomeno per 10-15 anni”. Lo ha detto il ministro degli Esteri a Milano. “Dobbiamo gestirlo con umanita’ e spirito europeo”, ha aggiunto Gentiloni. (AGI) .