Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

Jason “Mew2king” Zimmerman, giocatore professionista di Super Smash Bros Melee ha confermato con un post su Reddit che non parteciperà all’Evo 2015 a causa di un infortunio al dito che non gli permette di competere al massimo della sua forma.

m2k injury

Mew2king ha affermato che andrà il prima possibile da uno specialista e che si occuperà di trovare una assicurazione sanitaria che gli permetta cure migliori. Non pare tutta via l’unico problema ad affliggere Jason, che ha ammesso di soffrire di depressione in un suo recente post su Facebook.

Il torneo di Melee dell’Evo (che affermano gli organizzatori ha superato i 1500 iscritti) perde uno dei suoi favoriti. Amato ed odiato ma rispettato da tutti per la sua passione e la sua dedizione nel gioco: questo è Mew2king. Speriamo si possa curare e torni presto a competere al proprio livello, seppure la mancata partecipazione al torneo più importante dell’anno si farà sicuramente sentire.

Guitar Hero Live Logo

Activision e FreeStyleGames annunciano un nuovo set di canzoni per Guitar Hero Live, che vanno ad unirsi alle centinaia di brani che saranno giocabili al lancio il prossimo 23 Ottobre.

 

Ecco nel dettaglio:

Guitar Hero Live sarà disponibile in Europa dal 23 Ottobre per PS4, PS3, Xbox One, Xbox 360, Wii U e selezionati device mobile che saranno presto annunciati. Il gioco è classificato PEGI 12.

 

Arriva l’annuncio di Dragon Quest Monsters Joker 3, ennesimo spin-off della celebre saga targata square Enix e disegnata da Akira Toriyama

A svelare lo sviluppo di Dragon Quest Monsters Joker 3 è stato il Weekly Shonen Jump, rivista settimanale giapponese in cui vengono ragruppate le ultime uscite dei manga “Shonen”. In una delle pagine del settimanale sono apparse alcune immagini del gioco e le prime informazioni sullo sviluppo.

Oltre a questo non ci è dato sapere nient’altro, se non che Dragon Quest Monsters Joker 3 verrà sviluppato per Nintendo 3DS, come ormai da tradizione del filone di questi spin-off delle saga principale.

 

 

 

Dragon Quest Monsters Joker 3

Attualmente Square Enix è una delle software house che più punta sul 3DS. Ricordiamo infatti che è in sviluppo per la portatile Nintendo, anche una versione remasted del fortunato ottavo capitolo di Dragon Quest, uscito nell’ormai lontanto 2004, su PlayStation 2.

Per chi acquisterà la Collector editions di Call of Duty : Black Ops III  Zombies ritorna in tutta la sua gloria nonmorta con “The Giant“, un centro di ricerca con la macchina per il potenziamento delle armi Pack-A-Punch. Rivivi il caos della classica Mappa Zombies “Der Riese” di Treyarch, riprendendo la storia di Zombies con Dempsey, Nikolai, Richtofen e Takeo da dove era terminata in Origins.

 

DECEPTION IV: the Nightmare Princess uscirà su  su PlayStation 4  e, in versione digitale, su PlayStation 3 e PlayStation Vita.

Questo capitolo segna l’esordio della saga su PlayStation®4 e include tutti i contenuti di Deception IV: Blood Ties più una nuova modalità Quest riguardante un nuovo personaggio giocabile, Velguire che scatenerò il suo potere in oltre un centinaio di missioni e tre nuove ambientazioni

 

Per tutti coloro che vogliono avere un assaggio di ciò che li aspetta nel gioco completo, segnaliamo che sullo Store di PlayStation®Network è disponibile una demo gratuita che comprende i primi due capirtoli della modalità Storia e 12 nuovissime quest  (incluso un tutorial progettato per insegnare ai neofiti come usare i propri personaggi e  permetere loro di prendere confidenza con l’originalissimo gameplay). Per permettere agli utenti di sperimentare il gameplay offerto ad un livello avanzato alcune funzionalità sono state sbloccate, Fra queste la possibilità di creare delle combo attraverso il piazzamento di 7 trappole in sequenza e l’opportunità di avvalersi di acluni poteri di Velguirie (calcio e Dash). Dato che la demo è stata progettata per godere di un personaggio di livello avanzato non sarà possibile trasferire i salvataggi della demo nel gioco completo fino alla release. Tuttavia, coloro che vorranno mostrare le loro combo agli amici saranno lieti di sapere che la funzione PS4 Share è abilitata nella demo.

Se vuoi invece acquistare DECEPTION IV: the Nightmare Princess puoi clicca qui

 

Memphis, ex giocatore della squadra professionista di Counter Strike Cloud 9 ha ammesso in una intervista che la sua squadra ha fatto uso di doping durante due dei tornei più importanti di quest’anno: la ESEA Lan e ESL Katowice.

c9 csgo

La droga che Memphis ammette di aver utilizzato è l’Adderall, un derivato della metanfetanimia che negli Stati Uniti è esclusivamente prescritta a chi soffre della sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Quello che si evince durante l’intervista è come la pratica sia estremamente diffusa e non siano i Cloud 9 i “mostri” pronti a fare di tutto e sacrificare la salute dei propri giocatori per sbaragliare la competizione.

Il doping negli e-sports, dunque, è un problema reale. Come è possibile che nonostante le competizioni millionarie (ricordiamo come l’International di Dota 2 abbia superato i 16 milioni di montepremi) non vi siano ancora accurati controlli in tal senso? Questo passaggio è sicuramente necessario a garantire l’integrità degli e-sports e portarli ad un livello paritario alla loro controparte reale.

Guarda qui l’intervista:

There was an error retrieving the YouTube video ID for the url you entered, please verify that the url is correct.

Deep silver ha annunciato di aver sollevato YAGER dall’incarico di sviluppo di Dead Island 2.

Dead Island 2 rischia di avere uno sviluppo travagliato e pieno di difficoltà, esattamente come accaduto al suo predecessore. Deep Silver ha infatti preso la decisione di togliere lo sviluppo del gioco dalle mani di YAGER. Ancora non sono chiare le motiviziani di tale scelta, ne tantomeno chi verrà designato per sostituire il team di sviluppo uscente. Speriamo che questa decisione possa non comportare ulteriori ritardi nella pubblicazione del titolo.

Qua di seguito riportiamo la dichiarazioni rilasciata da Deep Silver:

“Con Dead Island 2, Deep Silver si è sempre impegnata a fornire il sequel che tutti i fan di Dead Island meritano.
Dopo attente considerazioni, oggi annunciamo la decisione di separarci dal partner di sviluppo YAGER.
Continueremo a lavorare per portare alla luce Dead Island 2 e condivideremo maggiori informazioni in una fase successiva.”

Dead Island 2

 

Abbiamo ormai capito di essere nell’epoca delle versioni remaster: sul finire dell’era Playstation 3 e in tutto il primo periodo successivo al lancio di Playstation 4 abbiamo assistito ad una sterminata serie di versioni rimasterizzate di grandi titoli del passato – a volte recentissimo – chiedendoci più volte se si trattasse di moda, mancanza di fantasia da parte degli sviluppatori o semplici operazioni di marketing. La risposta che ci siamo dati è che le motivazioni sono queste e molte altre, compreso un mercato di videogiocatori che tutto sommato dà ragione alle scelte delle grandi software house: lo dimostrano i numeri di vendita dei “nuovi” GTA V e The Last of Us, così come l’hype generato dall’annuncio della remastered edition della saga di Uncharted e così come lo dimostrarono, in passato, le riedizioni Playstation 3 di Ico, Shadow of the Colossus e, naturalmente, dei primi due God of War. Di quest’ultima ip, il terzo capitolo è sicuramente stato il più coinvolgente e denso di phatos narrativo, tanto che gli stessi sviluppatori dei Santa Monica Studios lo hanno scelto come unico titolo da rimasterizzare per portare il personaggio di Kratos nella nuova generazione di console, scalzando dal podio virtuale il ben più recente God of ar: Ascension. Dopo aver provato a fondo il remastered in questione, eccovi di seguito le nostre impressioni e alcune riflessioni sul debutto di God of War su Playstation 4.

God of War III Remastered Recensione

“Gli dei mi hanno abbandonato”

Iniziava così il primo God of War, conclusosi con Kratos che, ucciso il Dio Ares, sedeva sul suo trono come nuovo Dio della Guerra. Gli Dei dell’Olimpo vedevano per la prima volta un mortale sedere al loro fianco, facile capire come la cosa non andasse loro a genio. Fu così che in God of War II Kratos vide ancora una volta il suo spirito allontanarsi dall’Olimpo, i cui sforzi miravano a rinchiudere il Fantasma di Sparta – altro appellativo utilizzato nello spin-off per PSP per riferirsi al protagonista – nelle profondità dell’Ade. Ma un guerriero come Kratos non si ferma nemmeno di fronte alla morte e, sconfitte le sorelle del destino e liberati i titani, giunse il tempo di scalare l’Olimpo e compiere la propria vendetta. È esattamente a questo punto che iniziano gli eventi narrati in God of War III, in cui la narrazione rappresenta l’epica e tragica conclusione della vendetta dello spartano contro tutti gli Dei greci. Sia chiaro che quando diciamo “tutti”, intendiamo davvero tutti: in GoW III Kratos massacra con la sua proverbiale brutalità l’intero pantheon greco senza risparmiare nessuno. Se siete tra i curiosi che stanno leggendo questa recensione senza aver mai provato God of War sappiate che i primi due capitoli sono fondamentali per apprezzare la qualità del comparto narrativo di questo episodio ma che, grazie ad un breve filmato iniziale e alla completezza della trama di GoW III, questa storia saprà catturarvi anche se non conoscete a fondo il brand. Si tratta, sicuramente, della parte più epica e violenta della storia di Kratos, che ormai completamente corroso dalla sua stessa sete di vendetta non esiterà a distruggere l’intero mondo conosciuto pur di abbattere i suoi nemici.

God of War III Remastered recensione

Full HD a 60fps

La principale caratteristica di questo remaster, così come lo era stato per i suoi predecessori su Playstation 3, è il comparto tecnico: God of War III è stato ripulito e tirato a lucido in ogni modo possibile, per non sfigurare di fronte ai titoli più recenti. Il punto di arrivo per i Santa Monica Studios erano i 60 frame per secondo a 1080p, ovvero la massima fluidità di azione in risoluzione full HD: sotto questo aspetto possiamo dire che il gioco centra in piano l’obiettivo, rendendo giustizia alle dettagliate animazioni di Kratos e a tutto quello che – come da tradizione fin dal primo episodio – si muove sullo schermo nelle numerose inquadrature di più ampio respiro, compresi i giganteschi titani o gli immensi boss sul corpo dei quali molte volte si svolge l’azione vera e propria. La palette cromatica, altro fiore all’occhiello del titolo su Playstation 3, viene qui riproposta e fa la stessa – se non migliore – bella figura: ogni arma si illumina di un colore differente, così come le sfere di luce che fuoriescono dai forzieri (da raccogliere per potenziare le abilità del protagonista) illuminano a loro volta il mondo di gioco colorando il protagonista, l’ambiente e i nemici con una fluidità e perfezione che rendono l’effetto finale davvero piacevole alla vista.

Continuando ad esaminare il comparto tecnico, però, dobbiamo sottolineare come a fronte di animazioni fluide e piacevoli, sul lato del level design God of War III inizi a mostrare qualche acciacco dovuto all’età: iniziamo con il dire che i primi piani di Kratos e dei nemici sono come sempre incredibili, con una realizzazione della pelle e dei muscoli davvero curata fin nel più piccolo dettaglio; quando invece la telecamera si muove negli ampi spazi aperti, inquadrando il protagonista da lontano, oppure quando l’inquadratura mostra gigantesche creature che popolano il mondo di gioco, l’estrema pulizia della risoluzione full HD mette in evidenza la povertà di dettaglio che su Playstation 3 era necessaria a far girare il gioco senza rallentamenti. Stiamo parlando ovviamente della stessa sensazione che si ha di fronte ad ogni remaster: l’eccessiva pulizia dei dettagli e l’abbondanza di superfici riflettenti di God of War III si rivela in alcune situazioni un’arma a doppio taglio, rendendo evidente come ciò che era assurdamente spettacolare su PS3 non riesca a tener testa a un titolo di ultima generazione sviluppato sui nuovi hardware. L’impressione è la stessa che abbiamo avuto durante la prova del remaster del primo God of War su PS3: per quanto tirato a lucido, un titolo della precedente generazione non può che restare tale e, anche invecchiando benissimo come questo GoW, ad un certo punto è costretto a mostrare i suoi limiti.

God of War III Remastered recensione

Resta il fatto che, se non siete fanatici della sola grafica e, soprattutto, non avete mai avuto modo di giocare a questa avventura, anche se non al top la maggior parte degli effetti introdotti nella saga con GoW III si difendono ancora bene: Kratos che si sporca di sangue a mano a mano che uccide brutalmente i nemici in successione, le violentissime finisher da portare a termine con i classici quick time event e gli scontri con i mastodontici boss sono sempre in grado di appassionare. Chi vi scrive non ha mai apprezzato l’inizio di God of War III in cui, oggi come allora, la volontà di trasmettere l’epicità dell’azione va a discapito del gameplay, esagerando con i campi lunghi e lasciando un po’ di amaro in bocca con un level design che sa di già visto e non stupisce, se non per la sapiente gestione della regia virtuale nella scena in cui Kratos massacra (letteralmente) di botte il Dio del mare Poseidone. Fortunatamente, dalla fine della sessione di gioco nel regno di Ade in poi – parte di gioco che si chiude con lo scontro con lo stesso Dio della morte – le cose iniziano a migliorare e anche graficamente il tutto si fa più interessante, mostrando maggiore creatività e dimostrandosi in grado di incollare allo schermo fino alla fine dell’avventura.

Infine, concludiamo la parte grafica prendendo in considerazione le magie: così come le armi, queste sono caratterizzate da particolari effetti visivi che alterano la percezione dei colori per sottolineare la brutalità dell’esecuzione della mossa speciale di volta in volta perpetrata ai danni dei poveri nemici che ostacolano il cammino di Kratos. Impossibile non pensare a Re Leonida e agli spartani di 300 quando la palette cromatica vira sul rosso sangue, mentre il livello di contrasto si impenna verso l’alto ingrigendo ogni altro colore: si tratta di un effetto tanto semplice quanto spettacolare, che oggi come allora contribuisce a far guadagnare punti nel nostro giudizio sulla grafica di God of War III.

God of War III Remastered recensione

L’essenza dell’hack n’ slash

God of War, grazie al quale tutti ormai conoscono la definizione “hack n’ slash” è di diritto considerato uno spartiacque generazionale per gli action game e, sin dall’uscita del primo capitolo della saga, ogni videogioco successivo appartenente al genere ha dovuto volente o nolente confrontarsi con gli altissimi standard di volta in volta imposti da Kratos e dai Santa Monica Studios di Sony. God of War III rappresenta forse il punto di massimo splendore del gameplay di questa serie: le numerose armi rispetto al passato, le magie e le nuove mosse eseguibili dal protagonista a mano a mano che si raccolgono sfere luminose e si potenzia l’arsenale sono davvero molte e tutte realizzate a regola d’arte, così come lo sono i Quick Time Event con i quali Kratos sbudella i nemici più deboli o finisce i boss. Il combattimento, quello più violento e brutale, è sempre stata una delle caratteristiche distintive di della serie e God of War III rende perfettamente giustizia al mito di Sparta e al suo popolo guerriero. God of War III è stato il primo capitolo della saga a permettere di eseguire lunghe combo passando velocemente da un’arma all’altra e, volendo, aggiungendo anche le magie senza soluzione di continuità: in GoW III è fondamentale usare anche un briciolo di materia grigia nei furiosi combattimenti, scegliendo – e cambiando velocemente – l’arma in uso sulla base del nemico che si deve affrontare, abilità che diviene sempre più fondamentale con l’aumentare del livello di difficoltà. Rispetto ai primi due capitoli, poi, aumenta anche il numero di nemici che è possibile controllare direttamente dopo averli indeboliti: dopo aver messo a segno un po’ di colpi, Kratos potrà salire in spalla a ciclopi e bestie sputafuoco, utilizzandoli a proprio vantaggio per eliminare gli altri nemici prima di finirli con la solita cattiveria che solo il Dio della guerra può avere.

GOd of War III Remastered recensione

Passando alla parte meno violenta del gameplay, sottolineiamo come God of War III rappresenti un punto di svolta rispetto agli altri capitoli della saga anche per quanto riguarda le sessioni platform e gli enigmi: più meccanismi e templi alla Tomb Raider, lunghe arrampicate con interruttori a tempo, sessioni di volo ed enigmi impossibili legati alla percezione della realtà rispetto al punto di vista del giocatore  – un po’ come avveniva in Ecochrome o nel più recente Monument Valley per dispositivi Mobile – sono solo alcuni punti di un lungo elenco che finalmente, dopo due GoW decisamente incentrati sul combattimento, hanno permesso alla saga di essere più equilibrata, soddisfacendo anche quella parte di videogiocatori che da tempo si aspettavano maggiore profondità dal brand. Ovviamente, come già visto su Playstation 3, alla fine dell’avventura Kratos acquisirà poteri aggiuntivi con i quali si potrà riaffrontare il gioco, caratteristica che aumenta notevolmente la longevità del titolo. Anche a chi fosse interessato ad una partita soltanto, comunque, segnaliamo che con le sue dieci ore God of War III resta uno degli episodi più lunghi della saga, eguagliato forse dal solo successivo God of War: Ascension. Sappiamo di non star parlando di ore ed ore di gameplay, ma trattandosi di un action ricco di azione e di cambi di ambientazione, le dieci ore sono un traguardo tutto sommato lodevole considerando una modalità di gioco interamente sui binari e guidata fino alla fine, senza possibilità di free roaming o di missioni secondarie.

God of War III Remastered recensione

Un ultimo appunto: citiamo in questa sede (e non nell’analisi del comparto tecnico) la gestione della telecamera, in quanto la regia virtuale in God of War è da sempre più al servizio del gameplay che legata al comparto tecnico. Già nella versione PS3 ci andava un po’ stretta la caratteristica telecamera fissa da sempre presente nella saga (e mantenuta anche nel successivo Ascension e negli spin-off per PSP) e oggi, su Playstation 4, ammettiamo che più di una il pollice ha mosso lo stick analogico destro cercando invano di far ruotare l’inquadratura. Non fraintendeteci: la telecamera è (quasi) sempre dove dovrebbe essere e solo in rarissime occasioni risulta essere troppo lontana o impedisce di combattere come si vorrebbe contro il nemico di turno. Semplicemente, dopo anni e anni di telecamere liberamente comandabili, il mercato e i videogiocatori non sono più abituati ad una telecamera fissa e noi per primi ammettiamo che anche se quasi perfetta la regia virtuale di GoW inizia ad andarci un po’ stretta. Siamo comunque consci che permettere la rotazione dell’inquadratura tramite stick analogico avrebbe probabilmente impedito il raggiungimento dei 60fps a 1080p e che, soprattutto, avrebbe distolto l’attenzione del giocatore dai furiosi combattimenti. Restiamo quindi dell’idea che i fan di God of War non avranno da ridire e sicuramente non criticheranno il sistema di telecamere che sono abituati a vedere da anni a questa parte.

God of War III Remastered recensione

Remaster video, ma anche audio

L’originale God of War III ci aveva fin da subito impressionato anche per la colonna sonora: molto curata, potente ed epica come mai prima di allora, era la perfetta controparte per sottolineare la solennità degli enormi palazzi e la pesantezza dei titanici nemici. Nell’edizione remaster il comparto audio è sempre impressionante, soprattutto per quanto riguarda le musiche e i cori dell’orchestra sinfonica che, accompagnati da corni e timpani, fanno risuonare gli epici temi di guerra e si mescolano con il classico tema della colonna sonora di GoW.

Di altra fattura, purtroppo, è la localizzazione italiana del gioco, che come nell’originale GoW III pone ottime interpretazioni – la voce narrante è sempre da pelle d’oca – a doppiaggi troppo poco curati: anche se si tratta di personaggi secondari o di semplici comparse, non capiamo ancora alcune mancanze di fronte ad una quasi totalità del comparto audio curato fin nel minimo dettaglio. Si tratta di pochi momenti in cui il volume delle voci non è sufficientemente alto, o l’interpretazione suona scolastica e mal recitata, ma a volte bastano questi attimi a far scomparire quella magia che in titoli di questo calibro si instaura tra gioco e giocatore, rovinando parte di quello che è il coinvolgimento generale. Resta il fatto che la localizzazione in lingua italiana è da considerarsi di per sé un fatto positivo e che comunque il livello del doppiaggio anche con qualche calo di qualità è ben al di sopra del livello medio di altri titoli del genere, nei quali l’importanza della narrazione è lasciata molto più in secondo piano.

 

God of War III Remastered è in tutto e per tutto il God of War III che abbiamo conosciuto e amato su Playstation 3, con tutti i suoi pregi e difetti. Se possedete il gioco per PS3 – magari nella ricca versione da collezione – non avete motivo di acquistare questa nuova edizione. Se non avete ancora avuto il piacere di conoscere Kratos, o per qualche motivo non avete acquistato GoW III a tempo debito, allora questa versione Per Playstation 4 è quello che fa per voi: il comparto tecnico non fa spalancare occhi e mascella come fece a suo tempo su Playstation 3, ma risulta essere abbastanza aggiornato da rendere piacevoli le dieci ore circa di gioco necessarie a giungere ai titoli di coda. La regia virtuale, la bontà della narrazione e l’incredibile fluidità delle animazioni in Full HD sicuramente vi incolleranno le mani al pad e gli occhi allo schermo, così come i piacevoli enigmi, forse i più interessanti e riusciti della serie. Il carisma di Kratos e la violenza della sua vendetta hanno conquistato milioni di fan; se non siete tra questi i casi sono due: o odiate gli hack n’ slash oppure non avete ancora giocato a God of War III.

 

Tomonobu Itagaki è un uomo il cui nome è simbolo, ormai, di parte importante dell’universo videoludico. Qualcuno lo adora, altri non lo hanno sentito nemmeno mai nominare, tuttavia tutti quanti conoscono, in un modo o nell’altro, i suoi lavori più importanti come Dead or Alive o Ninja Gaiden. Uscito da Tecmo, Itagaki ha formato un suo studio assieme ad altri membri del Team Ninja, chiamandosi Valhalla Game Studios. Tale gruppo ha presentato all’E3 del 2010 Devil’s Third, titolo ibrido tra action e sparatutto destinato a Playstation 3 e Xbox 360. Nonostante ciò, dopo un lungo periodo di silenzio, è stato rivelato che Devil’s Third sarebbe uscito nel 2015 in esclusiva Wii U.

La data di uscita ufficiale è il 28 agosto 2015, tuttavia noi ci stiamo già giocando per darvi una piccola anteprima di cosa dovrete aspettarvi dal gioco completo, in attesa della recensione che arriverà qualche giorno prima della data sopracitata.

Devil's Third Anteprima

Sono coatto, non serve altro.

La storia di Devil’s Third inizia con la notizia di una minaccia incredibile che grava sulla Terra. Difatti, alcuni satelliti artificiali nello spazio sono esplosi generando detriti che hanno generato la distruzione di tutti i satelliti civili e militari a essi vicini. A causa di ciò e di quello che ne consegue, il mondo è entrato in uno stato confusionario, pieno di guerre per lo stravolgimento degli equilibri di potere.

A quanto pare solo una persona può essere in grado di ribaltare le sorti degli scontri, un pericolosissimo uomo spedito in prigione con una condanna a oltre ottocento anni di reclusione. Questo russo di nome Ivan, poverino, viveva scomodissimo in una cella grande quanto un appartamento di lusso, con batteria da suonare, tv, e qualunque comodità desiderasse. Fortunatamente per lui è stato liberato da quella tortura per essere spedito in guerra.

Devil's Third Anteprima

Tatuaggi e massacri

Il gameplay di Devil’s Third è piuttosto particolare, un ibrido tra un action e uno sparatutto. Con una visuale alle spalle di Ivan, controlleremo il nostro personaggio liberamente per le ambientazioni tridimensionali, portando con noi diverse armi da mischia e da fuoco, che potremo cambiare a piacimento trovandole a terra.

Mirare con un’arma a distanza ci porterà a una visuale in prima persona classica degli sparatutto, permettendoci di mirare al meglio contro i nostri avversari e crivellarli di colpi. Già qui notiamo le prime stranezze, come per esempio il fatto che i nemici sopravvivono tranquillamente agli headshot, oppure il fatto che alla morte, spesso e volentieri, i corpi dei soldati avversari si decapitano o smembrano in maniera eclatante, magari però colpiti da un piccolo proiettile mirato a un piede. Questo ultimo aspetto, tuttavia, potremmo anche immaginare sia stato sviluppato appositamente per dare al titolo un’ulteriore enfasi al suo stile da film action alla “Machete“, quindi non ce la sentiamo di additarlo come bug o come pressapochismo da parte degli sviluppatori. Difatti l’atmosfera di questo titolo è molto giocosa e portata a inviare al giocatore un’immagine da serie Z, al punto da buttare ogni situazione sul ridere piuttosto che essere presa sul serio. Tutto ciò viene accentuato quando si va a combattere corpo a corpo, con violenti colpi pieni di fiumi di sangue che scorrono qua e là e con colpi finali diversi per ogni arma, che finiranno quasi sempre per tagliare a metà il corpo dello sventurato che ci è capitato di fronte.

A parte il terrificante potenziale bellico che Ivan possiede con ogni tipo di arma, è anche dotato di strani poteri speciali legati ai suoi tatuaggi, poteri dei quali non ci è dato, all’inizio del gioco, sapere le origini. Fatto sta che picchiando selvaggiamente in melee i nostri nemici riempiremo pian piano una barra, che una volta piena ci permetterà di attivare una modalità che accenderà come fari i tatuaggi sul nostro corpo, donandoci per diversi secondi una potenza ancor più devastante.

Devil's Third Anteprima

Grafica ed extra

Il lato tecnico di Devil’s Third non fa certo gridare al miracolo, tuttavia lo sviluppo particolarmente sofferto di questo titolo non ci permette di essere troppo critici. Essendo un gioco sviluppato per console differenti e solamente successivamente determinato un passaggio definitivo, oltretutto da parte di un team di persone molto piccolo ha vissuto in malo modo il turbine di cambiamenti di codice che ha dovuto subìre, non arrivando quindi a mostrare il massimo delle proprie potenzialità. Sia ben chiaro comunque che non è affatto brutto da vedere, semplicemente non mostra i denti come speravamo, evitando di spremere al massimo le capacità di Wii U.

Il comparto audio presenta invece un ottimo doppiaggio inglese e una colonna sonora abbastanza elettrizzante, che mette ben in chiaro in ogni momento ciò che stiamo vivendo con lo scopo di amplificare al massimo le nostre emozioni e il nostro fomento.

Anche la longevità sembra accettabile: nonostante ancora non sappiamo quanto duri la storia, tutti i livelli nascondono collezionabili da cercare, e sono presenti anche alcune modalità online delle quali però non possiamo rivelare alcun dettaglio. Il segreto verrà comunque svelato in sede di recensione.

Devil's Third Anteprima

Devil’s Third è un titolo che, a causa forse di un errato marketing, vede i fan divisi in svariati gruppetti. Alcuni, forti di un hype per questo titolo, attendono la sua uscita con ansia, ma purtroppo ce ne sono altri che temono un gioco di bassissima qualità (pur senza conoscerlo realmente), e altri che nemmeno sanno di cosa si tratti. Con questa anteprima possiamo tranquillizzarvi, affermando che come titolo Wii U, Devil’s Third è piuttosto divertente e riesce alla perfezione in ciò che si era prefissato. Con la sua atmosfera a metà tra Machete e Kill Bill non mancherà di divertirvi, se siete in grado di iniziare l’avventura direttamente con uno stato mentale di chi cerca qualcosa di leggero e “cafone” piuttosto che qualcosa di realmente serio. Vogliamo proprio trovare un pesante lato negativo? Il titolo non è localizzato in italiano, ma i testi sono solamente in inglese. Appuntamento a fine agosto con la recensione completa.

In un periodo dove la violenza negli stadi è al centro del dibattito pubblico, esce su Adroid un gioco stile retrò del tutto particolare Hools Run.

 

Hools che immaginiamo stia per Hooligan, ha un tema del tutto unico, poichè dovrai prendere il controllo di uno di loro allo stadio e scappare dalla polizia senza fatti acciuffare … il classico passatempo dell’Hooligan.
Schivare i tifosi e non farsi acciuffare, altrimenti … game over

Avanti nel gioco sarai in grado di recuperare upgrade che ti aiuteranno a scappare dalla polizia ad esempio una mazza da baseball.
Man mano che rimarrai nello stadio però il gioco diventerà davvero difficile

Sviluppato da una azienda polacca, la fifacoinspl, Hools Run è un ottimo gioco per ammazzare il tempo, scaricabile gratuitamente da GOOGLE PLAY