Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

Teenage Mutant Ninja Turtles, meglio conosciute in Italia come le Tartarughe Ninja, è stato un brand che ha dato vita a molti beat’em up di valore, come il più recente Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge ad opera di Tribute Games. Nel nuovo capitolo, come avevamo anticipato tempo fa grazie al Summer Game Fest, sarà possibile giocare nei panni del vigilante Casey Jones. Saranno chiaramente giocabili anche Raffaello, Donatello, Michelangelo e Tiziano ma, oltre a loro e a Casey vi sono anche altri personaggi giocabili come il maestro Splinter ed April O’Neil. Casey però non sarà disponibile sin dall’inizio: dovrà essere sbloccato, vediamo come.

Shredder's Revenge Casey Jones

Raffaello, Donatello, Michelangelo e Tiziano, insieme a  Splinter ed April saranno selezionabili sin dall’inizio in Shredder’s Revenge, mentre per sbloccare Casey Jones ci occorrerà giusto qualche ora di gioco: il vigilante mascherato verrà sbloccato una volta che avrete completato la story mode la prima volta. Portata a termine la campagna apparirà un messaggio dove verrete avvertiti che Casey Jones sarà disponibile nel menù di selezione dei personaggi di Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge. Ricordiamo che il titolo è disponibile per PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox Series X/S, Xbox One, PC e Nintendo Switch.

L’articolo Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge – Come sbloccare Casey Jones proviene da GameSource.

In contemporanea con l’evento celebrativo di Square Enix, si è tenuto l’evento di Capcom dedicato ai dieci anni di Dragon’s Dogma. 

Fulcro dell’evento è stato l’approfondimento sulla storia del gioco, e in particolare sulla creazione del concept e degli scenari narrato interamente dal director Hideaki Itsuno, che a fine video, slacciandosi la felpa che indossava, a svelato la maglietta con il logo di Dragon’s Dogma 2, annunciando che il titolo è in fase di sviluppo, senza dare ulteriori informazioni in merito.

Dragon’s Dogma 2

Come detto, non si sa nulla al momento su Dragon’s Dogma 2, ne sulla data di uscita ne tantomeno su quale piattaforma girerà il prossimo capitolo di casa Capcom. L’unica cosa certa è che il titolo è in sviluppo.

L’annuncio di un sequel del tanto amato Dragon’s Dogma è sempre  stato nei cuori dei fan, e nello showcase tenuto da Capcom la scorsa settimana, dove annunciava l’evento per celebrare il decimo anniversario si assaporava già l’idea di un grande annuncio per festeggiare i dieci anni del franchise.

Come già detto, per il momento non si sa nulla, quindi non ci resta che attendere ulteriori informazioni da parte di Capcom  e sperare che il titolo arrivi il prima possibile sugli scaffali di tutti i negozi.

L’articolo Dragon’s Dogma 2 esiste! proviene da GameSource.

Com’è tristemente noto la guerra incorso in Ucraina, a seguito dell’invasione russa, ha bloccato il paese causando morte e distruzione oltre a fermare le attività produttive che toccano da vicino anche il settore videoludico.

S.T.A.L.K.E.R. 2

GSC Game World è infatti uno studio ucraino che ha dovuto abbandonare la sua sede a Kiev disperdendo le varie figure che lo popolavano: alcuni sono riusciti ad allontanarsi della guerra mentre altri sono rimasti nascosti in città, alla ricerca di un luogo sicuro, altri ancora hanno invece imbracciato realmente le armi per difendere il proprio paese.

GSC Game World aveva annunciato l’interruzione dello sviluppo di S.T.A.L.K.E.R. 2 qualche mese fa, proprio a causa della guerra, ma fornisce un importante aggiornamento ai giocatori tramite due interessanti filmati: il primo mostra ciò che sta succedendo nel paese ed è un diario di come viene sviluppato il titolo durante il periodo di guerra mentre il secondo è un nuovo trailer che introduce alla “zona”.

S.T.A.L.K.E.R. 2: Heart of Chornobyl arriverà dunque nel 2023, come indicato nel trailer, ma è ancora prematuro chiedersi quale sarà l’effettiva data di lancio, intanto alcuni store online hanno aggiornato la data di lancio al generico 31 Dicembre 2023 in attesa di poter conoscere il dato ufficiale da GSC Game World. Nel frattempo è possibile supportare la popolazione colpita dalla guerra in Ucraina tramite l’UNICEF.

L’articolo S.T.A.L.K.E.R. 2: aggiornamenti e nuovo trailer proviene da GameSource.

Dopo un’assenza lunga ben quindici anni, il campionato calcistico del Regno dei Funghi è ripartito. Mario Strikers: Battle League Football per Nintendo Switch si presenta come un punto d’incontro tra il primo episodio lanciato su GameCube e il secondo approdato su Wii. L’esclusiva per la console ibrida enfatizza l’elemento pescato dai gdr con un sistema di abilità che caratterizzano ogni personaggio. Di seguito andiamo a descrivere le varie statistiche e come queste influenzano il Gameplay.

Mario StrikersAbilità

Mario Strikers: Battle League Football arriva sul mercato con un roster di 10 calciatori distinti: Mario, Toad, Peach, Luigi, Bowser, Rosalinda, Yoshi, Donkey Kong, Wario e Waluigi (oltre a Boom Bomm come portiere fisso). Ognuno di loro vanta cinque attributi che ne determinano le prestazioni nei campi da gioco. Qui di seguito elenchiamo i talenti che potranno essere potenziati dagli utenti:

  • Forza: indica la potenza nell’effettuare dei contrasti e nel resistere ai quelli degli avversari;
  • Velocità: indica la velocità di movimento di un personaggio;
  • Tiro: indica la potenza e la velocità di un tiro in porta;
  • Passaggio: indica la velocità con cui viene effettuato un passaggio e influisce sulla portata di un passaggio filtrante;
  • Tecnica: indica la precisione di un tiro in porta e influisce sull’effetto dato al pallone e sulla capacità di dribbling e gestione dello stesso, sull’indicatore dell’Ipertiro e sul tempismo delle azioni perfette. Più è elevato, più tali azioni risulteranno semplici.

Mario Strikers

Il valore degli attributi sopra descritti varia da un minimo di zero a un massimo di venticinque per ogni singolo calciatore. I giocatori potranno personalizzare la propria squadra in base a obiettivi e preferenze attraverso l’acquisto di oggetti specifici. Esistono inizialmente cinque pezzi di vestiario per parte del corpo – testa, braccia, corpo, gambe – oltre a un altro che si attiva al completamento di tutte le sei coppe disponibili.

Dopo questo rapido ripasso degli attributi di Mario Strikers: Battle League Football, il calcio a 5 in salsa Nintendo non avrà più segreti per voi.

L’articolo Mario Strikers: Battle League Football – Le statistiche proviene da GameSource.

Finalmente A Plague Tale: Requiem è tornato a mostrarsi all’Xbox & Bethesda showcase ed è pronto ad approdare su Xbox Game Pass più in forma che mai.

a plague tale requiem

Il titolo è il sequel diretto di A Plague Tale: Innocence uscito nel 2019 per consolle di vecchia generazione e tornato più fresco nel 2021 su Xbox Series X/S e su PlayStation 5 ( con un ottima aggiunta delle funzioni del DualSense). Sempre nel 2021 è approdato anche su Nintendo Switch con la versione Cloud, giocabile quindi in streaming solo attraverso una connessione internet costante.

Segui la cupa storia della giovane Amicia e del suo fratellino Hugo in un tormentato viaggio nell’epoca più nera di sempre. In fuga dall’Inquisizione, circondati da inarrestabili orde di ratti, Amicia e Hugo impareranno a conoscersi e a fidarsi l’uno dell’altra.

Quella sopra è una breve sinossi di una storia che ha saputo suscitare molto interesse da parte del sottoscritto, il Medioevo è un periodo storico che mi affascina da morire e in a Plague Tale: Innocence è ben rappresentato, ho apprezzato anche il gameplay ricco di fasi stealth ma soprattutto la storia che termina con un finale abbastanza criptico che apre il suo sequel (ovviamente non starò qui a fare spoiler).

A Plague Tale Innocence Nicholas

Il titolo nonostante sia molto affascinante risente (nemmeno troppo) di una realizzazione tecnica legata ad un prodotto con budget medio (AA) , lontano quindi da essere definito tripla A. Bene, con A Plague Tale: Requiem non sarà così.

Analizzando il materiale mostrato l’altro ieri è facile notare quanto A Plague Tale: Requiem sia migliorato. Grazie agli incassi del primo titolo della serie che in un solo anno (dal 2019 al 2020) è riuscito a vendere oltre un milione di copie ma anche grazie al contratto che lo rende disponibile su Game Pass al day one, gli sviluppatori hanno potuto decisamente lavorare meglio sul titolo. Il gameplay trailer mostra come prima cosa una serie di ambientazioni, che non si limitano a roccaforti abbandonate e foreste come avveniva nel primo titolo. Si  può ben vedere che saranno presenti zone “desertiche” ed accampamenti popolati oltre che quegli spazi claustrofobici pieni di mosche e ratti classici di A Plague Tale. Amicia sarà armata di fionda e stavolta anche di balestra, grazie all’aggiunta di quest’ultima ci saranno profondi cambiamenti a livello di gameplay e combattimenti.

Anche le fasi di gameplay stealth saranno rivoluzionate, infatti Amicia potrà sgattaiolare e nascondersi sotto i tavoli e altri ripari per non farsi individuare dai nemici, da quanto emerso nell’anteprima le fasi di combattimento sembran0 essere molto più crude e violente con un Amicia molto più provata e ricca di esperienze grazie al terribile viaggio affrontato fino ad ora. Non possono mancare le gigantesche orde di roditori che vanno ad infestare i bellissimi paesaggi offerti dal gioco, stavolta si potranno anche spingere i nemici da far divorare dagli immensi fiumi di ratti!

a plague tale requiem

I fratelli De Rune saranno accompagnati nel loro straziante viaggio da nuovi alleati che assieme ai protagonisti andranno a creare una storia emozionante grazie alle grandi interpretazioni fornite dal cast. Grandi migliorie anche dal lato tecnico: Dalle animazioni rifatte da zero al motore grafico in Unreal Engine 5 in 4k e 60 fps.

Il trailer mostrato allo showcase vanta una durata di meno di due minuti ma da poco è stato svelato che il 23 giugno ci sarà un nuovo evento che mostrerà un lungo gameplay del titolo e la data di uscita, che per ora è un generico 2022. Non sono previste versioni Playstation 4 e Xbox one del gioco, il titolo sarà pubblicato su Xbox Series X/S e PC dal day one su Xbox Game Pass, e su PlayStation 5 e Nintendo Switch in edizione Cloud.A Plague Tale: Requiem è uno dei titoli in uscita nel 2022 che attendo di più avendo adorato (e platinato due volte) il primo titolo!

L’articolo A Plague Tale: Requiem – Anteprima proviene da GameSource.

Il gioco di sopravvivenza multiplayer Grounded uscirà dall’accesso anticipato e verrà lanciato a settembre, così hanno annunciato l’editore Xbox Game Studios e lo sviluppatore Obsidian Entertainment.

Grounded è stato lanciato per la prima volta in accesso anticipato il 28 luglio 2020.

Grounded

La versione completa includerà tutti i 12 aggiornamenti già rilasciati durante l’accesso anticipato. Ora i giocatori potranno svelare l’intero mistero dietro Grounded e il loro rimpicciolimento in una campagna completamente giocabile, incluso il modo in cui gli adolescenti sono entrati nel cortile e lo scienziato pazzo dietro di esso.

La versione 1.0 aprirà anche una parte completamente nuova del mondo Grounded: il cortile superiore. Questa nuova sezione includerà una zona di cortile in più da esplorare insieme a nuove ricette di armature, di armi e alcuni segreti che non si possono proprio svelare. Se volete saperne di più, potete qui il sito ufficiale.

Grounded entrerà nella sua versione completa a settembre 2022 su Xbox One, Xbox Series X, Xbox Series S, Windows 10/11 e Steam per $ 39,99. È incluso anche nel abbonamento Xbox Game Pass, PC Game Pass. Tuttavia, si può comunque sfruttare il prezzo di anteprima del gioco/accesso anticipato su Steam e Microsoft Store mentre è ancora in vendita a $ 29,99.

L’articolo Grounded verrà lanciato a settembre proviene da GameSource.

In questi ultimi giorni ho potuto mettere le mani in anteprima sulla Boss Factory, una demo che ci illustra in maniera più che esaustiva quella che sarà senza dubbio una delle feature più in vista del nuovo Saints Row, gioco sviluppato da Volition e distribuito da Deep Silver in arrivo ormai tra non molto, il 23 agosto su PC, PlayStation 4 e PlayStation 5, e su Xbox Series X|S.

Vi abbiamo già parlato ampiamente della nuova incarnazione di Saints Row in un’altra anteprima e a proposito dello showcase appositamente dedicato alla personalizzazione dei contenuti in game. E questa Boss Factory è solamente la ciliegina sulla torta, trattandosi di una demo che ci permette di creare a nostro piacimento il personaggio principale, che sarà poi utilizzabile anche nella release completa. Quindi, in pratica, mettiamoci avanti con il lavoro!

Tendenzialmente io sono uno di quei giocatori che, messo davanti a un editor di personaggi, finisce il più delle volte a spenderci più tempo che con il gioco stesso! Davanti a questa Boss Factory, non mi vergogno a dire che mi è venuto praticamente un attacco di sindrome di Stendhal! Boss Factory ci presenta infatti uno dei più completi editor mai visti fino ad ora. Ogni minima caratteristica estetica de nostro futuro avatar in game, può essere editata in maniera veramente pesante.

Saints Row Boss Factory

Pur esistendo ovviamente alcuni modelli predefiniti, che comunque ho potuto pasticciare con mio sommo gaudio, la demo permette di impostare liberamente davvero di tutto: tipo di corporatura, pelle, texture della pelle, voce, forma del viso eccetera. Rimanendo su quest’ultimo, ho apprezzato moltissimo la complessità delle modifiche che si possono apportare, non ultima quella di poterne gestire forma e aspetto, in maniera separata per il lato destro e sinistro, cosa che non mi risulta essere mai stata possibile in nessun editor fino ad ora. Volete fare Sloth dei Goonies? In Saint Row si può! Evvai.

Non mi sto nemmeno a dilungare sulle infinite combinazioni di accessori, vestiti, colorazioni eccetera, perché sarebbe banale. Posso dirvi solamente che ce ne sono veramente a bizzeffe e – ne sono sicuro – moltissime altre si renderanno disponibili più avanti, sbloccandole con il gioco completo.

Altra cosa davvero molto simpatica di questa Saint Row Boss Factory è che le vostre creazioni – oltre a poter essere utilizzate all’uscita del gioco – possono essere condivise con la community, votate e anche utilizzate da parte di altre utenti, tramite un sistema di generazione di codici univoci per ogni personaggio creato.

Saints Row Boss Factory


La versione di questa demo che ho potuto provare (su PC, ma Saint Row sarà disponibile anche ), ci è stata fornita in anticipo da Koch Media ma, ad oggi, la Boss Factory è disponibile a tutti gratuitamente su ogni piattaforma. Che aspettate quindi? Vai di creazione!!

L’articolo Saints Row – Provata la Boss Factory proviene da GameSource.

Sword e Shield si arricchisce della decima espansione della serie del Pokémon Trading Card Game, Lucentezza Siderale, un’espansione che introduce le nuove carte dei Pokémon Radiant, creature base anche se rappresentanti a volte Pokémon evoluti, dotati di nuove abilità e nuovi attacchi decisamente interessanti.

Lucentezza Siderale Carte

Questa espansione, come di consueto, offre tante diverse soluzioni per giocatori veterani e per chi si approccia al GCC Pokémon per la prima volta, a partire dal Kit Sfida Strategica, all’Etb e al Set Allenatore Fuoriclasse.

Lucentezza Siderale Carte

Lucentezza Siderale Carte Lucentezza Siderale Carte

Abbiamo selezionato le carte più interessanti dell’espansione Spada e Scudo: Lucentezza Siderale per la costruzione dei deck da utilizzare nei tornei standard.


Lucentezza Siderale Carte  Lucentezza Siderale Carte Lucentezza Siderale Carte

Lucentezza Siderale Carte Lucentezza Siderale Carte

Il primo deck rappresenta l’archetipo dei Regi, contiene infatti Registeel, Regirock, Regice, Regidrago e Regigigas. Il mazzo ruota fondamentalmente intorno all’abilità e all’attacco del Regigigas, sfruttabili avendo in panchina gli altri Pokémon Regi. Un deck che può sfruttare anche gli stessi Regi di Hoenn per attaccare, mentre Regidrago diventerebbe esclusivamente un Pokémon di supporto data l’abilità Gruzzolo del Drago che permette al giocatore, se questa carta è attiva, di pescare dal mazzo per avere quattro carte in mano. Il Deck è sicuramente un’idea interessante, non uno dei mazzi più competitivi di questa espansione, può tuttavia venire preso in considerazione quale budget deck.


 GCC Pokémon GCC Pokémon

Continuiamo notando due Pokémon di supporto. Il primo è Greninja Lucente, forse il più interessante dei nuovi Pokémon Radiant, la cui abilità permette, scartando una carta dalla mano, di andare a pescare dal mazzo due carte: una carta decisamente utile soprattutto nei primi turni della partita per settare il deck. La seconda è Diancie, altro Pokémon utile per la sua abilità che permette al giocatore, se attiva, di bloccare gli effetti delle carte Aiuto dell’avversario sui Pokémon Base in panchina.


GCC Pokémon GCC Pokémon GCC Pokémon

Un trio di attaccanti dalle carte di Spada e Scudo Lucentezza Siderale: Darkrai VASTRO, Dialga Originale VASTRO e Palkia Originale VASTRO. Iniziamo dal Pokémon buio: Darkrai è forse l’attaccante più forte di questa espansione, riuscendo a sfruttare un attacco che aumenta di forza all’aumentare del numero di Energie Buio assegnate ai tuoi Pokémon. Una carta facilmente sfruttabile all’interno di un deck buio, che viene resa ancora più interessante dall’abilità Astro Abisso che permette di recuperare due Strumenti dalla pila degli scarti e aggiungerle alle carte in mano: un esempio è rappresentato dalla carta Dark Patch. Anche Dialga sfrutta il numero di carte assegnate a se stesso, questa volta Acciaio, per sferrare degli attacchi decisamente interessanti. Questo si aggiunge al potere Astro Tempo che permette a Dialga non solo di attaccare ma anche di giocare un altro turno. Chiude questo trittico Palkia, leggermente meno interessante nella sua offensività, in quanto il suo attacco dipende anche dai Pokémon nella panchina dell’avversario: qualora dovesse giocare con un numero basso di Pokémon in panchina, l’attacco di Palkia non riuscirebbe ad abbattere neanche un semplice Pokémon V. Interessante è invece la sua abilità Astro Portale che permette di assegnare ai Pokémon Acqua tre carte Energia Acqua dalla pila degli scarti, permettendo anche allo stesso Palkia di caricarsi in un turno.


GCC Pokémon GCC Pokémon GCC Pokémon

GCC Pokémon GCC Pokémon GCC Pokémon

Chiudiamo la nostra selezione delle carte di Spada e Scudo Lucentezza Siderale con delle carte Allenatore. Le prime sono tre Strumenti utili per il settaggio: Scarpe da Trekking permette di guardare la prima carta del mazzo e metterla in mano, qualora non fossimo interessati ad essa potremmo scartarla e pescare quella successiva. Peso Ball di Hisui permette di guardare le carte premio coperte e scegliere un qualunque Pokémon Base tra di esse e aggiungerlo alle carte in mano, andandolo a sostituire con la stessa Peso Ball. Distintivo Oscuro, il Dark Patch che abbiamo citato, permette di assegnare a un Pokémon Buio in panchina una carta Energia Buio dalla pila degli scarti.

Le altre tre carte sono Aiuti: Roxanne obbliga entrambi i giocatori a rimischiare le carte nel mazzo, l’utilizzatore della carta pesca sei carte e l’avversario ne pesca due, una carta che sarebbe decisamente formidabile e che viene per questo bloccata nell’utilizzo esclusivamente se l’avversario ha tre o meno carte premio rimanenti. Gardenia, utile soprattutto nei deck erba o quelli che utilizzano anche attacchi incolore, permette di pescare due carte e assegnare due carte Energia Erba dalla mano a uno dei Pokémon in panchina. Adaman, per concludere, è una carta utile esclusivamente nei mazzi che sfruttano Energie Acciaio, in quanto permette di scartarne due dalla mano e di scegliere dal deck due carte qualsiasi da sostituire a esse. Gardenia e Adaman, date le loro abilità, vengono utilizzate esclusivamente in mazzi specifici, Roxanne è invece una carta che può venire inserita in praticamente quasi tutti i deck e soprattutto in quelli che fanno del disturbo il loro modo di giocare.



Queste sono le carte più interessanti della nuova espansione Spada e Scudo: Lucentezza Siderale e i nuovi prodotti in vendita della linea Sword and Shield di The Pokémon Company International.

L’articolo Spada e Scudo – Lucentezza Siderale: carte Lucenti e deck proviene da GameSource.

Eccoci in questo editoriale di metallo, in cui andrò a parlare dei migliori videogiochi metal usciti finora in occasione del debutto di Metal: Hellsinger in uscita tra soli 3 mesi. Per me che sono nato con le bacchette in mano e con il cuore di metallo è un onore scrivere questo editoriale. Nel videogioco oltre alla grafica, alla trama e al gameplay per me è sempre stato fondamentale un’aspetto: la colonna sonora. La musica è una parte importantissima nell’esperienza di gioco, ogni momento memorabile è infatti spesso accompagnato dalle giuste note.

Slipknot Smite

La seguente non è una classifica ma più un percorso che va a riprendere alcuni titoli in cui la musica metal è stata fondamentale. E si quella sopra è una foto degli Slipknot, da poco aggiunti come skin nel free to play SMITE.


Journey Escape (1982)

Non è sicuramente il videogioco più metal di sempre, non ci sono orde di demoni da abbattere ma è il primo titolo con sfumature Rock. Pubblicato nel 1982 da Data Age su Atari 2600, Journey Escape è un gioco d’azione dove con i Journey, vera rock band americana formatasi nel 1973, dovrai fuggire da “fotografi e groupie” fino ad arrivare al prossimo concerto. Si, grande storia. La musica in game è stata prodotta esclusivamente per il gioco, mentre la melodia introduttiva è estratta dall’album Escape proprio dell’omonima band.

Escape Journey


Doom (1993-oggi)

Chi è che non ha mai sentito parlare di Doom? La serie Doom nasce nel 1993 dalle menti di Id Software e dal leggendario John Romero. il primo capitolo è disponibile oggi su praticamente (quasi) ogni dispositivo che abbia uno schermo, se non lo conosci (grave) Doom è un frenetico sparatutto 3D in cui accompagnato da azzeccate melodie Metal (spesso infernali) dovrai massacrare ogni tipo di demone sul tuo cammino.

Doom classici su Nintendo Switch

La serie è ancora in piedi a testa alta e ancora oggi è uno degli sparatutto più influenti di sempre. l’ultimo capitolo Doom Eternal prosegue sulla strada di Doom (2016), reboot della serie originale, se non lo hai già fatto devi assolutamente recuperarli. Nell’ultimo capitolo sotto forma di collezionabili sono addirittura presenti dei vinili metal, Cool!

Doom Eternal


Twisted Metal (1995-2012)

 Twisted Metal è un gioco in cui si deve combattere tra incredibili veicoli tamarri e modificati, con strimpelli di chitarre elettriche a palla di sottofondo, inoltre ci sono frequenti esplosioni di veicoli, perfetto!

Il titolo originale è uscito nel 1995 su Playstation 1 e presenta la seguente sinossi: “Ogni anno, dodici contendenti si sfidano nelle sue strade con veicoli modificati per distruggersi l’un l’altro. Il concorrente che sopravvive alla competizione avrà l’onore di affrontare Minion, il boss finale, per poter esprimere il suo desiderio di fronte al misterioso Calypso, a prescindere dal prezzo, dalla grandezza o persino della realtà del desiderio.” L’ultimo capitolo è un reboot della serie uscito nel 2012 su PlayStation 3.

Twisted Metal


Devil May Cry ( 2001- 2019)

Devil May Cry è l’amatissima serie Capcom hack and slash nata nel 2001 su PlayStation 2 che vede come suo protagonista Dante, cacciatore di demoni in cerca di vendetta. Un capitolo in particolare ha forti legami con l’heavy metal: Devil May Cry 3. Primo titolo in ordine cronologico, Devil May Cry 3 è uno dei videogiochi più metal in assoluto: Demoni? ci sono, Pistole tamarre? ci sono, Sangue? eccome se c’è.

Dopo aver sconfitto un boss Dante riceverà una particolare arma, la Nevan, che è a tutti gli effetti una chitarra letteralmente elettrica! lanciare fulmini da una chitarra elettrica per eliminare demoni è assolutamente soddisfacente!

Devil May Cry 3 Special Edition


Guitar Hero (2005-2015)

Guitar Hero è un nome che si descrive da solo. Il titolo è uno dei primi videogiochi musicali dove il giocatore utilizza una periferica a forma di chitarra a differenza del classico controller, premendo i tasti colorati si va infatti a “emulare” il vero suonare dello strumento. Al 2022 i videogiochi della serie hanno venduto oltre venticinque milioni di copie in tutto il mondo portando gli incassi totali a oltre due miliardi di dollari. Negli oltre 15 capitoli sono presenti i migliori artisti Metal, Punk Rock e non solo della storia: Dai System of a Down ai Linkin Park, passando per i Metallica e gli Slipknot.

Guitar Hero

Sono stati pubblicati parecchi Spin-off della saga dedicati ad artisti singoli, come Guitar Hero: Aereosmith e Guitar Hero: Van Halen. Guitar Hero World Tour nel 2008 proponeva addirittura un bundle contenente oltre che la classica chitarra elettrica della serie una piccola batteria elettronica sempre da collegare al gioco.

Guitar Hero III


Brutal Legend (2009)

Qui scende la lacrimuccia. Uno dei migliori videogiochi metal dei sempre. Brutal Legend è un videogioco action adventure di Double Fine ed EA uscito nel 2009 su PlayStation 3, Xbox 360 e PC.

Il giocatore impersona Edward “Eddie” Riggs interpretato dal grandissimo Jack Black, leader dei Tenacious D, Eddie Riggs è un roadie, che durante il concerto di una rock band che detesta, rimane schiacciato da un’impalcatura pericolante per salvare uno dei membri della band. Il sangue di Eddie cola fino alla fibbia della cintura del suo defunto padre, risvegliando un’enorme creatura fatta di metallo: Ormagöden, la bestia ignea, che trasporta il corpo di Eddie indietro nel tempo, nell’era in cui il mondo era governato dalle leggi del metal e dagli stereotipi musicali.

Nel titolo interamente basato sul mondo metal sono presenti artisti eccezionali dal calibro di Ozzy Osbourne, Rob Halford leader dei Judas Priest, Lemmy Kilmister leader dei Motörhead e molti altri ancora.

Brutal legend


Cyberpunk 2077 (2020)

Il discusso titolo di CD Project RED non è a tutti gli effetti un gioco metal. Ma Johnny Silverhand eccome se lo è! Il leader dei “Samurai” è anche un ottimo musicista ed è interpretato dal mozzafiato Keanu Reeves.

Cyberpunk 2077 Keanu Reeves

Cyberpunk ha vissuto uno sviluppo complicatissimo e pieno di rinvii, al lancio su consolle old gen erano presenti migliaia di bug e glitch gravi, la maggior parte finalmente risolta con la patch per le consolle di nuova generazione che porta il titolo anche su Ps5 e Xbox series X/S.

Nel titolo sono presenti diverse tracce “Pure Metal”, alcune veramente ottime.


Metal: Hellsinger (2022)

Metal Hellsinger dai gameplay emersi è potenzialmente uno dei videogiochi metal più interessanti. Un FPS ambientato nell’inferno in cui i BPM delle canzoni di sottofondo sono fondamentali nel combattimento.

Metal: Hellsinger

I ragazzi di Funcom oltre ad aver presentato un divertentissimo e frenetico gameplay si sono affiancati da artisti di fama mondiale per dare vita a una colonna sonora probabilmente indimenticabile. La foto parla da sola, il 90% della colonna sonora sarà composta da brani inediti, creati quindi solo per il gioco. Non vedo l’ora di provarlo!

Metal: Hellsinger

Inoltre è stata pubblicata oggi una demo che consente di provare un estratto del titolo, in uscita il 15 settembre. Molti brani contenuti nel titolo (almeno quelli che ho sentito) mi danno la sensazione che sarà difficile rimanere immobile mentre si gioca. Devo cercare di resistere fino a settembre.


Se invece ti piace la musica e l’attitude metal e adori i giochi 2D action/adventure a scorrimento ti consiglio Valfaris e Slain: Back from Hell, entrambi di Steel Mantis e appartenenti allo stesso universo. Ecco i trailer:

Ecco un bruttissimo e particolare extra:


Ed Hunter (1999)

Ed Hunter è un videogioco uscito insieme al cd “Ed Hunter” degli Iron Maiden ed è probabilmente nella top 10 dei peggiori videogiochi della storia. Il gioco è uno sparatutto veramente senza senso in cui dovrai salvare Ed (la mascotte degli Iron Maiden) da una prigione e per farlo dovrai passare da location mai viste ( si scherza) come ospedali psichiatrici e l’inferno. Oltre il gameplay macchinoso e ripetitivo il titolo presenta un gravissimo bug riguardante i salvataggi: se si esce dal gioco è necessario ricominciare il gioco daccapo.

Grandissimo flop, il titolo è stato abbandonato nel giro di 10 mesi ma rimane un cult per i fan degli Iron Maiden.

Ed Hunter


Spero vivamente che Metal Hellsinger riesca a soddisfare le aspettative e che presto vengano rilasciati altri titoli legati al mondo del Rock/Heavy Metal. Lunga vita al Metal, sempre.

L’articolo Videogiochi e Metal – due mondi che si incontrano proviene da GameSource.

Nell’ambito delle celebrazioni del Ghostbusters Day, Sony Pictures VR ha annunciato oggi che il suo prossimo titolo Ghostbusters VR arriverà su PlayStation VR2, oltre che sul Quest 2.

Il gioco è stato annunciato lo scorso aprile durante il Meta Quest Gaming Showcase, dove per la prima volta è stato rivelato l’arrivo sul Meta Quest 2. nDreams, lo studio dietro Far Cry VR: Dive Into Insanity e Phantom: Covert Opps, sta sviluppando il titolo VR.

Ambientato a San Francisco, i giocatori avranno l’opportunità di gestire la propria attività di acchiappa fantasmi. Il gioco è un adventure cooperatico, massimo 4 giocaotri. Sony Picture VR ha precedentemente confermato che il gioco è ambientato “nei giorni nostri e forse leggermente nel futuro”, ma il gioco non è un seguito diretto di nessuno dei film di Ghostbusters, incluso Ghostbusters: Afterlife.

Ghostbusters: Spirits Unleashed

Ghostbusters VR è l’ultimo gioco a essere annunciato per la periferica di Sony, PlayStation VR2. La scorsa settimana Sony ha avuto uno stato di gioco di circa 30 minuti in cui è stato confermato che diversi giochi erano in fase di sviluppo per il visore, incluso il supporto VR per Resident Evil Village e uno sguardo esteso a Horizon: Call of the Mountain. Altri giochi confermati in fase di sviluppo per PSVR2 includono Among Us VR e No Man’s Sky.

Come la PlayStation VR2, Ghostbusters VR al momento non ha una data di uscita.

L’articolo Ghostbusters VR è in arrivo su PlayStation VR2 proviene da GameSource.