Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

Lo sviluppatore Team Cherry ha rilasciato Lifeblood, il nuovo aggiornamento per il magnifico metroidvania a tema insetti Hollow Knight.

Lifeblood è già disponibile su PC, ma si stacca molto dai precedenti aggiornamenti , cioè Hidden Dreams e Grimm Troupe. Questo perchè il focus di questo nuovo update è più il miglioramento di prestazioni che l’aggiunta di contenuto.

Molti dei cambiamenti di Lifeblood sono parte del lavoro in corso per portare il titolo su Switch.  Stando al Team Cherry questi cambi son tanto benefici da poter ipotizzare il porting su altre piattaforme.

Ma nonostante i miglioramenti audio, l’aggiornamento ha portato anche del nuovo contenuto. Spiccano tra le varie aggiunte: un nuovo boss (con una musica d’accompagnamento unica), del nuovo contenuto extra e dei nuovi contrassegni da mettere sulla mappa, per facilitare l’esplorazione.

Rimangono in sospeso però sia il porting Switch, sia l’ultimo DLC gratuito del titolo, annunciato col nome Gods & Glory. Team Cherry però rassicura i fan, dicendo che entrambe le cose arriveranno presto!

L’articolo Hollow Night, rilasciato il nuovo aggiornamento LifeBlood proviene da GameSource.

Brave Neptunia, la nuova entrata nella serie di Neptunia, ha ora un sottotitolo. Il titolo, che sarà sviluppato da Quebec-based Artisan Studios, sarà sottotitolato “Mondo! Universo! Fate attenzione!! Dichiarazione dell’RPG Definitivo”. Inoltre è stato ufficialmente annunciato che il gioco verrà rilasciato su Playstation 4, cosa prevedibile visti i precedenti della serie.

Per aver ulteriori informazioni su Brave Neptunia, bisognerà aspettare il volume 661 di Dengeki Playstation, previsto per il 26 Aprile. Il magazine conterrà un incipit della storia e dei dettagli aggiuntivi sul gioco.

In questo video si può vedere il produttore della serie, Norihisa Kochiwa, che annuncia il sottotitolo, ovviamente in giapponese.

L’articolo Nuove informazioni per Brave Neptunia proviene da GameSource.

Un nuovo update di Assassin’s Creed: Origins, esclusivo per la versione PC, ha aggiunto l’Animus Control Panel, uno strumento pensato per permetterti di “hackerare” il gioco attraverso 70 differenti modificatori. Ad esempio, è possibile far andare il gioco a una velocità quattro volte superiore, raddoppiare i danni, addomesticare più animali allo stesso tempo oppure, perché no, creare una armata di ippopotami che distruggeranno tutto quello che si trova sul tuo cammino. Chi non ama le armate di ippopotami, dopotutto?

Si tratta di un’aggiunta che permette di trasformare Assassin’s Creed: Origins in un gioco dal sapore molto più arcade, ad esempio riducendo la velocità dei nemici per muoverti attorno a loro come Flash, oppure creare delle sfide uniche, diminuendo al minimo i punti vita e aumentando il danno, così da dover mantenere una condotta di gioco perfetta, pena la morte istantanea.

Gli occulti

Ubisoft ha affermato che potrebbe essere “soverchiante” per alcuni giocatori, quindi ha preparato alcune impostazioni di base che possono essere sfruttate. Hardcore Stealth, ad esempio, fa sì che i nemici si accorgano di te al più piccolo rumore, ma li rende debolissimi così da morire con un solo colpo.

Si tratta di un’aggiunta interessante e che potrebbe rinnovare il divertimento per tutti i fan che si erano allontanati dal gioco.

L’articolo Assassin’s Creed: Origins ti permette di “hackerare” il gioco proviene da GameSource.

Housemarque è una software house famosa per i propri shooter arcade: giochi come Resogun o il recente Nex Machina. Opere apprezzate dalla critica specializzata ma che non hanno riscontrato il successo di pubblico sperato. Lo sviluppatore finlandese era alla ricerca di un nuovo genere a cui dedicare attenzione, dopo aver affermato che “L’Arcade è morto” durante il mese di gennaio. Da poco è stato rilasciato il trailer del nuovo progetto di Housemarque: Stormdivers, un gioco incentrato sul multiplayer. Il filmato, che vi proponiamo qui sotto, non dà grandi indizi sul gioco.

Gli sviluppatori hanno rilasciato un’intervista ai microfoni di Eurogamer.net dopo la presentazione, donandoci qualche dettaglio extra.

Potete compararlo a un sacco di esperienze multiplayer tipiche di questo periodo.

Ha affermato Mikael Haveri che, alla domanda se Stormdivers fosse un Battle Royale, ha risposto:

Questa è una supposizione molto buona. Per ora noi diciamo che è un gioco multiplayer. È un ambiente molto competitivo, specialmente per questo specifico tipo di titoli. Come si può competere? Sappiamo quello che facciamo e siamo al lavoro su qualcosa da un po’ di tempo. Speriamo sarà in grado di competere.

Ha poi aggiunto che il gioco è molto veloce e gameplay-centrico.

Speriamo che le persone che lo proveranno lo apprezzeranno. Vogliamo che ci sia adrenalina, vogliamo che si muovano, vogliamo che siano presi dal gioco, da questa esperienza così rapida che sia necessario prendersi una pausa e respirare. Somma tutto questo a degli effetti visivi intensi; come quando giochi a Resogun, vedi un sacco di cose esplodere e andare in giro: questo è quello che stiamo portando al multiplayer. Questo è lo stile di Housemarque.

Il team è al lavoro sul gioco da due anni e potrebbe rilasciare Stormdivers prima della fine dell’anno, ma Haveri ha detto che non “hanno fretta di lanciarlo sul mercato prima che sia pronto. Speriamo che sia quest’anno ma forse, per essere cauti, non dovremmo dire che uscirà quest’anno.”

Tante informazioni interessanti per Stormdivers: la deriva Battle Royale sta colpendo un po’ tutti, dal padre di Gears of War, fino a Call of Duty: Black Ops IIII, ma forse Housemarque potrebbe proporre qualcosa di veramente diverso. Voi che dite?

L’articolo Stormdivers, dai creatori di Resogun, è un Battle Royale? proviene da GameSource.

Badandoci su quanto riportato da una relazione finanziaria distribuita dal consiglio di amministrazione di CD Projekt Red, lo studio polacco non pagherà i dividendi ai portatori di interessi per l’attuale anno fiscale: è possibile che questo significhi che la data di uscita di Cyberpunk 2077 sia molto più vicina di quel che ci aspettiamo.

Basandoci su quanto riportato dal sito polacco Strefainwestorow, fin dal rilascio e dal seguente successo commerciale di The Witcher 3 nel 2015, CD Projekt Red ha iniziato a guadagnare annualmente notevoli somme di denaro, arrivando vicino ai 200 milioni di dollari nel 2017. Nell’anno fiscale 2017, CD Projekt Red ha pagato dividendi per un valore totale di circa 30 milioni di dollari ai propri portatori di interessi.

Pare però che quest’anno non li pagheranno: la ragione dietro a questa scelta è interessante. CD Project Red afferma che userà i soldi in questione per una campagna marketing pre-release di Cyberpunk 2077. Da questo possiamo affermare che, forse, la data di uscita di Cyberpunk 2077 è più vicina di quel che immaginiamo.

CD projekt red titolo

Per darvi un’idea di come funziona tutto questo, per la promozione di The Witcher 3, CD Projekt Red ha speso soldi presi in prestito dai propri distributori che sono poi stati risarciti con i soldi guadagnati dalle vendite del gioco. Investire il proprio denaro è un rischio non da poco, ma farebbe sì che non si debba pagare una percentuale a una compagnia esterna portando, infine, a un guadagno superiore, sempre ammesso che Cyberpunk 2077 abbia un margine di guadagno abbastanza alto. È chiaro che queste solo le aspettative di CD Projekt Red.

Il fatto che la compagnia stia già organizzando la campagna pubblicitaria pre-rilascio del gioco fa pensare che la data di uscita di Cyberpunk 2077 sia più vicina del previsto, come abbiamo detto: ma quanto vicina?

È difficile dirlo e non ci sono prove a riguardo: certamente un ottimo luogo per rilasciare nuove informazioni sarà il palco dell’E3 2018. Per ora non possiamo fare altro se non aspettare.

L’articolo La data di uscita di Cyberpunk 2077 è vicina? proviene da GameSource.

Nell’ultimo periodo era circolato un rumor, proveniente dalla classica fonte anonima, secondo cui Microsoft avesse ottenuto i diritti di marketing sul nuovo gioco di Gearbox, che si presume essere Borderlands 3.

Borderlands 3 era stato nominato insieme a varie altre opere: si parlava di un nuovo Splinter Cell, del nuovo progetto di CD Projekt Red, Cyberpunk 2077, di Anthem, di un nuovo Battlefield e persino di The Elder Scrolls VI.

Il rumor, sebbene poco credibile, era rimbalzato da un sito all’altro divenendo abbastanza popolare. CEO di Gearbox Software, Randy Pitchford, è stato quindi costretto a intervenire su Twitter per negare la veridicità del rumor, perlomeno per quanto riguarda il proprio gioco.

Da dove prendi quell’informazione? Gearbox non ha firmato nulla di simile con Microsoft. Come è possibile che questo tipo di cose siano diffuse quando non c’è alcuna base in realtà?

Sono queste le parole di Pitchford, in traduzione, che non si è però limitato e ha continuato a commentare riguardo a quello che per lui è l’attuale stato del giornalismo digitale.

Chiaramente riportato da fonti senza alcuna attendibilità… Penso che per essere attendibile, uno dovrebbe avere a cuore la ricerca della verità. Riportare news da altri siti senza controllare la fonte è uno dei fallimenti del “giornalismo” digitale.

Parole innegabilmente dure da parte del CEO di Gearbox. Ciò che più interessa al pubblico, però, è che il nuovo gioco, che si presume sia Borderlands 3, venga svelato il prima possibile: speriamo che l’E3 2018 sia il momento in cui potremo scoprirne di più.

L’articolo Microsoft avrà diritti di marketing su Borderlands 3? Solo rumor proviene da GameSource.

Mentre God of War continua a registrare grandi consensi di critica e pubblico, Sony continua a pubblicare video particolari che ci lasciano dare un’occhiata alla prospettiva degli sviluppatori di Santa Monica.

Il seguente video è però incredibilmente singolare, dato che non si tratta del solito back stage nello studio di sviluppo, ma vede il director del gioco Cory Barlog e il doppiatore di Kratos Chris Judge in un suggestivo viaggio nel selvaggio Nord. Dopo aver terminato il loro lavoro i due autori si lasciano per qualche giorno lo stress alle spalle e si ritirano in queste desolate terre per riflettere sul percorso appena affrontato, scambiandosi pensieri sulla loro esperienza.

L’articolo God of War, Cory Barlog e Chris Judge visitano la selvaggia terra dei vichinghi proviene da GameSource.

Dopo aver annunciato con un video i nuovi personaggi che faranno parte del corposo gruppo di Octopath Traveler, Square Enix ha rilasciato diversi screenshot che ci mostrano la cacciatrice H’aanit e il ladro Therion durante la loro avventura.

Le immagini sono un’occasione anche per dare un’ulteriore occhiata all’ambientazione del gioco in tutto il suo particolare fascino old school. Li trovate qui di seguito assieme agli artwork ufficiali ad opera di Naoki Ikushima:

















 

L’articolo Octopath Traveler, rilasciati screenshot dei personaggi H’aanit e Therion proviene da GameSource.

Donkey Kong Country: Tropical Freeze sta per tornare più scimmioso che mai su Switch, e Nintendo comincia a scaldare i muscoli rilasciando alcuni trailer di presentazione dei personaggi che vedremo nel gioco.

Anche se è talmente iconico da non aver bisogno di presentazioni, il primo video è dedicato al protagonista assoluto del titolo: l’inarrestabile Donkey Kong.

Il secondo scimmione ad essere presentato è invece la novità assoluta di questa edizione per Switch, ovvero Funky Kong. Nel video vediamo brevemente tutte le sue utili abilità:

 

L’articolo Donkey Kong Country: Tropical Freeze, due personaggi presentati in video proviene da GameSource.

Flag Counter