Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Quasi Tutti gli Articoli in questa categoria sono tratti dal sito: http://www.gamesource.it/ a cui va riconosciuto il giusto merito e va tutta la mia gratitudine per l’ottimo lavoro che svolgono

Activision ha annunciato con tanto di trailer che CoD: Modern Warfare ed il suo battle royale Warzone  avranno due nuovi operatori nella  sesta stagione in arrivo. In particolare, rivedremo Farah e Nikolai che già avevamo conosciuto bene nella campagna single player. A beneficio di coloro che sono approdati nel mondo di Call of Duty solo dal versante free-to-play di Warzone, ricordiamo chi sono i due guerrieri che rientrano in gioco in quest’ultima stagione della IP di Activision.

nuovi operatori CoD Warzone

Farah è stato uno dei principali protagonisti della campagna principale di Modern Warfare 2019 e riappare come fondatore e comandante della Urzikstani Liberation Force. Sarà disponibile direttamente dal livello iniziale del pass battaglia della sesta stagione con skin aggiuntive per il personaggio, che potranno ovviamente essere sbloccate attraverso la progressione.

I veterani di Call of Duty riconosceranno senza dubbio Nikolai, personaggio apparso per la prima volta nella timeline originale di Call of Duty 4. Leader delle forze Chimera sotto lo stendardo della Alleanza, spesso citato come vecchio amico del Capitano Price. Dovrete raggiungere il livello 100 nel Battle Pass per sbloccarlo.

La sesta stagione di Call of Duty: Modern Warfare e CoD: Warzone arriverà il 29 settembre per Xbox One, PlayStation 4 e PC, ed oltre ai nuovi operatori introduce anche la location della metropolitana in Verdansk. In attesa del nuovo episodio Call of Duty: Black Ops Cold War, c’è ancora molto da fare.

L’articolo Due nuovi operatori per CoD e Warzone proviene da GameSource.

Che 13 Sentinels: Aegis Rim fosse una produzione diversa da quelle inchiostrate nel corso degli anni da Vanillaware era già cristallino, lapalissiano.

Con la release odierna, il talentuoso team di sviluppo nipponico chiude quindi il cerchio intorno ad un’opera binaria che definire capolavorica appare quantomeno riduttivo, facendolo idealmente con la diffusione di un tweet composto da un messaggio del director del gioco, George Kamitani, pubblicato sull’account di ATLUS.

Il sunto del messaggio, che ribadisce l’unicità del gioco, sta tutto in una frase: “non credo che saremo mai capaci di creare un gioco allo stesso modo mediante il quale abbiamo creato questo”.

E voi, cosa ne pensate dell’ultimo nato dalla casa di Dragon’s Crown? Fa già parte della vostra collezione e ne state avidamente suggendo la linfa, oppure state ancora considerando l’idea di farlo vostro, ma avete bisogno di maggiori informazioni in merito alla natura dello stilosissimo titolo?

13 sentinels aegis rim messaggio

Qualora faceste parte del secondo gruppo, vi consigliamo di leggere la nostra recensione, frutto inchiostrato dalla penna dell’ottimo Alessandro Tosoni.

L’articolo 13 Sentinels: Aegis Rim, il messaggio del director proviene da GameSource.

Durante il recente Nintendo Direct Mini: Partner Showcase, Capcom ha annunciato Monster Hunter Rise per Nintendo Switch. Il gioco uscirà in tutto il mondo il 26 marzo 2021 e, assieme a quel lancio ci sono diverse figure amiibo che raffigurano il nuovo compagno di combattimento Palico, la nuova cavalcatura di nome Palamute, e il mostro Magnamalo.

L’amiibo sarà disponibile per il pre-ordine il prossimo anno su Gamestop negli Stati Uniti, EB Games in Canada e My Nintendo Store in Europa:

Secondo quanto pubblicato su Twitter da Amiibo Alerts, i prezzi per gli amiibo di Palamute e Palico saranno di 19,99 dollari mentre l’amiibo di Magnamalo sarà di 24,99 dollari. I prezzi più alti potrebbero indicare che sono più grandi degli amiibo di dimensioni normali:

Monster Hunter Rise è stato annunciato per la prima volta ad agosto, anche se molto probabilmente non si contava di annunciare Monster Hunter Stories 2 durante lo stesso Nintendo Direct.

Il titolo più recente nel franchise di Monster Hunter è stata Monster Hunter World: Iceborne. Il suo ultimo diario degli sviluppatori (l’executive / art director Kaname Fujioka e il regista Ichihara Daisuke), ha coperto una serie di argomenti e aggiornamenti per il titolo in questione. Include Rajang, Layered Armor, una nuova regione vulcanica per le Guiding Lands e altro ancora. I giocatori hanno anche ricevuto due nuove patch (update 11.00 e 11.01), che includevano correzioni di bug e aggiustamenti del bilanciamento tra gli altri miglioramenti del gameplay.

Monster Hunter

Recentemente il produttore di Monster Hunter, Ryozo Tsujimoto, ha discusso del futuro del franchise. “Indipendentemente dal successo di Monster Hunter: World, abbiamo sempre adottato l’approccio di concentrarci su due cose: azione e comunicazione”, afferma Tsujimoto. “Indipendentemente da ciò su cui lavoreremo in futuro, credo che sia una base che probabilmente non cambieremo. Comprendiamo anche che abbiamo una base di giocatori più ampia, eppure ci sono ancora molte persone che non conoscono il franchise “.

Monster Hunter

Complessivamente Monster Hunter World ha venduto oltre 14 milioni di copie, comprese le vendite del recente pacchetto di espansione Iceborne. A livello generale, per quanto riguarda gli spin off interni al gioco, Resident Evil 2 è arrivato su Iceborne a novembre insieme ad alcuni costumi esilaranti di Claire Redfield e Leon Kennedy. Ovviamente la serie è sempre stata piuttosto sfacciata su queste cose, quindi fa sicuramente parte del suo strano senso dell’umorismo.

Monster Hunter World è ora disponibile su PlayStation 4, Xbox One e PC. L’espansione Iceborne è ora disponibile su console.

L’articolo Monster Hunter: nuovo capitolo e Amiibo in arrivo proviene da GameSource.

Dopo aver ufficializzato la data di lancio e rilasciato nuovi dettagli sulle modalità di Kingdom Hearts: Melody of Memory, Square Enix ha svelato tramite un tweet che la versione del titolo su Nintendo Switch godrà di una modalità esclusiva.

La modalità Free-For-All permetterà ai giocatori di competere in un “campo di battaglia” tramite gioco locale contro altri 7 giocatori in possesso di Kingdom Hearts: Melody of Memory, sfruttando dunque la portabilità della console ibrida di casa Nintendo, e ogni qualvolta un giocatore commetterà troppi miss sarà fuori dalla partita mentre il vincitore sarà il giocatore con il punteggio più alto.

kingdom hearts: memory of melody

Questa modalità si affianca alla già annunciata modalità Double Play per co-op in locale a schermo diviso in cui un giocatore utilizzerà Sora mentre l’altro impersonerà Riku in una gara al raggiungimento del punteggio più alto.

Ricordiamo che  Kingdom Hearts: Melody of Memory sarà disponibile su Nintendo Switch il 13 Novembre (mentre in Giappone sarà disponibile due giorni prima, l’11 Novembre) e verrà mostrato all’imminente Tokyo Game Show 2020.

L’articolo KH: Memory of Melody: modalità esclusiva su Switch proviene da GameSource.

Oramai lo sanno anche i muri: PlayStation 5, nelle due SKU disponibili al lancio, fornirà ai propri possessori 825 GB su SSD per lo storage dei file.

Demon's Souls PlayStation 5 spazio

Alla luce dello spazio disponibile, buono ma certamente non stratosferico, con l’aumentare della complessità dei videogiochi da un punto di vista squisitamente tecnico gli early adopters hanno iniziato a porsi pertanto pesanti interrogativi, in previsione di quello che saranno i volumi occupati da texture in altissima definizione e quant’altro.

A tal proposito, oggi è stato rivelato lo spazio necessario per le installazioni di Demon’s Souls e di Marvel’s Spider-Man: Miles Morales e, sebbene le tecniche di compressione dei file diventino sempre più efficaci, i dati rilasciati non lasciano certamente dormire sonni tranquilli.

Se per il rifacimento del capolavoro targato Sony e From Software occorrerà avere 66 GB liberi, per la Ultimate Edition di Miles Morales (comprendente anche la remastered di Spider-Man) saranno obbligatoriamente richiesti 105 GB. Qualora si volesse installare solamente la frazione giocosa del personaggio disegnato da Sara Pichelli, invece, saranno sufficienti 50 GB.

In attesa di capire quanto peseranno gli altri giochi previsti al day one, il pensiero corre sicuramente a produzioni tripla A quali, ad esempio, Call of Duty: Black Ops Cold War e Assassin’s Creed: Valhalla.

L’articolo Demon’s Souls e Spider-Man: quanto spazio su PS5! proviene da GameSource.

Bandai Namco acquisisce Reflector Entertainment, lo studio dietro Unknown 9: Awakening.

unknown 9 awakening

Il COO di Bandai Namco, Arnaud Muller, ha commentato così la notizia: “Progettare e sviluppare i contenuti che pubblicheremo e distribuiremo è il fondamento della nostra strategia. La visione creativa e la capacità di sviluppo di Reflector Entertainment sosterranno Bandai Namco Entertainment Europe nel creare esperienze mozzafiato nel corso degli anni. Non vediamo l’ora di lavorare con un team così abile e di accoglierlo nella famiglia BNEE.”

unknown 9 awakening

Reflector Entertainment sta al momento lavorando sull’attesissimo gioco next-gen Unknown 9: Awakening. Per quanto ad oggi il gioco si sia mostrato con un solo trailer, il titolo sembra molto interessante e ha lasciato sicuramente i videogiocatori con la voglia di saperne di più.

La transazione diverrà effettiva e completa nel quarto trimestre del 2020. Al termine dell’acquisizione, Alexandre Amancio diventerà Chief Creative Officer di Reflector Entertainment e opererà al fianco di Hervé Hoerdt, Vice Presidente delle sezioni content, marketing e digital di Bandai Namco.

E voi cosa ne pensate? Siete felici di questa nuova acquisizione da parte di Bandai Namco? Come sempre, vi invitiamo a dircelo nei commenti.

L’articolo Bandai Namco acquisisce Reflector Entertainment proviene da GameSource.

Capcom ha voluto sfruttare la vetrina dello Showcase PlayStation 5 per presentare un nuovo trailer, affiancato da screenshot inediti, di Resident Evil Village, prossimo capitolo del famoso franchise horror Resident Evil.

Resident Evil Village

Il survival horror in prima persona andrà a svilupparsi dopo gli eventi narrati nel precedente Resident Evil 7 Biohazard e vedrà nuovamente come protagonista Ethan Winters e sua moglie, Mia. La coppia, riuscita apparentemente a ritrovare la pace dopo l’esperienza drammatica vissuta nella piantagione Baker, vedrà la propria vita ribaltarsi di nuovo dopo l’arrivo di Chris Redfield, che rivelerà loro un’inquietante verità e li porterà a sprofondare in un incubo completamente nuovo.

A stupire i giocatori sarà anche il ruolo completamente inedito proprio di Chris che, già incontrato in altri capitoli della saga, nell’ottavo titolo abbandonerà il proprio ruolo di eroe per vestire dei panni molto più sinistri.

Resident Evil Village

Resident Evil Village, stando a quanto affermato dalla società, farà vivere ai giocatori un’esperienza horror completamente nuova, grazie all’unione della visuale in prima persona con le terrificanti – ed estremamente realistiche – ambientazioni realizzate nei minimi dettagli tramite il RE Engine.

Quest’ultimo infatti, unito alla potenza delle nuove console Xbox Series X e PlayStation 5, fornirà una grafica iper dettagliata, perfetta per dare vita all’inquietante villaggio all’interno del quale andrà a svolgersi la storia. Oltre a rappresentare un misterioso sfondo per tutti i terribili eventi che andranno a svolgersi nel corso del gioco, la località e i suoi abitanti diventeranno degli effettivi personaggi di gioco, e forniranno a Ethan molti misteri su cui indagare e altrettanti nemici da cui fuggire.

Resident Evil Village

Resident Evil Village approderà su console PlayStation 5, Xbox Series X e PC tramite Steam nel corso del 2021. In attesa di nuove informazioni e ulteriori dettagli sulle sue caratteristiche è però possibile dare un’occhiata alle varie immagini e al secondo trailer pubblicati dalla società dietro al suo sviluppo.

L’articolo Resident Evil Village: secondo trailer e nuovi screenshot proviene da GameSource.

Ghostrunner riceve finalmente la sua data di uscita ufficiale, e per potervi mettere su le mani dovremo aspettare soltanto poco più di un mese! Il titolo si è mostrato al pubblico con una breve demo pubblicata nella prima settimana di Maggio, grazie alla quale molti utenti hanno avuto modo di innamorarsi del gameplay (tra uno Shadow Warrior e un Mirror’s Edge) e del suo stile Cyber Punk. Ora, invece, dovremo soltanto aspettare fino al 27 Ottobre per poter provare la sua versione definitiva su PlayStation 4, Xbox One e PC.

Ghostrunner uscita

Nonostante la data di uscita di Ghostrunner sia effettivamente molto vicina a quella delle console della prossima generazione (e nonostante la conferma del supporto al Ray Tracing su PC), gli sviluppatori non hanno ancora confermato un’eventuale release futura su PlayStation 5 ed Xbox Series X. In compenso, però, hanno confermato alcuni sconti per il lancio: gli abbonati al servizio di PlayStation Plus, infatti, riceveranno uno sconto del 20% così come gli utenti PC; gli utenti Xbox non sono stati lasciati fuori, ma potranno usufruire di uno sconto ridotto del 10%.

Parliamo dunque di un titolo che al momento possiamo soltanto consigliarvi di provare (eventualmente anche tramite la demo ancora disponibile), soprattutto in virtù del suo prezzo di base già abbastanza contenuto (di 29.99€ senza sconto) e di ambientazioni e promesse che il titolo offre. Continuate comunque a seguirci per una recensione completa di Ghostrunner in prossimità della data di uscita, così da fugare ogni eventuale dubbio e capire insieme quanto possa essere valido.

L’articolo Ghostrunner: ufficialmente in uscita ad Ottobre! proviene da GameSource.

2K ha recentemente annunciato la data di uscita ufficiale del terzo DLC di Sid Meier’s Civilization VI, titolo appartenente al genere degli strategici a turni e che continua a essere supportato dal 2016. L’espansione in questione, chiamata Byzantium and Gaul Pack, introduce una serie di novità, che sono state mostrate tramite un videodiario degli sviluppatori.

Ovviamente il nuovo dlc introdurrà due nuove civiltà e leader – Byzantium e Gaul – ma anche lo scenario delle Highlands e due nuove Meraviglie del Mondo. Le novità di Byzantium and Gaul, tuttavia, non finiscono qui. L’espansioni, infatti, permetterà ai giocatori di affrontare una nuova modalità. Dramatic Age – questo è il suo nome – causerà l’entrata della civiltà del giocatore nella Golden Age o nella Dark Age. Tutto ciò renderà necessario l’uso di politiche sociali come le Politiche d’Oro e le Politiche Oscure.

Civilization VI Byzantium and Gaul Pack

Si presenterà persino l’eventualità, nei secoli bui, che l’impero dei giocatori perda terreno, vedendo alcune città divenire Città Libere. Il prezzo dell’espansione sarà di 8,99 euro per chi non possiede il season pass del titolo, Civilization VI – New Frontier Pass, che ne offre l’accesso senza costi aggiuntivi. Come annunciato dal publisher del gioco, 2K, il dlc di Civilization VI, Byzantium and Gaul Pack, uscirà il 24 settembre su PC, Xbox One, PlayStation 4 e Nintendo Switch.

L’articolo Civilization VI: ecco quando uscirà Byzantium and Gaul Pack proviene da GameSource.

Appena lanciato Tony Hawk’s Pro Skater 1+2 fate un piccolo esperimento: chiudete gli occhi e gettate mente e cuore al 1999. Lasciatevi rapire dalle note di May 16 dei Lagwagon, di Guerrilla Radio dei Rage Against The Machine o ancora No Cigar dei Millencolin. Immaginate ora quei pomeriggi passati a battere quel maledetto record su un vecchio televisore a tubo catodico e una primordiale grafica 3D.

Poi aprite gli occhi, apriteli bene. Siete nel 2020, ma è come essere tornati nel 1999: è ora di scaldare le dita.

Tony Hawk's Pro Skater 1+2

In Tony Hawk’s Pro Skater 1+2 quello che troverete davanti a voi è un sontuoso lavoro svolto dai ragazzi di Vicarious Visions, che migliora in maniera concreta il già ottimo ammodernamento svolto sulla remaster di Crash Bandicoot qualche tempo fa. Dimenticatevi quindi quella versione HD del primo Tony Hawk – datata 2012 – e tuffatevi in un prodotto rispetto delle sue origini e allo stesso tempo moderno. Un gioco che – insieme ad altri illustri colleghi – riporta in voga una filosofia che si stava perdendo. Niente open world, niente competizioni su vasta scala, ma spazio a una delle sfide più affascinanti di sempre: quella contro voi stessi.

All’interno dei 9 livelli che compongono il primo Tony Hawk e gli 8 del secondo capitolo che completato il pacchetto di Tony Hawk’s Pro Skater 1+2, vi ritroverete a rivivere situazioni che – ne siamo certi – sono rimaste scolpite nella vostra memoria. Combo, incastri perfetti tra salti, grind e manual e quella maledetta necessità di riuscire a battere il punteggio folle in quei tre minuti che vi mette a disposizione il gioco.

Ovviamente non c’è solo quello, in ogni schema avrete svariati compiti da portare a termine, necessari per poter sbloccare i livelli successivi, così come l’aggiunta di nuovi segreti, tra cui piastrine che vi permettono di migliorare le stats dello skater che state utilizzando, donano ai luoghi visitati quel pizzico di freschezza che non guasta. In tutto questo non bisogna poi dimenticare altre aggiunge che, come dicevamo in apertura, rendono questo remake moderno e in grado di attrarre anche un pubblico completamente nuovo. Una nuova modalità, chiamata Ranked & Free Skate, vi permette di visitare i vari livelli senza limiti di tempo, usandoli come palestre di allenamento per la vostro combo perfetta, oppure, fare capolino all’interno di skate park creati dalla community e da voi stessi.

Parlando sempre di editor in Tony Hawk’s Pro Skater 1+2 c’è la possibilità di creare il vostro alter ego personalizzando nell’estetica, nell’abbigliamento e nell’equipaggiamento essenziale per ogni skater. Ogni personaggio ha un sistema di crescita, con l’esperienza che si accumula attraverso il completamento di alcune sfide. Sfide che elargiscono soldi, nuovi slot di personalizzazione e altro ancora.

Tony Hawk's Pro Skater 1+2

Insomma, quel tocco di modernità che non guasta, soprattutto perché integrato all’interno di un sistema che sprizza old school da tutti i pori. Non si può non citare anche il comparto multigiocatore, che permette ai giocatori di sfidarsi anche alcuni dei minigiochi già conosciuti in passato sia in locale che online.

Se da una parte troviamo quindi un gameplay pulito, rifinito e preciso, dall’altra abbiamo una componente grafica che pur non facendo gridare al miracolo, risulta efficace e soddisfacente. Unico neo che abbiamo riscontrato è un frame che ogni tanto mostra qualche incertezza, ma nulla che va a impattare in maniera grave sul gameplay del titolo. Insomma, il Re dello Skate è tornato e i complimenti vanno tutti a Vicarious Vision.

Tony Hawk's Pro Skater 1+2


Tony Hawk’s Pro Skater 1+2 è un’opera videoludica incredibile. Un tributo sincero e concreto a una serie che ha segnato in maniera indelebile il mondo dei videogiochi. Non fatevi venire dubbi, compratelo a occhi chiusi e scoprirete come un concept di 22 anni fa sia ancora in grado di far divertire così tanto.

L’articolo Tony Hawk’s Pro Skater 1+2 – Recensione proviene da GameSource.