Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI)- Roma, 7 ago. – Parte lunedi’ ad Amburgo, la citta’ anseatica che ospita il tribunale internazionale del diritto del mare (Itlos), un altro decisivo capitolo della lunga e complessa battaglia giudiziaria tra Italia e India sui maro’. La fase preliminare dell’arbitrato internazionale richiesto da Roma si articolera’ in due ‘step’: l’Italia ha infatti attivato la procedura arbitrale – per quanto concerne il merito della questione – ma ha preliminarmente chiesto misure provvisorie e cautelari all’Itlos: il ritorno in Italia di Massimiliano Girone, ancora trattenuto a New Delhi, e la permanenza per tutta la durata dell’arbitrato di Salvatore Latorre nel nostro Paese. La pronuncia su questi due punti sara’ il primo passaggio dell’udienza di lunedi’. Ad Amburgo i ‘nodi’ saranno innanzitutto quello della competenza e della ‘forza’ delle esigenze cautelari richieste dall’Italia. L’India infatti ha gia’ preannunciato che contestera’ all’Itlos la sua stessa giurisdizione, sostenendo che solo New Delhi ha la titolarita’ a decidere perche’ l’incidente dell’Enrica Lexie, il 15 febbraio 2012, in cui morirono due pescatori indiani, avvenne in acque indiane. E sosterra’ anche che non ci sono circostanze convincenti per autorizzare le misure provvisorie e cautelari richieste dall’Italia. Le ‘ragioni’ dell’Italia saranno sostenute da Francesco Francioni, docente di diritto internazionale, che e’ il giudice ad hoc designato dal governo dinanzi al Tribunale e che giurera’ domani, in una breve seduta del tribunale. In base allo statuto dell’Itlos, se infatti un Paese non ha un proprio giudice in rappresentanza del proprio sistema giuridico, puo’ nominare un proprio giudice oltre ai 21 che gia’ fanno parte del collegio arbitrale del tribunale. L’udienza sara’ presieduta dal giudice russo Vladimir Golitsyn. L’India ha gia’ un proprio rappresentante, il giudice P. Chandrasekhara; ma la ‘squadra’ indiana, guidata dal procuratore generale aggiunto, PL Narasimha, e’ composta anche da due legali stranieri esperti in materia: il francese Alain Pellet e il britannico Rodman Bundy. Pellet e’ considerato uno dei massimi esperti di diritto internazionale ed e’ stato presidente della Commissione di Diritto Internazionale delle Nazioni Unitem oltre ad aver partecipato a innumerevoli arbitraggi internazionali. Bundy ha un’esperienza 30ennale nel campo. Dopo il passaggio davanti al tribunale dell’Itlos, la fase arbitrale vera e propria prevede la nomina di tre giudici, uno scelto dall’Italia, uno dall’India e uno neutrale. I due passaggi sono distinti e indipendenti, ma il primo puo’ avere ripercussioni sul secondo: un’eventuale pronuncia sfavorevole all’Italia in sede cautelare, infatti, rappresenterebbe un messaggio negativo per il nostro Paese anche per quanto riguarda l’esito dell’arbitrato. (AGI) .

(AGI) – Londra, 7 ago. – Almeno 60 cristiani, tra cui donne e bambini, sono tra i 230 civili siriani rapiti dai miliziani dell’Isis dopo la conquista di un villaggio nella provincia di Homs, nella Siria centrale. Lo ha riferito l’Osservatorio siriano per i diritti umani, una Ong con sede a Londra. I jihadisti sono entrati nel villaggio di Al-Qaryatain mercoledi’ sera. Molti dei cristiani erano sfollati dalla provincia di Aleppo, ha riferito il presidente dell’Osservatorio, Rami Abdel Rahman. I cristiani sequestrati, ha aggiunto, erano ricercati dai miliziani per “collaborazionismo con il regime” ed erano su una lista usata dai miliziani durante il rastrellamento. Alcune famiglie che avevano cercato di fuggire dal villaggio sono state catturate dai miliziani dell’Isis. Al-Qaryatain si trova al confine tra i territori controllati dall’Isis nelle campagne orientali di Homs e la zona occidentale di Qalamun. Prima della guerra accoglieva 18.000 abitanti, tra molti sunniti, 2.000 siro-cattolici e cristiani cattolici e ortodossi, ma da alcune stime i cristiani rimasti sono solo 300. A maggio nel villaggio era stato sequestrato il prete siro-cristiano Jacques Mourad del monastero di Mar Elian ad Al-Qaryatain, vicino a Palmira. Mourad, che aiutava sia cristiani che musulmani, stava preparando aiuti per un gruppo di sfollati da Palmira. (AGI) .

(AGI) – Brasilia, 7 ago. – La violenza in Brasile, che dopo i mondiali di calcio del 2014, l’anno prossimo ospitera’ le olimpiadi, sembra endemica. Lo dimostra il brutale assassinio mentre era in onda del reporter radiofonico Gleydson Carvalho, protagonista di dure accuse di corruzione contro politici e amministratori pubblici di Camoncin a 379 km da Fortalaza nello Stato nord-orientale di Ceara. Teatro dell’assassinio gli studi di Radio Liberdade FM dove due killer sono entrati ed hanno assassinato in diretta Carvalho. (AGI)

(AGI) – Londra, 7 ago. – Brutto risveglio per il pilota di Formula 1 Jenson Button e per la moglie Jessica, narcotizzati con un gas soporifero nella notte tra lunedi’ e martedi’ da due ladri nella loro villa di Sait-Tropez sulla Costa Azzurra nel sud della Francia. A dare la notizia oggi un portavoce del pilota della McLaren secondo il quale tra i preziosi rubati c’e’ anche l’anello di fidanzamento della moglie. I due ladri hanno diffuso il gas narcotizzante attraverso il sistema centralizzato dell’aria condizionata. In totale sono stati rubati preziosi per 426.000 euro secondo il britannico The Sun. (AGI) .

(AGI) – Washington, 7 ago. – Donald Trump, a sorpresa emerso come il candidato favorito tra i repubblicani per le presidenziali del 2016, si sente superiore alle regole del ‘fair play’ e del “politicamente corretto”, per il quale, ha detto di “non aver tempo” aggiungendo che uno dei problemi “di questo Paese e l’essere politicamente corretto”. Cosi’ uno dei passaggi dell’atteso primo dibattito tv tra i 10 principali candidati repubblicani alla Casa Bianca su Fox News, in cui gli altri 9 si sono di fatto coalizzati contro Trump, nettamente in testa in tutti i sondaggi. Trump, messo sotto pressione dalle domande della moderatrice, la giornalista della rete conservatrice Fox News, Megyn Kelly, sulle sue pesanti dichiarazioni in cui in passato ha definito le donne come “grasse scrofe”, “cagne” e “sciatte” ha tagliato corto con l’usuale rudezza sostenendo che si trattava di una domanda di “correttezza politica” cui non si sentiva in dovere di rispondere. Passato poi all’attacco, il miliardario immobiliarista, hai puntato il dito contro la reporter accusandola di non trattarlo bene: “Onestamente Megyn, se (quello che dico) non ti piace, mi dispiace. Sono stato molto carino verso di te nonostante avrei anche potuto risparmiarmelo per come mi hai trattato”, ha detto Trump la cui base elettorale e’ principalmente maschile. (AGI) .

(AGI) – Washington, 7 ago. – Donald Trump, a sorpresa emerso come il candidato favorito tra i repubblicani per le presidenziali del 2016, si sente superiore alle regole del ‘fair play’ e del “politicamente corretto”, per il quale, ha detto di “non aver tempo” aggiungendo che uno dei problemi “di questo Paese e l’essere politicamente corretto”. Cosi’ uno dei passaggi dell’atteso primo dibattito tv tra i 10 principali candidati repubblicani alla Casa Bianca su Fox News, in cui gli altri 9 si sono di fatto coalizzati contro Trump, nettamente in testa in tutti i sondaggi. Trump, messo sotto pressione dalle domande della moderatrice, la giornalista della rete conservatrice Fox News, Megyn Kelly, sulle sue pesanti dichiarazioni in cui in passato ha definito le donne come “grasse scrofe”, “cagne” e “sciatte” ha tagliato corto con l’usuale rudezza sostenendo che si trattava di una domanda di “correttezza politica” cui non si sentiva in dovere di rispondere. Passato poi all’attacco, il miliardario immobiliarista, hai puntato il dito contro la reporter accusandola di non trattarlo bene: “Onestamente Megyn, se (quello che dico) non ti piace, mi dispiace. Sono stato molto carino verso di te nonostante avrei anche potuto risparmiarmelo per come mi hai trattato”, ha detto Trump la cui base elettorale e’ principalmente maschile. (AGI) .

(AGI) – Londra, 7 ago. – Probabilmente per rivalsa verso l’ex potenza coloniale i piloti dell’aeronautica indiana hanno rivendicato – pratica irrituale in questo tipo di esercitazioni – di aver umiliato i top gun britannici della Raf, abbattendoli, in scontri ravvicinati simulati (dogfight), per 12 volte senza perdere neanche uno dei loro aerei. Notizia parzialmente corretta da fonti della Royal Air Force. Lo rivela il britannico Independent che sottolinea come a confrontarsi sono stati, nei cieli del Lincolnshire la crema dei piloti di New Delhi con quelli di Londra. Da una parte erano schierati 4 Sukhoi Su-30 Flanker, di fabbricazione russa mentre dall’altra 4 Eurofighter dell’omonimo consorzio europeo, di cui e’ dotata anche l’Aeronautica Italiana. A dare la notizia il colonnello Ashu Asrivastav in un’interbista alla tv indiana. Fonti della Raf hanno sostenuto che le parole del pilota indiano erano dirette “ad un’audience interna” anche se non hanno smentito il risultato finale, 12 a 0, sottolineando pero’ che i loro jet “hanno combattuto con una mano legata dietro la schiena” non potendo usare tutta la loro capacita’ di combattimento. Il tutto senza spiegare perche’ salvo affermare che anche gli indiani “hanno dovuto riconoscere che nel combattimento a lungo raggio gli Eurofighter si sono rivelati migliori” della controparte russa. (AGI) .

(AGI) – Londra, 7 ago. – Brutto risveglio per il pilota di Formula 1 Jenson Button e per la moglie Jessica, narcotizzati con un gas soporifero nella notte tra lunedi’ e martedi’ da due ladri nella loro villa di Sait-Tropez sulla Costa Azzurra nel sud della Francia. A dare la notizia oggi un portavoce del pilota della McLaren secondo il quale tra i preziosi rubati c’e’ anche l’anello di fidanzamento della moglie. I due ladri hanno diffuso il gas narcotizzante attraverso il sistema centralizzato dell’aria condizionata. In totale sono stati rubati preziosi per 426.000 euro secondo il britannico The Sun. (AGI) .

(AGI/REUTERS) – Washington, 7 ago. – L’accordo sul programma nucleare iraniano, voluto con forza da Barack Obama, perde i primi due pezzi tra le fila dei democratici al Senato e alla Camera, entrambe a netta maggioranza repubblicana, che debbono ratificarlo. Contro l’accordo il deputato Eliot Engel, capogruppo nella commissione Esteri della Camera: “Le risposte che ho ricevuto semplicemente non mi convincono del fatto che questo accordo impedira’ all’Iran di ottenere armi nucleari e questa intesa di fatto rafforza la posizione dell’Iran come potenza destabilizzante e distruttrice in Medio Oriente”, ha detto. Sulla stessa linea il senatore democratico Chuck Schumer, influente al Congresso e vicino alle posizioni di Israele che si e’ detto contrario all’accordo raggiunto il 14 luglio a Vienna. Sul fronte opposto, quello del si’ all’intesa, ha reso nota la sua posizione la senatrice democratica Kirsten Gillibrand. (AGI) .

(AGI) – Washington, 7 ago. – E’ stato rivista al ribasso, magnitudo 5,6, l’intensita del che ha colpito la regione orientale del Kivu meridionale. L’epicentro e’ stato localizzato su una penisola che si affaccia sul lago Kiwu nella Repubblica Democratica del Congo, di fatto al confine con il Ruanda, che in quel punto corre sullo specchio d’acqua. Lo riferisce l’Istituto Geologico Usa (Usgs). L’epicentro e’ stato localizzato a 34 km da Kabare. L’ipocentro e’ stato individuato a soli 10 km di profondita. La scossa si e’ verificata alle 2,25 locali (le 3,25 in Italia) (AGI) .