Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Cupertino, 21 lug. – Balza del 32,5% il fatturato di Apple nel terzo trimestre fiscale trainato dalla vendita di 47,5 milioni di iPhone. Il fatturato e’ salito a 49,61 miliardi di dollari da 37,43 miliardi un anno prima. Nel secondo trimestre fiscale Apple aveva venduto 61,17 milioni di iPhone. Negli ultimi tre mesi, terminati lo scorso 27 giugno, l’utile per azione e’ salito piu’ del previsto a 1,85 dollari da 1,81 attesi a 10,7 miliardi di dollari. Le vendite di iPad sono ammontate a 10,93 milioni di unita’ da 12,62 nei tre mesi precedenti. Le vendite dei Mac sono salite a 4,8 milioni da 4,56 tre mesi prima. (AGI) .

(AGI) – Tokyo, 21 lug. – Consiglio di amministrazione di Toshiba dimezzato dallo scandalo dei conti truccati. L’Ad della multinazionale nipponica e altri sette membri del Cda si sono dimessi dopo il rapporto di una commissione indipendente di esperti che ha svelato “una sistematica manipolazione” dei bilanci da parte dei vertici dell’azienda, che ha gonfiato i profitti di 1,2 miliardi di dollari in diversi anni. L’Ad dimissionario non ha confutato i risultati dell’indagine, ha solo detto che non era sua intenzione incoraggiare irregolarita’ contabili. Tanaka sara’ temporaneamente sostituito dal Presidente di Toshiba Masashi Muromachi, considerato l’uomo giusto per traghettare la compagnia fuori dalla tempesta prima di affidarne le rendini a un nuovo amministratore delegato. “Questo e’ stato l’evento piu’ dannoso per il brand della nostra compagnia in 140 anni di storia”, ha detto Tanaka durante una conferenza stampa dopo aver fatto un profondo inchino rituale in segno di contrizione. “Non credo che questi problemi si potranno superare da un giorno all’altro”. Il ministro delle Finanze giapponese, Taro Aso, ha giudicato “deplorevoli” le irregolarita’ emerse nello scandalo-Toshiba, in un momento in cui il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, sta cercando di riguadagnare la fiducia degli ivestitori stranieri. .

(AGI) – Tokyo, 21 lug. – Consiglio di amministrazione di Toshiba dimezzato dallo scandalo dei conti truccati. L’Ad della multinazionale nipponica e altri sette membri del Cda si sono dimessi dopo il rapporto di una commissione indipendente di esperti che ha svelato “una sistematica manipolazione” dei bilanci da parte dei vertici dell’azienda, che ha gonfiato i profitti di 1,2 miliardi di dollari in diversi anni. L’Ad dimissionario non ha confutato i risultati dell’indagine, ha solo detto che non era sua intenzione incoraggiare irregolarita’ contabili. Tanaka sara’ temporaneamente sostituito dal Presidente di Toshiba Masashi Muromachi, considerato l’uomo giusto per traghettare la compagnia fuori dalla tempesta prima di affidarne le rendini a un nuovo amministratore delegato. “Questo e’ stato l’evento piu’ dannoso per il brand della nostra compagnia in 140 anni di storia”, ha detto Tanaka durante una conferenza stampa dopo aver fatto un profondo inchino rituale in segno di contrizione. “Non credo che questi problemi si potranno superare da un giorno all’altro”. Il ministro delle Finanze giapponese, Taro Aso, ha giudicato “deplorevoli” le irregolarita’ emerse nello scandalo-Toshiba, in un momento in cui il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, sta cercando di riguadagnare la fiducia degli ivestitori stranieri. .

(AGI) – Roma, 21 lug. – Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli Esperti contabili ha chiesto al Mef la proroga per l’invio telematico del modello 770, la cui scadenza e’ prevista per il prossimo 31 luglio. La richiesta e’ stata avanzata in una lettera inviata ieri al ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, al suo vice, Luigi Casero, al direttore generale delle Finanze, Fabrizia Lapecorella e al direttore generale dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi. Nella missiva, il presidente del Consiglio nazionale della categoria, Gerardo Longobardi, spiega che la richiesta si rende necessaria a causa “del consueto ingorgo di adempimenti fiscali nei mesi di giugno e luglio quali: scadenze dei versamenti di Unico, studi di settore, trasmissione telematica dei modelli 730 precompilati e non, lavorazione degli avvisi bonari recapitati in questi giorni”. La richiesta, conclude Longobardi, “e’ formulata con l’intento di consentire a tutti i commercialisti l’effettuazione dell’adempimento con la dovuta diligenza”. .

(AGI) – Roma, 21 lug. – Dal 2011 al 2014 sono stati erogati oltre 370 milioni di euro di microcredito; nel 2014 sono stati concessi oltre 147 milioni a 11.428 beneficiari. Calcolando che ogni beneficiario di microcredito produttivo genera in media 2,43 posti di lavoro, in quattro anni sono stati creati 34 mila posti di lavoro. Sono i dati presentati dal presidente dell’Ente nazionale per il microcredito, Mario Baccini, al convegno ‘Il microcredito per sfidare la crisi’, in corso alla Camera dei Deputati. Secondo l’Ente nazionale per il microcredito, se tutta la domanda fosse stata soddisfatta (40.495 richieste) i posti di lavoro generati potevano essere oltre 98 mila. Con i microcrediti concessi, 14 mila persone sono state in grado di avviare o sostenere un’attivita’ lavorativa. Da notare che la meta’ dei microcrediti concessi ha una finalita’ sociale e l’altra meta’ una finalita’ produttiva; se pero’ i microcrediti sociali sono stabili (poco meno di 6.000 l’anno), quelli produttivi crescono ad un tasso medio annuo del 75%. Eppure, viene soddisfatto il 71% della domanda sociale e solo il 32% delle richieste di microcredito produttivo. I dati dimostrano – ha fatto notare Baccini – che “i giovani vogliono una mano per scegliersi da soli il lavoro, per aprire un’attivit� e non cercano il posto pubblico”. Negli ultimi tre anni, al microcredito sociale sono stati destinati circa 26 milioni di euro l’anno; l’ammontare del microcredito produttivo e’ cresciuto dai 37 milioni di euro del 2011 agli oltre 120 milioni di euro del 2014, ad un tasso di crescita medio annuo dell’80%. Ogni richiesta per scopi produttivi e’ finanziata in media con 21.300 euro rispetto ai 4.500 circa per i microcrediti sociali. I quattro quinti del totale erogato sono finalizzati per dare avvio o sostenere un’attivita’ imprenditoriale o di autoimpiego. .

(AGI) – Tokyo, 21 lug. – Dimissioni del presidente di Toshiba, Hisao Tanaka, e di otto membri del Cda dopo lo scandalo dei conti truccati che ha investito la multinazionale nipponica. Ad annunciarle la compagnia in un comunicato. Le dimissioni arrivano in seguito alla pubblicazione di un rapporto di un gruppo indipendente di esperti che ha rivelato la “sistematica” manipolazione della contabilita’ da parte dei vertici di Toshiba, che ha gonfiato i bilanci di oltre 1.200 milioni di dollari tra il 2008 e il 2014. Insieme a Tanaka si dimettono anche i suoi predecessori, Norio Sasaki e Atsutoshi Nishida, che attualmente ricoprivano gli incarichi di vicepresidente e consigliere della societa’. .

(AGI) – Roma, 21 lug. – Prezzi ancora in lieve calo nel secondo trimestre del 2015 per le famiglie italiane che hanno una minore capacita’ di spesa, mentre l’inflazione sale per la fascia di popolazione piu’ ricca. Lo rileva l’Istat nella nota flash sull’inflazione per classi di spesa delle famiglie. “Per le famiglie con minori capacita’ di spesa – che hanno registrato una lieve deflazione (-0,2%) – il contributo negativo piu’ marcato alla dinamica tendenziale dei prezzi al consumo deriva dai prezzi dell’Energia (-0,801 punti percentuali), seguito da quelli dei Servizi relativi all’abitazione (-0,067). I contributi positivi maggiori derivano, invece, dagli Alimentari (0,280 e 0,199 punti percentuali, rispettivamente, per la componente non lavorata e lavorata) e dai Beni industriali non energetici (0,191 punti percentuali)”, spiega l’Istat. “Per le famiglie con maggiori capacita’ di spesa – che hanno registrato l’inflazione piu’ alta (+0,3%) – i contributi positivi piu’ elevati alla dinamica tendenziale dei prezzi al consumo sono da ascrivere ai prezzi dei Beni industriali non energetici (per 0,256 punti percentuali) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (per 0,197 punti percentuali); piu’ contenuto, il contributo degli aumenti dei prezzi degli Alimentari non lavorati e lavorati (nell’ordine, 0,119 e 0,086 punti percentuali). Contributi negativi vengono, invece, dai prezzi dell’Energia (-0,403) e, in misura modesta, dai prezzi dei Servizi relativi alle comunicazioni (-0,066 punti percentuali)”. (AGI)

(AGI) – Roma, 21 lug. – Ammonta ad almeno 200 milioni di euro il conto dei danni causati in un mese dal caldo africano nelle campagne italiane, tra ortaggi, frutta e mais “bruciati”, cali di produzione di latte e uova e maggiori costi energetici e di irrigazione, tanto che in alcune zone come la Lombardia e’ stato chiesto lo stato di calamita’. A fare il primo bilancio degli effetti dell’eccezionale ondata di afa e’ la Coldiretti, con le temperature record di luglio (minime superiori di 3,7 gradi alla media del periodo) che stanno letteralmente “bruciando” la frutta e gli ortaggi, compresi i trapianti di maggio e giugno del pomodoro, cosi’ come sono in difficolta’ le coltivazioni di mais necessarie per l’alimentazione degli animali che hanno bisogno di una adeguata irrigazione. Ed e’ allarme anche per il livello del fiume Po dal quale dipende gran parte dell’irrigazione dei prodotti piu’ rappresentativi del made in Italy. Al calo della produzione dovuto allo stato di sofferenza delle piante si aggiungono dunque – sottolinea la Coldiretti – i maggiori costi per farle sopravvivere. Pesante anche la situazione nelle stalle che pagano il conto piu’ salato con i danni che rappresentano oltre la meta’ del totale – sottolinea Coldiretti – anche perche’ le mucche a causa dello stress producono in media a livello nazionale il 10-15 per cento in meno di latte. Un calo che significa una perdita di 100 milioni di litri di latte in un mese. Sono cosi’ scattate – sottolinea la Coldiretti – le misure anti afa e gli abbeveratoi lavorano a pieno ritmo perche’ ogni singolo animale e’ arrivato a bere con le alte temperature di questi giorni fino a 140 litri di acqua al giorno contro i 70 dei periodi piu’ freschi. Ma sono gia’ entrati in funzione – aggiunge la Coldiretti – ventilatori, doccette e condizionatori per rinfrescare le mucche. Una situazione che determina un aumento dei costi alla stalla per i maggiori consumi di acqua ed energia che gli allevatori devono sostenere per aiutare gli animali a resistere all’assedio del caldo. Ma anche nei pollai – continua la Coldiretti – si e’ gia’ registrato un calo che e’ arrivato al 10 per cento nella deposizione delle uova per gli effetti del caldo sulle galline, mentre i maiali sono arrivati a mangiare il 40 per cento in meno della loro razione giornaliera. Pure le api soffrono – rileva la Coldiretti – tanto che per il caldo volano meno e tendono a rimanere a terra senza riuscire piu’ a prendere il polline, a conferma di come l’aumento delle temperature provochi pesanti effetti sulle piante e sugli animali come sulle persone. Le api sono un indicatore dello stato di salute della natura e la loro scarsa attivita’ e’ una prova della grave criticita’ provocata dalle temperature anomale. Il problema – conclude Coldiretti – non riguarda solo la produzione del miele ma viene a mancare l’indispensabile azione di impollinazione dei fiori, ancora necessaria per le coltivazioni agricole. (AGI)

(AGI) – Houston, 21 lug. – Apple ha assunto un ex executive di Fiat-Chrysler, Doug Betts, alimentando le speculazioni sul debutto della societa’ di Cupertino nell’industria dell’auto con una vettura elettrica. In base all’account Linkedin di Betts e secondo quanto scrive il Wall Street Journal, il manager sarebbe stato assoldato nel dipartimento “operations” di Apple da 1 mese. Betts vanta un’esperienza trentennale nell’indutria dell’auto, in societa’ come Michelin, Nissan e Toyota. Ha lasciato Fiat-Chrysler a novembre del 2014 dove era senior vice president per la qualita’. All’inizio dell’anno il Wall Street Journal aveva scritto che Apple stava lavorando ad un progetto segreto denominato “Titan” per costruire un’auto elettrica e che a questo scopo avrebbe assunto centinaia di dipendenti. (AGI) .

(AGI) – Tokyo, 21 lug. – Partenza in rialzo per la Borsa di Tokyo con l’indice Nikkei che ora guadagna lo 0,43% a 20.739,83 punti trascinato dai guadagni di ieri a Wall Street e sostenuto dalla debolezza di yen e petrolio. Positiva anche la la Borsa di Hong Kong che sale dello 0,34% a 25.490,33 punti. In controtendenza la Borsa di Shanghai dove gli investitori mostrano cautela dopo che l’indice si e’ avvicinato alla soglia chiave dei 4.000 punti. L’indice Composite di Shanghai lascia sul terreno l’1,64% a quota. 3.926,55. (AGI)