Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Washington, 17 lug. – Gli Stati Uniti premono perche’ il piano di salvataggio della Grecia assicuri la sostenibilita’ del debito di Atene. Durante un incontro a Berlino con le controparti tedesca (Wolfgang Schaueble) e francese (Michel Sapin), il ministro del Tesoro Usa, Jacob Lew, ha sottolineato “l’importanza di raggiungere la sostenibilita’ del debito nelle prossime negoziazioni” perche’ e’ nell’interesse non solo della Grecia ma “dell’Europa e dell’economia globale”, ha detto secondo quanto comunicato dal Dipartimento in una nota. Lew ha inoltre rimarcato come l’accordo raggiunto da Atene con i creditori rappresenti “un importante passo in avanti che pone le basi per il ripristino della fiducia tra le parti e crea le condizioni affiche’ la Grecia possa guardare avanti nell’Eurozona”. (AGI)

(AGI) – San Francisco, 17 lug. – Volano dell’11% i titoli Google nell’after-hours, dopo la diffusione di una trimestrale oltre le attese. Il colosso della Silicon Valley ha annunciato un aumento dell’utile netto del 17% a 3,93 miliardi, pari a 4,93 dollari per ogni azioni di classe A e B, da 3,35 miliardi di dollari pari a 4,48 dollari per azione. Il fatturato e’ cresciuto dell’11% a 17,73 miliardi di dollari. Al netto delle variazioni dei tassi di cambio, i ricavi di Google sono saliti del 18%. La performance, ha spiegato la nuova Cfo Ruth Porath, e’ stata trainata dai “prodotti core” mentre la societa’ “e’ impegnata a sviluppare nuove opportunita’ – ha detto – con attenzione all’allocazione delle risorse. (AGI)

(AGI) – Atene, 16 lug. – Il governo greco ha confermato che lunedi’ riapriranno le banche, dopo la decisione della Bce di alzare il tetto del fondo di emergenza di 900 milioni. Resta confermato il limite di prelievo di 60 euro al giorno. Le banche sono chiuse dal 29 giugno, quando il governo ha imposto le misure di controllo sui capitali. “Da lunedi’, i cittadini potranno andare allo sportello della banca e fare ogni tipo di transazione”, ha annunciato il vice ministro delle Finanze, Dimitris Mardas, alla tv pubblica Ert .

(AGI) – New York, 16 lug. – Chiusura positiva per la Borsa di New York. A Wall Street, l’indice Dow Jones ha terminato le contrattazioni con un guadagno dello 0,39% a 18.120,25 punti, mentre il Nasdaq e’ avanzato dell’1,26% a 5.163,18 punti .

(AGI) – Nicosia, 16 lug. – I ministri finanziari dell’Unione europea hanno raggiunto l’accordo sull’utilizzo dell’Efsm (European Financial Stability Mechanism) per il prestito ponte da 7 miliardi di euro alla Grecia che durera’ fino a meta’ agosto. Lo ha affermato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker aggiungendo che il prestito servira’ alle esigenze immediate in attesa del perfozionamento dell’intesa sull’intero salvataggio. (AGI) .

(AGI) – Roma, 16 lug. – L’Europa incassa il ‘si’ del Parlamento di Atene sul piano di riforme e sblocca il prestito per il salvataggio della Grecia. L’Eurogruppo infatti, ha dato il suo via libera “di principio” al terzo programma di aiuti internazionali triennali condizionato al completamento delle procedure nazionali. Intesa anche sul prestito ponte da sette miliardi, che servira’ per rimborsare i creditori. Nel frattempo la Bce, che ha lasciato invariati i tassi di interesse, ha deciso di alzare di 900 milioni per un’altra settimana il tetto dell’Ela per le banche greche, rassicurando mercati e creditori sulla capacita’ di Atene di rimborsare parte del suo debito il 20 luglio. Un debito, dice il numero uno di Francoforte, Mario Draghi, che va “senza dubbio alleggerito”. L’ok di Bruxelles arriva in mattinata, dopo il voto nella notte del Parlamento greco: secondo la portavoce della Commissione, Atene ha approvato il pacchetto concordato all’Eurosummit “in tempo e in modo nel complesso soddisfacente”. La decisione sul “prestito ponte” da 7 miliardi, che deve servire a far fronte alle immediate esigenze finanziarie della Grecia (oltre all’arretrato nei confronti del Fondo monetario internazionale, una scadenza con la Bce prevista per lunedi’ prossimo), deve essere presa non solo dai 19 paesi Euro ma anche dagli altri 9 dell’Unione europea, quindi dall’Ecofin e non solo dall’Eurogruppo. Il via libera potra’ essere dato con una procedura scritta, che non richiede quindi la riunione dei ministri ma solo l’accordo da parte degli “sherpa” del Comitato economico e finanziario, l’organismo tecnico che prepara le riunioni Ecofin. il denaro necessario a questo finanziamento urgente verra’ prelevato da un meccanismo Ue, l’Efsm (Meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria, istituito nel 2010 all’inizio della crisi, prima della creazione dei fondi salvastati per l’Eurozona, Efsf e Esm), che finora e’ servito a finanziare i salvataggi di Irlanda e Portogallo ma il cui utilizzo e’ ora riservato ai paesi “non euro”. Secondo quanto si apprende, anche i paesi inizialmente scettici come il Regno Unito hanno ricevuto garanzie sul fatto che tale finanziamento sara’ presto rimborsato dall’Esm, una volta avviato il programma, e il via libera dei 28 e’ atteso per domani. Il voto del Parlamento di Atene viene considerato un “passo avanti” anche dal ministro tedesco delle Finanze Wolfgang Schaeuble, che pero’ continua a ritenere l’ipotesi di una uscita temporanea della Grecia dall’euro come la soluzione migliore. Una risposta indiretta a Schauble arriva da Draghi che premette di non voler “commentare le parole dei politici”, ma sottolinea che la Bce continua ad agire “secondo il principio per cui la Grecia e’ e restera’ membro dell’euro”. (AGI) .

(AGI) – Atene, 16 lug. – Le banche greche riapriranno lunedi’ prossimo dopo la decisione della Bce di alzare il tetto del fondo di emergenza di 900 milioni. E’ quanto fa sapere un’autorevole fonte bancaria citata da Reuters. (AGI) .

(AGI) – Bruxelles, 16 lug. – L’Eurogruppo ha dato il suo via libera “di principio” al terzo programma di aiuti internazionali tiriennali alla Grecia, condizionato al completamento delle procedure nazionali. E’ quanto si legge in una nota ufficiale. L’Eurogruppo, si legge nella nota diffusa dopo che stamattina i ministri delle Finanze dei 19 si sono riuniti in teleconferenza, “accoglie con favore l’adozione da parte del parlamento greco di tutti gli impegni specificati nella dichiarazione del vertice Euro del 12 luglio. Sulla base di una valutazione positiva da parte delle istituzioni, che hanno concluso che le autorita’ hanno attuato il primo pacchetto di quattro misure in tempo e in modo nel complesso soddisfacente e che hanno confermato che la dichiarazione del vertice Euro e’ stata inserita nel preambolo della legge di attuazione adottata dal Parlamento greco, abbiamo deciso oggi la concessione di principio di un sostegno Esm triennale alla Grecia, soggetto al completamento delle procedure nazionali rilevanti”. Una volta superato questo scoglio, si legge ancora nella dichiarazione, e presa “la decisione formale da parte del consiglio dei governatori dell’Esm attesa entro la fine di questa settimana, le istituzioni saranno incaricate di negoziare rapidamente un Memorandum of Understanding che dettagli la condizionalita’ politica connessa al programma di assistenza finanziaria”. Infine, l’Eurogruppo fa appello alle autorita’ greche perche’ “adottino rapidamente il secondo pacchetto di misure entro il 22 luglio, come previsto nella dichiarazione del vertice Euro, e aggiorni la legislazione relativa al primo set di misure in linea con le raccomandazioni fatte dalle istituzioni nel loro rapporto”. (AGI) .

(AGI) – Francoforte, 16 lug. – “E’ indubbio che un alleggerimento del debito greco sia necessario”. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, nel corso della conferenza stampa al termine del direttivo. “Tutti gli elementi in mio possesso mi portano a dire che la Grecia ripaghera’ il suo debito” con la Bce “il 20 luglio, cosi’ come fara’ anche con il Fondo Monetario”, ha aggiunto il presidente dell’Eurotower. Per Draghi, “Questa unione e’ imperfetta e, essendo imperfetta, e’ fragile, vulnerabile e non consente di distribuire tutti i benefici come potrebbe se fosse completata”. “Ora le cose sono cambiate” e dopo l’accordo all’Eurosummit e il voto del Parlamento greco “sono state ripristinate le condizioni per aumentare l’Ela”, la liquidita’ di emergenza alle banche di Atene. L’aumento e’ pari a 900 milioni di euro per una settimana. “La Bce continua ad agire secondo il principio per cui la Grecia e’ e restera’ membro della zona euro”. Lo dice Mario Draghi durante la conferenza stampa seguita al direttivo della Bce. “Non spetta alla Bce decidere chi rimane membro della zona euro”, ha aggiunto. Secondo Draghi e’ falso che la crisi liquidita’ banche greche sia stata provocata da Bce: “Trovo queste osservazioni secondo cui non c’e’ stata abbastanza assistenza di liquidita’ o che la fuga dalle banche sia stata provota dalla Bce piuttosto arbitarie, certamente infondate” Draghi ha anche notato che le maggiori fughe di capitali in Grecia si sono verificate in coincidenza con eventi politici come le elezioni di gennaio e il fallimento dei colloqui sul salvataggio a giugno. (AGI) .

(AGI) – Roma, 16 lug. – “Prima pensa a studiare, poi un lavoro si trovera’”, si diceva in passato, come ora. Ma non e’ piu’ cosi’. Oggi i neolaureati devono affrontare un mercato globalizzato in continuo e veloce cambiamento. Di contro, il modello tradizionale accademico fatica a tenere il passo. Confidare nelle nozioni certificate da un diploma, senza mai aver avuto esperienze sul campo, puo’ non bastare, soprattutto in tempo di recessione economica. Come scarsi sono i risultati che si otterranno affidando genericamente le proprie ambizioni a strumenti inflazionati da milioni di utenti, vedi i social o un generico curriculum, senza una strategia di personal branding”. E’ quanto emerso nel corso del dibattito alla John Cabot University, la maggiore universita’ americana in Italia, con sede a Roma, dal titolo “Universita’ e lavoro al tempo della crisi”. Erano presenti il ‘cacciatore di teste’ Gabriele Ghini, managing director di “Transearch Italia”, tra i primi dieci gruppi mondiali nell’executive search; Michele Favorite, docente di comunicazione aziendale JCU, Mia Ceran, conduttrice di Uno Mattina; Antonella Salvatore, direttore del Career Services Office Jcu. “La chiave di volta per accedere alla realta’ occupazionale e’ oggi rappresentata da una formazione complementare, basata sulle soft skills, le competenze trasversali – problem solving, lavoro in squadra, orientamento al risultato, time management, capacita’ di adattamento e di negoziazione, public speaking – da acquisire gia’ nel periodo universitario, per mezzo di stage formativi mirati presso aziende e istituzioni”. “L’universita’ non deve essere un parcheggio, ma un ponte verso la professione desiderata. Questa e’ la sua funzione. In Italia l’eta’ media di chi cerca il primo impiego e’ troppo alta: 25-27 anni, rispetto ai 22 del resto d’Europa. E’ indispensabile laurearsi in tempo, avendo gia’ acquisito le soft skills”, ha dichiarato Michele Favorite. “Bisogna essere riconoscibili. Nel mondo ci sono 400 milioni di persone iscritte a Linkedin. Il vero problema e’ farsi trovare, definendo una strategia di personal branding. Quando l’azienda inserisce delle parole chiave, dovete uscire voi”, ha detto Gabriele Ghini rivolgendosi ai giovani presenti al dibattito. Aggiungendo: “Allo stesso tempo dobbiamo assumere consapevolezza di vivere in una societa’ sempre piu’ trasparente, nella quale e’ difficile separare la sfera lavorativa da quella personale. Cio’ che postiamo sui social, puo’ impattare sulla percezione che un futuro datore di lavoro avra’ di noi. La web reputation acquistera’ un valore sempre piu’ rilevante”. “Il cacciatore di teste che legge un curriculum, lo fa, per ovvi motivi, in dieci, trenta secondi, quello che gli americani chiamano elevator speech, cioe’ il tempo che intercorre per raggiungere un piano in ascensore. Allora bisogna scriverlo nel modo giusto, ogni parola deve rendere unico questo documento”, ha precisato Ghini. “Il curriculum vitae alla John Cabot e’ materia d’esame, tanto lo consideriamo importante. Da evitare il modello europeo, l’Europass, perche’ lungo e ripetitivo”, ha sottolineato invece Favorite. “L’obiettivo dell’Universita’ deve essere quello di far raggiungere il lavoro, non il pezzo di carta. In questo senso e’ fondamentale studiare e allo stesso tempo acquisire esperienze professionali, come nel modello anglosassone, anche senza gratificazioni economiche immediate”, ha detto invece Mia Ceran. “Conoscere l’inglese, scritto e parlato, a livello madrelingua o quasi, in Italia e’ ancora un elemento di distinzione. Per le aziende fa la differenza”, ha concluso Antonella Salvatore. (AGI) .

Flag Counter