Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

L’esplosione di un trasformatore in una centrale elettrica di New York, la notte tra il 27 e il 28 dicembre, ha temporaneamente tinto di blu lo skyline più famoso del mondo. L’incidente, attribuito a un malfunzionamento non prevedibile, ha causato anche brevi blackout in città, colpendo in particolare l’aeroporto LaGuardia, che è dovuto ricorrere all’alimentazione ausiliaria. Tra le 21.22 e le 22.23 nessun volo è decollato dallo scalo, riporta la Cnn.

Nessun ferito né danni permanenti per l’incidente che ha scatenato la fantasia dei newyorkesi. Un’intensa luce celeste, riflessa nella nebbia, ha colorato il cielo della città ed è stata visibile da tutta Manhattan. Ma più che apprensione, l’episodio sembra aver scatenato l’ironia della popolazione, che sui social network ha scherzato sulla nascita di un nuovo supereroe o su una possibile invasione aliena. Quest’ultima ipotesi è stata smentita direttamente dalla polizia, che su Twitter ha scritto: “Confermiamo che l’incidente in Astoria è stato causato dall’esplosione di un trasformatore. Nessun ferito, nessun incendio e nessuna attività extraterrestre”. Attingendo dall’enorme filmografia fantascientifica che ha come scenario proprio New York, alcuni hanno ricordato il dispositivo per cancellare la memoria nella saga di Men In Black, interpretata da Tommy Lee Jones e Will Smith.

 

L’intensa luce blu, come testimoniano diversi video di chi ha assistito all’intervento dei Vigili del fuoco, è emessa direttamente dal trasformatore difettoso. L’immediato intervento delle autorità e dei tecnici della società elettrica, Con Edison, ha prevenuto il sorgere di incendi. Tuttavia, al momento dell’esplosione, molti cittadini hanno riferito di aver sentito palazzi e vetri tremare, prima di scappare in strada per verificare cosa fosse accaduto.

 

Donald Trump sta prendendo in considerazione l'emanazione di un ordine esecutivo per dichiarare un'emergenza nazionale, che impedirebbe alle aziende statunitensi di utilizzare le apparecchiature di telecomunicazione realizzate da Huawei e Zte in Cina.

Lo riferiscono a Reuters tre fonti vicine all'operazione, secondo le quali l'ordine esecutivo spingerebbe il dipartimento al Commercio a vietare alle società statunitensi l'acquisto di attrezzature da parte di produttori di telecomunicazioni stranieri che rappresentano rischi significativi per la sicurezza nazionale. 

Approvato in Legge di Bilancio il maxi-emendamento che dal primo marzo introdurrà incentivi sulle auto elettriche e un sistema di malus per i mezzi più inquinanti. La misura, approvata con 167 sì, 78 no e tre astenuti, dovrà ancora passare formalmente al vaglio della Camera e introduce anche incentivi sull’acquisto di colonnine private per la ricarica, di cui sarà possibile detrarre fino al 50 per cento del costo sulle spese di posa in opera.

Ecobonus

Ne ha diritto chi acquista e immatricola, tra il 1 marzo 2019 e il 31 dicembre 2021, automobili con emissioni di anidride carbonica entro i 70 g/km che non costino più di 50 mila euro senza Iva. Il bonus è progressivo e stanzia 4.000 euro per le auto con emissioni di CO2 entro i 20 g/km e 1.500 euro entro i 70 g/km, che saranno erogati direttamente dalla concessionaria togliendoli dal costo complessivo. Rottamando le vecchie classi Euro dall’1 al 4, l’incentivo salirà a 6.000 euro per la prima fascia e 2.500 euro per la seconda.

Soggetto a esaurimento, per il bonus sono stanziati 60 milioni di euro per il primo anno e 70 per i due successivi.

Ecotassa

Per tutte le auto con valori di CO2 superiori a 160 g/km acquistate e immatricolate tra il 1 marzo 2019 e il 31 dicembre 2021 scatta l’ecotassa una tantum, che si somma agli altri adempimenti già previsti e deve essere pagata tramite F24.

Anche in questo caso progressiva, l’ecotassa introduce quattro fasce di consumo: 1.100 euro dai 161 g/km fino ai 175 g/km; 1.600 euro fino ai 200 g/km; 2.000 euro fino ai 250 g/km e 2.500 euro per i veicoli con emissioni superiori ai 250 g/km.

Nel primo semestre del 2018 le auto elettriche vendute in Italia sono state solo cinquemila, contro le 36.500 unità vendute dalla Norvegia, capofila europea. In totale le vendite di automobili elettriche, ibride o a metano nel Paese sono state il 7 per cento del totale, soprattutto a causa della mancanza di incentivi, come rilevato dalla ricerca della società di analisi Ev-VOlumes.

A novembre, Fiat Chrysler – che al momento non vende automobili elettriche o ibride in Italia – aveva annunciato un investimento di 5 miliardi di euro tra il 2019 e il 2021 per creare la prima 500 elettrica, come riporta La Stampa. I primi modelli dovrebbero uscire dallo stabilimento di Mirafiori all’inizio del 2020.

 

La manovra, approvata dal Senato e ora in terza lettura alla Camera, assegna gratis terreni incolti per almeno 20 anni alle famiglie con 3 o più figli, almeno uno dei quali sia nato nel 2019, 2020, 2021 ovvero a società costituite da giovani imprenditori agricoli che riservano ai predetti nuclei familiari una quota societaria pari almeno al 30%.

A questi nuclei familiari sarà concesso, a richiesta, un mutuo di importo fino a 200mila euro per la durata di 20 anni, a un tasso di interesse pari a zero, per l'acquisto della prima casa in prossimità del terreno assegnato.
La norma esplicita che le misure sono "al fine di favorire la crescita demografica".

Borse europee a scambi ridotti nella giornata della Vigilia di Natale: restano chiuse Milano e Francoforte. Gli altri mercati sono in calo sulla scia di Wall Street che venerdì ha terminato la seduta in rosso. A Parigi il Cac 40 segna un calo dello 0,66% a 4.663,35 punti e a Londra l'Ftse 100 cede lo 0,66% a 6.676,52 punti.

Il 'saldo e stralcio', ovvero il nuovo condono per chi è in difficoltà economica, la nuova clausola con gli aumenti Iva, i tagli ai fondi del reddito di cittadinanza e di quota 100 per le pensioni, la web tax, i finanziamenti e l'esercito in campo per fronteggiare l'emergenza buche a Roma e la proroga di 15 anni delle concessioni balneari.

Così cambia la manovra, corretta fino all'ultimo, dopo un percorso a ostacoli tra Roma e Bruxelles e un iter tortuoso in Parlamento.

Queste alcune delle principali misure entrate nel maxiemendamento su cui il governo, dopo vari slittamenti, ha posto la fiducia nell'Aula del Senato senza nemmeno un voto in Commissione:

1. TAGLI A REDDITO E QUOTA 100

100 Il fondo per il reddito di cittadinanza sarà ridotto di 1,9 miliardi nel 2019 scendendo a 7,1 miliardi. La dote per la misura bandiera dei Cinque Stelle scende di 945 milioni nel 2020 e di 683 milioni nel 2021. Sul fronte delle pensioni, ci sarà un taglio di 2,7 miliardi ai fondi per quota 100, che scendono cosi' da 6,7 a 4 miliardi. La dote per la misura fortemente voluta dalla Lega sale di 1,3 miliardi nel 2020 e di 1,7 miliardi nel 2021.

2. AUMENTI IVA PER 23 MLD NEL 2020 

Confermata la sterilizzazione totale degli aumenti Iva nel 2019 che vengono pero' innalzati nel 2020 per circa 23 miliardi e nel 2021 e 2022 per 28,8 miliardi. Previsti anche aumenti delle accise per 400 milioni l'anno dal 2020. Se non saranno disinnescate le clausole, l'Iva agevolata salirà dal 10 al 13% dal 2020 mentre quella ordinaria dal 22% al 25,2% nel 2020 e al 26,5% nel 2021

3. NUOVA CLAUSOLA DI SPESA

Arriva una nuova clausola di spesa. Alcune voci del bilancio dello Stato ( che riguardano i ministeri) saranno congelate per un ammontare di 2 miliardi di euro nel 2019. Sulla base del monitoraggio di luglio queste risorse potranno essere sbloccate, con delibera del Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell'Economia, solo nel caso in cui l'andamento tendenziale dei conti pubblici risulti coerente con gli obiettivi fissati.

4. TAGLIO AL FONDO PER GLI INVESTIMENTI

Arriva la sforbiciata al fondo per gli investimenti. Si passa dai 9 miliardi in tre anni inizialmente previsti a 3,6 miliardi. Per il 2019 il fondo scende a 740 milioni di euro (contro i 2.750 precedenti), nel 2020 a 1.260 milioni (da 3.000 milioni) e nel 2021 a 1.600 (da 3.300). 

5. SALTA NORMA NCC, VERSO DECRETO AD HOC

Salta la stretta per gli Ncc che aveva innescato la protesta dei conducenti delle auto a noleggio. Il governo ha deciso di stralciare la norma dal maxiemendamento per problemi di copertura suscitando la protesta delle opposizioni. La disposizione prevedeva paletti al raggio d'azione per il servizio di autonoleggio con conducente pur ampliando la deroga per il rientro in rimessa, misura che accoglieva solo in parte le richieste del settore. L'esecutivo ha fatto marcia indietro e si appresta a varare un decreto ad hoc in attesa di una riforma più organica. 

6. PENSIONI D'ORO

Il taglio sulle pensioni d'oro (valido dal 2019 per 5 anni) sarà del 15% per i redditi compresi tra 100.000 e 130.000 euro lordi e arriverà al 40% per quelle superiori ai 500.000 euro. Previsto un taglio del 25% per gli assegni compresi tra 130.001 e 200.000 euro, del 30% per quelli compresi tra 200.001 e 350.000 euro e del 35% tra i 350.001 e i 500.000 euro. La misura garantirà 239 milioni nel triennio 2019-2021.

7. STRETTA SU RIVALUTAZIONI PENSIONI OLTRE 1.522 EURO

Le pensioni saranno rivalutate al 100% fino a 1.522 euro (tre volte il trattamento minimo) mentre per gli assegni superiori scatterà una stretta sulla rivalutazione all'inflazione. Sei fasce: l'indicizzazione sarà riconosciuta al 97% per quelle tra tre e quattro volte il minimo; al 77% per quelle tra quattro e cinque volte il minimo; al 52% per quelle tra cinque e sei volte il minimo; al 47% per quelle tra sei e otto volte il minimo; al 45% tra otto e nove volte il minimo, e, infine, al 40% sopra nove volte il minimo. La misura porterà un gettito di 2,26 miliardi nel triennio 2019-2021.
 

8. CAMBIA PROROGA ASSUNZIONI P.A

Sono stati espunti dal maxiemendamento i commi che prorogano al 31 dicembre 2019 le graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato, comprese quelle dei comparti sicurezza, del soccorso e della difesa, della scuola e delle università in vigore al 31 dicembre 2018.

Queste norme, ha spiegato il governo in commissione Bilancio, "non sono compatibili" con altre previste dal testo che prorogano le vecchie graduatorie, quelle dal 2010 al 2013, ma con dei paletti come la partecipazione obbligatoria a corsi di formazione, il superamento di un apposito esame per verificare le idoneità. Le stesse disposizioni prorogano la validità delle graduatorie approvate dal 2014 al 2019.
 

9. STOP ASSUNZIONI PER MINISTERI E UNIVERSITà

La Presidenza del Consiglio, i ministeri, gli enti pubblici non economici, le agenzie fiscali e le università non possono effettuare assunzioni di personale a tempo indeterminato fino al 15 novembre 2019. Per le università il blocco è posticipato al primo dicembre, con l'eccezione dei ricercatori a contratto che potranno essere assunti come professori nel corso del 2019. 

10. WEB TAX

Arriva l'imposta al 3% sui servizi digitali per le imprese che vendono online, forniscono pubblicità e trasmissione di dati. Il prelievo si applica alle aziende con ricavi "ovunque realizzati" non inferiori a 750 milioni euro e ricavi derivanti da servizi digitali, realizzati nel territorio dello Stato, non inferiori a 5,5 milioni.

11. ESERCITO IN CAMPO PER 'EMERGENZA' BUCHE A ROMA

Per fronteggiare "l'emergenza" delle buche nel manto stradale di Roma arriveranno 75 milioni di euro nel triennio e sarà possibile impiegare l'esercito. La norma, proposta dai cinque Stelle e dichiarata inammissibile dalla Commissione Bilancio del Senato, rientra nel 'maxi' nella versione riformulata. Autorizzata anche la spesa di 5 milioni per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021, per l'acquisto di mezzi strumentali al ripristino delle piattaforme stradali.

12. SCONTI ACQUISTI SEGGIOLINI ANCHE NEL 2020

Saranno estesi anche al 2020 gli sconti per l'acquisto dei seggiolini dotati di dispositivo antiabbandono. Lo stanziamento previsto è di un milione di euro per il 2019 e un milione per il 2020.
 

13. NO BOLKESTEIN BALNEARI, PROROGA CONCESSIONI PER 15 ANNI

Proroga per i prossimi 15 anni delle concessioni demaniali marittime in atto e in scadenza il 31 dicembre 2020. Si evita cosi' la messa la bando nel 2020 degli stabilimenti come previsto dalla direttiva Bolkestein. La norma presentata dalla Lega apre la strada a una possibile procedura di infrazione da parte della Commissione europea. Prevista l'emanazione di un decreto del presidente del Consiglio dei ministri per fissare principi e criteri dell'assegnazione delle concessioni sulle aree demaniali marittime. 
 

14. RIMBORSO PER I RISPARMIATORI TRUFFATI

I risparmiatori truffati coinvolti nelle liquidazioni bancarie degli ultimi anni potranno rivolgersi direttamente al ministero dell'economia per ottenere il rimborso: agli azionisti fino al 30%, agli obbligazionisti subordinati fino al 95%. Il Fondo di indennizzo risparmiatori ha una dote di 525 milioni l'anno nel triennio. A valutare le domanda sarà una commissione di nove tecnici, senza il passaggio dall'arbitro finanziario per verificare l'eventuale misselling, ovvero la vendita fraudolenta dei titoli. 

 

15. ECOTASSA, SALVE LE UTILITARIE

L'ecotassa non si pagherà sulle utilitarie ma solo sulle auto di grossa cilindrata. L'imposta sarà di 1.100 euro per l'acquisto di una nuova auto con emissione comprese tra 161 e 175 CO2 g/Km. Si passa a 1.600 euro per la fascia 176-200, a 2.000 euro tra 201 e 250 e a 2.500 euro oltre 250.
 

16. ECO-INCENTIVI SCATTERANNO FINO A 50MILA EURO

Sale da 45.000 a 50.000 euro il limite al di sotto del quale scatteranno gli eco-incentivi per l'acquisto di automobili poco inquinanti, ibride o elettriche. In via sperimentale, a chi acquista un veicolo, anche in locazione finanziaria, e immatricola in Italia, dal 1 marzo 2019 al 31 dicembre 2021, è riconosciuto un bonus. Per l'elettrico il contributo è di 6 mila euro (emissioni tra 0 e 20 CO2 g/km) se si rottama contemporaneamente un veicolo euro 0, 1, 2, 3, 4 e di 4 mila euro senza rottamazione. Per l'ibrido, emissioni tra 21 e 70, gli incentivi passano a 4 mila euro (con rottamazione) e 1.500 (senza). 
 

17. ECOBONUS PER SCOOTER ELETTRICI, FINO 3.000 EURO SE ROTTAMI

Fino a 3.000 euro di contributo per l'acquisto di motorini elettrici o ibridi. A coloro che acquistano un veicolo elettrico o ibrido nuovo di cilindrata inferiore o superiore ai 50 cc e che rottamano un veicolo di cui sono proprietari da almeno 12 mesi è riconosciuto un contributo pari al 30% del prezzo di acquisto fino a un massimo di 3.000 euro nel caso in cui il veicolo consegnato per la rottamazione sia della categoria euro 0,1,2.
 

18. CONDONO PER CHI è IN DIFFICOLTA'

Entra il saldo e stralcio delle cartelle tra il 2000 e il 2017 per chi è in grave difficoltà economica. I debiti potranno essere estinti pagando il 16% con Isee non superiore a 8.500 euro, il 20% con Isee da 8.500 fino a 12.500 euro e 35% con Isee oltre i 12.500 euro e fino a un massimo di 20.000 euro. La misura riguarda anche i debiti per i contributi dovuti alle casse previdenziali professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi Inps.
 

19. TAGLI SU PREMI INAIL

Previsto uno sgravo sui contributi Inail a carico delle imprese che partirà da 410 milioni di euro per l'anno 2019, 525 milioni per il 2020 e 600 milioni per il 2021.
 

20. FLAT TAX 7% PER PENSIONATI STRANIERI CHE VIVONO AL SUD

Una flat tax al 7% per i pensionati residenti all'estero da almeno 5 anni che scelgono il Sud. L'imposta sostitutiva, calcolata in via forfettaria con aliquota del 7%, si applica per cinque periodi d'imposta ed è rivolta a coloro che scelgano di trasferire la loro residenza, in Italia, nei comuni con popolazione non superiore ai 20.000 abitanti delle Regioni del Sud: Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise, Puglia. 
 

21. PIANO DISMISSIONI ENTRO 30 APRILE

Un piano di dismissioni immobiliari che dovrà essere pronto entro il 30 aprile e ricomprenderà anche gli immobili in uso al ministero della Difesa, "diverso dall'abitativo". Il governo punta a inacssare 950 milioni per il 2019 e 150 milioni per ciascuno degli anni 2020, e 2021, al netto delle quote non destinate al Fondo ammortamento titoli di Stato o alla riduzione del debito degli enti.
 

22. NORMA 'SFASCIA CENTRI STORICI'

Per la valorizzazione degli immobili pubblici da dismettere sarà possibile cambiarne la destinazione d'uso e procedere con interventi edilizi. Saranno ammissibili interventi edilizi "in via diretta". La norma aveva suscitato diverse polemiche ed era stata ribattezzata dai Verdi "norma sfascia centri storici".

 

23. TAGLI DEI CONTRIBUTI ALL'EDITORIA

Resta la norma proposta dai 5 Stelle che prevede una riduzione progressiva dei contributi diretti all'editoria dal prossimo anno fino all'azzeramento dei finanziamenti nel 2022. Nel dettaglio, nel 2019 il taglio alle imprese editrici riunite come cooperative dei giornalisti sarà del 20% nella parte eccedente il contributo di 500.000 euro, percentuale che sale al 50% nel 2020, al 75% nel 2021 fino al 100% nel 2022.
 

24. STOP AGEVOLAZIONI IRES PER ENTI NO PROFIT

Confermata l'abrogazione delle agevolazioni Ires per gli enti non commerciali, misura che penalizza anche le associazioni no profit e per questo ha scatenato le critiche della Cei.
 

25. SALE ALL'1,40% L'AUMENTO DEL PREU SUI GIOCHI

Sale all'1,40% (dall'1,25%) l'aumento del Preu, il prelievo erariale unico, sugli apparecchi per il gioco. La percentuale destinata alle vincite (pay-out) passa dal 69 al 68% e dall'84,5 all'84%. Confermato l'aumento dell'imposta unica dovuta sui giochi a distanza (che dal 20% passa al 25% del margine), sulle scommesse a quota fissa su rete fisica (che dal 18% passa al 20% del margine) e a distanza (dal 22% al 24%) e sulle scommesse simulate (dal 20% al 22%).
 

26. STOP TOTOCALCIO, ARRIVA CONCORSO UNICO

Addio al Totocalcio e al Totogol. Saranno sostituiti da un nuovo gioco, un unico prodotto, gestito dai Monopoli ma pubblicizzato e promosso dalla nuova 'Sport e Salutè che sostituirà la Coni servizi. Il prodotto potrà essere pubblicizzato, in deroga ai divieti del decreto dignità sulla pubblicità del gioco d'azzardo. Arriva anche una norma contro la trasmissione illegale di eventi sportivi, a partire dalle partite di calcio. 
 

27. SALE INCENTIVO PER CAMBIO DECODER-TV

Sale a 151 milioni il contributo per chi, dal prossimo anno e fino al 2022, cambierà tv e decoder per adeguarsi ai nuovi standard DVB-T2 in vista dello switch off del digitale terrestre. Previste anche nuove regole per la ripartizione delle frequenze. 
 

28. MENO FONDI A ORFANI FEMMICIDIO

Più che dimezzato il rifinanziamento del fondo per gli orfani di femminicidio. In arrivo 5 milioni anzichè i 12 ipotizzati.

Dall'esercito a Roma per contribuire a riparare le strade disastrate dalle buche alla proroga di 15 anni delle concessioni balneari che di fatto le esclude dalla direttiva Bolkestein fino al saldo e stralcio delle cartelle 2000/2017 per chi è in grave difficoltà economica. Passando per la conferma ai tagli ai fondi per reddito di cittadinanza e quota 100. Ecco le principali misure che saranno introdotte nella legge di Bilancio 2019 con il maxiemendamento del governo, atteso per oggi in Aula al Senato.

1. Tagli al reddito di cittadinanza e quota 100

Il fondo per il reddito di cittadinanza sarà ridotto di 1,9 miliardi nel 2019. La dote per la misura bandiera dei Cinque Stelle scende di 945 milioni nel 2020 e di 683 milioni nel 2021. La spesa complessiva si ridurrà a circa 6 miliardi per reddito e pensioni di cittadinanza e fino ad un miliardo per il potenziamento dei centri per l'impiego. Sul fronte delle pensioni, ci sarà un taglio di 2,7 miliardi ai fondi per quota 100, che scendono cosi' da 6,7 a 4 miliardi. La dote per la misura fortemente voluta dalla Lega sale di 1,3 miliardi nel 2020 e di 1,7 miliardi nel 2021.

2. Esercito in campo per l'emergenza buche a Roma

Per fronteggiare "l'emergenza" delle buche nel manto stradale di Roma arriveranno 75 milioni di euro nel triennio e sarà possibile impiegare l'esercito. La norma, proposta dai cinque Stelle e dichiarata inammissibile dalla Commissione Bilancio del Senato, rientra nel 'maxi' nella versione riformulata.

"Al fine di fronteggiare l'emergenza della sicurezza stradale si legge nel testo – è autorizzata l'assegnazione a Roma Capitale di una dotazione finanziaria pari a 40 milioni di euro per l'anno 2019 e a 20 milioni di euro per l'anno 2020 per interventi di ripristino straordinario della piattaforma stradale della grande viabilità da eseguirsi con il concorso del Ministero della Difesa, attraverso l'Arma del Genio dell'Esercito Italiano, per la realizzazione degli interventi di ripristino". Autorizzata anche la spesa di 5 milioni per ciascuno degli anni 2019, 2020 e 2021, per l'acquisto di mezzi strumentali al ripristino delle piattaforme stradali. 

3. No Bolkestein balneari, proroga concessione per 15 anni

Una proroga per i prossimi 15 anni delle concessioni demaniali marittime, escludendo cosi' di fatto il comparto balneare dalla direttiva Bolkestein. La norma presentata dalla Lega che aveva suscitato diverse polemiche apre la strada a una possibile procedura d'infrazione da parte della Commissione europea

4. Saldo e stralcio cartelle 

Entra nell'ultima bozza del maxiemendamento il saldo e stralcio delle cartelle tra il 2000 e il 2017 per chi è in grave difficoltà economica. I debiti potranno essere estinti pagando il 16% con Isee non superiore a 8.500 euro, il 20% con Isee fino a 12.500 euro e 35% con Isee oltre i 12.500 euro e fino a un massimo di 20mila euro.

5. Confermati tagli su premi Inail

Previsto uno sgravo sui contributi Inail a carico delle imprese che partirà da 410 milioni di euro per l'anno 2019, 525 milioni per il 2020 e 600 milioni per il 2021.

6. Flat Tax 7% per pensionati stranieri che vivono al Sud

Una flat tax al 7% per i pensionati residenti all'estero da almeno 5 anni che scelgono il Sud. L'imposta sostitutiva, calcolata in via forfettaria con aliquota del 7%, si applica per cinque periodi d'imposta ed è rivolta a coloro che scelgano di trasferire la loro residenza, in Italia, nei comuni con popolazione non superiore ai 20.000 abitanti delle Regioni del Sud: Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise, Puglia. (AGI)Gio/Gav (Segue) (AGI) – Roma, 21 dic. –

7. Ncc, si amplia la deroga per rientro in rimessa

Confermata la stretta per gli Ncc ma si amplia la deroga prevista per il rientro in rimessa. Da gennaio, salvo nuovi rinvii, scatteranno le norme che costringono gli Ncc al termine del servizio a tornare nella città in cui l'autorizzazione è stata rilasciata. Il governo aveva manifestato l'intenzione di rimuovere i paletti che limitano il raggio d'azione delle auto noleggiate con conducente, ma ha di fatto ha confermato le disposizioni restrittive per il settore pur prevedendo una deroga che ora viene ampliata.

Oltre ad ampliare gli ambiti territoriali di operatività degli Ncc da comunali a provinciali e stabilire che l'inizio del servizio potesse avvenire senza il rientro in rimessa quando sul 'foglio di servizio' siano registrate, sin dalla partenza, più prenotazioni oltre la prima con partenza o destinazione all'interno della provincia o dell'area metropolitana in cui ricade il territorio del Comune che ha rilasciato le autorizzazioni, si prevede che l'inizio di un nuovo servizio possa avvenire senza il rientro in rimessa anche quando è svolto in esecuzione di un contratto concluso in forma scritta tra il vettore e il cliente, con una durata superiore a 30 giorni, da tenere a bordo ed esibire in caso di controlli.

8. Confermati i tagli dei contributi all'editoria

Resta la norma proposta dai 5 Stelle che prevede una riduzione progressiva dei contributi diretti all'editoria dal prossimo anno fino all'azzeramento dei finanziamenti nel 2022. Nel dettaglio, nel 2019 il taglio alle imprese editrici riunite come cooperative dei giornalisti sarà del 20% nella parte eccedente il contributo di 500.000 euro, percentuale che sale al 50% nel 2020, al 75% nel 2021 fino al 100% nel 2022.

9. Confermato stop agevolazioni Ires per enti no profit

Confermata l'abrogazione delle agevolazioni Ires per gli enti non commerciali, misura che penalizza anche le associazioni no profit e per questo ha scatenato le critiche della Cei.

10. Sale al 1,4% l'aumento Preu sui giochi

Sale all'1,40% (dall'1,25%) l'aumento del Preu, il prelievo erariale unico, sugli apparecchi per il gioco La percentuale destinata alle vincite (pay-out) passa dal 69 al 68% e dall'84,5 all'84%. Confermato l'aumento dell'imposta unica dovuta sui giochi a distanza (che dal 20% passa al 25% del margine), sulle scommesse a quota fissa su rete fisica (che dal 18% passa al 20% del margine) e a distanza (dal 22% al 24%) e sulle scommesse simulate (dal 20% al 22%).

11. Salta la norma sulla Tari in bolletta

Non c'è più, invece, la norma proposta dalla Lega che prevedeva di portare nella bolletta elettrica la Tari nei Comuni in dissesto. Nei giorni scorsi il sottosegretario all'Economia, Massimo Garavaglia, aveva parlato "di ritrosie" sulla misura paventando la possibilità che la norma alla fine non sarebbe stata introdotta in manovra. 

A dicembre si stima una flessione dell’indice del clima di fiducia dei consumatori da 114,7 a 113,1; anche l’indice composito del clima di fiducia delle imprese registra una dinamica negativa, peraltro in atto già dallo scorso luglio, passando da 101,0 a 99,8. Lo rileva l'Istat. 
    A dicembre, commenta l'Istat, si rileva un peggioramento generalizzato del clima di fiducia. In particolare, per quanto riguarda le imprese, l’indice destagionalizzato torna sui livelli di due anni fa. Nella manifattura, la flessione del clima di fiducia riflette un deterioramento ulteriore dei giudizi sulla domanda a fronte di aspettative in lieve crescita e, dal punto di vista settoriale, il calo nel comparto dei beni intermedi. Peggioramenti si rilevano anche nei servizi e nelle costruzioni. Con riferimento ai consumatori, si segnala il peggioramento, per il terzo mese consecutivo, delle valutazioni sulla situazione economica del paese amplificato, come impatto negativo sull’indice, da un deterioramento dei giudizi sul quadro personale. 

La web tax è la tassazione sui giganti delle multinazionali del mercato digitale. Punta a raggiungere un maggiore equilibrio tra profitti (enormi) e tassazione (fino a ora minima grazie all'esistenza di regimi fiscali di favore in alcuni Stati).

L'Italia ha già una propria web tax, che però non è mai entrata in vigore per la mancanza dei decreti attuativi. Una lacuna dovuta in parte all'avvicendamento dei governi (da Gentiloni a Conte), in parte a un precisa volontà politica. La norma, nonostante l'approvazione, non ha mai avuto larghi consensi, né l'appoggio delle associazioni di categoria.

Il governo ha inoltre rallentato in prospettiva di una web tax europea, trattata a lungo, ma naufragata definitivamente all'Ecofin del 4 dicembre. Ecco il punto dell'iter della normativa in Italia e in Europa. 

Dalla proposta Mucchetti alla web tax

La proposta originaria era firmata dall'ex senatore del Partito Democratico Massimo Mucchetti. L'imposta sui servizi "effettuati tramite mezzi elettronici" aveva un'aliquota del 6%. Gli effetti potenzialmente negativi sulle società che pagano le tasse in Italia erano sterilizzati da un credito d'imposta pari a quanto versato.

La norma è però stata modificata, abbassando l'aliquota al 3% ed eliminando il credito d'imposta. La formulazione attuale (che è stata sostituita con un emendamento nella legge di Bilancio) prevede che la tassa sia applicata come ritenuta alla fonte sulle transazioni e colpisca esclusivamente i soggetti che effettuano oltre 3.000 transazioni nell'anno solare.

Secondo Iab Italia, l'associazione che raggruppa oltre 170 aziende della pubblicità digitale, l'effetto sarebbe un ulteriore aggravio, sommato alla tassazione ordinaria, penalizzando ulteriormente le imprese locali nei confronti dei giganti esteri.

Le mosse del governo

La Lega si è dimostrata aperta alla revisione della web tax, presentando anche un emendamento a firma Giulio Centemero, poi ritirato in vista dell'Ecofin. Nei mesi scorsi, infatti, l'iter delle web tax nazionali è stato sospeso per la negoziazione di una tassa europea.

La Francia si era detta favorevole. Davanti alla resistenze dei Paesi del Nord, assieme alla Germania aveva anche proposto un compromesso: il 3% da applicare solo sulle vendite pubblicitarie e non sull'intero fatturato. Sul fronte dei favorevoli anche Austria, Spagna e Italia. A bloccare la norma (che per essere approvata richiede l'unanimità dei 28 membri) è stata soprattutto l'Irlanda, ufficialmente preoccupata che potesse acuire le tensioni commerciali tra Ue e Stati Uniti.

Dublino è parte molto interessata, perché le condizioni fiscali vantaggiose offerte alle grandi imprese hanno attirato le multinazionali, come Apple e Facebook. Dopo l'Ecofin di inizio dicembre, però, lo scenario è cambiato. In assenza di un accordo europeo, la Francia ha confermato una web tax nazionale dal primo gennaio.

Una mossa che ha spinto anche l'Italia (che già a novembre si era detta favorevole a una legge nazionale in caso di mancato accordo Ue) a riprendere in mano la tassa sul digitale. Che adesso il governo Conte ha deciso di reintrodurre, superando la formulazione attuale.

La proposta dello Iab

Lo Iab spinge perché ci sia un'aliquota del 6% sull'ammontare dei servizi. Da applicare alle imprese che superano questi due limiti: 500 milioni di euro di fatturato globale nel periodo d'imposta; 50 milioni di euro in servizi realizzati in Italia. Lo Iab ha proposto poi che ulteriori dettagli siano definiti da un decreto: il suo compito sarebbe indicare alcuni parametri che definiscano se la compagnia sia già soggetta altrove a un "livello congruo di tassazione". 

Sulle ali dell'annunciato accordo tra Roma e Bruxelles sulla manovra lo spread tra il Btp e il Bund tedesco scende a 251 punti, il minimo da settembre, dai 270 punti della chiusura di ieri. Il rendimento de decennale si abbassa al 2,809%.