Economia | You Buyz
Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Ce lo chiede l'Arabia. Dopo sei giorni di silenzio, Elon Musk spiega i suoi perché. Perché ha deciso di annunciare la possibile privatizzazione di Tesla su Twitter (scompigliando il mercato). E perché ha definito “garantiti” i fondi per l'operazione. Dietro c'è il pieno supporto (anzi, la richiesta) del Public Investment Fund, il fondo sovrano saudita.

Cosa e successo fino a ora

Musk ha scritto nel blog ufficiale della società di aver espresso al board la volontà di privatizzare Tesla il 2 agosto, cinque giorni prima del tweet. Dopo una riunione con i consiglieri a ranghi ridotti (cioè senza la partecipazione di Elon e del fratello Kimbal), c'è stato un secondo incontro, durante il quale Musk ha spiegato perché sarebbe nell'interesse di Tesla abbandonare Wall Street. Visto l'appoggio del consiglio di amministrazione, ecco il passo successivo: contattare i maggiori azionisti della compagnia per sondare le loro intenzioni. “Sono molto importanti per me”, ha affermato Musk, perché “hanno creduto in Tesla quando nessun lo faceva e sono coloro che più credono nel nostro futuro”.

Al di là delle ragioni affettive, c'è ne uno finanziaria: più saranno gli azionisti che resteranno in Tesla anche fuori dalla borsa e meno risorse dovrà raccogliere Musk per raggiungere il suo obiettivo. Fin qui nulla di strano. Poi, però, il 7 agosto Musk decide di far saltare il banco, con una mossa inusuale per una società quotata: annunciare la più grande privatizzazione della storia di Wall Street in meno di140 caratteri.

Perché comunicarlo via Twitter?

Musk ha sin da subito dialogato con gli azionisti più pesanti, per ottenere il loro supporto. “Tuttavia – scrive il fondatore del gruppo – non sarebbe stato giusto condividere informazioni solo i nostri maggiori investitori senza coinvolgere tutti gli altri”. Per questo, ha pensato che “la cosa giusta da fare” fosse “annunciare pubblicamente” le sue intenzioni. La manovra, però, non è piaciuta né ad alcuni investitori né alla Sec, la Consob americana.Secondo Bloomberg, la Commissione starebbe “intensificando” le inchieste (andando oltre una generica richiesta di informazioni) per capire se l'incursione di Musk sia stata fatta per manipolare il prezzo delle azioni.

Musk se la dovrà vedere anche con due denunce per aggiotaggio (il reato che punisce la diffusione di notizie false o esagerate con l'obiettivo di speculare su un titolo). Il trader Kalman Isaacs sostiene che i tweet siano stati fuorvianti, fatti apposta per gonfiare le azioni di Tesla (schizzate del 13% nella seduta seguita all'annuncio). L'altro ricorrente, William Chamberlain, ha chiesto l'avvio di una class action, cui dovrebbe aderire chi ha scambiato titoli Tesla tra il 7 e il 10 agosto.

Perché ha detto che i soldi sono 'secured'

Il titolo è decollato anche per una parola: “Secured”, “Garantito”. I soldi per l'operazione, aveva scritto Musk, ci sono. Per due motivi: le stime hanno indicato stime eccessive e ci sarebbe già un investitore forte pronto a pagarle. Anzi, non sarebbe solo un finanziatore ma il vero promotore della privatizzazione. I primi contatti con il fondo sovrano saudita risalgono a “quasi due anni fa”. E più volte il Public Investment Fund avrebbe sondato la possibilità di ritirare Tesla da Wall Street. Al primo incontro (all'inizio del 2017) ne sono seguiti “diversi”.

“Ovviamente – scrive Musk – il fondo sovrano ha capitale più che sufficiente per questa transazione”. Il rapporto è diventato più stretto quando i sauditi sono entrati nell'azionariato con una quota vicina al 5%, rilevato sul mercato azionario. Il 31 luglio, un nuovo incontro. In quell'occasione, il managing director del fondo avrebbe espresso “rammarico” per non aver potuto eseguire l'operazione privatamente. E si sarebbe detto “ansioso” di sostenere un eventuale ritiro dalla borsa. Musk afferma quindi di aver lasciato la riunione convinto di poter contare sul pieno supporto saudita. Ecco perché ha definito “garantito” il capitale necessario. Dopo l'annuncio via Twitter, il fondo avrebbe confermato il suo “supporto” e chiesto maggiori dettagli.

Stime sopravvalutate

Mentre continuano le discussioni con il fondo saudita e con altri grandi azionisti, Musk sostiene sia ancora “prematuro” fornire pubblicamente dettagli. Tuttavia, il ceo ha chiarito che Tesla non userà lo strumento del debito ma quello dell'equity. Non si tratterebbe quindi di un classico “leveraged buyout” (che sfrutta la capacità di indebitamento per sostenere l'acquisizione). I capitali arriverebbero dagli azionisti, attuali e futuri. “Non credo sia saggio – scrive Musk – gravare Tesla con un debito così significativo”.

Ma quante risorse servono? Secondo alcune analisi seguite all'annuncio via Twitter, sarebbero stati necessari 70 miliardi di dollari. Una cifra che sarebbe “drasticamente sopravvalutata”. I 420 dollari per azione sarebbero necessari solo per pagare gli azionisti che non decidessero di rimanere da “privati”. Musk è ottimista ed è convinto che molti diranno sì. Valuta infatti che i possessori di “due terzi delle azioni” sosterranno la transizione. Servirebbero quindi circa 20 miliardi di dollari.

I prossimi passi

Nei prossimi giorni, Musk proseguirà gli incontri con gli azionisti. È convinto che l'annuncio su Twitter sia stata “la cosa giusta”. E non è escluso che gli aggiornamenti arrivino da lì, nonostante gli occhi della Sec. Intanto Musk ha nominato gli advisor dell'operazione. Silver Lake e Goldman Sachs per curare la componente finanziaria; Wachtell, Lipton, Rosen & Katz e Munger, Tolles & Olson per quella legale. Il loro coinvolgimento serve a “valutare una serie di potenziali strutture e opzioni” e per “capire esattamente quanti degli attuali azionisti rimarranno anche se la società dovesse diventare privata”.

Una volta definiti i dettagli, il percorso passerebbe da un “comitato speciale”, espressione del consiglio di amministrazione. Per poi affrontare, in caso di via libera, il voto degli azionisti.

Pil in aumento, nel secondo trimestre dell'anno, dello 0,4% sia nell'area dell'euro sia nell'Ue a 28. Lo rende noto Eurostat aggiungendo che rispetto al secondo trimestre del 2017 la crescita è stata del 2,2% in entrambe le aree.

Le Borse europee aprono in calo mentre la crisi turca si fa sentire, con la lira che tocca un nuovo record negativo e il timore di un effetto contagio che cresce. A frenare un po' le perdite l'annuncio da parte di Ankara di un piano d'azione per calmare i mercati e l'assicurazione che fornirà liquidità al sistema bancario. Tokyo chiude quasi a -2%. Londra scende dello 0,24% a 7.648,90 punti. A Milano l'indice Ftse Mib segna -0,82% a 20.917 punti, con le banche particolarmente colpite: Unicredit cede il 2,6% e Banco Bpm il 2%. Spread sopra i 270 punti. Francoforte perde lo 0,78% a 12.325 punti. e Parigi lo 0,23% a 5.402,41 punti.

Non solo auto elettrica. La mobilità sostenibile infatti comprende anche i veicoli a gas che nell’ultimo periodo hanno avuto una diffusione altrettanto importante contribuendo a rendere l’aria più respirabile e con risparmi notevoli per le tasche degli automobilisti. Il gas (da non confondere con il gpl che è miscela di combustibili, principalmente propano e butano, sottoprodotti del processo di raffinazione del petrolio greggio) inoltre, a differenza dell’elettrico, può essere utilizzato come carburante anche per il trasporto pesante (camion e tir) oltre che navale, mezzi di trasporto che, almeno finora, non possono camminare con le batterie.

Secondo i dati Aci nel 2017 i veicoli a metano circolanti in Italia hanno superato il milione, circa il 2% del parco totale. A maggio 2018 la quota di mercato delle auto a metano in Italia è salita al 3% a fronte dell’1,7% di fine 2017. La rete di distribuzione negli ultimi 15 anni è triplicata con un trend di crescita pari al 5% annuo. Oggi per il metano ci sono 1.263 stazioni di rifornimento su tutto il territorio nazionale, di cui 46 in autostrada, la rete più capillare d’Europa. I Tir a gnl (gas naturale liquefatto) negli ultimi tre anni sono aumentati del 900%, passando dai circa 100 del 2015 ai mille del 2018. Le stazioni di rifornimento a gnl sono salite a 20 e potenzialmente possono arrivare fino a 15.000 unità nei prossimi anni.

Un’auto a gas emette il 30% in meno di CO2

Secondo Federmetano un’auto a gas naturale è in grado di abbattere fino al 96% le polveri sottili (la sostanza che rende l’aria delle nostre città irrespirabile) e al 70% l’ossido di azoto rispetto a un tradizionale motore Euro 6 diesel e di emettere il 30% in meno di anidride carbonica (CO2) di un’auto a benzina.

La direttiva europea e la posizione del governo italiano

Con il recepimento della direttiva europea Dafi (Directive on the deployment alternative for fuel initiative) sarà più facile eliminare gli ostacoli che finora, in Italia, hanno rallentato la diffusione di questo tipo di veicoli e che riguardano essenzialmente l'erogazione e la rete di distribuzione. Le nuove norme permetteranno all'automobilista di rifornirsi di metano in modalità self-service e con semplicità mantenendo elevati standard di sicurezza: per esempio, non ci sarà più bisogno di una tessera di abilitazione, ma per il riconoscimento basterà la carta di credito e si avrà a disposizione un tutor on line che impartirà le procedure da seguire per un corretto rifornimento, spiega l’Aci.

Per quanto riguarda l’Italia, il passato governo aveva espresso “una neutralità tecnologica” tra le fonti di alimentazione green, metano, appunto, ed elettrico. “Non ci deve essere una tecnologia prevalente rispetto a un'altra", aveva detto l’ex ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda. Bisognerà vedere come si muoverà l’attuale. Per ora Luigi Di Maio ha parlato di auto elettrica e del progetto per l'auto senza guidatore di Google.

Le iniziative infrastrutturali per la mobilità a metano

In ogni caso, molte sono le iniziative delle aziende per diffondere questo tipo di mobilità. Pochi giorni fa Eni e Snam, attraverso la controllata Snam4Mobility, hanno firmato un accordo per realizzare 20 nuove stazioni di rifornimento di CNG (gas naturale compresso) per autotrazione sul territorio nazionale. L’intesa prevede la progettazione, realizzazione e manutenzione da parte di Snam di 20 nuovi impianti di CNG all’interno della rete nazionale di distributori Eni.

Sempre Snam, a maggio, ha firmato con Baker Hughes un accordo per lo sviluppo di infrastrutture di micro-liquefazione indirizzato al trasporto pesante su strada e per promuoverne l’avvio nei trasporti via mare in Italia. Le due società valuteranno entro la fine dell’anno la possibile realizzazione di quattro impianti di micro-liquefazione distribuiti sul territorio nazionale. Gli impianti di micro-gnl sarebbero i primi in Italia e tra i primi in Europa di questa tipologia. Il bio-gnl è l’unica tecnologia esistente per lo sviluppo di carburanti totalmente rinnovabili e a zero emissioni di CO2 per i veicoli pesanti.

Le famiglie italiane sono indebitate per un importo medio pari a 20.549 euro. Nell'insieme, i "passivi" accumulati con le banche e gli istituti finanziari ammontano a quasi 534 miliardi di euro. Le cifre, elaborate dall'Ufficio studi della Cgia, sono riferite al 31 dicembre 2017. Dal 2014 l'andamento è in costante crescita; in questi ultimi tre anni il debito è aumentato di 40,6 miliardi di euro (+8,2 per cento) e in gran parte è riconducibile al fatto che gli istituti di credito sono tornati a prestare i soldi alle famiglie italiane. Tra la fine del 2016 e la fine del 2017, ad esempio, gli impieghi bancari alle famiglie consumatrici per l'acquisto delle abitazioni sono aumentati dell'1,9 per cento, mentre i dati del credito al consumo, includendo anche le finanziarie, indicano un +8,3 per cento.

Nuovi minimi storici per la lira turca sul dollaro, che perde il 5,5% sulla valuta Usa. La lira è scambiata a 5,85 dollari, sulla scia della crisi diplomatica tra Turchia e Stati Uniti per il pastore americano detenuto da Ankara e per il moltiplicarsi dei timori per l'esposizione delle banche europee. La moneta turca è scesa per la prima volta sotto quota 6 dollari, perdendo circa il 12% del suo valore. Poi e' risalita a 5,85 dollari.

In Europa si registra una crescita solida e ampia ma inferiore a quella del 2017. E' quanto scrive la Bce nel bollettino diffuso oggi sottolineando la necessità ancora di "un ampio accomodamento monetario" e prevedendo un rialzo dell'inflazione di fondo a medio termine.
"A dieci anni dall’inizio della Grande recessione i consumi privati in Germania e in Francia si collocano a un livello più alto di circa il 10% rispetto al periodo a essa precedente – si legge nel bollettino – Per contro, i consumi in Italia e in Spagna non hanno ancora evidenziato una completa ripresa". "A partire dal 2013, tuttavia, tutti i paesi hanno registrato un andamento chiaramente improntato
all’espansione". La Bce definisce poi i dazi Usa un "grave rischio" per economia mondiale.

Il Tesoro ricorda che il prossimo novembre verranno prescritti i conti dormienti che, secondo alcune stime, ammonterebbero a circa 1,5 miliardi: la prescrizione significa che non saranno più esigibili. Ecco nel dettaglio come 'svegliarli' considerando che, come ha ricordato il Tesoro, si tratta di somme inutilizzate relative a strumenti di natura bancaria e finanziaria, di importo non inferiore a 100 euro, non più movimentati dal titolare del rapporto o da suoi delegati per un tempo ininterrotto di 10 anni decorrenti dalla data di libera disponibilità delle somme.

Cosa sono i conti dormienti

Nella categoria dei "conti dormienti" rientrano quindi, non solo depositi di denaro, libretti di risparmio (bancari e postali), conti correnti bancari e postali, ma anche azioni, obbligazioni, certificati di deposito e fondi d'investimento nonché assegni circolari non riscossi entro il termine di prescrizione. Il termine di prescrizione si applica trascorsi 10 anni da quando le somme, precedentemente non movimentate per altri 10 anni.

Innanzitutto, bisogna fare comunicazione alla banca con cui si conferma la volontà di continuare il rapporto; la comunicazione di cambio di residenza; la richiesta di un libretto di assegni, del saldo del conto corrente, di un aggiornamento contabile o di una copia della documentazione bancaria; un prelievo, un versamento, un pagamento con carta di credito o bancomat.

Non si ritiene 'svegliato' invece: 

  • il conto in cui è stato fatto l'accredito di un bonifico (ad esempio lo stipendio);
  • l'addebito automatico delle utenze (luce, gas, telefono, acqua, ecc.);
  • il Rid o altre operazioni automatiche.

La mancata movimentazione di un deposito finanziario o di una polizza assicurativa a tacito rinnovo. Se il titolare di un conto dormiente e' deceduto, gli eredi devono comunicare alla banca il proprio diritto a subentrare come titolari del conto, presentando un certificato di morte e i documenti necessari per le pratiche di successione.

Le Borse europee aprono positive, sulla scia della buona chiusura di Wall Street. Londra guadagna lo 0,19% a 7.678 punti. A Milano l'indice Ftse Mib segna +0,37% a 21.659,56 punti. Francoforte avanza dello 0,46% a 12.656 punti e Parigi dello 0,25% a 5.490 punti. Spread in lieve rialzo a 253 punti.

 

Sulle grandi opere “troveremo un accordo, sono estremamente fiducioso”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, intervenendo alla trasmissione di Rai3 Agorà. “Troveremo un accordo su tutto come abbiamo già fatto. Con la Lega – ha spiegato – abbiamo lavorato benissimo in questi due mesi, abbiamo portato avanti dei provvedimenti su cui a volte noi non eravamo pienamente d’accordo o loro non erano pienamente d’accordo ma abbiamo sempre trovato un punto di caduta. Vi posso assicurare che questo governo è coeso”. Sulle grandi opere il movimento cinque stelle “non ha pregiudizi, ma va ricordato che si tratta di spendere 10 miliardi per andare da Torino a Lione in un paese in cui spesso i cittadini non hanno autobus strada e metro nelle periferie. Facciamo in modo di discuterne in modo tale da risolvere le cose non a mezzo stampa”, ha concluso.