Newsletter
Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Salerno, 31 lug. – Potrebbe essere stata una congestione a causare il decesso della piccola romena di 3 anni giunta cadavere ieri sera dopo le 22 all’ospedale Villa Malta di Sarno, nel salernitano. La bambina, secondo quanto trapela da fonti investigative, avrebbe accusato un malore subito dopo aver fatto una doccia nella sua abitazione. La bambina aveva da poco cenato. Il primo esame esterno sul corpo, eseguito dal medico legale Antonio Mirabella, su disposizione del pm di Nocera Inferiore Giuseppe Cacciapuoti, non ha riscontrato la presenza di segni di violenza sessuale e fisica. Per chiarire le cause del decesso della bambina si dovra’ attendere l’autopsia che si terra’ probabilmente domani mattina. La bimba e’ stata portata in ospedale gia’ cadavere dal padre, da due parenti e dai vicini di casa. In un primo momento, era stato riferito ai sanitari che la piccola aveva avuto una crisi respiratoria. Il padre, ascoltato dai carabinieri immediatamente dopo il ricovero, come da prassi, secondo quanto riportato da un quotidiano locale, aveva reso dichiarazioni di sospette sevizie che chiamavano in causa i vicini. (AGI) .

(AGI) – Salerno, 31 lug. – Potrebbe essere stata una congestione a causare il decesso della piccola romena di 3 anni giunta cadavere ieri sera dopo le 22 all’ospedale Villa Malta di Sarno, nel salernitano. La bambina, secondo quanto trapela da fonti investigative, avrebbe accusato un malore subito dopo aver fatto una doccia nella sua abitazione. La bambina aveva da poco cenato. Il primo esame esterno sul corpo, eseguito dal medico legale Antonio Mirabella, su disposizione del pm di Nocera Inferiore Giuseppe Cacciapuoti, non ha riscontrato la presenza di segni di violenza sessuale e fisica. Per chiarire le cause del decesso della bambina si dovra’ attendere l’autopsia che si terra’ probabilmente domani mattina. La bimba e’ stata portata in ospedale gia’ cadavere dal padre, da due parenti e dai vicini di casa. In un primo momento, era stato riferito ai sanitari che la piccola aveva avuto una crisi respiratoria. Il padre, ascoltato dai carabinieri immediatamente dopo il ricovero, come da prassi, secondo quanto riportato da un quotidiano locale, aveva reso dichiarazioni di sospette sevizie che chiamavano in causa i vicini. (AGI) .

(AGI) – CdV, 31 lug. – Papa Francesco, attraverso due decreti della Penitenzieria Apostolica, ha concesso l’indulgenza plenaria ai pellegrini che si recano nei Santuari di Loyola e Manresa, in Spagna, durante la celebrazione del primo Anno giubilare del Cammino Ignaziano che inizia oggi 31 luglio, festa del fondatore della Compagnia di Gesu’. Lo rende noto la Radio Vaticana precisando che il Cammino inaugurato nel 2012 ripercorre in quasi 700 chilometri l’itinerario geografico e spirituale del fondatore dei Gesuiti attraverso i paesaggi suggestivi dei Paesi Baschi, Navarra, La Rioja, Aragona e Catalogna. (AGI) .

(AGI) – Roma, 31 lug. – Piu’ di 14mila iscritti alla community illegale, 170mila soggetti che hanno partecipato a transazioni illecite, 12 “hidden service” sequestrati. Sono solo alcuni numeri dell’operazione “Babylon”, con la quale la Polizia postale, per la prima volta nel nostro Paese, ha individuato e sequestrato un gigantesco mercato illegale aperto no stop sul cosiddetto “deep web”, il web nascosto ai tradizionali motori di ricerca. Sequestrati anche 11mila wallet (in pratica dei conto correnti) di bitcoin, la moneta virtuale usata per acquistare non solo foto e video di contenuto pedopornografico ma anche armi, droghe, documenti falsi, kit di hackeraggio e codici per la clonazione di carte di credito. E’ il secondo sequestro al mondo di un marketplace di questo tipo e dimensioni, dopo quello realizzato lo scorso anno dall’Fbi nell’ambito dell’operazione “Silk Road”. “Si tratta – ha spiegato nel corso di una conferenza stampa il direttore del Servizio Polizia postale, Roberto Di Legami – di un enorme sito di e-commerce illegale con un catalogo vastissimo di file pedopornografici ma anche di armi, droghe, kit di hackeraggio, codici per la clonazione di carte di credito, passaporti falsi. Se ne parlava da tempo, ma questa e’ la prima prova concreta che questo mercato alternativo esiste davvero, il concretizzarsi di un fantasma evocato da tempo”. Babylon e’ “un punto di incontro tra domanda ed offerta, chi vi si muoveva lo faceva nella convinzione di essere completamente anonimo, dunque non tracciabile, ed aveva elevatissime capacita’ informatiche e una larga disponibilita’ di criptomoneta” (per i bitcoin sequestrati si puo’ parlare di un valore nominale di almeno un milione di euro). L’indagine, condotta dagli specialisti del Cncpo, il Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia on line della Polizia postale, e’ partita dal ‘pedinamento’ informatico di una comunita’ di pedofili interessati ad organizzare tour di turismo sessuale in diverse aree del mondo. Ben presto, pero’, gli investigatori hanno capito che gli scambi illegali riguardavano praticamente qualsiasi settore, persino buoni pasto ‘taroccati’ e accesso a trasmissioni paytv. In particolare, si e’ riusciti a risalire ad un soggetto, originario della Campania, che da solo gestiva 12 “hidden service”, ciascuno dei quali dedicato ad un filone: manuali su come restare anonimi nella rete, tecniche di truffa, documenti falsi, un sito di ‘annunci’ stile ‘Portobello’ pensato per incrociare domanda e offerta. Per il procuratore aggiunto Michele Prestipino della Procura distrettuale di Roma “e’ un’indagine modello sotto diversi punti di vista, che da un lato segna l’impegno della Dda su frontiere investigative sin qui inesplorate, dall’altro evidenzia il livello eccezionale di professionalita’ degli investigatori della Polizia postale. Tutti ne parlano ma nessuno ha una reale contezza delle dimensioni e della effettiva estensione del deep web, e piu’ un fenomeno e’ nuovo piu’ e’ difficile definirne il perimetro: parliamo di un mondo incredibile, parallelo ad Internet che paradossalmente rappresenta solo una piccola parte delle comunicazioni via web”. “Il mondo virtuale delle reti dark – ha ricordato Prestipino – ha le sue gerarchie e severe regole di accesso e affiliazione: entrare in questa comunita’ cosi’ chiusa e’ stato estremamente difficile”. “Abbiamo scoperchiato quel vero e proprio vaso di Pandora che era Babylon – ha concluso il direttore del Cncpo, Elvira D’Amato – E’ un’inchiesta che apre scenari completamente nuovi, abbiamo potuto esplorare dal di dentro il web sommerso solo grazie a quella potentissima arma di contrasto che e’ la possibilita’ di agire al 100% sotto copertura. Il nostro obiettivo e’ deanonimizzare queste reti, perche’ anche sulla rete identificazione e’ sicurezza”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 31 lug. – Traffico in tilt sulla tangenziale est a causa della protesta improvvisata da un folto gruppo di attivisti per la casa di Action. All’angolo tra viale Castrense e via Nola, almeno un centinaio di manifestanti ha messo in mezzo alla strada e dato alle fiamme sette cassonetti della spazzatura. I vigili del fuoco, prontamente intervenuti, hanno spento le fiamme ma la circolazione resta bloccata. (AGI) .

(AGI) – Catania, 31 lug. – E’ nato a Catania il primo bambino concepito in Sicilia con la fecondazione eterologa dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha abolito il divieto posto dalla legge 40 del 2004. Francesco (il nome e’ di fantasia) pesa 3,2 chili e si nutre di latte materno. Lui e la mamma stanno bene. Il trattamento di Pma e’ stato effettuato dal team dell’unita’ di Medicina della riproduzione del Cenro Hera di Catania, diretto dal ginecologo Nino Guglielmino. Un altro primato per la struttura che nel 2000 aveva realizzato la prima diagnosi genetica preimpianto per la talassemia in Italia. Il parto e’ avvenuto nella Clinica Ostetrica del Policlinico di Catania. “E’ una gioia immensa, un sogno che rincorrevamo da oltre dieci anni”, dicono i genitori, entrambi quarantenni. “Un primo tentativo fallito all’estero -racconta la coppia- ci aveva fatto sperimentare le difficolta’, materiali e psicologiche, causate dalla necessita’ di recarsi in centri stranieri visto l’odioso divieto posto dalla legge 40. Abbiamo quindi atteso con trepidazione la sentenza della Consulta: non dimenticheremo mai quel giorno di aprile del 2014 che ha dato finalmente di nuovo il via libera in Italia alla Pma eterologa. Il progetto di genitorialita’ per noi cosi’ importante si e’ finalmente potuto realizzare nella nostra terra, non lontano dalla nostra casa immersa nel paesaggio dell’Etna, e soprattutto avvolti dal calore delle nostre famiglie”. I primi trattamenti di fecondazione eterologa compiuti dal Centro Hera di Catania, dopo il via libera della Consulta, risalgono all’ottobre 2014; da allora sono in corso oltre 30 gravidanze e altre nascite sono attese gia’ nelle prossime settimane. Il centro, dice Guglielmino, “si e’ sempre battuto a fianco delle associazioni dei pazienti che rappresentano le coppie infertili e sterili. Rimuovere gli ostacoli posti dalla legge 40 al loro progetto genitoriale e’ stato un duro impegno decennale a difesa di quello che la Corte Costituzionale ha ritenuto sia da ricondurre tra i diritti incoercibili della persona, oltre che rientrare nella tutela del diritto alla salute fisica e psichica. Un passo dopo l’altro, il diritto alla genitorialita’ ha vinto sui divieti e le contraddizioni di una legge palesemente incostituzionale”. Secondo il ginecologo catanese, “bisogna adesso agire concretamente per inserire la Pma nei Livelli essenziali di assistenza e offrire servizi efficienti sul territorio. L’obiettivo, ora che possiamo mettere uno stop al turismo riproduttivo all’estero, e’ quello di ridurre, ed infine eliminare, la mobilita’ interregionale delle coppie, con l’obiettivo di raggiungere una nuova frontiera della medicina della riproduzione: la Pma a chilometro 0, sia omologa che eterologa”. (AGI) .

(AGI) – CdV, 31 lug. – Il Pontificio Consiglio per la promozione della Nuova Evangelizzazione, che cura gli aspetti organizzativi del Giubileo Straordinario indetto da Papa Francesco, ha aggiornato il calendario degli eventi gia’ programmati. Alcuni appuntamenti sono contrassegnati dalla dicitura: “Segno giubilare del Santo Padre” accompagnata nella maggioranza dei casi dall’indicazione “Testimonianza delle Opere di Misericordia” che si riferisce evidentemente alle Opere di Misericordia elencate nel Catechismo, e cioe’ “le sette Opere di Misericordia Corporale: 1- Dar da mangiare agli affamati 2 – Dar da bere agli assetati 3 – Vestire gli ignudi 4 – Alloggiare i pellegrini 5 – Visitare gli infermi 6 – Visitare i carcerati 7 – Seppellire i morti” e le sette “Opere di Misericordia Spirituale: 1 – Consigliare i dubbiosi 2 – Insegnare a chi no sa 3 – Ammonire i peccatori 4 – Consolare gli afflitti 5 – Perdonare le offese 6 – Sopportare pazientemente le persone moleste 7 – Pregare Dio per i vivi e i morti”. Ecco il calendario aggiornato: “Dicembre 2015. Martedi’ 8 dicembre 2015 Solennita’ dell’Immacolata Concezione Apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro. Domenica 13 dicembre 2015 III domenica di Avvento Apertura della Porta Santa della Basilica di San Giovanni in Laterano e di San Paolo Fuori le Mura e nelle Cattedrali del Mondo. Gennaio 2016. Venerdi’ 1 gennaio 2016 Solennita’ di Maria Santissima Madre di Dio Giornata mondiale per la pace. Apertura della Porta Santa della Basilica di Santa Maria Maggiore. Martedi’ 19 gennaio – giovedi’ 21 gennaio 2016 Giubileo degli Operatori dei pellegrinaggi. Lunedi’ 25 gennaio 2016 Festa della Conversione di San Paolo Celebrazione ecumenica nella Basilica di San Paolo fuori le mure. Febbraio 2016. Martedi’ 2 febbraio 2016 Festa della Presentazione del Signore e Giornata della Vita Consacrata Giubileo della Vita Consacrata e chiusura dell’Anno della Vita Consacrata. Mercoledi’ 10 febbraio 2016 Mercoledi’ delle Ceneri Invio dei Missionari della Misericordia nella Basilica di San Pietro. Lunedi’ 22 febbraio 2016 Cattedra di San Pietro Giubileo della Curia Romana, del Governatorato e delle istituzioni collegate alla Santa Sede. Marzo 2016. Venerdi’ 4 e sabato 5 marzo 2016 “24 ore per il Signore” con celebrazione penitenziale a San Pietro nel pomeriggio di venerdi’ 4 marzo. Domenica 20 marzo 2016 Domenica delle Palme. A Roma la Giornata diocesana dei Giovani. Aprile 2016. Domenica 3 aprile 2016 Domenica della Divina Misericordia Giubileo per quanti aderiscono alla spiritualita’ della Divina Misericordia. Domenica 24 aprile 2016 V Domenica di Pasqua Giubileo dei ragazzi e ragazze (13 – 16 anni) sul tema ‘Professare la fede e costruire una cultura di misericordia’. Maggio 2016. Venerdi 27 – Domenica 29 maggio 2016 Corpus Domini in Italia Giubileo dei diaconi. Giugno 2016 Venerdi’ 3 giugno 2016 Solennita’ del Sacratissimo Cuore di Gesu’ Giubileo dei sacerdoti. 160 anni dall’introduzione della festa, introdotta nel 1856 da Pio IX. Domenica 12 giugno 2016 XI Domenica del Tempo Ordinario Giubileo degli ammalati e delle persone disabili. Luglio 2016. Martedi’ 26 – domenica 31 luglio 2016 Fino alla XVIII Domenica del Tempo Ordinario Giubileo dei Giovani. Giornata mondiale della Gioventu’ a Cracovia. Settembre 2016. Domenica 4 settembre 2016 XXIII Domenica del Tempo Ordinario Memoria della Beata Teresa di Calcutta – 5 settembre Giubileo degli operatori e volontari della misericordia. Domenica 25 settembre 2016 XXVI Domenica del Tempo Ordinario Giubileo dei catechisti Ottobre 2016. Sabato 8 e domenica 9 ottobre 2016 Sabato e domenica dopo la festa della Beata Vergine Maria del Rosario Giubileo mariano. Novembre 2016. Martedi’ 1 novembre 2016 Solennita’ di Tutti i Santi Santa Messa del Santo Padre in memoria dei fedeli defunti. Domenica 6 novembre 2016 XXXII Domenica del Tempo Ordinario Giubileo dei carcerati in San Pietro. Domenica 13 novembre 2016 XXXIII Domenica del Tempo Ordinario Chiusura della Porta Santa nelle Basiliche di Roma e nelle Diocesi. Domenica 20 novembre 2016 Solennita’ di Nostro Signore Gesu’ Cristo, Re dell’Universo Chiusura della Porta Santa a San Pietro e conclusione del Giubileo della Misericordia”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 31 lug. – La Polizia di Stato ha concluso una complessa attivita’ di indagine coordinata dalla Dda di Roma ed in collaborazione con Europol. L’attivita’ investigativa degli agenti del Cncpo, il Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia on line della Polizia postale, ha permesso di scoprire un marketplace dell’illecito con attivita’ illegali di ogni genere, luogo virtuale dove le comunita’ pedofile scambiano informazioni per reperire “materiale di nuova produzione”. I poliziotti, a seguito di numerose perquisizioni informatiche, per la prima volta hanno anche eseguito il sequestro di 11mila wallet di criptmoneta. Individuato l’italiano gestore del piu’ gettonato marketplace di traffici illeciti del “deep web”, il web nascosto ai tradizionali motori di ricerca. (AGI) .

(AGI) – Napoli, 31 lug. – Ieri sera e’ giunta gia’ cadavere all’ospedale di Sarno, nel Salernitano, una bimba di 3 anni. Secondo quanto riferito dal padre, il decesso sarebbe avvenuto dopo a una crisi respiratoria. Sul corpo non ci sono evidenti segni di violenza. Il magistrato ha disposto, per il momento, il solo esame esterno del corpicino. Il padre ha fatto dichiarazioni a un quotidiano locale di sevizie e percosse su cui, sottolineano i carabinieri, ci sono approfondimenti, ma al momento sono prive di riscontri. (AGI) .

(AGI) – Roma, 30 lug. – C’e’ anche Egisto Bianconi, romano 47enne, direttore generale dell’ospedale Sant’Andrea di Roma, tra gli arrestati nell’ambito di una vasta inchiesta nella capitale su traffico di droga, prestiti usurari e sulle procedure di aggiudicazione di un importante appalto per le camere mortuarie della struttura sanitaria. L’operazione e’ stata condotta all’alba dalla Squadra Mobile di Roma, con la collaborazione dei militari della Compagnia Carabinieri “Montesacro”, del Reparto Prevenzione Crimine “Lazio” e del Reparto Mobile di Roma. Bianconi rientra nell’inchiesta – stando alle risultanze investigative – proprio per la parte che avrebbe avuto nella vicenda dell’appalto. Poliziotti e carabinieri hanno eseguito ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip presso il Tribunale di Roma, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 9 soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, porto abusivo di armi da fuoco, usura aggravata e turbata liberta’ degli incanti. Per Bianconi custodia ai domiciliari. E nel giro di poche ore il presidente della Regione Lazio, appresa la notizia dell’arresto di Bianconi, per fatti risalenti al suo precedente incarico, ne ha disposto l’immediata sospensione dalla carica, nominando commissario straordinario Lorenzo Sommella, attuale direttore sanitario aziendale. Il nome di Bianconi e’ spuntato fuori in seguito alle investigazioni protrattesi ad ampio raggio sulle attivita’ illecite della famiglia Primavera: Guerino, 57 anni, e i figli Fabrizio e Daniele, 34 e 28 anni, il primo accusato di usura aggravata, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio; il secondo accusato di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio, porto abusivo di armi da fuoco e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, e il terzo accusato di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Tutti e tre sono irreperibili. Inchiesta che a vario titolo ha portato agli arresti, ai domiciliari, anche di Fabrizio Coppola, imprenditore edile nativo di Campagnano di Roma, 47enne; Luciano Giustino Taffo, nato a Poggio Picenze (L’Aquila), 55 anni, e il figlio daniele, 27 anni, noti imprenditori titolari dell’omonima ditta di pompe funebri nella capitale e accusati con Bianconi del reato di turbata liberta’ degli incanti, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio. Per Filippo Zanutti, romano 37enne, che era il responsabile unico del procedimento e presidente della commissione di gara, l’accusa di turbata liberta’ degli incanti, e per lui e’ scattata la misura interdittiva della sospensione dal pubblico ufficio attualmente esercitato per la durata di 12 mesi. La vicenda emersa e’ quella della gara d’appalto indetta dall’azienda ospedaliera Sant’Andrea e protrattasi fino al novembre 2014 per l’affidamento dei “servizi inerenti i decessi in ambito ospedaliero con annessa gestione della camera mortuaria” del nosocomio in relazione alla quale sono state documentate condotte di rivelazione di segreto d’Ufficio, turbata liberta’ degli incanti, corruzione ed indebita induzione all’erogazione di utilita’. Le investigazioni della Squadra Mobile hanno permesso di documentare, in tale contesto, l’assegnazione fraudolenta dell’appalto, a favore di Luciano Giustino Taffo e del figlio Daniele. Da intercettazioni relative ad altre persone entrate in qualche modo nell’inchiesta emerge che si parla di “una media di cinquecento decessi all’anno…a tre mila euro la media a funerale.. e’ un milione e mezzo di euro l’anno…”. (AGI) .