Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

(AGI) – Napoli, 31 lug. – Ancora un agguato a Napoli tra la gente in orari diurni. Dopo quello di ieri nella zona della Duchesca in cui e’ morto un pregiudicato ed e’ rimasto ferito un’altro, questo pomeriggio intorno alle 18 in via San Giovanni a Carbonara, all’altezza del civico 38, due persone in sella a uno scooter e dal volto coperto da una bandana hanno esploso diversi colpi contro Luigi Galletta, 21 anni, meccanico di scooter e moto che lavora in una officina della zona. L’uomo e’ stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale Loreto mare da personale del 118. Galletta ha tre ferite all’emitorace ed e’ in sala operatoria. Secondo voci di quartiere, gia’ questa mattina qualcuno l’avrebbe aggredito. Sul posto la polizia ha trovato macchie di sangue e un bossolo. (AGI)

(AGI) – Napoli, 31 lug. – Spari nel centro storico di Napoli. La polizia indaga su quanto accaduto in via San Giovanni a Carbonara all’altezza del civico 38. Una telefonata ha segnalato spari, e gli agenti della volante mandata sul posto hanno trovato tracce di sangue. Secondo quanto si e’ appreso un uomo ferito e’ ricoverato in codice rosso, e le sue condizioni sono giudicate serie dai sanitari. A sparare, secondo fonti non ufficiali, due persone arrivate a bordo di uno scooter e con il volto coperto da una bandana. La polizia, oltre a trovare tracce ematiche, avrebbe trovato e sequestrato anche un bossolo sul posto . L’uomo ferito e’ L.G., meccanico di scoter e moto del posto, che gia’ stamani avrebbe subito una aggressione in officina, secondo voci di quartiere. (AGI)

(AGI) – Napoli, 31 lug. – Spari nel centro storico di Napoli. La polizia indaga su quanto accaduto in via San Giovanni a Carbonara all’altezza del civico 38. Una telefonata ha segnalato spari, e gli agenti della volante mandata sul posto hanno trovato tracce di sangue. Secondo quanto si e’ appreso un uomo sarebbe stato ferito e trasportato all’ospedale Loreto Mare. L’uono ferito, secondo quanto si e’ appreso, e’ ricoverato in codice rosso, cioe’ le sue condizioni sono giudicate serie dai sanitari. A sparare, secondo fonti non ufficiali, due persone arrivate a bordo di uno scooter e con il volto coperto da una bandana. La polizia, oltre a trovare tracce ematiche, avrebbe trovato e sequestrato anche un bossolo sul posto . (AGI)

(AGI) – Palermo, 31 lug. – Grande festa del Movimento 5 stelle che a Caltavuturo (Palermo) mette a segno un ‘colpaccio’ a dispetto degli scettici sorrisetti della politica regionale e inaugura, dopo soli 37 giorni di lavori, una scorciatoia per ricollegare Catania e Palermo bypassando il viadotto Himera dell’autostrada A19, chiuso da aprile a causa di una frana che ha travolto il piloni, interrompendo l’arteria vitale per i trasporti in Sicilia. L’hanno battezzata “via dell’onesta’”. E’ una regia trazzera, la cui percorribilita’ e’ stata migliorata con l’asfaltatura e che dopo l’inaugurazione di oggi a Caltavuturo (Palermo), alla presenza di numerosi parlamentari pentastellati regionali e nazionali sara’ aperta al traffico domani. Nonostante il caldo asfissiante l’umore e’ frizzante tra i militanti 5 stelle ma anche tra i molti abitanti della zona, felici per la fine dell’isolamento in cui erno finiti dopo il crollo di aprile. Musica dal vivo e un villaggio con gazebo e ombrelloni, mentre un drone immortala l’evento dall’alto. Al centro dello spiazzo, i deputati hanno mostrato una targa in marmo con una scritta in lettere gialle “via dell’Onesta’” e sotto cinque stelle stilizzate. Il deputato regionale Giancarlo Cancelleri si e’ presentato con un gigantesco ago per simboleggiare la ricucitura della Sicilia occidentale da quella orientale. Poi il taglio del nastro, alla presenza dei sindaci Caltavuturo, Sclafani Bagni e Scillato e del vicesindaco di Valledolmo. Tante le persone che indossano e portano le bandiere del movimento mentre altri sfoggiano magliette colorate gialle e rosse con la scritta “Ricuciamo la Sicilia”. Un trionfo per i grillini, che mostrano orgogliosi la bretella, realizzata in appena 37 giorni e pagata con i fondi prelevati dagli stipendi dei deputati regionali, per una spesa totale di circa 340 mila euro. Offre un’alternativa al percorso finora unico, una variante piena di tornanti che si inerpica sulle montagne delle Madonie fino a Polizzi Generosa e che comporta in media un allungamento dei tempi di 50 minuti. Per percorrere la scorciatoia del M5S di minuti ne bastano 1′. Per raggiungere la trazzera occorre uscire dall’A19 a Scillato, e prima del paese seguire le indicazioni per Caltavuturo. La strada conduce prima sotto l’autostrada A19, quindi su un ponticello sul fiume Imera, con accesso regolato da un semaforo poiche’ la carreggiata e’ troppo stretta per consentire il doppio senso di circolazione. Poi, superato un tratto ancora sterrato, si giunge ai piedi della trazzera, completata da strisce gialle e da segnalatica verticale. In alcuni punti, come indicato dai cartelli, la strada raggiunge una pendenza del 27 per cento. Il limite di velocita’ e’ di 20 chilometri orari e vive il divieto di mezzi di peso superiore a 3,5 tonnellate. All’imbocco della strada, e’ stato collocato anche un “Divieto di transito a Crocetta e a tutta la casta”, con il volto del governatore incorniciato da un cerchio rosso. (AGI)

(AGI) – Pescara, 31 lug. – Singolare rinvenimento da parte di ‘Attiva’ nella mattinata odierna a Pescara. Gli operatori della societa’, che lavora per conto del Comune, hanno prelevato dei rifiuti ingombranti come da procedura, ma all’atto della sistemazione nel contenitore destinato al trasporto, gli addetti e il personale della Spa sono stati colti di sorpresa poiche’, alla fine delle operazioni, sono saltati fuori circa 7 mila euro. “Nei giorni addietro Attiva era stata contattata da un cittadino per caricare dei rifiuti ingombranti, che come da accordi presi erano stati depositati al civico indicato dall’utente in via Nuovo Tiro a Segno – racconta l’assessore alla Qualita’ Ambientale Paola Marchegiani -. Cosi’ e’ stato stamattina intorno alle 8, ora fissata per il ritiro, quando gli operatori si sono recati al civico indicato. Li’ hanno prelevato i materiali presenti contenuti nella lista e anche altro materiale fra cui un piccolo mobiletto con dei cassetti”. – “Una volta rientrati in sede, mentre veniva scaricato il contenuto del camion nel cassone degli ingombranti per le operazione di differenziazione dei rifiuti – prosegue Marchegiani – i cassetti del mobiletto si sono aperti ed e’ venuta fuori una busta che conteneva 6.980 euro in contanti. La somma era riposta e divisa in banconote da diverso taglio. Senza alcun indugio e con un senso di profonda onesta’ – commenta l’assessore – gli operatori di Attiva hanno avvisato i loro responsabili dell’eccezionale rinvenimento. Subito dopo e’ stato chiamato il 113 e il contenuto del mobiletto e’ stato consegnato alla Polizia per i rilievi del caso e per la procedura che, speriamo, dovra’ servire a rintracciare il proprietario. Con la speranza che la somma piuttosto importante, rilevata per puro caso dagli operatori di Attiva ai quali va intanto il nostro grande apprezzamento, possa ricongiungersi al legittimo proprietario o proprietaria, ci siamo messi a disposizione delle forze dell’ordine per agevolare tale ricerca”. (AGI) .

(AGI) – Roma, 31 lug. – Traffico in tilt sulla tangenziale est a causa della protesta improvvisata da un folto gruppo di attivisti per la casa di Action. All’angolo tra viale Castrense e via Nola, almeno un centinaio di manifestanti ha messo in mezzo alla strada e dato alle fiamme sette cassonetti della spazzatura. “Avere una casa e’ un diritto importantissimo ma certe forme di protesta, come quella di questa mattina durante cui sono state bloccate le strade e incendiati i cassonetti, sono inaccettabili. Questo non e’ protestare, questo e’ vandalismo” ha commentato il sindaco di Roma, Ignazio Marino, su Facebook. (AGI) .

(AGI) – Roma, 31 lug. – L’operativita’ dell’Aeroporto di Roma Fiumicino “sembra essere in linea di massima tornata alla regolarita’ del periodo, con alcuni ritardi non particolarmente significativi, sia per quanto riguarda le compagnie tradizionali, sia per quelle low cost che operano sullo scalo”. Lo comunica l’Enac. In particolare “la compagnia Vueling sta regolarizzando, con il supporto della societa’ di gestione Aeroporti di Roma, il proprio servizio anche in termini di riprotezione dei passeggeri, di assistenza e di informazioni. Nella giornata di ieri l’Enac aveva contattato l’autorita’ per l’aviazione civile spagnola e i vertici della compagnia Vueling che avevano assunto l’impegno di risolvere al piu’ presto la situazione con interventi mirati che sono stati attuati dalla compagnia stessa, in cooperazione con ADR, e che dovrebbero far tornare alla normalita’ operativa in breve tempo. Si evidenzia, inoltre, che in questi giorni eventuali possibili ritardi contenuti potrebbero sempre verificarsi in considerazione del fatto che ci troviamo in uno dei momenti di maggior traffico aereo dell’anno; l’Aeroporto di Roma Fiumicino, infatti, in giornate come questa arriva a gestire flussi di circa 140.000 passeggeri”. Riunione il 6 agosto, “servira’ all’analisi delle emergenze” L’Enac conferma la riunione del 6 agosto con gli accountable manager di Aeroporti di Roma, societa’ che ha la gestione totale degli scali romani, e di Alitalia, il vettore principale che opera su Roma Fiumicino. Precisa tuttavia “che un conto e’ la gestione delle situazioni di emergenza che deve essere attuata nell’immediato dai soggetti coinvolti, un altro discorso, invece, e’ l’analisi sull’accaduto che solitamente e’ fatta in un momento successivo rispetto all’evento per valutare, come da regole internazionali, le eventuali azioni correttive rispetto a quanto messo in campo, nonche’ per individuare interventi di prevenzione di situazioni analoghe”. Il presidente dell’Ente Vito Riggio conclude la nota ricordando, “ma non sa se il detto e’ ancora valido, che la calma e’ la virtu’ dei forti”. Sindaco di Fiumicino, dare un altro hub alle compagnie low cost Un altro hub per le compagnie low cost. La proposta e’ del sindaco di Fiumicino Esterino Montino che in una lettera aperta indirizzata al presidente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati Michele Meta, illustra a suo avviso i problemi legati allo scalo e avverte che “se continuiamo ad avere un approccio felpato al problema, il piu’ importante hub nazionale andra’ a rotoli”. Montino, rivolgendosi a Meta, dice: “in una tua dichiarazione sostieni che l’attenzione del Governo e del Parlamento sull’aeroporto di Fiumicino e’ stata massima. Ora, capisco che quando si hanno incarichi parlamentari di responsabilita’ come il tuo si debba tenere un profilo istituzionale soft. Ma questo, lasciamelo dire con amicizia, su Fiumicino oramai e’ troppo. Gli incidenti si susseguono, i giornali li hanno descritti anche in questi giorni in modo dettagliato, e questo e’ frutto, a mio avviso, di un lungo decennio di totale assenza di investimenti sull’aeroporto da parte dello Stato e da parte del Gestore aeroportuale”. .

(AGI) – Agrigento, 31 lug. – Un improvviso distacco di due piccoli tratti di falesia sul litorale di localita’ Kaos stamattina ad Agrigento si e’ veriricato mentre uomini della Guardia costiera erano impegnati in un sopralluogo proprio per i massicci movimenti franosi segnalati dai vigili del fuoco nel vicino tratto di costa di Maddalusa. Gli uomini della Capitaneria di Porto Empedocle hanno subito fatto allontanare i numerosi bagnanti che erano in spiaggia al momento del cedimento, nonostante cartelli barriere interdittive gia’ posizionate dall’amministrazione comunale per il rischio di crolli della parete rocciosa.

La Capitaneria ha trasmesso una relazione all’Ufficio regionale del demanio marittimo, al Genio civile, al Comune di Agrigento, al Comando provinciale dei vigili del fuoco e alla prefettura. Nei due tratti di costa di Kaos e Maddalusa fin dal 1989 sono vietati transito, sosta, navigazione e balneazione. (AGI)

(AGI) – Salerno, 31 lug. – Potrebbe essere stata una congestione a causare il decesso della piccola romena di 3 anni giunta cadavere ieri sera dopo le 22 all’ospedale Villa Malta di Sarno, nel salernitano. La bambina, secondo quanto trapela da fonti investigative, avrebbe accusato un malore subito dopo aver fatto una doccia nella sua abitazione. La bambina aveva da poco cenato. Il primo esame esterno sul corpo, eseguito dal medico legale Antonio Mirabella, su disposizione del pm di Nocera Inferiore Giuseppe Cacciapuoti, non ha riscontrato la presenza di segni di violenza sessuale e fisica. Per chiarire le cause del decesso della bambina si dovra’ attendere l’autopsia che si terra’ probabilmente domani mattina. La bimba e’ stata portata in ospedale gia’ cadavere dal padre, da due parenti e dai vicini di casa. In un primo momento, era stato riferito ai sanitari che la piccola aveva avuto una crisi respiratoria. Il padre, ascoltato dai carabinieri immediatamente dopo il ricovero, come da prassi, secondo quanto riportato da un quotidiano locale, aveva reso dichiarazioni di sospette sevizie che chiamavano in causa i vicini. (AGI) .

(AGI) – Salerno, 31 lug. – Potrebbe essere stata una congestione a causare il decesso della piccola romena di 3 anni giunta cadavere ieri sera dopo le 22 all’ospedale Villa Malta di Sarno, nel salernitano. La bambina, secondo quanto trapela da fonti investigative, avrebbe accusato un malore subito dopo aver fatto una doccia nella sua abitazione. La bambina aveva da poco cenato. Il primo esame esterno sul corpo, eseguito dal medico legale Antonio Mirabella, su disposizione del pm di Nocera Inferiore Giuseppe Cacciapuoti, non ha riscontrato la presenza di segni di violenza sessuale e fisica. Per chiarire le cause del decesso della bambina si dovra’ attendere l’autopsia che si terra’ probabilmente domani mattina. La bimba e’ stata portata in ospedale gia’ cadavere dal padre, da due parenti e dai vicini di casa. In un primo momento, era stato riferito ai sanitari che la piccola aveva avuto una crisi respiratoria. Il padre, ascoltato dai carabinieri immediatamente dopo il ricovero, come da prassi, secondo quanto riportato da un quotidiano locale, aveva reso dichiarazioni di sospette sevizie che chiamavano in causa i vicini. (AGI) .

Flag Counter