Ultime News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

AGI – Circolazione depressionaria con associato un minimo di bassa pressione che si muove sul Mediterraneo centrale portando condizioni meteo instabili o perturbate in Italia nel finale di febbraio. Maltempo che interesserà nella seconda parte della settimana soprattutto le regioni del Centro-Sud, con fenomeni anche intensi su medio-basso versante adriatico e settori Peninsulari meridionali. Temperature in graduale diminuzione con neve fin verso i 1400-1700 metri anche lungo l’Appennino. Con l’arrivo del primo weekend di marzo ultimi aggiornamenti del Centro Meteo Italiano che confermano l’arrivo di un ulteriore impulso instabile dal nord Atlantico. Ancora maltempo dunque e quota neve in abbassamento grazie alla diminuzione delle temperature.

Previsioni meteo per oggi

NORD

Al mattino tempo instabile su tutte le regioni con piogge e acquazzoni sparsi, neve oltre i 1400-1700 metri sulle Alpi e oltre i 1700-1800 metri in Appennino. Al pomeriggio ancora fenomeni tra basso Piemonte, Appennino e Pianura Padana con quota neve in lieve rialzo, variabilità asciutta altrove. In serata non sono previste variazioni di rilievo.

CENTRO

Tempo instabile al mattino con piogge sparse e neve in Appennino a quote elevate. Al pomeriggio ancora instabilità con piogge e acquazzoni, più asciutto tra Umbria e Toscana. Tra la serata e la notte ancora instabilita’ con piogge sparse e possibili temporali tra Lazio e Abruzzo con neve oltre i 1700-1900 metri, fenomeni più sporadici sulla Toscana.

SUD E ISOLE

Al mattino maltempo diffuso sulle Isole Maggiori con temporali anche intensi, variabilità asciutta altrove. Al pomeriggio ancora maltempo sulle Isole e temporali in arrivo anche sulla Calabria, molte nubi altrove con locali piogge, specie tra Campania e Molise. In serata instabilità in aumento con acquazzoni e temporali sparsi. Neve sui rilievi della Sardegna oltre i 1400-1600 metri. Temperature minime in calo sulle Isole Maggiori e stabili o in rialzo sul resto d’Italia, massime in aumento al Centro-Nord e sulla Sardegna e stabili o in lieve calo al Sud e sulla Sicilia.

Previsioni meteo per domani

NORD

Al mattino cieli per lo più coperti, con deboli precipitazioni sul Piemonte e sulla Romagna, asciutto altrove. Al pomeriggio non sono previste variazioni di rilievo, con deboli nevicate tra Alpi occidentali ed Appennino settentrionale dai 1600-1700 metri. In serata precipitazioni in estensione su tutti i settori con fenomeni deboli-moderati; neve sui rilievi dai 1500-1700 metri.

CENTRO

Al mattino tempo instabile con acquazzoni e temporali tra Lazio e Abruzzo, precipitazioni sparse altrove; neve in Appennino dai 1700-1800 metri. Al pomeriggio ancora maltempo diffuso con cieli coperti e piogge sparse. In serata atteso tempo più asciutto ma ancora uggioso; peggiora nuovamente nella notte con qualche pioggia sui settori adriatici.

SUD E ISOLE

Al mattino attesi temporali su Molise, Puglia e Basilicata, nuvolosità alternata a schiarite altrove. Al pomeriggio precipitazioni che persistono sui versanti Adriatici peninsulari e sulla Sicilia, schiarite sulla Sardegna. In serata si rinnovano condizioni di maltempo sulle regioni peninsulari; isolati piovaschi anche a nord della Sardegna, asciutto ma coperto altrove. Temperature minime in calo al nord e al sud, stabili o in aumento al centro. Massime in rialzo al nord e sulle Isole Maggiori, in diminuzione al centro-sud. 

AGI – Un ragazzo di 16 anni è morto dopo essere stato travolto da un treno a Felizzano, nell’Alessandrino. È accaduto poco dopo le 7 di questa mattina sul tratto ferroviario Felizzano-Solero. Da quanto è emerso, il giovane sarebbe ospite di una comunità per minori del paese e avrebbe attraversato i binari per raggiungere un altro convoglio.

Sul posto è intervenuta la Polizia ferroviaria per ricostruire l’accaduto, oltre al personale del 118 e all’autorità giudiziaria e ai volontari della Protezione Civile che hanno aiutato nell’evacuazione del treno.  La circolazione ferroviaria è stata sospesa tra Felizzano e Solero con conseguenti ritardi per treni Intercity e Regionali.

AGI – Una saccatura depressionaria si allunga dall’Europa verso il Mediterraneo occidentale determinando un peggioramento delle condizioni meteo a partire dalle regioni del Nord Italia. Piogge e temporali che potranno risultare localmente anche intensi e con neve a tratti anche abbondante sulle Alpi, fiocchi fin verso i 500-700 metri. I prossimi giorni vedranno il maltempo interessare anche il Centro-Sud dove però il clima sarà comunque piuttosto mite a causa del richiamo di correnti meridionali. Il minimo di bassa pressione si sposterà infatti lentamente verso est. Gli ultimi aggiornamenti del Centro Meteo Italiano mostrano ancora tempo instabile con l’arrivo del primo weekend di marzo. Diversi modelli ipotizzano poi anche un calo delle temperature nei primi giorni di primavera con valori comunque in linea con le medie del periodo. 

Ecco nel dettaglio le previsioni meteo per oggi

Al Nord

Al mattino tempo instabile con piogge e acquazzoni sparsi soprattutto sui settori centro-occidentali. Al pomeriggio ancora molte nuvole con precipitazioni sparse, più intense sulla Liguria. In serata e in nottata si rinnovano condizioni di tempo instabile con piogge e acquazzoni diffusi. Neve oltre i 700-1000 metri.

Al Centro

Al mattino condizioni di maltempo sui settori tirrenici con piogge e temporali anche intensi, più asciutto altrove. Al pomeriggio ancora molte nuvole con precipitazioni diffuse, anche intense e a carattere di temporale. In serata si rinnovano condizioni di tempo instabile con piogge sparse specie sui settori occidentali. Neve oltre i 1500-1700 metri.

Al Sud e sulle isole 

Al mattino molte nuvole su tutte le regioni ma con tempo asciutto, salvo deboli piogge sulle Isole Maggiori. Al pomeriggio tempo stabile con nuvolosità e schiarite su tutti i settori, piogge sparse sulla Sardegna. In serata tempo in peggioramento ovunque con piogge e temporali specie sui settori tirrenici. Temperature minime stazionarie e massime in calo al centro-nord, e in rialzo al sud. 

Queste le previsioni per domani

Al Nord

Al mattino acquazzoni e temporali sparsi, con neve sui rilievi dai 800-1200 metri. Al pomeriggio fenomeni meno intensi, ma ancora diffusi su tutti i settori. In serata si rinnovano condizioni di maltempo con precipitazioni diffuse; quota neve in rialzo, con fenomeni dai 1200-1600 metri.

Al Centro

Tempo instabile al mattino con piogge tra Toscana e Umbria, coperto altrove. Al pomeriggio nessuna variazione, con possibili acquazzoni sulle coste della Toscana. In serata si rinnovano condizioni di maltempo diffuso, con precipitazioni che si estendono anche sul Lazio. Neve in Appennino dai 1700 metri.

Al Sud e sulle isole

Al mattino nuvolosità alternata a schiarite con piogge sparse sulla Sardegna. Al pomeriggio cieli in prevalenza irregolarmente nuvolosi, con fenomeni ancora sulla Sardegna. In serata si rinnovano condizioni di maltempo sulle Isole Maggiori, variabilità asciutta altrove.

AGI – Da mesi vessavano un compagno di scuola di 13 anni offendendolo, tirandogli i capelli, prendendolo a pugni e in un’occasione facendolo cadere dalla bicicletta per poi picchiarlo e scagliargli contro un pezzo di ferro che gli aveva causato un profondo taglio: con questa accusa quattro minorenni sono stati denunciato dai carabinieri di Sant’Ilario d’Enza, in provincia di Reggio Emilia. E’ stato l’ultimo episodio, che ha procurato alla vittima lesioni personali giudicate guaribili in 15 giorni, a indurre i genitori a rivolgersi ai carabinieri per denunciare. A conclusione delle indagini, per i quattro minori è scattata l’accusa di concorso in lesioni personali aggravate, percosse e molestia o disturbo alle persone alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna.

 

Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per i consueti approfondimenti investigativi al fine delle valutazioni e determinazioni inerenti all’esercizio dell’azione penale.

 

In origine il quartetto si era “limitata” ad offendere, insultare e molestare la vittima sia a scuola che in ogni luogo che il ragazzo frequentava. Poi, dall’estate scorsa, i quattro sono passati alle violenze fisiche picchiando la vittima in almeno sei occasioni. La prima nel luglio del 2023 in un parco pubblico della Val d’Enza dove il giovane è stato colpito con un pugno. Successivamente, nel mese di agosto, in un campo sportivo del reggiano è stato spintonato fatto cadere a terra e insultato. A ottobre all’uscita da scuola è stato offeso e preso per i capelli mentre il giorno successivo alla fermata dell’autobus il gruppo è arrivato ad afferrare per il collo il ragazzo.

 

Infine l’ultimo episodio, avvenuto lo scorso mese di gennaio, che ha indotto i genitori a rivolgersi ai carabinieri per denunciare quanto il figlio subiva da tempo. Il ragazzo in sella alla bicicletta si stava recando presso un centro studi quando ha incontrato i suoi presunti aggressori che lo hanno fatto prima cadere dalla bicicletta, poi preso a pugni e infine gli hanno lanciato un pezzo di ferro procurandogli un profondo taglio sulla gamba destra. I genitori, che nel passato avevano cercato di chiedere spiegazioni ai 4 minori sul loro atteggiamento venendo a loro volta offesi, si sono rivolti ai carabinieri di Sant’Ilario d’Enza denunciando i fatti. 

AGI – “A causa di un lieve stato influenzale, in via precauzionale, il Papa ha annullato le udienze previste per la giornata di oggi”. È quanto rende noto la Sala Stampa della Santa Sede. L’Angelus di domani, “va confermato”, aggiunge la Sala Stampa.

AGI – Fase di maltempo che entra nel vivo con una perturbazione atlantica che si tuffa sul Mediterraneo. Piogge e temporali che nelle prossime ore interesseranno le regioni settentrionali, in particolare il Nord-Est, per poi spostarsi entro la sera sulle regioni del Centro, localmente anche intensi sui versanti tirrenici. Secondo le previsioni del Centro Meteo Italiano, avremo neve abbondante sulle Alpi mediamente oltre i 1000 metri, fiocchi anche in Appennino entro la notte su Sabato generalmente oltre i 1300-1500 metri. L’ultimo weekend di febbraio si aprirà con tempo instabile su gran parte della Penisola. Domenica invece il maltempo si concentrerà al Sud a causa del transito di un minimo di bassa pressione sul Mar Ionio. Gli ultimi aggiornamenti del Cmi mostrano ancora condizioni meteo instabili nel corso della prossima settimana. La prima parte potrebbe pero’ vedere clima piuttosto mite a causa della risalita di correnti meridionali o sud-orientali, più freddo probabilmente verso il primo weekend di marzo.

 

Qui di seguito le previsioni di oggi

 

Al Nord

Al mattino precipitazioni sparse, più intense su Liguria, Trentino e Triveneto, a carattere nevoso dagli 800-1200 metri. Al pomeriggio precipitazioni che insistono sulle regioni di nord-est, con possibili temporali e nubifragi; fenomeni ancora su Romagna ed arco Alpino. In serata precipitazioni in graduale esaurimento su Pianura Padana e Trentino, ancora intense sul Triveneto. Neve sulle Alpi dai 900-1100 metri.

 

Al Centro

Al mattino condizioni di maltempo sui settori tirrenici con piogge e temporali anche intensi, più asciutto altrove. Al pomeriggio ancora molte nuvole con precipitazioni diffuse, anche intense e a carattere di temporale. In serata si rinnovano condizioni di tempo instabile con piogge sparse specie sui settori occidentali. Neve in calo fino a 1000-1400 metri.

 

Al sud e sulle isole

Al mattino molte nuvole su tutte le regioni ma con tempo asciutto, salvo deboli piogge sulle Isole Maggiori. Al pomeriggio tempo stabile con nuvolosità e schiarite su tutti i settori, piogge sparse sulla Sardegna. In serata tempo in peggioramento ovunque con piogge e temporali specie sui settori tirrenici. Temperature minime in aumento al centro-sud, in lieve calo al nord. Massime in lieve calo al nord, stazionarie o in aumento al sud.

 

Ecco le previsioni per domani

 

Al Nord

Tempo instabile durante la giornata con precipitazioni sparse sia al mattino che al pomeriggio e neve sui rilievi, fin verso i 700-1000 metri sulle Alpi e oltre i 1000-1200 metri sull’Appennino settentrionale. Tra la serata e la notte ancora instabilità con piogge sparse specie su Liguria Lombardia e Triveneto, con quota neve in calo, fino a quote collinari sulle Alpi.

 

Al Centro

Al mattino locali piogge sui settori tirrenici, asciutto altrove con nuvolosità e schiarite. Al pomeriggio instabilità in aumento con precipitazioni sparse e neve sui rilievi oltre i 1200-1300 metri. In serata e nella notte ancora molta nuvolosità in transito ma con precipitazioni in esaurimento, più probabili sui settori tirrenici.

 

Al sud e sulle Isole

Al mattino tempo instabile con piogge e temporali sparsi, anche intensi tra Calabria e Sicilia, più asciutto tra Campania e Molise. Al pomeriggio non sono attese variazioni di rilievo. In serata e nottata si rinnovano condizioni di maltempo con piogge sparse su tutte le regioni e temporali di forte intensità possibili tra Sicilia, Calabria e Puglia meridionale. Temperature minime in calo al Centro-Nord e sulla Sardegna e in lieve rialzo al Sud e sulla Sicilia, massime in generale diminuzione da Nord a Sud.

 

Previsioni meteo per domenica

 

Al Nord

Molte nuvole al mattino sulle regioni settentrionali con deboli fenomeni su Liguria, Lombardia e arco alpino, nevose oltre i 500-700 metri. Maggiori spazi di sereno in arrivo nel pomeriggio, salvo locali fenomeni sulle Alpi occidentali. Tra la sera e la notte peggioramento in arrivo a partire dal Nord-Ovest con neve fino a 500 metri.

 

Al Centro

Tempo stabile al mattino sulle regioni del Centro ma con nuvolosità in transito. Tra pomeriggio e sera si rinnovano condizioni di tempo asciutto con maggiori spazi di sereno alternati a nuvolosità irregolare.

 

Al Sud e sulle Isole

Tempo instabile nel corso della giornata sulle regioni del Sud con molte nuvole associate a piogge e acquazzoni sparsi. Più asciutto con maggiori schiarite sulla Sardegna. Migliora in serata e nottata salvo precipitazioni in arrivo proprio sulla Sardegna. Temperature minime in generale diminuzione, massime in rialzo al Centro-Nord e in calo al Sud. 

AGI –  Ibm ha pubblicato il report ‘X-Force Threat Intelligence Index 2024’ che evidenzia l’emergere di una crisi globale in materia di identità digitale dovuta al fatto che è raddoppiato lo sfruttamento delle identità digitali degli utenti da parte dei criminali informatici con l’obiettivo di danneggiare le imprese di tutto il mondo. Secondo IBM X-Force, la divisione dei servizi di sicurezza di IBM Consulting, nel 2023, i criminali informatici hanno individuato l’opportunità di accedere alle reti aziendali, utilizzando account validi, anziché effettuare una compromissione.

 

L‘X-Force Threat Intelligence Index si basa su insight e osservazioni che derivano dal monitoraggio di oltre 150 miliardi di eventi legati alla cybersecurity che si verificano ogni giorno, in più di 130 Paesi. Inoltre, i dati sono stati raccolti e analizzati da più fonti all’interno di IBM. 

 

Alcuni aspetti rilevanti osservati nel Report 2024 (su episodi del 2023):
– Quasi un attacco su tre osservato a livello mondiale ha preso di mira l’Europa (32%), un numero mai raggiunto prima d’ora in una singola area analizzata.
– Sempre nel 2023, i paesi più colpiti sono stati il Regno Unito (27%), la Germania (15%), la Danimarca (14%), il Portogallo (11%), l’Italia (8%) e la Francia (8%).
– In tutta Europa, X-Force ha osservato un aumento del 66% degli attacchi causati dall’uso di account validi rispetto all’anno precedente.
– I principali punti deboli registrati sono le identità digitali e le e-mail, entrambi sfruttati nel 30% delle violazioni di account validi e phishing.
– I malware si sono rivelati l’azione malevola più diffusa, con il 44% degli incidenti, e l’Europa è l’area ad aver subito il maggior numero di attacchi ransomware a livello globale (26%).
– I tre fattori che hanno impattato maggiormente le organizzazioni europee sono stati la raccolta di credenziali (28%), l’estorsione (24%) e la fuga di dati (16%).
– Tra i settori più colpiti, vi è quello manifatturiero, che è passato dal secondo posto del 2022 al primo nel 2023, con il 28% degli incidenti.
– Al secondo posto si colloca il settore dei servizi professionali rivolti a imprese e consumatori con il 25% degli attacchi, seguito dai servizi finanziari e assicurativi e dal settore energetico che hanno registrato rispettivamente il 16% e il 14% di attacchi.
Nel complesso, l’Europa ha subito la percentuale più elevata di incidenti nel settore dell’energia (43%) e in quello finanziario e assicurativo (37%). 
Alcune importanti evidenze rilevate nell’Unione Europea:
– Quasi il 70% degli attacchi contro le organizzazioni europee a cui X-Force ha risposto si trova negli Stati membri dell’UE.
– Quasi il 74% degli attacchi osservati ha riguardato infrastrutture critiche.
– Il malware è stato la principale tipologia di attacchi osservata, pari al 40%. A ciò è seguito l’uso di strumenti legittimi (26%) e l’accesso ai server (15%). Il ransomware è stato il principale tipo di malware osservato in quasi il 26% degli attacchi malware.

 

 “Sebbene l’attenzione riservata agli attacchi ingegnerizzati dall’AI sia maggiore rispetto ai problemi di sicurezza più noti e basilari, sono questi ultimi ad essere ancora oggi i più diffusi”, ha affermato Charles Henderson, Global Managing Partner, IBM Consulting e Head of IBM X-Force.

 

“Le identità compromesse vengono utilizzate ripetutamente contro le aziende, un problema che è destinato ad acuirsi poiché gli aggressori utilizzeranno l’AI per ottimizzare le loro tattiche.”
Una crisi legata alle identità a livello globale destinata a peggiorare. Lo sfruttamento di account validi è diventato la via più facile per i criminali informatici, con miliardi di credenziali compromesse accessibili sul Dark Web. Nel 2023 X-Force ha visto gli aggressori investire sempre di più in tattiche volte a ottenere le identità degli utenti, con un aumento del 266% dei furti di dati, progettati per rubare informazioni riconducibili all’identità personale, come e-mail, credenziali di social media e app di messaggistica, dati bancari o di portafogli di criptovalute e altro ancora.

 

Questo “ingresso facile” per gli aggressori è più complesso da rilevare e comporta una risposta costosa da parte delle aziende. Secondo X-Force, gli incidenti più gravi causati da criminali informatici che utilizzano account validi richiedono ai responsabili della sicurezza misure di risposta più complesse del 200% rispetto all’incidente medio, oltre alla necessità di distinguere tra attività di utenti legittimi e malintenzionati sulla rete. Il Cost of a Data Breach Report 2023 di IBM ha infatti rilevato che le violazioni causate da credenziali rubate o compromesse hanno richiesto circa 11 mesi per essere rilevate e recuperate: il ciclo di vita della risposta più lungo rispetto a qualsiasi altro vettore di infezione.

 

 

AGI – Ancora un cedimento stradale importante a Napoli, il terzo nel giro di meno di un mese. Alle cinque di questa mattina, una grossa voragine si è aperta nel manto stradale di via Morghen, angolo via Bonito, nel quartiere collinare del Vomero. Il crollo ha inghiottito un albero e due vetture in transito; due persone sono state portate in salvo e non hanno riportato gravi conseguenze; ancora in corso il recupero delle auto. Dalle prime verifiche sembrerebbe collassata la fogna e risulta spezzata la condotta idrica di carico che è stata chiusa, e nella zona di San Martino e da piazza Vanvitelli a salire è stata quindi interrotta la fornitura di acqua.

Sgomberato uno stabile con 20 famiglie in via Morghen vicino alla voragine. In via Kerbaker, a valle rispetto al luogo del crollo, si registra una copiosa fuoriuscita di acqua da alcuni terranei e alcuni appartamenti sono stati allagati. Anche in via Solimena, dove recentemente si era registrato il cedimento di una conduttura idrica, e presente una copiosa fuoriuscita di acqua. Sul posto al lavoro la Polizia Locale, il 118 e le squadre di Abc, l’azienda in house del Comune che cura la distribuzione idrica in citta’. Nel quartiere di Fuorigrotta, a via Consalvo, si lavora ancora per ripristinare il cedimento di due settimane fa sempre dovuto a una condotta idrica. 

 

AGI – Una blanda saccatura si muove sul Mediterraneo centrale portando un po’ di instabilità sull’Italia. Attese nelle prossime ore molte nuvole con piogge e acquazzoni sparsi soprattutto al Sud e più localmente sulle regioni del Centro. Deboli nevicate possibili sull’Appennino oltre i 1300-1500 metri. Sul finire della settimana invece generale cambio di circolazione con una vasta e profonda struttura depressionaria che venerdì si posizionerà tra Islanda e Isole Britanniche. Ultimi aggiornamenti del Centro Meteo Italiano che confermano per il prossimo weekend un’intensa fase di maltempo in Italia con piogge, temporali e neve sulle montagne. Molta incertezza invece per la prossima settimana con maltempo che potrebbe proseguire ma con sembianze molto più autunnali che invernali.

Previsioni per oggi (20 febbraio)

  • Al Nord. Al mattino cieli poco o irregolarmente nuvolosi ma senza fenomeni associati. Al pomeriggio attese locali schiarite sulla Romagna, tempo invariato altrove. In serata si rinnovano condizioni di tempo asciutto con cieli sereni o poco nuvolosi.

  • Al Centro. Al mattino isolate precipitazioni tra Lazio e Abruzzo, con neve in Appennino dai 1300 metri, velature in transito altrove. Al pomeriggio tempo in miglioramento con ampie schiarite, residui fenomeni ancora tra Lazio e Abruzzo. In serata tempo asciutto con assenza prevalente di nuvolosità.

  • Sud e isole. Al mattino cieli coperti e precipitazioni sparse; neve in Molise dai 1400 metri. Al pomeriggio non sono attesi cambiamenti sostanziali. In serata ancora qualche pioggia tra Campania e Sicilia; variabilità asciutta altrove. Temperature minime e massime stazionarie o in diminuzione.

Previsioni per domani (21 febbraio)

  • Al Nord. Al mattino tempo stabile su tutte le regioni con delle velature in transito e nebbie in Val Padana. Al pomeriggio nuvolosità in aumento da ovest ma con tempo ancora asciutto. Tra la serata e la nottata nuvolosità in ulteriore aumento fino ad avere cieli molto nuvolosi e precipitazioni in arrivo su Liguria e lungo l’arco alpino con neve fino a quote medie.
  • Al Centro. Al mattino tempo stabile con prevalenza di cieli sereni su tutte le regioni. Al pomeriggio nessuna variazione con cieli per lo piu’ soleggiati. Tra la serata e la notte nuvolosita’ in graduale aumento da nord-ovest con possibile qualche pioggia isolata sull’Alta Toscana.
  • Sud e isole. Al mattino locali piogge sulla Sicilia, sereno o poco nuvoloso altrove. Al pomeriggio ancora instabilità tra Calabria e Sicilia con locali acquazzoni, soleggiato sulle altre regioni. In serata tempo asciutto ovunque con prevalenza di cieli sereni o poco nuvolosi. Molta nuvolosità in arrivo nella notte sulla Sardegna. Temperature minime in generale diminuzione, massime stabili o in lieve calo al Centro-Nord e stabili o in lieve rialzo al Sud e sulle Isole Maggiori. 

AGI – La settimana si apre con l’alta pressione distesa tra Atlantico ed Europa occidentale ma una blanda saccatura in quota sta per fare il suo ingresso sul Mediterraneo centrale. Il Centro Meteo Italiano prevede “tempo in peggioramento nella giornata di domani sull’Italia con piogge e acquazzoni sparsi su regioni del medio Adriatico e al Sud. Qualche nevicata possibile lungo l’Appennino fino a quote medie”.

 

Ma il maltempo dovrebbe farsi più intenso a partire dal prossimo fine settimana quando “dovremmo assistere a un generale cambio di circolazione con una vasta struttura depressionaria in movimento verso l’Europa. Piogge e temporali dovrebbero cosi’ tornare sull’Italia e non dovrebbe mancare anche la neve in montagna”. Per la fine del mese prevedibile anche un generale calo termico.

 

Previsioni meteo per oggi

 

Al Nord

Al mattino deboli fenomeni al Nord-Est con neve oltre i 1500-1700 metri, stabile altrove con nebbie e nubi basse sulla Pianura Padana. Al pomeriggio ancora locali fenomeni sul Triveneto, per più soleggiato sul resto del Nord. In serata tempo più asciutto ma con nuvolosità in aumento da ovest. Locali fenomeni in arrivo nella notte al Nord-Ovest.

 

Al Centro

Tempo asciutto al mattino su tutte le regioni ma con molta nuvolosità in transito.  Piogge sparse in arrivo nel pomeriggio con neve in Appennino oltre i 1800-2000 metri, più asciutto tra Toscana, Umbria e Lazio settentrionale. Tra la serata e la notte precipitazioni ancora sul versante adriatico con quota neve in calo fin verso i 1500-1600 metri, nuvoloso ma asciutto altrove.

 

Al Sud e sulle Isole 

Al mattino tempo asciutto ma con molta nuvolosità in transito. Al pomeriggio prime piogge in arrivo tra Campania, Molise e Puglia settentrionale. Tra la sera e la notte peggioramento in estensione al resto del meridione con piogge e acquazzoni sparsi, più asciutto sulla Sardegna con cieli nuvolosi. Temperature minime in lieve calo al Nord e stabili o in lieve rialzo al Centro-Sud e sulle Isole Maggiori, massime in generale diminuzione, salvo una lieve flessione positiva al Nord-Ovest

 

Previsioni meteo per domani

 

Al Nord

Al mattino cieli poco o irregolarmente nuvolosi ma senza fenomeni associati. Al pomeriggio attese locali schiarite sulla Romagna, tempo invariato altrove. In serata si rinnovano condizioni di tempo asciutto con cieli sereni o poco nuvolosi.

 

Al Centro

Al mattino isolate precipitazioni tra Lazio e Abruzzo, con neve in Appennino dai 1300 metri, velature in transito altrove. Al pomeriggio tempo in miglioramento con ampie schiarite, residui fenomeni ancora tra Lazio e Abruzzo. In serata tempo asciutto con assenza prevalente di nuvolosità.

 

Al Sud e sulle Isole

Al mattino cieli coperti e precipitazioni sparse; neve in Molise dai 1400 metri. Al pomeriggio non sono attesi cambiamenti sostanziali. In serata ancora qualche pioggia tra Campania e Sicilia; variabilità asciutta altrove. Temperature minime e massime stazionarie o in diminuzione.